User Tag List

Risultati da 1 a 3 di 3
  1. #1
    Dal 2004 con amore
    Data Registrazione
    15 Jun 2004
    Località
    Attorno a Milano
    Messaggi
    19,247
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Karl Barth e la teologia del Totalmente "Altro"

    Karl
    BARTH

    (1886-1968)





    Il teologo Karl Barth, nato a Basilea, è ritenuto uno dei massimi esponenti della teologia dialettica. Dopo avere insegnato in varie città tedesche, fu privato della possibilità di insegnare nel 1935 in seguito alla sua attività antinazista (si oppose pubblicamente al nazismo dalle file del partito socialdemocratico). Ritornato a Basilea, insegnò nella città natale fino alla morte.

    Il pensiero di Barth si pone in antitesi alla teologia liberale di stampo romantico, la quale affermava una continuità tra Dio e l'uomo, testimone l'interiorità come luogo privilegiato del rapporto con il divino. Come si vedrà, Barth affermerà invece, similmente a Kierkegaard, il carattere paradossale di una fede che si rivolge a Dio come estraneità suprema rispetto all'umano, Dio come "totalmente Altro".


    Opere principali: L'epistola ai Romani (1919-22); Fides quaerens intellectum (1931); Dogmatica ecclesiale (1932 e seguenti, non terminata); Comunità cristiana e comunità civile (1946); Umanesimo (1950); L'umanità di Dio (1956); Introduzione alla teologia evangelica (1962).


    1. Il "totalmente Altro"



    Secondo il teologo Karl Barth Dio è il "totalmente Altro", ovvero diversità assoluta rispetto all'uomo e al mondo in cui vive. Recuperando un discorso già trattato da Kierkegaard (il quale affermava che Dio è "l'infinita differenza qualitativa tra il tempo e l'eternità"), Barth avverte come per l'uomo l'infinità e la perfezione divina siano qualcosa di totalmente estraneo alla sua condizione terrena: non è possibile alcuna analogia tra l'essere umano e l'essere divino, la vita dell'uomo racchiude in sé aspetti esclusivamente umani.

    Come si può notare tale affermazione conduce singolarmente a conclusioni vicine al pensiero di Feuerbach: anche per Barth la vita racchiude in sé solamente l'umano, ogni divino percepito dall'uomo è solamente un proiettare fuori da sé i propri desideri e le proprie aspirazioni, ipostatizzandole (ovvero ritenendole realmente esistenti fuori da sé come realtà autonome).

    Il divino percepito dagli uomini non è il vero Dio, ma solamente l'aspirazione dell'uomo a raggiungere mete più elevate della sua propria spiritualità. L'elevazione umana verso il divino non è quindi "dono" di Dio, ma iniziativa esclusivamente umana.

    Questa proiezione da parte dell'uomo delle sue stesse aspirazione è, secondo Barth, il tema centrale di ogni teologia: l'umano tratta solo l'umano. L'uomo non può elevarsi al divino, ogni forma di religione è idolatria (porre come divino qualcosa che è esclusivamente umano). Nemmeno l'avvicinamento a Dio per via negativa, ovvero l'avvicinamento che avviene dopo aver considerato l'impotenza umana rispetto allo scacco della sua esistenza finita può condurre al divino, l'uomo non può conoscere Dio partendo da se stesso. Infine, nemmeno le opere terrene possono condurre l'uomo alla salvezza, nessuna opera umana lo rende meritevole di un destino particolare e determinato in base alle azioni compiute entro la vita mondana: Dio è infatti "l'assolutamente Altro".


    2. L'autentico significato della fede



    Dunque l'uomo non può conoscere Dio partendo da se stesso. Che significato può rivestire la fede alla luce di queste considerazioni?

    Recuperando tratti già appartenuti al fondamento del protestantesimo, Barth afferma che solo la parola di Dio così come è espressa dalle Sacre Scritture può permettere la Sua conoscenza. La fede è un dono di Dio, prima ancora di essere un atto di fede che parte dall'uomo, è la volontà di Dio di rendere giusto il peccatore (secondo quanto era già stato affermato da Lutero nell'Epistola ai Romani).

    E' dunque la volontà divina a permettere nell'uomo la fede, ovvero è Dio che, per mezzo della Sua fedeltà all'uomo (ovvero la volontà di donargli la Sua Parola), concede all'uomo di essere conosciuto attraverso il Suo annuncio (del quale si rese portatore il Cristo).

    L'annuncio di Cristo, la lieta novella, il messaggio di salvezza che testimonia la Parola di Dio, è la vera e unica conoscenza, la verità che si rende evidente per mezzo della stessa Parola divina e che deve essere creduta e della quale "dobbiamo aver fiducia", "dobbiamo obbedire in vita e in morte".


    3. L'analogia della fede



    L'analogia dell'ente della filosofia tomista, per cui vi è analogia tra l'essere divino e quello umano, è un errore, in quanto presuppone una certa relazione tra le dimensioni umane e divine. Se Dio è il "totalmente Altro", allora non vi può essere alcuna relazione tra uomo e Dio che parta da una iniziativa umana: la stessa teologia tomista ha per oggetto le sole considerazioni umane, ovvero l'ipostatizzazione di considerazioni esclusivamente umane.

    Come si è già visto, il rapporto di fede è un "dono" che Dio concede agli uomini in forza della Sua volontà e della fedeltà alle Sue creature. Dunque non si può parlare di analogia dell'ente, ma si può invece affermare che tra gli uomini e Dio esiste una analogia della fede, ovvero l'unico rapporto che lega Dio alle sue creature, per Sua stessa iniziativa, e non per iniziativa umana.


    4. La teologia dialettica



    A questo punto si configura una doppia dimensione relativamente all'uomo: da un lato l'umanità è chiusa in sé, quasi rifiutata da Dio, ovvero l'umanità non ha ricevuto da Dio il dono di possedere una qualsiasi analogicità sostanziale all'essere divino. Dall'altro lato Dio si rivela comunque all'uomo per mezzo della sua Parola, gli dona la fede e lo giustifica, lo salva.

    L'uomo è dunque condannato e salvato allo stesso tempo: questo è il significato dialettico della teologia di cui Barth si fa portatore. Non esiste una netta separazione tra beati e salvati, non esiste alcun modo per l'uomo di conoscere con i propri mezzi il proprio destino, il quale è nelle mani di Dio, un destino conosciuto solamente da Dio.

    Dunque, diversamente da ciò che pensava Calvino, non è il successo nelle opere del mondo a garantire la salvezza, ma è invece l'indecisione insolubile attorno alla salvezza e alla condanna, la coscienza di rimettere la propria salvezza nelle mani di Dio a rappresentare il segno più autentico della fede.




    fonte

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Dal 2004 con amore
    Data Registrazione
    15 Jun 2004
    Località
    Attorno a Milano
    Messaggi
    19,247
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito



    Karl Barth

  3. #3
    Dal 2004 con amore
    Data Registrazione
    15 Jun 2004
    Località
    Attorno a Milano
    Messaggi
    19,247
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

 

 

Discussioni Simili

  1. Karl Rahner: La teologia della disincarnazione
    Di Mappo nel forum Cattolici
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 18-11-09, 15:32
  2. Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 13-01-09, 22:55
  3. Karl Rahner: teologia e massoneria
    Di Augustinus nel forum Tradizionalismo
    Risposte: 30
    Ultimo Messaggio: 05-08-08, 18:24
  4. Karl Barth: scheda biografica e dottrinale
    Di Thomas Aquinas nel forum Cattolici
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 17-01-05, 15:49
  5. Karl Rahner e la teologia trascendentale
    Di Thomas Aquinas nel forum Cattolici
    Risposte: 9
    Ultimo Messaggio: 23-11-04, 21:23

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226