User Tag List

Pagina 1 di 3 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 22
  1. #1
    AnarcoLiberale ''egoista'
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    2,894
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito SOLIDARIETA' A GIORGIO FIDENATO!

    Il gruppo di radicali e libertari di Caserta dell’Associazione radicale: “Legalità e Trasparenza’’ e della Cellula Luca Coscioni di Caserta esprime pubblicamente solidarietà a Giorgio Fidenato. Il 19 Novembre alle ore 11:00 presso il tribunale di Pordenone si terrà il processo a Giorgio Fidenato, lo stato torna a reprimere chi cerca di difendere il diritto naturale al godimento delle propria proprietà individuale. Fidenato in questi ultimi mesi ha dato vita ad una battaglia di disobbedienza fiscale, rifiutandosi di fare il gabelliere gratuitamente per conto dello stato, con Fidenato è iniziata una vertenza importantissima, una vertenza politica, culturale e di libertà, la battaglia contro il sostituto d’imposta. Giorgio Fidenato, presidente e fondatore del movimento Agricoltori federati di Pordenone, versa ai propri sei dipendenti lo stipendio lordo, rifiutandosi di esercitare la funzione di sostituto di imposta e, di conseguenza, di fare le trattenute di legge (come Irpef, Inps, addizionali regionale e comunale). Questa è una battaglia libertaria perché nessun imprenditore deve esser costretto a lavorare gratuitamente per lo stato e tutti i lavoratori hanno diritto di sapere a quanto ammonta lo stipendio lordo senza le trattenute fiscali, ed è proprio questo che da fastidio allo stato centralista e al sindacalismo corporativistica.
    Con questa lettera invitiamo tutti i cittadini ad essere vicini a Fidenato, chi può sia a Pordenone il 19 Novembre, la stampa dia risalto a queste iniziative e speriamo che la libertà trionfi.
    La lettera è sottoscritta, anche, da Domenico Letizia.

    .::: Movimento Libertario :::.
    Liberalizzare la produzione di Moneta ORA!
    http://www.lucidamente.com/wordpress...nostre-monete/

    Autogestione delle reti idriche!

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    100% Radicale
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    3,866
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: SOLIDARIETA' A GIORGIO FIDENATO!

    bella idea questo thread, posterò un po' di documenti su Fidenato, graditissimo ospite all'ultimo congresso di Radicali Italiani

  3. #3
    100% Radicale
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    3,866
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: SOLIDARIETA' A GIORGIO FIDENATO!

    Santarossa: sit in dei radicali a Pordenone, a fianco di Giorgio Fidenato per l'abolizione del sostituto di imposta

    18 novembre 2009



    * Di Stefano SANTAROSSA, presidente di RADICALI FRIULANI:


    Domani 19 novembre i radicali saranno davanti al tribunale di Pordenone a partire dalle 10.30 per testimoniare la vicinanza e supporto della battaglia di Giorgio Fidenato per l'abolizione del sostituto d'imposta.
    Si tratta della prima udienza del processo Stato contro Giorgio Fidenato, il coraggioso imprenditore agricolo che ha deciso, da gennaio scorso, d'abolire il sostituto d'imposta per i suoi dipendenti e consegnare loro i loro stipendi lordi in busta paga.
    L'iniziativa di Fidenato si inserisce nella lotta che i radicali hanno condotto nell'ultimo decennio con proposte referendarie e legislative per abolire la trattenuta alla fonte per i lavoratori dipendenti.
    Riteniamo importante consentire a tutti i cittadini di ricevere interamente i propri guadagni e di versare solo successivamente le imposte, tutti con le stesse modalità.
    Una vera democrazia esige che i cittadini, prima di ogni altra cosa, possano rendersi conto di quanto l’imposizione fiscale incida sulla loro busta paga e sui loro redditi. Oggi in Italia, per la grande massa dei lavoratori dipendenti, ciò è impedito.

    È il datore di lavoro, infatti, che ogni mese trattiene alla fonte e provvede a versare allo Stato le tasse dovute dal lavoratore. Ciò che il lavoratore riceve in busta paga, quindi, non è lo stipendio cui ha diritto, ma solo ciò che dello stipendio gli rimane dopo aver pagato le tasse, salvo i conguagli definitivi su base annuale. Se egli si rendesse davvero conto di quanto lo Stato gli sottrae in termini di sole imposte dirette, pretenderebbe dallo Stato una buona utilizzazione di quel denaro e chiederebbe conto a chi governa dei disservizi, degli sprechi e del pessimo funzionamento dei pubblici uffici.

  4. #4
    100% Radicale
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    3,866
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: SOLIDARIETA' A GIORGIO FIDENATO!

    L?imprenditore anti-fisco fa proseliti
    Ieri manifestazione a difesa di Fidenato prima del processo in tribunale

    • da Il Messaggero Veneto del 20 novembre 2009

    di Elena Del Giudice

    «Non voglio fare il “gabelliere” per conto dello Stato». E per difendere questa posizione, Giorgio Fidenato è comparso ieri mattina davanti al giudice del tribunale di Pordenone Riccio Cobucci, chiamato in causa dall’Inps per il mancato versamento all’istituto dei contributi prelevati
    dagli stipendi dei dipendenti.
    Ma Agricoltori Federati non li ha tenuti in tasca quei soldi. Li ha versati ai propri lavoratori, insieme alle trattenute fiscali, a quelle per l'assicurazione contro gli infortuni, e a tutte le altre voci della retribuzione. In buona sostanza: Fidenato dal primo gennaio 2009 consegna ai dipendenti il loro intero stipendio, comprese quelle somme che nemmeno vengono evidenziate nel cedolino paga. Il risultato è che anzichè ricevere, ad esempio, un assegno da 1.500 euro, se ne trovano uno da 3.700. Da questo lordo, ciascuno verserà - nelle intenzioni - agli enti previdenziali e allo Stato, la parte di competenza. Peccato non gli sia riuscito: l’Inps ha risposto “no, grazie”, l’Agenzia delle Entrate ha restituito i soldi che i lavoratori avevano versato di iniziativa.
    La prima conseguenza è arrivata dall’efficiente Istituto nazionale di previdenza sociale, che prima ha invitato Fidenato a ottemperare alle disposizioni e a versare i contributi, quindi ha emesso delle cartelle esattoriali per la riscossione degli importi dovuti. Da qui la comparsa di Fidenato ieri in tribunale a Pordenone. Un’udienza tecnica e nulla di più, quella svoltasi a palazzo di giustizia, nel corso della quale l’Inps ha spiegato le proprie ragioni, e Fidenato ha ribadito il concetto che sta alla
    base della sua battaglia: «Non possono esserci norme, secondo il nostro dettato Costituzionale, che impongano a un imprenditore di svolgere la funzione del sostituto d’imposta per conto dello Stato». Il passo successivo del ragionamento è: le norme che mi costringono a fare questo secondo me
    sono anticostituzionali e quindi si chiede il pronunciamento della massima Corte sulla materia.
    Per quel che riguarda la mera cronaca della vicenda, tutto si è concluso in meno di mezz’ora con una data per la prossima udienza già fissata per il 28 gennaio. Ma a dare man forte all’imprenditore pordenonese che ha ingaggiato la più classica delle battaglie all’insegna di Davide contro Golia, sono arrivati in tanti e da mezza Italia. Per lo più si tratta di imprenditori,
    ma non sono mancati impiegati, militanti politici, simpatizzanti, giunti da Roma, Toscana, Lombardia, Veneto, oltre che da altre province del Friuli.
    Movimento libertario, Radicali, Nuovo Psi, Fronte Friulano, Life e Life federale. In tutto una cinquantina di persone che si riconoscono, appoggiano, sostengono la battaglia di Fidenato, che poi è «una battaglia per la libertà: io non devo lavorare per un altro, men che meno per lo
    Stato», ha ribadito Fidenato nel corso della conferenza stampa al termine dell’udienza. Pieno appoggio dal movimento libertario guidato di Facca, che individua in questa vicenda «la testa d’ariete» per scardinare lo statalismo, oltre che da Stefano Santarossa, presidente dei Radicali
    friulani, che ricordando un precedente tentativo referendario sul tema (l’abolizione del sostituto d’imposta) ha garantito l’appoggio del movimento fondato da Pannella.

  5. #5
    *****istrator
    Data Registrazione
    29 Mar 2009
    Messaggi
    863
    Mentioned
    15 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: SOLIDARIETA' A GIORGIO FIDENATO!

    Un grazie a Giorgio per quel che sta facendo. Spero alla prossima occasione di poterci essere anche io.


    Scusa Nicola, invece di quotare ti ho editato Ho editato un amministratore, va a finire che mi becco un ban di 3 anni
    Ultima modifica di LIBERAMENTE; 25-11-09 alle 15:43

  6. #6
    repubblicano perciò di Sx
    Data Registrazione
    02 Apr 2009
    Località
    dove il dubbio è impossibile la certezza è sempre eguale
    Messaggi
    12,169
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: SOLIDARIETA' A GIORGIO FIDENATO!

    ecco una delle cose sulle quali sono in netto contrasto con i radicali.
    Con questo sistema salterebbe il sistema dei controlli sui versamenti previdenziali ed a guadagnarne sarebbero unicamente gli evasori ed i piccol commercialisti , od i patronti sindacali, a cui i lavoratori dipendenti finirebbero con il rivolgersi.
    La gran massa di lavoro in più per l'amministrazione dello stato renderebbe ancor più difficile all'evasione fiscale e previdenziale e generebbe un grandissimo aumento dei costi di sistema; ben maggiore di quell che risparmierebbero le aziende.
    Se poi si crede che questo sia il modo pee eliminare l'attuale sistema previdenziale, auguri.
    Ma è su tutto ciò che riguarda sistemia previdenziale e rapporti di lavoro che mi sembra che i radicali si lascino affascinare dal primo dilettante allo sbarraglio. Tra l'altro, non di rado, considerando i lavoratori dipendenti dei beoti non capaci di leggere una busta paga. O come quando si propone che le aziende, tout court, non effettuino le trattenute sulle quote di adesione ai sindacati. Così verrà a costare più il bonifico che il dipendente dovrà fare mensilmente al sindacato, al quale desidera restare iscritto, che non il contributo stesso.
    E' naturale che le aziende si lamentino per costi che ritengono impropri; ma vi è anche da osservare che non è che lo stato non sostenga costi per mantenere in vita il sistema produttivo italiano, e che certi costi che si scaricherebbero sui lavoratori in maniera maggiore di quello che gravano sulle imprese trovano una contropartita dnel fatto, che di fatto, sono sostitutivi di quattrini che il giorno dopo verrebbero chiesti in maggior salario.
    Tutto questo, mi sembra dimostri semplicemente che troppo piccoli imprenditori hanno difficotà a rendersi conto di operare in un sistema complesso.
    Non credo che il liberismo della pasticceria viennese o l'anarco capitalismo all'americana , con la loro analisi semplicisticche ben oltre il limite della demagogia, siano la strada giusta per quanti vogliono far proprie le battaglie di Ernesto Rossi contro i padroni del vapore ed i furbi delle più varie specie.
    Ultima modifica di edera rossa; 25-11-09 alle 21:54
    "E' decretato che ogni uomo il quale s'accosta alla setta dei moderati debba smarrire a un tratto senso morale e dignità di coscienza?" G. Mazzini

    http://www.novefebbraio.it/

  7. #7
    ********** ***** Radicali
    Data Registrazione
    04 Apr 2009
    Località
    http://www.radicali.it/
    Messaggi
    5,427
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: SOLIDARIETA' A GIORGIO FIDENATO!

    Citazione Originariamente Scritto da Nicola Visualizza Messaggio
    Un grazie a Giorgio per quel che sta facendo. Spero alla prossima occasione di poterci essere anche io.


    Scusa Nicola, invece di quotare ti ho editato Ho editato un amministratore, va a finire che mi becco un ban di 3 anni
    repapelle:
    Che aveva scritto?

    Citazione Originariamente Scritto da edera rossa Visualizza Messaggio
    ecco una delle cose sulle quali sono in netto contrasto con i radicali.
    Con questo sistema salterebbe il sistema dei controlli sui versamenti previdenziali ed a guadagnarne sarebbero unicamente gli evasori ed i piccol commercialisti , od i patronti sindacali, a cui i lavoratori dipendenti finirebbero con il rivolgersi.
    La gran massa di lavoro in più per l'amministrazione dello stato renderebbe ancor più difficile all'evasione fiscale e previdenziale e generebbe un grandissimo aumento dei costi di sistema; ben maggiore di quell che risparmierebbero le aziende.
    Se poi si crede che questo sia il modo pee eliminare l'attuale sistema previdenziale, auguri.
    Ma è su tutto ciò che riguarda sistemia previdenziale e rapporti di lavoro che mi sembra che i radicali si lascino affascinare dal primo dilettante allo sbarraglio. Tra l'altro, non di rado, considerando i lavoratori dipendenti dei beoti non capaci di leggere una busta paga. O come quando si propone che le aziende, tout court, non effettuino le trattenute sulle quote di adesione ai sindacati. Così verrà a costare più il bonifico che il dipendente dovrà fare mensilmente al sindacato, al quale desidera restare iscritto, che non il contributo stesso.
    E' naturale che le aziende si lamentino per costi che ritengono impropri; ma vi è anche da osservare che non è che lo stato non sostenga costi per mantenere in vita il sistema produttivo italiano, e che certi costi che si scaricherebbero sui lavoratori in maniera maggiore di quello che gravano sulle imprese trovano una contropartita dnel fatto, che di fatto, sono sostitutivi di quattrini che il giorno dopo verrebbero chiesti in maggior salario.
    Tutto questo, mi sembra dimostri semplicemente che troppo piccoli imprenditori hanno difficotà a rendersi conto di operare in un sistema complesso.
    Non credo che il liberismo della pasticceria viennese o l'anarco capitalismo all'americana , con la loro analisi semplicisticche ben oltre il limite della demagogia, siano la strada giusta per quanti vogliono far proprie le battaglie di Ernesto Rossi contro i padroni del vapore ed i furbi delle più varie specie.
    Non capisco perché l'evasione fiscale debba rimanere un privilegio degli imprenditori e perché Rossi dovrebbe essere in disaccordo con l'abolizione di ciò.

  8. #8
    *****istrator
    Data Registrazione
    29 Mar 2009
    Messaggi
    863
    Mentioned
    15 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: SOLIDARIETA' A GIORGIO FIDENATO!

    Citazione Originariamente Scritto da Nicola Visualizza Messaggio
    Un grazie a Giorgio per quel che sta facendo. Spero alla prossima occasione di poterci essere anche io.


    Scusa Nicola, invece di quotare ti ho editato Ho editato un amministratore, va a finire che mi becco un ban di 3 anni
    repapelle: Sai che mi frega? Era un comunicato di Mazzilli, arrivato via Fb, ora gli do il tuo num. così ti massacra lui! :sofico:

  9. #9
    Forumista senior
    Data Registrazione
    26 Nov 2009
    Messaggi
    4,807
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: SOLIDARIETA' A GIORGIO FIDENATO!

    ----- Original Message -----
    From: pietroancona@tin.it
    To: presidente@agricoltorifederati.it
    Cc: pane-rose@tiscali.it
    Sent: Thursday, November 26, 2009 2:40 PM
    Subject: Risposta



    Caro Signor Fidenato,
    lei sa benissimo di avere sollevato la questione del sostituto di imposta come grimaldello per scardinare qualcosa di ben più importante e cioè la fiscalità generale dello Stato. In atto lei corrisponde ai lavoratori il lordo ma ogni cosa ha un principio, una evoluzione, un assestamento generale. Non possiamo escludere che avendo in mano l'ammontare delle tasse che i lavoratori dovrebbero pagare i datori di lavoro decidano poi di trattenerli e di non darli nè ai lavoratori stessi nè allo Stato. Non sarebbe la prima volta che succede nel nostro Paese. Insomma, alla fine, la vostra idea è espressa quando, nel frontispizio del vostro sito, scrivete: "le tasse sono un furto." Le tasse, che certamente vanno riviste abolendo alcune assurdità come gli studi di settori, se eque ed applicate con giustizia, sono il fondamento della coesione sociale e della convivenza civile. Se diventano troppo pesanti e vengono usate per foraggiare il parassitismo delle oligarchie politiche e le loro clientele, diventano pericolose per la democrazie. Il federalismo fiscale voluto dai leghisti porterà ad un appesantimento fiscale che potrebbe risultare insopportabile. Già paghiamo l'Irpef regionale e comunale in quasi tutte le regioni d'Italia e le Regioni sono costosissime con stipendi ai consiglieri regionali ed ai membri della giunta regionale di governo veramente scandalosi. Le privatizzazioni aumentano terribilmente i costi di gestione perchè si debbono mantenere presidenti e consiglieri di amministrazione a milioni di euro l'anno. Mi risulta che nel Veneto c'era, non so se ancora, un tratto di autostrada amministrato da due o tre consigli di amministrazione!
    Le tasse bisogna pagarle equamente ma dobbiamo pretendere che i soldi ricavati vengono utilizzati per il bene dei cittadini e della comunità. Cominciando a tagliare le spese della politica.
    Da giovane ho fatto il Consigliere Comunale della mia città. La carica era completamente gratuita. Tutto funzionava più o meno come ora e forse meglio. Ora il consigliere comunale percepisce uno stipendio di tremila euro al mese ed in più ha un budget per la segreteria più le consulenze che si offrono agli amici professionisti e che spesso non servono proprio a nulla. Vada a vedere quante consulenze ha la Regione Veneto e le sommi a quelle di tutte le amministrazioni pubbliche della regione. Vedrà che ammontano a centinaia e centinaia di milioni di euro che potrebbero essere risparmiate per abbassare le sue tasse e dare delle opportunità in più ai giovani....
    Vi invito anche a considerare che la proprietà è stata proposta diritto naturale da Locke nel sedicesimo secolo. Il Locke come sapete è fondatore dell'ideologia capitalistica, il liberalismo, e per fare quadrare tutta la piattaforma rivendicativa della borghesia nei confronti dell'aristocrazia che faceva derivare la proprietà soltanto da un dato di ereditarietà e da un diritto "divino" e legittimare
    una provenienza "volgare" della proprietà ( sfruttamento esseri umani, schiavitù, commercio, speculazioni in borsa etcc..) la classificò tra i diritti naturali. Ma la proprietà non è diritto naturale ma
    positivo regolato dalle leggi della comunità in cui si rivendica o se ne vuole la protezione.

    Pietro Ancona


    La proprietà non è un diritto naturale | tarantula | Il Cannocchiale blog
    Cordialmente
    Pietro Ancona




    ,

  10. #10
    repubblicano perciò di Sx
    Data Registrazione
    02 Apr 2009
    Località
    dove il dubbio è impossibile la certezza è sempre eguale
    Messaggi
    12,169
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: SOLIDARIETA' A GIORGIO FIDENATO!

    Citazione Originariamente Scritto da Burton Morris Visualizza Messaggio
    repapelle:
    Che aveva scritto?


    Non capisco perché l'evasione fiscale debba rimanere un privilegio degli imprenditori e perché Rossi dovrebbe essere in disaccordo con l'abolizione di ciò.
    semplicemente non deve essere un privilegio di nessuno; se incasini ancor di più l'amministrazione dello stato i cittedini a reddito fisso vengono beccati e gli imprenditori , che necessitano di una analisi più complessa, aumentano le loro possibilità di farla franca.

    Ad Ernesto Rossi non piacevano i furbastri.
    Ultima modifica di edera rossa; 27-11-09 alle 02:26
    "E' decretato che ogni uomo il quale s'accosta alla setta dei moderati debba smarrire a un tratto senso morale e dignità di coscienza?" G. Mazzini

    http://www.novefebbraio.it/

 

 
Pagina 1 di 3 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Risposte: 38
    Ultimo Messaggio: 02-06-13, 15:47
  2. Risposte: 12
    Ultimo Messaggio: 19-04-12, 23:51
  3. lettera a Giorgio Fidenato
    Di pietroancona nel forum Radicali Italiani
    Risposte: 13
    Ultimo Messaggio: 29-11-09, 23:40
  4. la ridicola protesta di Fidenato
    Di spring nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 24
    Ultimo Messaggio: 12-08-09, 21:17
  5. Solidarietà a Franco Giorgio Freda !
    Di bonconti (POL) nel forum Destra Radicale
    Risposte: 19
    Ultimo Messaggio: 21-06-05, 23:08

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226