User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2
  1. #1
    Moderatore
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    La Lupa romana è una cagna bastarda che muore allattando 2 figli di puttana
    Messaggi
    8,867
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Un altro buon motivo per il NO alla turchia in UE

    Turchi a cena, ma si prepara in cucina

    di Adriano Sofri http://www.panorama.it/opinioni/arch...-A020001028535
    27/12/2004


    Sbaglia quella parte di Europa che inaugura con fastidio la politica dell'accoglienza. Perché, pur fra luci e ombre, esistono almeno cinque buoni motivi per aprire le porte ad Ankara.


    Fra gli avversari della Turchia nell'Unione Europea, qualcuno ha avvertito del rischio che si tramuti in un cavallo di Troia dell'invasione musulmana. Chissà se ha ripensato bene alla storia, e anche alla geografia. Troia era infatti in Asia Minore, nel territorio che è oggi della Turchia, e dopo che l'inganno del cavallo ne ebbe decretato la rovina, uno dei suoi eroi ne partì fortunosamente, con un vecchio padre sulle spalle, un figlioletto per mano e il resto della famiglia, e secondo la più illustre delle tradizioni, consacrata nell'Eneide, arrivò, immigrato extracomunitario, nel Lazio, fondò Lavinio e fu progenitore di Romolo (va bene, a questo punto i contraddittori si riavranno ed esclameranno: «Roma ladrona!»).

    Auguri ai turchi, che hanno fatto festa all'apertura, benché avara, del negoziato che li porterà nell'Unione Europea. Non è forse giusto nutrire delle apprensioni a mettersi in casa un paese per intero musulmano, con la macchia tremenda e ancora rimossa del genocidio degli armeni, con una separazione fra stato e religione garantita dai militari, con il divieto per lesa maestà a qualunque critica al padre della patria Ataturk, con un'ostinata insofferenza per le minoranze, con la prosecuzione, grave e ormai insieme ridicola, della guerra fredda cipriota? Certo. Ma è giusto anche rallegrarsi di un gran paese musulmano con una gelosa fisionomia sua propria, che non è arabo, come l'arabo Iraq, e non è sciita, come il persiano Iran. Che non è nemico pregiudiziale di Israele. Che appartiene alla Nato. Che è scampato alla teocrazia islamista. Che ha desiderato l'ingresso nell'Europa al punto di correggere i propri codici e i propri usi.

    È curioso l'argomento così usato dagli oppositori, secondo il quale l'ingresso della Turchia mette l'Europa a contatto diretto con il Medio Oriente arabo e iraniano, così poco democratico e così insidiato dall'islamismo. Curioso perché si deve più plausibilmente pensare alla condizione opposta, che sia la Turchia a fare da frontiera più salda e duttile con quegli islamismi che non vogliono ancora accettare una separazione fra stato e religione. L'interesse beninteso dell'Europa non è di fortificare a oltranza i propri confini «cristiani», bensì di rompere l'unità e la complicità di paesi ispirati alla retorica del panislamismo o del panarabismo. L'adesione della Turchia rende ancora più sensata e urgente quella di Israele, e con essa un'associazione peculiare della Palestina; così come una solidarietà stretta e fattiva delle due sponde del Mediterraneo.

    L'Europa è un'espressione geografica ed economica importante, ma un più importante stato d'animo: il suo avversario principale è un certo cinismo facile dei suoi membri, uno spirito critico da barzelletta. Per fortuna, quando si viene al sodo dei voti per l'adesione, le persone vogliono stare nell'Europa: meglio, per quanto riguarda i paesi nuovi dell'Europa centrale e orientale, cercano una conferma alla propria antica e duramente castigata sensazione di essere europei.
    Il desiderio di una così larga maggioranza di turchi di sentirsi ed essere riconosciuti europei è, a chi guardi le cose senza pregiudizi, la più grande vittoria dell'Europa, e andrebbe così salutato. Per cordiale partecipazione, che è la cosa migliore. Ma anche per ragionevolezza.

    Che cosa c'è di più stupido che rassegnarsi a un'innovazione importante ma ostentando una bocca storta? Una cosa sono le condizioni civili dettate dall'Unione alla Turchia, specialmente quando siano condizioni davvero rispettate dai membri dell'Unione, altra cosa la sgarbatezza e il malcontento coi quali si inaugura la pratica dell'accoglienza. Vi ricordate di Indovina chi viene a cena?. Beh, è un po' così. Vengono a cena i turchi, non si può fare a meno di farli entrare, ma si cerca di apparecchiare per loro in cucina. Peccato. La gioia dei turchi è una ragione sufficiente a far gioire gli europei, a cominciare dai tedeschi, ospiti della più ingente comunità turca, e capaci di trarne un bilancio certo, paragonabile con quello di paesi vicini, come la Francia maghrebina o, adesso, i Paesi Bassi. I turchi che festeggiano nonostante tutte le riserve del lungo percorso loro imposto la promessa dell'Europa si illudono forse sulla ricchezza che ne deriverà loro: fatto sta che sanno di che cosa si tratti, conoscono l'Europa, e soprattutto la Germania, dunque ne danno un giudizio che deve inorgoglirci, i tedeschi e gli altri.

    E il referendum? Non è forse giusto che gli europei siano chiamati a pronunciarsi direttamente su mutamenti così ingenti per il loro destino, senza lasciarli ai compromessi di gruppi dirigenti e burocrazie? Sì, a condizione di non fare dei referendum uno strumento che peggiori la già pessima norma che assegna un potere di veto a ciascuno dei membri dell'Unione, con ciò vietandole a priori ogni sovranità comune ed efficace. I referendum nazionali sull'ingresso della Turchia sono una derisione del senso profondo dell'Unione. I singoli stati possono votare sulla propria permanenza o uscita dall'Unione: non sull'esclusione di altri.
    Su questo punto, adesione o esclusione, l'unico referendum ragionevole deve impegnare nel suo insieme l'intero popolo degli europei. Quanto ai 70 milioni di turchi, l'Europa non è lo stato, o il superstato, dei cristiani, come per la più amara delle eccezioni storiche Israele è lo stato degli ebrei. L'Europa con i turchi non sarà più o meno cristiana che senza i turchi. E sarà cristiana non solo per le sue radici, ma anche e soprattutto per i suoi rami e i suoi frutti. Compresa la convivenza con i suoi cittadini musulmani fattisi europei.
    Tu che odi dio e la vita cristiana
    Senti la sua presenza come un doloroso cancro
    Vengano profanate e profanate aspramente
    Le praterie del cielo bagnate di sangue

    Odiatore di dio
    E della peste della luce

    Guarda negli occhi paralizzati di dio
    E sputa al suo cospetto
    Colpisci a morte il suo miserevole agnello
    Con la clava

    Dio, con ciò che ti appartiene ed i tuoi seguaci
    Hai mandato il mio regno di Norvegia in rovine
    I tempi antichi, le solide usanze e tradizioni
    Hai distrutto con la tua orrida parola
    Ora vai via dalla nostra terra!

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    piemonteis downunder
    Data Registrazione
    20 Mar 2002
    Località
    sydney
    Messaggi
    3,615
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Da sinistroide quale sono, trovo che Sofri spesso scrive roba intelligente...
    pero' stavolta ha deluso anche me

    >"E' giusto rallegrarsi di un gran paese musulmano...che appartiene alla NATO".

    Ma come, per anni Sofri era contro la NATO, fuori l'Itaglia dalla NATO,
    la NATO era (e') il simbolo dell'imperialismo amerikano,
    e adesso pur di accogliere la Turchia viene a dire che dobbiamo
    accoglierla perche' appartiene alla NATO, anzi rallegriamoci?


    >La gioia dei turchi è una ragione sufficiente a
    >far gioire gli europei, a cominciare dai tedeschi

    Eh, i tedeschi son tutti li' che festeggiano....ma dai!

    Qui ci si avvia sulla strada del rapporto napuli/padania discusso altrove.
    Istanbul diventera' la citta' piu' bella del mondo, i suoi abitanti
    i piu' calorosi, la cucina impareggiabile, o'sole, o'mare, o'sentimiento,
    o'core, o'sudde che arricchisce la fredda e rude Europa...
    come di dice scugnizzo in turco?

 

 

Discussioni Simili

  1. Un altro buon motivo per emigrare in Lussemburgo
    Di Theremin nel forum Fondoscala
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 11-03-12, 14:12
  2. Un buon motivo per costruirsi un rpg
    Di Sedizione nel forum Destra Radicale
    Risposte: 29
    Ultimo Messaggio: 03-05-08, 22:46
  3. Un buon motivo per non fare la TAV
    Di iL Cane SciOlt0 nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 29
    Ultimo Messaggio: 21-02-07, 14:54
  4. 1 Buon Motivo X La Secessione
    Di MEROVINGIO nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 46
    Ultimo Messaggio: 18-11-06, 19:03

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226