User Tag List

Visualizza Risultati Sondaggio: Chi preferite?

Partecipanti
77. Non puoi votare in questo sondaggio
  • URSS

    45 58.44%
  • USA

    32 41.56%
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 13
  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    13 May 2009
    Messaggi
    30,192
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Razzismo biologico o...

    Quale deve essere secondo voi l'approcio etnonazionalista al problema?
    "Sarà qualcun'altro a ballare, ma sono io che ho scritto la musica. Io avrò influenzato la storia del XXI secolo più di qualunque altro europeo".

    Der Wehrwolf

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    13 May 2009
    Messaggi
    30,192
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Io sottoscrivo quanto scritto da Ciola in "Noi, Celti e Longobardi":
    "Mi considero dissenziente sia dai parametri rigidamemte zoologici con cui Hitler affrontò, invero un pò grossolanamente, l'argomento, sia dal concetto troppo idealistico di razza dello spirito con cui un Evola ipotizzava una costituzione della volontà umana, prescindendo dalle leggi biologiche che pure ci sono e con le quali bisogna fare i conti".
    E' un assioma necessario per elaborare una funzionale teoria della razza conforme ai principi etno-nazionalisti e tradizionalisti cui noi ci richiamiamo.
    E' il meticciato che ha generato la discrasia fra razza spirituale e razza fisica.
    Sono convinto che l'elemento della integrità razziale biologica rappresenti l'architrave per permettere una rigenerazione spirituale della razza sia un postulato che non osta con le concezioni delle società tradizionali.
    "Sarà qualcun'altro a ballare, ma sono io che ho scritto la musica. Io avrò influenzato la storia del XXI secolo più di qualunque altro europeo".

    Der Wehrwolf

  3. #3
    email non funzionante
    Data Registrazione
    13 May 2009
    Messaggi
    30,192
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Sul diffrenzialismo etnico

    «Non importa, continuiamo!»: sono le parole di Max Weber che Giovanni Damiano - insegnante di filosofia ed autore del libro Elogio delle differenze. Per una critica della globalizzazione (Edizioni di Ar, www.libreriaar.it) - rammenta come esortazione ad affrontare i tabù della nostra epoca, anche al prezzo di esporsi agli strumentali fraintendimenti o alle facili, quanto superficiali, accuse degli intellettuali illuminati sempre pronti a magnificare orgogliosamente lo «spirito del tempo». Uno spirito che descrive la globalizzazione come un processo vantaggioso, un progresso dell’umanità e comunque come un fenomeno ineluttabile, un destino cui non sarebbe possibile sottrarsi in alcun modo. Non è dello stesso avviso Damiano che, in questo testo, ha innanzitutto il merito di elaborare una diagnosi profonda e dettagliata del fenomeno, di cui troppo spesso si colgono solo gli aspetti meramente economici. Qui la globalizzazione viene pensata invece come un «unico “movimento” che si sviluppa su più dimensioni». Oltre al globalismo economico l’autore prende in considerazione ed approfondisce anche gli aspetti politici, culturali, ideologici e soprattutto giuridici della mondializzazione che nega ogni termine, confine, identità, Forma, per la costruzione di una società planetaria di uomini sradicati, di “cittadini del mondo”, vale a dire di consumatori globali.
    Dopo aver individuato i protagonisti della globalizzazione nelle organizzazioni internazionali politiche (ONU, Unione Europea, Nato, etc.) ed economiche (ad esempio: Banca Mondiale, Fondo Monetario Internazionale), nonché nelle multinazionali che sottraggono risorse e potere ai governi degli Stati, Damiano sottolinea anche il ruolo svolto dalle Organizzazioni Non Governative (ONG) che, pur impegnandosi spesso in lodevoli attività di aiuto e sostegno ai Paesi poveri, esprimono delle logiche di «internazionalismo umanitario» per nulla alternative bensì funzionali alla «deculturazione» (Latouche). Non a caso le ONG si fanno sovente promotrici dei cosiddetti «diritti universali». Ciò è particolarmente significativo in quanto il globalismo giuridico, anche se procede più lentamente rispetto alla dimensione tecnico-economica dell’omogeneizzazione planetaria, è un aspetto centrale dell’ideologia mondialista, giacché lo svuotamento delle appartenenze identitarie, secondo l’utopia giuridica imperante, dovrebbe essere compensato da un diritto cosmopolitico capace di garantire la pace nella nascente società globale (o multirazziale). L’autore dell’Elogio delle differenze smaschera efficacemente il carattere illusorio di una prospettiva di questo tipo: la pretesa di fondare un ordine politico mondiale sui diritti umani universali ed individuali rappresenta in sé un’istanza violenta e bellicosa. Prima di tutto perché gli astratti e presunti «diritti universali» sono in realtà una determinazione storica dell’Occidente moderno, perciò affermarli su scala mondiale significa occidentalizzare il mondo e, dunque, violentare culture e tradizioni diverse dalla nostra. Inoltre centrare tutto il fenomeno giuridico sul singolo individuo, prescindendo dai vincoli storici e comunitari che legano gli uomini, nonché dalla sovranità degli Stati (il concetto di cittadinanza dilatato su scala mondiale), contribuisce ad inflazionare l’interventismo militare attraverso le cosiddette «operazioni di polizia internazionale», come si è visto negli anni più recenti. Tutto ciò con un uso arbitrario del diritto internazionale per cui si sceglie di intervenire in uno scenario piuttosto che in un altro sulla base di considerazioni che nulla hanno a che fare con il più elementare sentimento di giustizia.
    Damiano, dunque, con grande ricchezza di argomenti, osa criticare quella società multirazziale (la società globale si pretende, per l’appunto, multirazziale) che si va fabbricando attraverso un movimento livellatore ed egualitarista imperniato su un diritto astratto. Ricordando, tra l’altro, come nella storia dell’umanità la costruzione di una società multirazziale sia sempre avvenuta mediante processi violenti. Se la globalizzazione produce una «crisi indifferenziatrice», l’unica alternativa plausibile non può che essere un modello che si fondi sulla salvaguardia delle differenze (identitarie, etniche, culturali, religiose, tradizionali, etc.), come elementi di arricchimento per l’intera umanità. Così l’autore si rifà a quella concezione metapolitica che potremmo definire con de Benoist «differenzialismo», o «contestualismo». Si tratta di una prospettiva che non va pensata in mera contrapposizione alla globalizzazione: il pensiero delle differenze non rappresenta una reazione al modello della società globale, bensì, appunto, un’alternativa praticabile. Esso si fonda sul riconoscimento relazionale delle differenti identità che non vanno affermate in modo assoluto (ciò rappresenterebbe una negazione del differenzialismo stesso), ma definite in rapporto con l’Altro da sé. In pratica Damiano propone una riorganizzazione dell’ordine mondiale basata sul «federalismo etnico» che, senza pretendere di far corrispondere ad ogni etnia uno Stato, consenta ad ogni popolo di salvaguardare le sue appartenenze ed il suo destino dall’uniformazione planetaria.

    Paolo Marcon
    "Sarà qualcun'altro a ballare, ma sono io che ho scritto la musica. Io avrò influenzato la storia del XXI secolo più di qualunque altro europeo".

    Der Wehrwolf

  4. #4
    Fieramente Leghista
    Data Registrazione
    06 Apr 2009
    Località
    Verona - Padania, la città di Flavio Tosi, la città antigiacobina della Pasque Veronesi
    Messaggi
    2,670
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    il mio approccio è solo e semplicemente il sano differenzialismo o come diavolo lo si voglia chiamare del "ognuno deve starsene a casa sua, punto e basta" e "rispetto quelli che mi rispettano finchè se ne stanno a casa loro e non mi invadono".

    aggiungo in tutta sincerità che considero il razzismo biologico una delle più colossali boiate che si possano concepire da mente umana, con tutte le sue classificazioni, le sue tabelline antropologiche, il suo rigidissimo meccanicismo deterministico ecc.
    Poi questo non esclude che ci siano delle ovvie superiorità e inferiorità culturali tra etnie.

  5. #5
    SatanFascista
    Data Registrazione
    19 Sep 2004
    Località
    Oltretomba
    Messaggi
    14,331
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Ho votato la terza opzione ; l'antropologia non è una scienza perfetta ma se integrata con la storia può spiegarci il ruolo della razza nelle varie civiltà che si sono susseguite su questo pianeta e renderci più consapevoli che il meticciato è un vero e proprio suicidio , trovo il semplice differenzialismo ormai anacronistico , il mondo è uno solo , è difficile alzare barriere , anche perchè manca del tuttola volontà politica.

  6. #6
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    07 May 2009
    Località
    INSUBRIA, next to the Ticino river
    Messaggi
    6,738
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Arrow CONCORDO

    Originally posted by Der Wehrwolf
    Io sottoscrivo quanto scritto da Ciola in "Noi, Celti e Longobardi":
    "Mi considero dissenziente sia dai parametri rigidamemte zoologici con cui Hitler affrontò, invero un pò grossolanamente, l'argomento, sia dal concetto troppo idealistico di razza dello spirito con cui un Evola ipotizzava una costituzione della volontà umana, prescindendo dalle leggi biologiche che pure ci sono e con le quali bisogna fare i conti".
    E' un assioma necessario per elaborare una funzionale teoria della razza conforme ai principi etno-nazionalisti e tradizionalisti cui noi ci richiamiamo.
    E' il meticciato che ha generato la discrasia fra razza spirituale e razza fisica.
    Sono convinto che l'elemento della integrità razziale biologica rappresenti l'architrave per permettere una rigenerazione spirituale della razza sia un postulato che non osta con le concezioni delle società tradizionali.

    Concordo con quanto sopra.

    Occorre concentrarsi sul grande insieme eurasiatico (Europa + Russia) difendendo con

    leggi etniche molto rigide
    ________________________


    ogni singola etnia, anche la + piccola, lasciando aperture fra le varie etnie europee : ed è qui la differenza col mero razzismo biologico che è la malattia infantile dell'etnonazionalismo.

    Insomma le razze esistono, vanno tenute separate e per fugare ogni dubbio meglio non meticciarsi di persona , a meno che non ci si trovi su un isola deserta o in luogo sperduto della kamchatka,cosa che non averrà mai : le uniche isole per fuggire che il sistema globale ci propina sono le isole dei pirla in tv.
    http://www.politicaonline.net/forum/...hreadid=127893
    Volontà politica mancante?Aumenterà sempre + col passare del tempo, come dimostra l'onda nera che viene dall'EST et similia.


    Insomma cari i miei caucasici, non degenerate in bigolate da naziossigenati ma state attenti a non sparire scegliendo donne della vostra stirpe e rimanendo cristiani !


  7. #7
    Totila
    Ospite

    Predefinito

    Direi che il quesito "ognuno a casa propria" sia il più corretto dal punto etno-nazionalista.

  8. #8
    email non funzionante
    Data Registrazione
    06 Sep 2004
    Località
    Confederazione Italica
    Messaggi
    938
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Originally posted by Totila
    Direi che il quesito "ognuno a casa propria" sia il più corretto dal punto etno-nazionalista.
    Perfettamente d'accordo. Io però ho votato per la terza possibilità : Razzismo biologico e spirituale". NO al meticciato.

  9. #9
    SatanFascista
    Data Registrazione
    19 Sep 2004
    Località
    Oltretomba
    Messaggi
    14,331
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Originally posted by Totila
    Direi che il quesito "ognuno a casa propria" sia il più corretto dal punto etno-nazionalista.
    E come ritieni ci si possa opporre all'immigrazione con un semplice differenzialismo?io penso che alla gente e alla classe politica , per convincerli , si debba parlare il linguaggio ben più radicale del razzismo biologico e spirituale , altrimenti , se siamo tutti esseri umani , legermente diversi per cultura e religione , ma alla fine tutti uguali , tutti uomini e donne , che senso ha imporre barriere?

  10. #10
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    07 May 2009
    Località
    INSUBRIA, next to the Ticino river
    Messaggi
    6,738
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito OCIO

    Originally posted by halexandra

    aggiungo in tutta sincerità che considero il razzismo biologico una delle più colossali boiate che si possano concepire da mente umana, con tutte le sue classificazioni, le sue tabelline antropologiche, il suo rigidissimo meccanicismo deterministico ecc.
    Poi questo non esclude che ci siano delle ovvie superiorità e inferiorità culturali tra etnie.
    OCIO Halexandra OCIO.

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Secondo voi il razzismo biologico...
    Di TEBELARUS nel forum Il Termometro Politico
    Risposte: 411
    Ultimo Messaggio: 01-06-12, 19:56
  2. Razzismo Biologico?
    Di ImperiezkiSojoz nel forum Destra Radicale
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 30-11-06, 03:01
  3. Razzismo biologico o...
    Di Totila nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 56
    Ultimo Messaggio: 26-05-04, 16:23
  4. Razzismo Biologico
    Di El Venexian nel forum Padania!
    Risposte: 22
    Ultimo Messaggio: 17-09-02, 18:45
  5. Razzismo Biologico
    Di El Venexian nel forum Destra Radicale
    Risposte: 16
    Ultimo Messaggio: 15-09-02, 13:01

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226