User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2
  1. #1
    Dal 2004 con amore
    Data Registrazione
    15 Jun 2004
    Località
    Attorno a Milano
    Messaggi
    19,247
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Congresso Nazionale dei Medici Cattolici Italiani

    L’Associazione dei Medici Cattolici: quale il ruolo, oggi?


    Nei prossimi giorni, dall’11 al 13 novembre 2004, a Bari avrà luogo il 23° Congresso Nazionale dei Medici Cattolici Italiani riuniti nella loro Associazione Nazionale, l’AMCI.

    In tale occasione si celebrerà anche il 60° di fondazione.
    Il tema del Congresso è: “Medicina e dignità umana. I medici promotori di salute e strumenti di salvezza” .

    Aprirà i lavori S.E. il card. Dionigi Tettamanzi, arcivescovo di Milano ed Assistente Nazionale dell’Associazione.


    L’AMCI è nata il 5 luglio 1944 a Roma per iniziativa di un gruppo di medici guidati dal prof. Luigi Gedda, allora Presidente Centrale della Gioventù Italiana di Azione Cattolica (GIAC), con lo scopo di (così si legge nella prima stesura dello Statuto)
    1) coltivare la formazione religiosa e culturale, e di prestarsi fraterna assistenza;
    2) diffondere tra i colleghi lo spirito informatore della loro vocazione, avvicinandoli alla pratica e alla cultura cristiana;
    3) influire attraverso le rappresentanze professionali per un degno esercizio dell’arte medica e per una legislazione consona alla tradizione cristiana della nazione.


    L’AMCI nasce e si sviluppa come una aggregazione laicale ecclesiale.
    Per un cristiano ciò che conta è l’appartenenza innanzitutto a Dio e alla Chiesa; appartenere ad una associazione significa, allora, scegliere una “forma” di testimonianza di tale appartenenza.

    Se è c’è accordo unanime nell’affermare che è assolutamente necessaria una testimonianza cristiana e professionale di ogni singolo medico, non sostituibile da nessun’altra opportunità, è altrettanto fuori dubbio la necessità di una testimonianza che si avvale di una forma comunitaria di presenza nella Chiesa, e nella società, come l’AMCI.

    Questa associazione deve basarsi sull’ispirazione cristiana e questa non può che derivare dal Vangelo nel quale è possibile ritrovare il principio etico fondamentale della professione medica, destinata totalmente a venerare e a servire la dignità incommensurabile dell’uomo.

    Il cuore del Vangelo è Gesù Cristo. Solo in Lui è possibile un esercizio della medicina come forma concreta per vivere la propria vita cristiana che è vita di comunione personale profonda con Cristo stesso.

    Ma il riferirsi al Vangelo significa, storicamente, riferirsi alla Chiesa: ecco dove si basa il legame stretto fra l’agire medico e l’essere attenti a quel magistero della Chiesa che illumina i molteplici problemi della bioetica.

    Nel contempo, accanto all’ispirazione dello Spirito, l’AMCI si pone in rapporto agli altri ed è così invitata ad esprimere le proprie posizioni pubbliche sui temi legati alla vita dal suo sorgere al suo spegnersi.

    L’AMCI, quale “luce del mondo, sale della terra, lievito nella massa, città posta sul monte, fuoco che brucia e che divora” deve avere e far conoscere una “sua” chiara e precisa posizione sui temi che caratterizzano il variegato mondo della salute.
    Lo ricordava il Santo Padre, in occasione del Giubileo del 2000: “Voi ben sapete che è vostra missione imprescindibile difendere, promuovere ed amare la vita di ogni essere umano dall’inizio al suo tramonto naturale. Oggi, purtroppo, viviamo in una società nella quale spesso dominano sia una cultura abortista, che porta alla violazione del diritto fondamentale alla vita del concepito, sia una concezione dell’autonomia umana, che s’esprime nella rivendicazione dell’eutanasia come auto-liberazione da una situazione fattasi per qualche motivo penosa. Voi sapete che al cattolico non è mai lecito farsi complice di un presunto diritto all’aborto o all’eutanasia”.


    Il ruolo dell’Associazione dei Medici Cattolici è oggi quanto mai attuale :
    la qualifica di cattolici, sottolinea Giovanni Paolo II,
    “Vi impegna a testimoniare con la parola e con l’esempio la fede in una vita che trascende la vicenda terrena e si colloca in un disegno superiore e divino.
    Ciò riveste un’importanza non secondaria nell’esercizio della vostra professione. L’esperienza insegna infatti che l’uomo, bisognoso di assistenza, sia preventiva che terapeutica svela esigenze che vanno oltre la patologia organica in atto.

    Dal medico egli non s’attende soltanto una cura adeguata – cura che del resto, prima o dopo finirà fatalmente per rivelarsi insufficiente – ma il sostegno di un fratello, che sappia partecipargli una visione della vita, nella quale trovi senso anche il ministero della sofferenza e della morte.
    E dove potrebbe essere attinta, se non nella fede, tale pacificante risposta agli interrogativi supremi dell’esistenza? Il vostro impegno non può limitarsi alla corretta professionalità, ma deve essere sostenuto da quell’atteggiamento interiore che opportunamente è chiamato spirito di servizio.
    Il paziente, infatti, a cui dedicate le vostre cure e i vostri studi, non è un individuo anonimo sul quale applicare ciò che è frutto delle vostre conoscenze, ma è una persona responsabile, che deve essere chiamata a farsi compartecipe del miglioramento della propria salute e del raggiungimento della guarigione ”.

    Essere medici cattolici costituisce una sfida da accogliere perché la fede cristiana non mortifica ma urge e rilancia l’impegno scientifico, didattico, di ricerca. Essere medici cattolici è un arricchimento che chiama e chiede di essere presenti nella società, nella cultura, nella politica della nostra città e del nostro Paese.
    Non succubi, ma protagonisti propositi vi perché ogni persona sofferente sia davvero al centro dell’attenzione dei medici, degli operatori sanitari, degli amministratori.
    La scienza e l’arte medica rischiano, oggi, di smarrire la loro dimensione etica. Occorre provvedere ad invertire la rotta, ritornando a riscoprire il giuramento di Ippocrate: ad ogni medico è chiesto di impegnarsi per il rispetto assoluto della vita umana e della sua sacralità.

    L’AMCI deve offrire proposte chiare ai medici non impegnati, ai responsabili delle politiche sanitarie, ai cittadini sempre più delusi di un modello di sanità che non appaga. Ma non si possono proporre modelli o formulare proposte se prima non si è plasmati dalla forza spirituale che solo proviene da una solida formazione interiore.

    Essa arricchisce continuamente di valori etici e rende capaci di rispondere, senza timori, alle sollecitazioni che provengono dal mondo della salute e che non possono esaurirsi unicamente nei problemi economici, amministrativi, burocratici, sindacali.
    Di fronte agli sperperi, alla superficialità, all’arroganza, alle lotte, agli errori eclatanti, a tutti quegli eventi che vanno sotto il nome di “malasanità”, l’AMCI deve avere qualcosa da dire, da proporre, da inventare con metodi e strategie chiare ed inoppugnabili.

    L’AMCI non è né un sindacato, né un partito.
    Deve rimanere un’associazione ecclesiale, fedele al magistero della Chiesa.
    Ciò non toglie che non può non proporre a chiare lettere un modello di sanità che ponga come scelta prioritaria la diaconia, cioè il servizio, per la promozione e la difesa della vita in ogni sua dimensione ed in particolare nel momento della sofferenza.

    Questo modello può costituire una strada percorribile anche con gli operatori sanitari che non si riconoscono nell’ideale cristiano ma che rispettano la dignità dell’uomo ammalato.
    Il dialogo, la reciproca comprensione, la condivisione dei problemi possono concorrere a realizzare il medesimo fine: l’aiuto al malato.
    Ritengo che questa sia l’identità attuale di una associazione, come l’AMCI, che vuole iniziare un nuovo cammino in questo terzo millennio.

    Riconosciamo gli ambulatori, le aule universitarie, le corsie degli ospedali, i laboratori di ricerca, le sedi dei congressi scientifici, le pubblicazioni quali mezzi e luoghi per la nostra azione quotidiana di testimonianza.
    Allora sarà possibile rendere credibile ed utile la nostra presenza, coniugando costantemente scienza e fede, sapere ed etica, umanesimo e tecnologia.

    Alfredo Anzani
    Presidente Medici Cattolici – Sezione Santa Gianna Beretta Molla - Milano


    (fonte: il portale della Diocesi di Milano)

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Dal 2004 con amore
    Data Registrazione
    15 Jun 2004
    Località
    Attorno a Milano
    Messaggi
    19,247
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Programma del XXIII Congresso Nazionale AMCI


    ASSOCIAZIONE MEDICI CATTOLICI ITALIANI
    XXIII CONGRESSO NAZIONALE
    60° DI FONDAZIONE
    MEDICINA E DIGNITA’ UMANA
    I medici promotori di salute e strumenti di salvezza
    Bari, 11-12-13 novembre 2004

    GIOVEDI’
    ORE 17,00 Teatro Piccinni, Inaugurazione
    Presiedono:
    Prof. Domenico Di Virgilio
    Prof. Agostino Maltarello
    Prolusione Sua Em.za Card. Dionigi Tettamanzi

    ORE 19.00 BASILICA DI SAN NICOLA
    Concelebrazione Eucaristica
    presieduta da S. Em.za Rev.ma
    Card. Dionigi TETTAMANZI
    Arcivescovo di Milano
    Assistente Nazionale AMCI

    VENERDI’

    1° SESSIONE ORE 9,00 –11,45
    Presidente: Prof. Filippo Boscia
    Moderatore: Prof. David Antonio FLETZER
    Lettura Magistrale NELLA STORIA DELL’AMCI IL SUO FUTURO
    S. Em.za Card. Fiorenzo ANGELINI- Presidente Emerito Pontificio Consiglio per la Pastorale della Salute

    Tavola Rotonda

    MEDICINA TRA FEDE E RAGIONE
    Partecipano:
    1) Sua Em.za Rev.ma Card. Dionigi TETTAMANZI
    2) Dr. Riccardo DI SEGNI
    3) Prof. Alfredo ANZANI
    4) Prof. Aldo LOIODICE
    5) Prof. Adriano BOMPIANI

    Discussione

    Ore 11.45-12.00: BREAK

    II SESSIONE- Ore 12.00-14.00

    MEDICINA E NUOVE POVERTA’

    Presidente: Prof. Salvino LEONE
    Moderatore: Prof. Sandro DE FRANCISCIS

    RELATORI:

    1) IMMIGRATI E COMUNITA’ ETNICHE: Dr. Salvatore GERACI- Caritas
    2) NUOVE SCHIAVITU’: DONNE E BAMBINI ABUSATI: Don Oreste BENZI- Associazione Papa Giovanni XXIII
    3) TOSSICODIPENDENTI: Andrea MUCCIOLI- Comunità San Patrignano
    4) DETENUTI: Dr. Giulio STARNINI- Presidente Associazione Italiana Medicina Penitenziaria
    5) DISABILI: Dr. Antonio GUIDI – Sottosegretario Ministero della Salute - Roma

    Intervento preordinato
    Prof. Riccardo POLI (Firenze)

    DISCUSSIONE

    3° SESSIONE ORE 15,30 – 18,30

    Presidente: Prof. Alessandro BRENDOLAN
    Moderatore: Prof. Lorenzo BOSCO

    RISCOPRIRE IL VALORE ANTROPOLOGICO DELLA PROFESSIONE MEDICA

    Partecipano:
    1) Mons. Mauro COZZOLI (Roma)
    2) Prof. Francesco BELLINO (Bari)
    3) Prof. Giuseppe DEL BARONE- (Roma)
    4) Prof. Gian Luigi GIGLI (Udine)
    5) Prof. Almerico NOVARINI (Roma)

    DISCUSSIONE

    VALUTAZIONE E.C.M.

    In memoria del Prof. Luigi Gedda Fondatore dell’AMCI
    Prof. Agostino Maltarello
    ORE 19.30 BASILICA DI SAN NICOLA
    Concelebrazione Eucaristica presieduta da
    S. E. Mons. Francesco CACUCCI
    Arcivescovo di Bari- Bitonto

    SABATO

    4° SESSIONE

    ORE 9,00 – 11,30
    Presidente: Prof. Antonino LEOCATA
    Moderatore: Prof. Fernando GALLUPPI
    Intervento del Ministro della Salute, Prof. Girolamo SIRCHIA

    I MEDICI IN FRONTIERA

    - Tavola Rotonda
    Partecipano:
    1) Padre Salvatore PIGNATELLI (Africa)
    2) Dr. Pierluigi SUSANI (Medici senza frontiere)
    3) Dr. Alessandro PAGLIACCI (Asia)
    4) Dr. Michele DONVITO (Direttore Generale Sanità militare)
    5) Dr. Romano TRIPODI

    TESTIMONIANZE

    Sig.ra Giuliana CHIORRINI URBANI
    Dr.ssa Dominique CORTI

    DISCUSSIONE

    5° SESSIONE
    ORE 11,30 – 14,00

    Presidente: Prof. Franco BALZARETTI
    Moderatore: Prof. Vincenzo DE FILIPPIS

    VALORI COMUNI E POLITICA SANITARIA PER UN’EUROPA UNITA

    Tavola Rotonda:
    Partecipano:
    1) Rev.mo Mons. Ignacio CARRASCO DE PAULA (Roma)
    2) Prof. Vincenzo SARACENI (Roma)
    3) Dr. Francesco LO SURDO (Bari)
    4) Prof. Franco SPLENDORI (Roma)

    Interventi preordinati
    Dr.ssa Paola ROSATI
    Prof.ssa Wanda POLTAWSKA

    DISCUSSIONE
    In memoria del Prof. Pietro del Franciscis Past- President AMCI
    Prof. Domenico Di Virgilio

    6° SESSIONE ORE 15,00 – 17,30

    Presidente: Prof. Domenico DI VIRGILIO
    Moderatore: Prof. Piero CIONI

    TESTAMENTO DI VITA E RISPETTO DELLA DIGNITA’ DELL’UOMO
    Tavola Rotonda
    Partecipanti:
    1) Prof. Francesco D’AGOSTINO (Roma)
    2) Don Roberto COLOMBO (Milano)
    3) Dr. Mauro BARNI (Siena)
    4) Prof. Angelo FIORI (Roma)
    5) Prof. Corrado MANNI (Roma)

    CONCLUSIONI

    S. Em.za Card. Dionigi TETTAMANZI
    Prof. Domenico DI VIRGILIO

    DISCUSSIONE
    VALUTAZIONE E.C.M.
    ORE 18,30 BASILICA DI SAN NICOLA
    Concelebrazione Eucaristica presieduta da
    S. E. Mons. Francesco CACUCCI
    Arcivescovo di Bari

    CHIUSURA DEL CONGRESSO

 

 

Discussioni Simili

  1. Ass. Medici Cattolici Milano: Si' a ricerca su embrione
    Di Santolo nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 16-11-08, 13:54
  2. Congresso nazionale giovani socialisti italiani
    Di riddler nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 25-06-07, 11:31
  3. Risposte: 19
    Ultimo Messaggio: 10-10-05, 22:47
  4. Attenzione: Medici Cattolici Sotto Accusa
    Di Caterina63 nel forum Cattolici
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 06-05-05, 17:53
  5. Spagna: medici cattolici contro l'eutanasia
    Di Thomas Aquinas nel forum Cattolici
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 03-12-04, 17:24

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226