User Tag List

Risultati da 1 a 3 di 3
  1. #1
    Dal 2004 con amore
    Data Registrazione
    15 Jun 2004
    Località
    Attorno a Milano
    Messaggi
    19,247
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Libertà religiosa: Turchia sotto accusa

    Una catena di violazioni di cui è rimasto vittima di recente il Patriarcato ecumenico di Costantinopoli

    Libertà religiosa: Turchia sotto accusa



    Da Roma Salvatore Mazza

    Negato il permesso per una celebrazione religiosa dalle radici secolari. Inspiegabili ritardi nella concessione delle licenze per il restauro di una chiesa danneggiata in un attentato terroristico. Tolta la proprietà su un orfanotrofio.

    Fatti, purtroppo, di ordinaria discriminazione religiosa, come tanti ne avvengono in ogni angolo del mondo. Ma quando questi fatti, a danno della Chiesa ortodossa, avvengono in Turchia, quella stessa Turchia che oggi bussa alle porte della Ue, gli interrogativi che sollevano - o dovrebbero sollevare - assumono un significato ulteriore. Impossibile da ignorare.
    A denunciare la prima, in ordine di tempo, di queste discriminazioni è stato lo stesso Patriarca ecumenico di Costantinopoli Bartolomeo I, nel discorso durante la festa della Presentazione della Madonna il 21 novembre scorso: «Com'è a tutti noto - ha detto - la chiesa della presentazione della Madonna è stata anche essa vittima della barbara aggressione al consolato britanico di un anno fa ,subendo notevoli danni, che la rendono inagibile. Nel mirino dei terroristi non c'era la nostra chiesa. Noi però, come esseri umani e come espressione del divino amore e giustizia, abbiamo condannato immediatamente, senza mezzi termini, questo attentato, con espressioni molto dure, come sempre abbiamo fatto per tali attività disumane, indipendentemente da contro chi sono rivolte, esprimendo la nostra solidarietà a tutti i parenti di quelle vittime innocenti».
    «Malgrado ciò - è stata la denuncia del Patriarca - anche noi ci troviamo a essere delle vittime, non solo dei terroristi, ma anche delle autorità di questa città e Paese, per l'ingiustificabile protrarsi dei tempi per la concessione della licenza necessario alla ricostruzione della nostra chiesa. Non abbiamo richiesto né risarcimenti né trattamenti di favore. Abbiamo solo domandato, e lo esigiamo come cittadini pacifici di questo Paese e nella nostra piena legalità di questo Paese, un Paese che vuole essere accolto nella Ue, quello che è un diritto per ogni suo cittadino». Di qui la richiesta per «lo stesso trattamento e il rispetto dei nostri diritti di minoranza», trattamento e rispetto nei quali rientra «tra l'altro l'immediato rilascio della licenza per la ricostruzione della nostra chiesa. Questi fatti, davvero - ha concluso Bartolomeo I - ci rendono tristi».


    Non si sa quanto questa denuncia - di cui il Patriarca ecumenico avrebbe a quanto pare informato anche Giovanni Paolo II nel suo incontro col Papa a Roma a fine novembre - abbia fatto piacere alle autorità turche. Di fatto qualche giorno dopo, all'inizio di dicembre, senza alcuna spiegazione plausibile le stesse autorità hanno interdetto al vescovo di Miron la possibilità di officiare la messa, come sempre avveniva il 6 dicembre di ogni anno, nei ruderi del tempio di San Nicola Miron, in Asia Minore.
    Tutto ciò, come se non bastasse, a pochi giorni dalla sentenza con la quale la Corte suprema turca ha privato il Patriarcato del diritto di proprietà su un orfanotrofio delle isole dei Principi. E a due mesi dal veto posto - a sorpresa - dalla stessa Corte alla restituzione del Seminario teologico di Halki, contro il parere dello stesso primo ministro Erdogan che, pure, s'era più che sbilanciato in senso positivo nella primavera precedente.
    Di fatto, al di là delle dichiarazioni e dei proclami, la Turchia continua la sua politica discriminatoria nei confronti del Patriarcato. In violazione - tra l'altro - del Trattato di Losanna del 1922: non ne accetta il "carattere ecumenico" e, soprattutto, continua a non riconoscere la sua entità giuridica, con la conseguenza che la questione della restituzione delle proprietà del Patriarcato rischia di diventare una storia infinita.

    Avvenire - 9 dicembre 2004

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Registered User
    Data Registrazione
    04 Apr 2002
    Località
    Brescia
    Messaggi
    391
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    E la Turchia entrerà in nella UE...



    T

  3. #3
    Christus Alpha et Omega
    Data Registrazione
    09 Sep 2003
    Località
    La città di Dionisio e di Damaris
    Messaggi
    134
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito La Turchia "civile"...



    HELLENIC ELECTRONIC CENTER

    Petition for the Re-Opening of The Theological School of Halki In Constantinopole (Istanbul) Turkey

    Ai: Membri delle Nazioni Unite,
    dell'Unione Europea,
    del Congresso US,
    del Senato US,

    cc: A Sua Santintà il Papa Giovanni-Paolo II,
    a tutte le Chiese che professano la fede in Cristo,
    a tutti i parlamentari del Mondo,


    (1) I sottoscritti protestano vivamente per la continua illegale chiusura del Seminario Teologico Ortodosso di Chalki da parte delle autorità della Repubblica Turca dal 1971.

    (2) Noi chiediamo la immediata riapertura del Seminario di Chalki, vitale per il Patriarcato Ecumenico di Costantinopoli, la Grande Chiesa di Cristo. Il Patriarcato è una preziosa componente della cultura mondiale e della religione Cristiana Ortodossa. Esso è un esempio unico nel processo di civilizzazione dal momento, essendo il più antico ufficio che ha funzionato senza interruzione sin dal tempo della costituzione di Costantinopoli quale centro della Cristianità Ortodossa.

    (3) Il Seminario di Chalki è stato creato quale primario posto per l'apprendimento e l'educazione dei preti ortodossi di tutte le dominazioni. La sua chiusura costituisce una violazione dell'articolo 40 dell'Accordo di Losanna e dell'articolo 24 della Costituzione Turca, che garantiscono la libertà di religione e di educazione. Tali garanzie sono anche previste dall'articolo 9 della Convenzione Europea sui diritti dell'uomo. La chiusura del Seminario di Chalki può essere solamente vista come un abuso illegale dei diritti umani ed una violazione della democrazia e della legge internazionale.

    (4) Noi richiamiamo tutte le persone di buona volontà, interessate agli ideali di libertà, di democrazia e diritti umani, a sostenere la continuazione della Cristianità Ortodossa in Turchia e nel resto del mondo, con la riapertura della Scuola Teologica di Chalki, in modo che essa possa formare i futuri preti per consentire al Patrircato Ecumenico di continuare a funzionare.

    Sinceramente.


    http://www.greece.org/themis/halki2/lung.html
    Canterò per sempre le meraviglie del Signore

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 18
    Ultimo Messaggio: 18-08-12, 03:39
  2. Libertà Religiosa Sì, Parità Religiosa No.
    Di Giordi nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 26-07-07, 13:16
  3. Liberta Religiosa
    Di vescovosilvano nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 25-04-06, 19:00
  4. Libertà (?) religiosa in Turchia
    Di Dottor Zoidberg nel forum Cattolici
    Risposte: 10
    Ultimo Messaggio: 24-06-05, 00:23
  5. Turchia: sotto accusa reality show
    Di cornelio nel forum Destra Radicale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 04-03-05, 20:39

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226