User Tag List

Risultati da 1 a 4 di 4
  1. #1
    Simply...cat!
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Brescia,Lombardia,Padania
    Messaggi
    17,080
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Wink Siete i giapponesi d'Europa

    INDUSTRIA Il gruppo nipponico Aida, leader globale delle presse, compra Manzoni, azienda lombarda di macchine utensili
    Sakaki: i giapponesi d’Europa siete voi
    «I lavoratori italiani - dice il manager - sono molto preparati e simili ai nostri. Coi sindacati? Dialogheremo»


    Ci sono due bandiere nella pulita e anonima sala riunioni della Manzoni di Calolziocorte, che ai confini fra Bergamo e Lecco fabbrica presse per le scocche della Ford o i frigoriferi della Merloni. Una è dell'Europa, l'altra del Giappone. «La bandiera italiana? No, non c'è», sorride Amilcare Pietroboni, direttore generale. Da novembre questo fiore all'occhiello dell'industria nazionale, che era secondo in Europa con 125 milioni di euro di giro d'affari e 557 dipendenti prima di finire in amministrazione controllata, nel 2002, «per un'espansione sbilanciata», come ammettono fonti interne, ha cambiato padrone. Non più la signora Lucia Manzoni, detta «la Thatcher delle macchine utensili», che alle 7 di ogni mattina visitava gli stabilimenti, bensì la nipponica Aida Engineering, quotata a Tokio con primo azionista la famiglia del presidente, Kimikazu Aida. Vale a dire il primo produttore esclusivo di presse al mondo, una nicchia globale da 300 milioni di euro di fatturato, 1400 dipendenti in 165 Paesi, 60 mila presse prodotte all'anno, 166 mila metri quadrati di stabilimenti e, secondo la brossure, «la più avanzata tecnologia industriale nel settore». Aida, vincendo in gara la tedesca Müller Weintergarten, ha rilevato il 100% di Manzoni e Rovetta, i due marchi più noti del Manzoni Group. Un salvataggio che ha scongiurato il fallimento: nel novembre 2004 il giro d'affari era precipitato a 26,3 milioni di euro e il numero dei dipendenti s'era dimezzato: 276. Ora Calolziocorte è l'avamposto dell'espansione giapponese nel Vecchio Continente nel nerbo della old economy, le macchine utensili. Un progetto da far tremare i polsi alle aziende locali. «Partiremo dall'Italia per crescere in Europa», annuncia infatti, da sotto la bandiera giapponese, Masaharu Sakaki, presidente di Aida Europe. Vuol costruire qui le presse per automobili ed elettrodomestici, da vendere anche ai suoi connazionali che stanno aprendo stabilimenti nell'Est europeo (come Toyota nella Repubblica Ceca, Daewoo e Suzuki in Polonia). Perché in Italia «i lavoratori hanno un livello tecnico molto elevato e un'attitudine al lavoro che ben si combina con quella giapponese». C'è soltanto una cosa da imparare: i rapporti con i sindacati.
    Che quota di mercato avete in Europa, signor Sakaki, e quale obiettivo?
    «Fino a prima dell'acquisizione di Manzoni, il 3%. Ora l'obiettivo è arrivare almeno al 10% in 3 o 4 anni».
    Perché vi interessa l'Europa?
    «Siamo un'azienda globale e non abbiamo ancora fabbriche qui. Crediamo che sia opportuno produrre là dove si vuole vendere e in Europa si producono 17 milioni di auto all'anno, più degli Usa. E' un importante mercato potenziale».
    Perché avete scelto l'Italia?
    «Abbiamo fatto indagini anche in Europa Orientale, dove il costo del lavoro è inferiore, poi abbiamo sentito che il gruppo Manzoni era in vendita e ci è sembrato interessante. Abbiamo mandato i nostri esperti per un'indagine approfondita e concluso che fosse meglio acquisire un'azienda già esistente, con i macchinari e il personale addestrato, piuttosto che acquistare un terreno, costruire la fabbrica, attrezzarla e formare il personale. Abbiamo scelto l'Italia per cinque fattori: il personale, la base geografica di produzione, le conoscenze tecnologiche, le sinergie e il tempo. Possiamo iniziare subito».
    Che idea vi siete fatti del personale?
    «I lavoratori di questo gruppo hanno una preparazione tecnica molto elevata e un'attitudine al lavoro simile alla nostra. Prima ero presidente di Aida negli Usa e posso dire con certezza che il livello dei lavoratori, qui, è assolutamente superiore».
    Però l'industria italiana patisce, anche per il dollaro debole.
    «Ritengo che l'Italia abbia un'ottima base industriale e che, se ci si concentra sulla qualità, molti problemi si potranno risolvere. Quanto al cambio, siamo un'azienda globale, non ci vincola troppo. Anche se il momento economico in Italia non è molto favorevole, ci estenderemo su una base più larga».
    Produrrete qui anche presse giapponesi?
    «Sì, di media gamma. E' già partito un progetto, saranno inviate in Cecoslovacchia, Usa e India».
    Qual è la vostra strategia?
    «Costruire prodotti di alta qualità e competitivi, riducendo i costi. Ma, prima di tutto, avere persone felici di lavorare».
    E con i sindacati?
    «E' la mia prima esperienza, sto imparando. E’ mia intenzione avere una mente aperta. E fare in modo che possiamo capirci».

    Alessandra Puato

    Inutile dire che si parla di lavoratori padani...

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Padania libera dai padioti
    Data Registrazione
    14 Jun 2002
    Messaggi
    2,329
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Sulla qualità dei nostri tecnici non ci piove.
    C'è un piccol problema.Fra 30 anni ce ne saranno la metà.Fra 60 anni il la metà della metà

    Auguri italioni terroni

  3. #3
    Moderatore
    Data Registrazione
    07 Mar 2002
    Messaggi
    4,076
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Avevo paura che si trattase della ditta di uno dei nostri forumisti ma per fortuna non è così

  4. #4
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    15,591
    Mentioned
    10 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito

    [QUOTE]In origine postato da LosVonRom
    [B]Sulla qualità dei nostri tecnici non ci piove.
    C'è un piccol problema.Fra 30 anni ce ne saranno la metà.Fra 60 anni il la metà della metà

    Per fortuna arrivano gli stranieri e ogni problema sarà risolto!!!

 

 

Discussioni Simili

  1. Siete favorevoli all'Europa a più velocità?
    Di Oli nel forum Politica Europea
    Risposte: 17
    Ultimo Messaggio: 25-04-09, 02:59
  2. Risposte: 196
    Ultimo Messaggio: 01-12-08, 13:31
  3. Siete d'accordo su l'ingresso della Turchia in Europa?
    Di marto nel forum Il Termometro Politico
    Risposte: 71
    Ultimo Messaggio: 27-04-07, 15:42
  4. siete d'accordo con l'entrata in Europa della Turchia???
    Di denty nel forum Il Termometro Politico
    Risposte: 20
    Ultimo Messaggio: 14-09-06, 20:05
  5. Se siete contro la Turchia in Europa
    Di Laurence (POL) nel forum Padania!
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 29-09-05, 13:53

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226