Alleanza tra la console di casa Microsoft e le Poste italiane
"I giovani potranno sfidarsi online senza temere le truffe"


Da oggi chi acquista una Xbox, o un kit per connettere la console di casa Microsoft ad internet, troverà all'interno della confezione una carta di credito ricaricabile firmata Poste italiane. Che ci fa una carta di credito insieme a una console per videogame? E cosa c'entrano le poste con Microsoft? Semplice: la Postepay Xbox Live è la prima carta ricaricabile pensata per accedere ai servizi di gaming online del colosso di Redmond, ovvero per sfidare su internet gli altri possessori di Xbox nel mondo in alcuni dei videogiochi più popolari del momento.

Il gaming online è il nuovo business nel quale i produttori di console si sono lanciati da un paio d'anni ed è diventato uno dei principali terreni di scontro tra Microsoft e i giapponesi di Sony, che con la console PlayStation dominano da una decina d'anni il mercato mondiale.

Sony e Microsoft hanno dotato quasi contemporaneamente di accesso ad internet le rispettive console, adottando però un approccio radicalmente diverso: i giapponesi si sono limitati a fornire la possibilità di connessione, lasciando ai produttori di videogame il compito di predisporre tutto il resto (infrastruttura, abbonamenti, e così via). Bill Gates e soci hanno invece scelto di creare un network chiuso dove, per giocare, è necessario pagare una tariffa mensile o annuale a monte.

Microsoft, dunque, si assicura guadagni immediati, ma deve fare i conti con la reticenza dei clienti a pagare, specialmente quando si tratta di comunicare su internet il proprio numero di carta di credito. Senza contare che spesso il pubblico d'elezione del gaming online, quello formato da giovani e giovanissimi, non ha nessun numero di carta di credito da comunicare.


In questo quadro si inserisce l'accordo con le Poste italiane, che con Postepay mettono a disposizione una carta che è a tutti gli effetti una Visa, ma può essere ricaricata, magari direttamente dai genitori, fugando il rischio di spese incontrollate e truffe telematiche. Oltre che nel network di Xbox, la carta Postepay può essere usata anche per prelevare denaro, effettuare pagamenti, ricaricare cellulari e tutte le altre funzioni di una carta di credito.

"Il mondo del digital entertainment sta vivendo in Italia un'evoluzione costante", ha dichiarato Maurizio Zazzaro, responsabile home entertainment per Microsoft Italia. "Siamo certi che Postepay Xbox Live contribuirà ad avvicinare nuovi utenti al nostro servizio Xbox Live, che ha già raggiunto oltre un milione di abbonati nel mondo".

Per le poste, d'altro canto, la distribuzione della carta insieme a una console è un'occasione per avvicinarsi a una generazione nei confronti della quale, tradizionalmente, l'ufficio postale non ha mai esercitato un grande appeal.


da :
http://www.repubblica.it