User Tag List

Risultati da 1 a 4 di 4
  1. #1
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    07 May 2009
    Località
    INSUBRIA, next to the Ticino river
    Messaggi
    6,738
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Kayla Rolland, vittima del razzismo

    Con il termine "Hate Crimes" in America, ed anche in Italia, si classifica un crimine commesso verso un'altra persona per il semplice fatto che quest'ultima appartiene ad un diverso gruppo razziale, etnico o religioso dell'aggressore Il punto è che qui in Italia, come del resto negli USA, si sottindende che l'esecutore sia sempre Bianco mentre la vittima nera o di un'altra razza colorata; facendo implicitamente intendere che gli atti di razzismo siano sempre a senso unico,commessi cioè unicamente da noi Bianchi nei confronti di negri, ebrei o asiatici.
    Questo triste articolo di David Duke incentrato sull'omicidio di una splendida bambina Bianca di appena 6 anni, Kayla Rolland, dimostra come negli USA (e sicuramente anche in Italia quando purtroppo la nostra nazione diverrà ancora più "multirazziale) la situazione è completamente diversa da
    come ce la presentano i nostri mass media "progressisti".
    Kayla Rolland: Un'Altra Vittima dell'Integrazione Razziale.
    di David Duke www.duke.org
    L'omicidio di Kayla Rolland, una bambina Bianca di appena sei anni, da parte di un uno studente nero, Dedrick Owens,evidenzia i danni causati dalla una politica d'integrazione razziale forzata, sugli Americani d'origine Europea. Lo sceriffo Robert Pickell riferisce che il padre di Owens gli assicurò che
    Dedrick attaccò gli altri bambini semplicemente perché "li odiava". La morte violenta di Kayla Rolland costituisce solo un esempio delle migliaia di bambini Bianchi che hanno subito violenze criminali da parte delle minoranze nelle scuole pubbliche in tutta l'America. Quest'episodio ci costringe ad effettuare
    un'onesta discussione degli incalcolabili danni causati dalla politica di integrazione razziale,
    subiti dagli Americani di origine Europea. I mass media hanno agito di concerto per nascondere gli aspetti interazziali dell'uccisione di Kayla Rolland. Nessun'agenzia di stampa ha riportato che la vittima era Bianca ed il reo nero. Tutto ciò è in stridente contrasto con la copertura effettuata dei media sul caso relativo all'assoluzione di quattro ufficiali di polizia a New York.
    Sebbene non ci sia stata nessun'evidenza di animosità razziale, e nonostante che la stessa sentenza incluse anche quattro neri, parecchi giornali titolarono: "Quattro poliziotti Bianchi assolti nel caso dell'omicidio dell'immigrato nero".
    Lo si paragoni ai titoli della copertura relativa alla morte violenta di un bambino di sei anni, Jake Robel,ad opera di un ladro d'automobili nero di Kansas City. In quest'occasione di certo non comparvero titoli del tipo "Ladro d'automobili nero ha causato la morte di un bambino Bianco". I media
    eliminarono attentamente qualsiasi menzione relativa al fatto che l'assassino era nero e la vittima
    Bianca.Questa politica doppiopesistica trova ampi esempi nella copertura massmediatica di un violento omicidio, recentemente accaduto a Wilkinsburg PA. L'assassino nero affermò che era sua intenzione fare vittime Bianche, e chiamò le sue vittime come "maiali razzisti Bianchi". Di parecchi articoli,
    nessuno di essi identificò la razza dell'uccisore e neppure essi inclusero le sue affermazioni razziste mentre costui colpiva cinque persone Bianche.
    Se l'assassino fosse stato Bianco ed avesse ucciso dei neri, i giornali certamente avrebbero mostrato nei loro titoli "Razzista Bianco ha ucciso tre neri e feriti due". (Si veda a questo riguardo il caso di Benjamin Nathaniel Smith! N.d.T.)
    In America non è possibile parlare liberamente delle varie differenze razziali e del loro forte impatto su svariati aspetti della vita Americana. L'integrazione dell'educazione è una di queste aree delle quali non si può parlare liberamente. L'assassino di Kayla Rolland c'impone la necessità di dibattere onestamente quest'argomento così critico tra i ben educati Americani d'origine Europea.
    Perché le Scuole Sono State Integrate.
    Nel 1954, gli atti giudiziari della Corte Suprema e successivamente quelli della Corte Federale, sentenziarono che la segregazione razziale nell'educazione danneggiava gli studenti neri. La giustificazione utilizzata dalla Corte Federale fu che i neri come gruppo etnico sono
    danneggiati da una politica di segregazione. Ci si dovrebbe chiedere in quale modo i neri siano danneggiati semplicemente dal fatto di avere le proprie scuole, quando queste sono parimenti finanziate come le altre scuole.
    Ovviamente, gli studenti neri non sono fisicamente danneggiati dalla segregazione. Nelle loro scuole, popolate dalla loro stessa gente ed adattate secondo le loro necessità, i neri non devono temere attacchi fisici o qualsiasi specie di intimidazione da parte dei Bianchi. Non esiste nessun'evidenza che la segregazione danneggi i neri in qualche modo. Potrebbe essere sorprendente sapere invece
    che l'attuale politica di integrazione danneggia gli studenti neri. Ed inoltre, c'è un'inequivocabile evidenza del fatto che l'integrazione razziale forzata danneggi profondamente anche gli studenti Bianchi.
    La Segregazione Danneggia i Neri?
    Il principale studio che, si disse, indusse la Corte Suprema a bandire la segregazione razziale, fu quello che mostrò come i bambini neri nelle scuole segregate, quando si dà loro una possibilità di scelta, sceglievano di giocare con bambole Bianche invece che con quelle nere. I fautori dell'integrazione nascosero che gli studenti neri, in una scuola integrata, scelgono bambole Bianche persino ad
    una frequenza maggiore di quelli nelle scuole nere. Perciò lo studio che fu usato per dimostrare che la segregazione danneggia i neri, in realtà prova il contrario. La verità è che integrare i bambini Bianchi con i loro coetanei neri ingigantisce unicamente la percentuale degli insuccessi, paragonati a quelli degli studenti Bianchi. Il risultato consiste unicamente nella riduzione dell'autostima dei neri per prima cosa, ed inoltre, come le disparità razziali tendono a divenire più pronunciate, i neri tendono ad accusare il razzismo dei Bianchi per i loro insuccessi, cosa che a sua volta conduce ad ulteriore
    risentimento ed ostilità verso i Bianchi.
    I test d'apprendimento mostrano che gli studenti neri rimangono, in media, dai due ai quattro gradi più indietro rispetto ai loro compagni di scuola Bianchi.
    Dalla premessa che essi fossero allo stesso livello dei Bianchi, ed integrandoli forzatamente nelle scuole dei Bianchi, loro non stanno ottenendo la speciale attenzione che necessitano per superare i loro deficit nell'apprendimento. D'altro canto, anche i Bianchi che studiano nelle scuole
    sovraffollate da neri, i quali rimangono consistentemente più indietro dal punto di vista accademico, sono impediti nel loro sviluppo educativo.
    Naturalmente, l'inferiorità accademica dei Bianchi può essere spiegata come uno dei dannosi effetti dell'integrazione razziale forzata. Milioni di studenti Bianchi al giorno d'oggi devono tenere testa ad intimidazioni razziali, a molestie e violenza nelle scuole pesantemente integrate.
    L'Integrazione Razziale Danneggia gli Studenti Bianchi?
    È possibile rispondere inequivocabilmente a tale domanda, guardando la composizione razziale della violenza criminale in America. Il Dipartimento di Giustizia Americano conduce annualmente il programma del National Crime Victimization Survey (NCVS) con lo scopo di determinare la frequenza del crimine in America.
    Il più recente bollettino rilasciato nel 1994 ci dimostra che è 56 volte più probabile che un nero commetta un crimine contro un Bianco, che non il contrario.
    I neri sono responsabili di più del 90% dei crimini interazziali, sebbene essi costituiscano soltanto il 13% della popolazione.Spieghiamo meglio questi fatti: i neri non commettono semplicemente più del 50%, o del 100%, dei crimini interazziali, ma il 5600%!
    Nella zone degli attacchi delle bande criminali, come illustrato nello spezzone cinematografico relativo alla rivolta studentesca di Deacatur, Illinois, è più probabile, da 100 a 250 volte, che i neri siano coinvolti in attacchi di gruppo contro i Bianchi, che non viceversa. Qualcuno potrebbe dedurre che i neri attacchino i Bianchi poiché pensano che abbiano denaro o beni di valore, ma solo il 20% degli attacchi condotti da neri, sono delle rapine. Assalti e stupri non hanno solitamente motivi economici.
    Si presume generalmente che la maggior parte del crimine violento nero sia commesso contro altri neri. In ogni modo, il rapporto del NCVS dimostra unicamente come questo sia un mito mass-mediatico. Più del 55% dei crimini neri sono commessi contro Bianchi.Non solo la quota di crimini interazziali
    è così disparata, ma i neri hanno anche un tasso di atti di violenza criminale di carattere generale,incredibilmente più alto rispetto a quello dei Bianchi, cioè dal 300% all'800% più alto.
    Poiché una porzione rilevante di questi atti sono commessi da giovani, è ovvio come quest'elevato livello di criminalità nera incida fortemente sul crimine e sull'intimidazione nell'istruzione pubblica.
    Naturalmente l'intollerabile livello del crimine nero nelle scuole è solo uno dei tanti aspetti del danno causato agli Americani Bianchi dall'integrazione razziale. I problemi disciplinari dei neri deteriorano
    l'ambiente entro il quale avviene l'apprendimento degli studenti Bianchi. L'IQ ed i livelli medi d'apprendimento dei neri sono notevolmente più bassi di quelli degli studenti Bianchi. Cosicché i Bianchi nelle scuole forzatamente integrate risentono di un ambiente scolastico che certamente non sfrutta appieno il loro potenziale accademico. Il clima morale nelle scuole pesantemente integrate, è certamente meno desiderabile di quello della maggior parte delle scuole Bianche. L'uso di
    droghe illegali è almeno del 400% più elevato tra i neri rispetto ai Bianchi. Certi studi dimostrano che
    il tasso di malattie veneree, come l'AIDS, la gonorrea e la sifilide, è tra le 7 e 50 volte più elevato nei neri rispetto ai Bianchi.
    Il tasso di nascite illegittime è parecchie volte più alto che nei Bianchi.La piccola criminalità organizzata ed un osceno linguaggio da ghetto impregnano queste scuole, che possono certamente definirsi dannose agli studenti Bianchi come gruppo etnico.
    Se per la Corte Suprema è legittimo impostare le politiche educative in modo che non danneggino gli studenti neri come gruppo, perché allora non è appropriato osservare come queste nuocciano ai Bianchi?
    I Bianchi Abbandonano la Scuola Pubblica.
    L'integrazione forzata nelle scuole pubbliche ha costretto milioni di genitori di bimbi Bianchi all'abbandono del sistema educativo pubblico, sproporzionatamente finanziato dalle loro stesse tasse. In ogni importante città Americana avviene sia una fuga alla periferia dai degradati centri urbani, che una segregazione inversa nelle scuole private o religiose. I genitori,in buona coscienza, non possono mandare i loro bambini nelle scuole pubbliche, e coloro che non sono in grado di affrontare
    i costi di un'educazione privata debbono sopportare le dannose condizioni provocate dall'integrazione razziale. In realtà, i Bianchi sopportano una negazione dei loro principali diritti notevolmente maggiore di quella affrontata dagli studenti neri durante la segregazione. I neri ovviamente non debbono fronteggiare attacchi fisici ed intimidazioni da parte dei Bianchi nelle loro scuole.
    Qual è il più importante tra questi "diritti"? Il "diritto" di uno studente nero di sedersi accanto ad un Bianco, oppure il diritto di un bambino Bianco di essere libero da violenze ed intimidazioni a scuola? L'integrazione ha distrutto un sistema educativo sicuro e di qualità per milioni di Bianchi, e si è risolta nella negazione del diritto fondamentale degli Americani di origine Europea di poter usufruire della scuola pubblica, finanziata dalle loro stesse tasse. La Corte Suprema abolì la segregazione razziale affermando che era dannosa ai neri come gruppo etnico. L'evidenza schiacciante mostra che
    l'integrazione razziale ha danneggiato l'educazione pubblica in tutte le principali città Americane. È un esperimento fallito di ingegneria sociale che deve essere terminato. I nostri bambini devono avere il diritto di frequentare le nostre scuole pubbliche, e che queste scuole siano sicure, forniscano loro un eccellente ambiente cognitivo ed un sano clima morale e culturale, adatto alla nostra gente. Noi
    abbiamo il diritto di non essere costretti all'abbandono delle scuole pubbliche dalla violenza, dalle intimidazioni, e da un ambiente educativo sfavorevole. Il solo modo con il quale possiamo esercitare tale diritto, consiste nel terminare l'integrazione forzata e consentire la libertà di scelta ai nostri bambini. I sondaggi hanno ripetutamente dimostrato che la maggior parte dei Bianchi e dei neri vogliono andare a scuola per proprio conto. Per quella minoranza lobotomizzata di Bianchi e di neri che vogliono integrarsi, consentiamo loro, all'interno di un programma scolastico guidato,che abbiano tutta quanta l'integrazione che essi potranno sopportare.
    Nel caso di Kayla Rolland, l'integrazione razziale l'ha costretta a vivere in un ambiente con studenti neri che provengono sproporzionatamente da un retroterra criminale. Integrazione e educazione, che in ultima analisi hanno causato il suo assassinio.
    La realtà di un assai alto tasso di criminali e tossicodipendenti neri, quando è unita ad una forzata integrazione razziale, ha conseguenze tragiche. Una di queste conseguenze ha privato una bellissima bambina, Kayla Rolland, della sua vita. Kayla è un'altra vittima dell'integrazione razziale, ed è una vittima che noi, dedicati alla difesa dei nostri diritti e della nostra eredità, non dimenticheremo mai.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    07 May 2009
    Località
    INSUBRIA, next to the Ticino river
    Messaggi
    6,738
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

  3. #3
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    07 May 2009
    Località
    INSUBRIA, next to the Ticino river
    Messaggi
    6,738
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

  4. #4
    decolonizzare l'immaginario
    Data Registrazione
    09 Oct 2004
    Località
    Venezia
    Messaggi
    6,260
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: DA LEGGERE

    Originally posted by Jenainsubrica
    http://www.white-history.com/hwr67.htm
    _______________________________________________

    Se non ci organizziamo in modo forte, non c'è niente da fare, lìimperialismo vive di questo.

    Dobbiamo assumere una posizione come quella della Svizzera e se è il caso, adottare forme di lotta molto dure.

    L'unica chance che hanno i popoli europei, è abbattere rapidamente il potere centrale degli stati nazionali attuali, EU inclusa, c'è una emergenza totale in atto, o noi o loro.

    Quindi, forza bretoni, corsi, baschi, fiamminghi, catalani, sardi, padani, irlandesi, scozzesi.

    Dobbiamo smontare i "giocattoli" dell'imperialismo.

    Ciao

 

 

Discussioni Simili

  1. Jean Seberg,una vittima del razzismo e del sistema USA
    Di Nazionalistaeuropeo nel forum Socialismo Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 31-01-13, 18:19
  2. Ricordiamo una vittima del razzismo e della democrazia
    Di Nazionalistaeuropeo nel forum Socialismo Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 21-08-12, 21:53
  3. Amos Luzzatto: "Io, vittima del 38, dico che siamo al razzismo"
    Di Monsieur nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 13
    Ultimo Messaggio: 08-05-09, 21:47
  4. Hina Saleem, la vittima più vittima di tutte
    Di bsiviglia nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 195
    Ultimo Messaggio: 16-08-06, 15:48
  5. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 24-04-06, 16:47

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226