User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 16

Discussione: Cosa ne pensate?

  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    11 Dec 2010
    Messaggi
    5,525
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Cosa ne pensate?

    Riprende il dibattito sulle fonti energetiche. Il centrosinistra ancora diviso
    Il governo insiste sul nucleare


    Dopo Berlusconi, un altro esponente del governo prende posizione a favore dell’energia prodotta con la fissione nucleare.
    Oggi ci sono le condizioni e i presupposti, secondo Lucio Stanca, ministro per l’Innovazione e le Tecnologie, per aprire una riflessione sul nucleare, “profonda e senza pregiudizi”. «Sarebbe serio che il nostro Paese riaffrontasse l’esame con una riflessione profonda e razionale e non ideologica e pregiudiziale» afferma Stanca in una nota.
    «Sono passati 20 anni dall’orientamento preso dal popolo italiano e 20 anni nei settori tecnologici sono una eternità nel corso dei quali sono stati compiuti passi da gigante sul fronte della sicurezza», osserva il ministro, secondo il quale «la situazione dal punto di vista tecnologico è profondamente cambiata, mentre la nostra dipendenza dalle fonti energetiche tradizionali si è aggravata in termini di quantità e in termini economici e le cosiddette fonti alternative, su cui pure abbiamo investito moltissimo, non sono così vicine come invece abbiamo tutti sperato».
    Le parole di Berlusconi devono »essere colte da tutti come una occasione per cominciare un percorso di riflessione, di dibattito e di valutazione». Ciò non vuol dire che il risultato sia scontato, per questo, conclude Stanca, «sarebbe davvero un fatto grave se una parte politica rifiutasse questo confronto che, invece, mi auguro».
    Resta il fatto che gli italiani contrari alla presenza del nucleare sarebbero il 55,8%, mentre si attestano al 30,5% i favorevoli. Lo rivela un’indagine realizzata dall’Eures che ha intervistato, tra il 10 dicembre 2003 e il 10 febbraio 2004, un campione di duemila residenti in Italia con più di 14 anni. Al referendum del 1987 l’80% degli italiani aveva votato per lo smantellamento delle centrali nucleari.
    Ma se la Casa delle libertà sembra concorde nel rivedere il no assoluto all’energia nucleare, a sinistra che cosa succede? «È oramai evidente a tutti che sul tema del nucleare ci sono due sinistre: una radicale e ideologica e un’altra riformista e senza preconcetti. Mi rivolgo a quest’ultima, in particolare a Enrico Letta e a Pierluigi Bersani, e propongo loro di far nascere un comitato trasversale che attivi un dibattito serio e responsabile nel Paese su come riaprire la strada del nucleare in Italia, a cominciare dalla ricerca e dall’innovazione», afferma Adolfo Urso, viceministro alle Attività Produttive.
    Il governo insiste: l’Italia paga la bolletta più alta in Europa, ed è un elemento sempre più importante della competitività internazionale. I costi energetici frenano la competitività delle imprese italiane. Una spesa che, secondo la Confartigianato, pesa come una “tassa”. «Rappresenta una emergenza da risolvere in tempi brevi. Gli imprenditori, che nel primo trimestre 2005 subiranno un ulteriore rincaro del 5% dei prezzi dell’elettricità, non possono attendere i lunghi tempi “politici” del dibattito su un ritorno al nucleare, anche se ci auguriamo un confronto senza pregiudizi». Così il presidente di Confartigianato, Giorgio Guerrini, commenta le dichiarazioni sui temi dell’energia.
    «Un’occasione mancata», secondo Confartigianato, la riforma del settore energetico, approvata a luglio 2004, «per diminuire il costo dell’energia a carico delle imprese». Perché, sottolinea Guerrini in una nota, «per superare le condizioni che penalizzano soprattutto i piccoli utenti, occorre certamente ridurre i costi, ma anche incentivare la riduzione dei consumi di energia, completando la liberalizzazione del mercato e puntando decisamente sulla filiera dell’efficienza energetica negli usi finali».
    Se si decidesse di tornare al nucleare, Caorso e Trino Vercellese si potrebbero riavviare nel giro di 12-15 mesi. Lo afferma, in una intervista rilasciata al “Quotidiano Nazionale”, Paolo Fornaciari, uno dei padri storici del nucleare in Italia, ex responsabile dell’attività nucleare di Enel, che interviene sulla possibilità di risvegliare le più moderne delle quattro centrali nucleari che hanno funzionato in Italia per oltre 20 anni.
    «Caorso - prosegue Fornaciari - è la più grande e moderna centrale che abbiamo in Italia, avviata alla fine del '78 e spenta alla fine degli anni '80 dopo il referendum, quindi ha funzionato solo una decina d’anni. Uno spreco colossale che potrebbe essere molto conveniente recuperare. Gli italiani, famiglie e imprese pagano l'energia quasi il doppio degli altri consumatori europei, con le immaginabili conseguenze sul fronte della competitività del nostro sistema Paese in Europa».
    Non bisogna dimenticare, continua Fornaciari, «che il riavvio di queste centrali costerebbe una frazione infinitesimale dei 7500 miliardi di lire necessari per lo smantellamento, che pesano anche oggi sulle bollette elettriche degli italiani. L'Italia -conclude - è troppo dipendente dal petrolio, un combustibile dai prezzi molto instabili, fonte energetica troppo insicura per farci affidamento. E anche il prezzo del gas è legato alle quotazioni dell’oro nero, quindi non è affidabile».
    Non va dimenticato che il nucleare in Italia non è al bando. La moratoria - decisa dal governo di quegli anni all’indomani dell’esito dei quesiti referendari del 1987 - che vietava per 5 anni la costruzione di impianti nucleari per la produzione elettrica è infatti scaduta da oltre 10 anni, dal 1992.
    Secondo l’Aduc, associazione dei consumatori, «se il premier, invece di lanciare il sasso nello stagno, presentasse un nuovo piano energetico, si potrebbe discutere con le carte in mano, ma le parole sembrano più efficaci dei fatti». Negli anni Cinquanta e Sessanta il nostro Paese - ricordano i responsabili dell’associazione - era terzo nella produzione di energia elettrica da fonte nucleare, dietro gli Stati Uniti e Gran Bretagna. Oggi non ne produce più.
    L'elevata dipendenza energetica dall’estero, spiega l'associazione dei consumatori, «in particolare dagli idrocarburi e il rischio di gravi ripercussioni di non impossibili nuove crisi energetiche, suggeriscono (alcuni) di rivedere la decisione assunta dopo il grave disastro di Chernobyl (allora Unione Sovietica). Non abbiamo preclusioni ideologiche sul nucleare, per cui ci accingiamo con sano pragmatismo a valutare l’opzione suggerita». Ma occorre iniziare «dalla sicurezza, che è il problema che maggiormente angoscia le popolazioni, e discutiamo dei piani di sicurezza che ci interessano, visto che abbiamo a ridosso delle patrie frontiere due impianti nucleari, Creys-Malville (Francia) e Krsko (Slovenia)».
    Intanto in Francia, il 2005 si annuncia come un anno di grandi cambiamenti per il settore energetico francese, con i suoi tre gioielli Areva, EdF, GdF già in pista per la loro privatizzazione parziale. Il numero 1 mondiale dell’industria nucleare e gli ex monopoli dell’elettricità e del gas stanno già impegnate nella loro aperture di capitale, previste tutte entro la fine dell’anno.


    [Data pubblicazione: 22/01/2005]

    Piacentini e vercellesi cosa ne dicono? Con che logica sarebbe giusto stabilire se attivare una centrale nucleare? Il nucleare è un destino ineluttabile oppure non si potrebbero vagliare altre strade?

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Moderatore
    Data Registrazione
    07 Mar 2002
    Messaggi
    4,076
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    assolutamente contrario finchè restiamo in italia (le centrali verrebbero fatte solo in Padania, gli eventuali costi ambientali e non sarebbero a nostro carico e gli italiani avrebbero energia gratis), possibilista una volta raggiunta l'indipendenza (il nucleare "inquina" meno delle fonti petrolifere ma cmq sia ci dovrà essere un coinvolgimento tassativo delle popolazioni locali nelle decisoni).

  3. #3
    Registered User
    Data Registrazione
    10 Dec 2004
    Messaggi
    175
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    sono moderatamente favorevole al nucleare sul breve termine. appoggio le ricerche di Rubbia sui reattori nucleari intrinsecamente sicuri e i nuovi metodi di smaltimento e riciclaggio delle scorie. va detto però che rimettere in funzione le nostre centrali richiederebbe tempi, risorse e un know-how inevitabilmente persi con gli anni.

  4. #4
    Moderatore
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    La Lupa romana è una cagna bastarda che muore allattando 2 figli di puttana
    Messaggi
    8,867
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    In origine postato da PINOCCHIO
    assolutamente contrario finchè restiamo in italia (le centrali verrebbero fatte solo in Padania, gli eventuali costi ambientali e non sarebbero a nostro carico e gli italiani avrebbero energia gratis), possibilista una volta raggiunta l'indipendenza (il nucleare "inquina" meno delle fonti petrolifere ma cmq sia ci dovrà essere un coinvolgimento tassativo delle popolazioni locali nelle decisoni).
    Per poi darle in mano a qualche parastatale terrone scansafatiche, sarebbe un rischio troppo grosso da prendere
    Tu che odi dio e la vita cristiana
    Senti la sua presenza come un doloroso cancro
    Vengano profanate e profanate aspramente
    Le praterie del cielo bagnate di sangue

    Odiatore di dio
    E della peste della luce

    Guarda negli occhi paralizzati di dio
    E sputa al suo cospetto
    Colpisci a morte il suo miserevole agnello
    Con la clava

    Dio, con ciò che ti appartiene ed i tuoi seguaci
    Hai mandato il mio regno di Norvegia in rovine
    I tempi antichi, le solide usanze e tradizioni
    Hai distrutto con la tua orrida parola
    Ora vai via dalla nostra terra!

  5. #5
    ANTIMASSONE
    Data Registrazione
    06 Mar 2002
    Località
    BRESCIA
    Messaggi
    4,891
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Thumbs up FAVOREVOLE

    FAVOREVOLE!

    Padus 996
    Brescia
    La massoneria il vero nemico!

  6. #6
    email non funzionante
    Data Registrazione
    11 Dec 2010
    Messaggi
    5,525
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Personalmente sono d'accordo al 100% con Pinocchio.

  7. #7
    Sposo di Teodolinda
    Data Registrazione
    29 Jan 2003
    Località
    Insubria: futura terra deislaminizzata
    Messaggi
    1,321
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    favorevole al nucleare a patto che ogni regione produca esclusivamente l'energia necessaria al suo fabbisogno.

  8. #8
    Il Longobardo
    Data Registrazione
    12 Aug 2004
    Località
    Milano
    Messaggi
    514
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Favorevole al nucleare, le tanto strombazzate energie alternative coprirebbero una parte infinitesimale delle necessità e poi chi vorrebbe qualche decina di ventilatori eolici vicino a casa altro che inquinamento elettromagnetico, i pannelli solari vanno bene solo nelle zone dove è difficile far arrivare energia elettrica, la geotermica è sfruttata e sfruttabile solo a Larderello, per non perlare delle fantasie sulle maree.
    PADANIA INDIPENDENTE CON OGNI MEZZO

  9. #9
    email non funzionante
    Data Registrazione
    11 Dec 2010
    Messaggi
    5,525
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    In origine postato da Autari
    favorevole al nucleare a patto che ogni regione produca esclusivamente l'energia necessaria al suo fabbisogno.
    Cioè vorresti l'apertura di 20 centrali nucleari????

  10. #10
    Registered User
    Data Registrazione
    01 Jun 2004
    Messaggi
    3,135
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    In origine postato da PINOCCHIO
    assolutamente contrario finchè restiamo in italia (le centrali verrebbero fatte solo in Padania, gli eventuali costi ambientali e non sarebbero a nostro carico e gli italiani avrebbero energia gratis), possibilista una volta raggiunta l'indipendenza (il nucleare "inquina" meno delle fonti petrolifere ma cmq sia ci dovrà essere un coinvolgimento tassativo delle popolazioni locali nelle decisoni).
    Hai ragione.

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226