User Tag List

Risultati da 1 a 5 di 5

Discussione: di Bepi Covre

  1. #1
    stanziale
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Terra di Ezzelino
    Messaggi
    3,177
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Thumbs up di Bepi Covre

    DALLA CINA ALL'EDITORIA IL VENETO DEI «SCHEI» CHE PERDE LEADERSHIP di Giuseppe Covre
    Che tristezza vedere il Parlamento italiano approvare l'ennesima legge ad personam. Ormai tutti i giornali la chiamano con il suo vero nome, legge «salva-Previti», e nessuno della maggioranza - che la sta votando - riesce a spiegare con argomentazioni convincenti, chiare e decenti che non lo è. Siamo sempre stati una democrazia del pressappoco, del più e del meno, del <<Vai avanti tu che mi vien da piangere». Ma, continuando di questo passo, non intravedo grandi esempi e neppure speranze per i giovani che saranno la futura classe dirigente di questo «sfigato» Paese. Che tristezza nel vedere che il più vecchio quotidiano del Nordest, il Gazzettino, avrà un nuovo padrone. Sarebbe normale, in un'economia liberista e di mercato, perché in fondo si tratta pur sempre di una azienda privata e sono «affari loro». Ma il Gazzettino è nella , storia del Veneto, almeno sul versante dell'informazione. Mi riferisco soprattutto alla sua storia non recente, di quando era guidato da quel grande direttore che è stato Giorgio Lago e che adesso è un autorevole editorialista di questo giornale. Il Gazzettino passa di mano, finisce nella lista di un ricco e capace imprenditore romano. Che punizione per il Veneto, finire proprio nelle mani di un romano. Noi che siamo stati la matrice e la culla del primo autentico anelito di federalismo. Che dispiacere dover constatare che, di fronte ai <<tanti schei», ognuno pensa anzitutto al suo particolare. Ha ragione da vendere Massimo Carraro quando scrive, su queste pagine, che sulla vicenda emerge <<l'assordante silenzio» del Governo e del Governatore del Veneto. Mi vien da pensare che a troppi potenti convenga avere un giornale tranquillo, schierato, meglio se obbediente; come ai tempi della balena bianca. E, consentitemi l'ultima... Che tristezza leggere ogni giorno che le nostre aziende licenziano, cassaintegrano, mobilitano centinaia di lavoratori (i migliori del mondo). E non servirà a nulla, caro presidente Ciampi e Montezemolo, rivolgere dalla lontana e pericolosa Cina un caloroso invito a recuperare l'italica fantasia, il design e il tirarsi su le maniche. Già fatto signori presidenti, già fatto e anche bene. In questi anni abbiamo dimostrato a tutto il mondo che sappiamo fare ed esportare mobili, lampadari, occhiali, elettrodomestici, ceramiche, componentistica meccanica, calzature, buoni vini, olio, spaghetti, ecc. E in questo c'abbiamo sempre messo fantasia, design e tanta buona volontà. E' ragionevole e onesto dedurre che non sappiamo far di meglio, essendo da sempre assenti nei settori più avanzati quali la chimica, l'informatica, l'elettronica civile, e da anni anche l'industria automobilistica. Importiamo anche l'energia elettrica. Le vostre sollecitazioni dalla Cina (come ben scriveva Mario Carraro domenica) assomigliano molto al tentativo di curare un carcinoma con un bicchiere d'acqua fresca e un'aspirina. A me non è sfuggito, sui maggiori quotidiani, il proclama dell' Anci (Associazione nazionale calzaturieri italiani). Scrive quest'associazione che il primo gennaio 2005 cadranno in Europa le ultime barriere sul contingentamento all'importazione delle scarpe made in China. Il continente verrà invaso dalle calzature provenienti da quel Paese a prezzi per noi insostenibili. Abbiamo distretti produttivi della calzatura (Veneto, Lombardia, Marche, Abruzzo, Puglia), alcuni di questi appena usciti dal sottosviluppo economico grazie alla fantasia, al design e alla buona volontà. L'associazione prevede, nel giro di pochi mesi, migliaia e migliaia di licenziamenti. Presidente Ciampi, a questi futuri disoccupati, ci provi lei nel messaggio di fine anno, ad augurare maggior creatività, design e buona volontà. Non voglio immaginare le reazioni. Giuseppe Covre

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Veneto indipendente
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Serenissima Euganea
    Messaggi
    5,951
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Ne ha per tutti, ma come non dargli ragione?
    Forse ha omesso di dire che Ciampi, oltre a dimenticare i futuri disoccupati calzaturieri padani e non, ha dimenticato anche tutte le volte che ha detto che non dobbiano essere egoisti ma dobbiamo accogliere tutti gli extra che arrivano.
    Tanto, dopo li mantiene lui...
    Bravo Ciampone!

  3. #3
    Veneta sempre itagliana mai
    Data Registrazione
    06 Mar 2002
    Località
    '' E' in gran parte merito di Luca Cordero di Montezemolo se la Juventus non si rivolse ai tribunali ordinari '' (Joseph S. Blatter - Presidente F.I.F.A. - Dicembre 2007)
    Messaggi
    63,122
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito

    l'ho letto anche io stasera e ringrazio alberto che l'ha postato, perchè l'avrei voluto fare anch'io, mi fa oltretutto piacere leggere quello che ha scritto relativamente al gazzettino, la pensa esattamente come me, neanche ci avesse letto......persona saggia Covre, anche se poco Padanista, ma persona corretta e perbene, di gente così ci sarebbe bisogno non poco

  4. #4
    Ospite

    Predefinito

    Ma scusate, in un paese che per metà vive da sempre sulla truffa, sull'illegalità diffusa e sul rifiuto di ogni legge salvo poi recriminare quando vieni "sparato" per strada, a qulacuno interessano ancora le leggi ad personam e tutte le altre porcherie? Ogni paese ha i degni rappresentanti che si merita. Ciappi in primo luogo, doppiogiochismo e levantinismo fatti persona.

  5. #5
    Veneto
    Data Registrazione
    01 May 2002
    Località
    Veneto
    Messaggi
    1,508
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: di Bepi Covre

    In origine postato da carbonass
    DALLA CINA ALL'EDITORIA IL VENETO DEI «SCHEI» CHE PERDE LEADERSHIP di Giuseppe Covre
    Che tristezza vedere il Parlamento italiano approvare l'ennesima legge ad personam. Ormai tutti i giornali la chiamano con il suo vero nome, legge «salva-Previti», e nessuno della maggioranza - che la sta votando - riesce a spiegare con argomentazioni convincenti, chiare e decenti che non lo è. Siamo sempre stati una democrazia del pressappoco, del più e del meno, del <<Vai avanti tu che mi vien da piangere». Ma, continuando di questo passo, non intravedo grandi esempi e neppure speranze per i giovani che saranno la futura classe dirigente di questo «sfigato» Paese. Che tristezza nel vedere che il più vecchio quotidiano del Nordest, il Gazzettino, avrà un nuovo padrone. Sarebbe normale, in un'economia liberista e di mercato, perché in fondo si tratta pur sempre di una azienda privata e sono «affari loro». Ma il Gazzettino è nella , storia del Veneto, almeno sul versante dell'informazione. Mi riferisco soprattutto alla sua storia non recente, di quando era guidato da quel grande direttore che è stato Giorgio Lago e che adesso è un autorevole editorialista di questo giornale. Il Gazzettino passa di mano, finisce nella lista di un ricco e capace imprenditore romano. Che punizione per il Veneto, finire proprio nelle mani di un romano. Noi che siamo stati la matrice e la culla del primo autentico anelito di federalismo. Che dispiacere dover constatare che, di fronte ai <<tanti schei», ognuno pensa anzitutto al suo particolare. Ha ragione da vendere Massimo Carraro quando scrive, su queste pagine, che sulla vicenda emerge <<l'assordante silenzio» del Governo e del Governatore del Veneto. Mi vien da pensare che a troppi potenti convenga avere un giornale tranquillo, schierato, meglio se obbediente; come ai tempi della balena bianca. E, consentitemi l'ultima... Che tristezza leggere ogni giorno che le nostre aziende licenziano, cassaintegrano, mobilitano centinaia di lavoratori (i migliori del mondo). E non servirà a nulla, caro presidente Ciampi e Montezemolo, rivolgere dalla lontana e pericolosa Cina un caloroso invito a recuperare l'italica fantasia, il design e il tirarsi su le maniche. Già fatto signori presidenti, già fatto e anche bene. In questi anni abbiamo dimostrato a tutto il mondo che sappiamo fare ed esportare mobili, lampadari, occhiali, elettrodomestici, ceramiche, componentistica meccanica, calzature, buoni vini, olio, spaghetti, ecc. E in questo c'abbiamo sempre messo fantasia, design e tanta buona volontà. E' ragionevole e onesto dedurre che non sappiamo far di meglio, essendo da sempre assenti nei settori più avanzati quali la chimica, l'informatica, l'elettronica civile, e da anni anche l'industria automobilistica. Importiamo anche l'energia elettrica. Le vostre sollecitazioni dalla Cina (come ben scriveva Mario Carraro domenica) assomigliano molto al tentativo di curare un carcinoma con un bicchiere d'acqua fresca e un'aspirina. A me non è sfuggito, sui maggiori quotidiani, il proclama dell' Anci (Associazione nazionale calzaturieri italiani). Scrive quest'associazione che il primo gennaio 2005 cadranno in Europa le ultime barriere sul contingentamento all'importazione delle scarpe made in China. Il continente verrà invaso dalle calzature provenienti da quel Paese a prezzi per noi insostenibili. Abbiamo distretti produttivi della calzatura (Veneto, Lombardia, Marche, Abruzzo, Puglia), alcuni di questi appena usciti dal sottosviluppo economico grazie alla fantasia, al design e alla buona volontà. L'associazione prevede, nel giro di pochi mesi, migliaia e migliaia di licenziamenti. Presidente Ciampi, a questi futuri disoccupati, ci provi lei nel messaggio di fine anno, ad augurare maggior creatività, design e buona volontà. Non voglio immaginare le reazioni. Giuseppe Covre


    Sinceramente; la questione economica qui sopra ben analizzata da Covre, nessuno la può obbiettare.Ma il democristiano emerge e si nota subito dalle prime righe:

    Che tristezza vedere il Parlamento italiano approvare l'ennesima legge ad personam. Ormai tutti i giornali la chiamano con il suo vero nome, legge «salva-Previti», e nessuno della maggioranza - che la sta votando - riesce a spiegare con argomentazioni convincenti, chiare e decenti che non lo è.

    Caro Covre, se ne sei capace spiegalo tu.Immagino i tuoi distinguo,le tue analisi ovvie,i giri di valzer di democristiana memoria che alla fine si traducono in un solo fatto:Sei al governo e devi votare.

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 21
    Ultimo Messaggio: 19-08-06, 17:24
  2. The Bepi Colombo Prize
    Di yurj nel forum Fondoscala
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 11-05-06, 16:16
  3. OT: Bepi & The Prismas
    Di Nanths nel forum Padania!
    Risposte: 15
    Ultimo Messaggio: 22-04-06, 00:44
  4. Autobiografia di Covre
    Di Iunthanaka nel forum Padania!
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 05-03-05, 09:50
  5. Covre presidente
    Di PINOCCHIO (POL) nel forum Veneto
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 03-11-04, 21:21

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226