ROMA - L'Aula della Camera ha bocciato l'articolo quattro della legge sul mandato d'arresto europeo. La Lega ha votato con l'opposizione contro l'articolo.

L'articolo 4 del provvedimento prevedeva, tra l'altro, che il ministro della Giustizia, nel caso in cui riceva un mandato d'arresto d'arresto europeo lo ''trasmetta senza indugio all'autorita' territoriale competente'' e viceversa.
La Lega aveva chiesto con un emendamento (bocciato dall'Aula) che le parole ''senza indugio'' fossero sostituite da un, meno tassativo, ''previa valutazione''.

L'aula della Camera esaminera' il provvedimento che recepisce il mandato d'arresto europeo la prossima settimana. Per ora, quindi, il suo esame alla Camera e' sospeso. Lo ha deciso la conferenza dei capigruppo, convocata dal presidente Pier Ferdinando Casini subito dopo la bocciatura dell'articolo 4 del testo da parte della Lega e dell'opposizione. Ora si esaminera' il secondo punto all'ordine del giorno che riguarda la proposta di legge sui cimiteri.

A mandare sotto la maggioranza sull'articolo 4 del testo che recepisce il mandato di arresto europeo non sono stati solo i deputati della Lega e quelli dell'opposizione. Hanno detto 'no' alla norma anche tre parlamentari di Forza Italia e due dell'Udc.
---------------------------------------------------------------------------------

Quelli di A.N. , quindi, hanno tutti votato a favore. Ricapitolando il loro pensiero, concordano sul fatto che un cittadino italiano possa essere inquisito da un magistrato turco. Questa è la celebrata Europa delle nazioni?

P.S: da sottolineare anche questa chicca "Ora si esaminera' il secondo punto all'ordine del giorno che riguarda la proposta di legge sui cimiteri".