User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2
  1. #1
    Forumista senior
    Data Registrazione
    08 Jun 2003
    Località
    Milano - Distinguersi per non estinguersi
    Messaggi
    2,101
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Post Un articolo di Massimo Fini

    QUEL PAPA MONDANO E MEDIATICO
    Le agonie di Pio XII e di Paolo VI si svolsero in un silenzio quasi assoluto, rotto solo da qualche scarno comunicato, che dava una straordinaria intensità all'evento che stava per compiersi, la fine di papa Wojtyla è avvolta in un frastuono e in una grancassa massmediatica che infastidiscono e disturbano sottraendole ogni autentica commozione. Ma non poteva essere che così. Wojtyla è stato un papa massmediatico e qui sta la ragione del suo immenso successo personale e insieme del sostanziale fallimento del suo pontificato. Durante i 26 anni la popolarità di Wojtyla non ha fatto che aumentare nella stessa misura in cui, nello stesso periodo, crollavano le vocazioni e in Occidente, soprattutto quello cattolico, scompariva il senso del sacro. Ciò significa che Wojtyla, era percepito dalla gente come una grande STAR del firmamento internazionale, come Elton John o un Bruce Springsteen di un carisma quindi mondano, privo di un'autentica autorità morale. Tant'è vero che quando Wo!
    jtyla tuonò contro la guerra, [ (senza addurre alcuna motivazione a quest'invocazione) nota del trascrittore] neppure la cattolicissima Spagna di Aznar gli diede alcuna retta. Di un narcisismo quasi patologico, tale da indurlo ad esibire impudicamente la sua sofferenza, [ ma questo fa parte della massmedialità. N.d.t], nel tentativo di conquistare tutti ha finito per non affascinare veramente nessuno. E' paradossale la parabola di questo papa. Uomo dai valori forti, antichi, tradizionali, pretridentini, li ha viavia offuscati nell'ansia da apparire e, con l'uso a tappeto degli strumenti di comunicazione di massa, la TV, i jet, i viaggi, la creazione di"eventi", la tessa " papamobile", ha finito per trasmettere un messaggio di mondanità e di modernità, [ Il mezzo "è" il messaggio, diceva Mac Luhan], che di quei valori sono l'esatta antitesi. [ Eterogenesi dei fini. N.d.t.]
    Il suo stesso ecumenismo religioso si rivela, a ben guardare, perfettamente funzionale alla globalizzazione che è il trionfo proprio di quel mercato che Wojtyla a parole, ma mai veramente forti e decise, condannava. Anche il fatto di essere stato un papa molto "politico", che ha contribuito in modo determinante alla caduta del comunismo sovietico ed alla dissoluzione della Yugoslavja, col pesante appoggio dato all'indipendenza croata, non ha favorito l'ascolto del suo messaggio spirituale. E' sceso troppo nel mondo ed ha usato troppo i suoi mezzi per essere "distinto" dal mondo. Per cui la Chiesa di Wojtyla ha lasciato un vuoto spirituale che è stato riempito in vario modo, dalle religioni orientali, in particolare il buddismo; dall'islamismo, dalle sètte e addirittura dai quei culti poveri, poverissimi, così lontani dalla raffinatezza psicologica del cristianesimo, che sono l'occultismo, il satanismo, e persino l'astrologia.
    L'uomo occidentale di oggi, non ha bisogno di mondo, ne ha fin sopra i capelli, ha un disperato bisogno di " spirito" e credo che, in questo senso, vedesse più lontano mons. Lefebvre che proprio papa Wojtyla ha emarginato e scomunicato. E io credo che fra qualche anno, lasciati alle spalle l'entusiasmo conformistico ed il narcisismo simbiotico che hanno accompagnato l'intera parabola di Wojtyla e che in questi giorni vede il mondo stringersi intorno al suo capezzale, evitando parole crude anche per il rispetto che sempre si deve ad un uomo che muore (ma tutti moriamo, non dovrebbe essere uno scandalo, tanto meno in chi crede in una vita ultraterrena), quello di Giovanni Paolo II sarà ricordato, nonostante l'enorme ed anche generosa spesa di sé che Karol Wojtyla ha fatto per un quarto di secolo, come pontificato che ha assestato il colpo definitivo ad una Chiesa altrettanto morente. [ Nota ulteriore del trascrittore: il caso Wojtyla, a mio modesto avviso, rientra nell' ambito!
    dei tentativi di interpretazione della modernità. Contrariamente alla riservatezza dei Papi precedenti, qui, sfruttando l' esuberante personalità di questo polacco, peraltro anche giovane, la Chiesa ha tentato un esperimento: ha cercato di capire se la crisi della religiosità, conseguenza della modernizzazione e della secolarizzazione, poteva essere combattuta con un' arma propria della modernizzazione stessa: la massmedianità. L' esperimento è ancora in corso, perché la grancassa massmediatica continua a rullare, almeno sui nostri schermi. Cosa deciderà in futuro il Sinedrio cattolico? Non lo sappiamo. Possiamo però intuirlo dalla storia del passato personale che potrà esibire il prossimo papa, anche se personalità forti non sembrano delinearsi al momento all' orizzonte, perché fino ad oggi offuscate dalla massmedialità di Karol. In ogni caso è bene ricordare che la iniziale geopolitica del defunto pontefice, quale il coordinamento, se non la guida, nonché la tutela di !
    tutte le situazioni ( nazioni, etnie, popolazioni,) deboli ed !
    indifese
    del mondo ( linea che ancora oggi moltissimi missionari "cattolici" tra rischi e difficoltà di ogni genere compreso il pericolo di vita continuano a perseguire), fu abbandonata per perseguire, secondo una antica tradizione del papato, una politica di assecondamento dei potentati globali, economici, petroliferi, finanziari. Nessuno infatti può credere alle sole dichiarazioni rilasciate a parole contro guerre di pura conquista come quella contro la Yugoslavja, contro la Palestina, contro l' Afghanistan, contro l' Iraq. Quest' ultima particolarmente odiosa perché questo paese, martoriato per oltre 10 anni, è abitato da un' alta percentuale di cattolici.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Ordine e Disciplina
    Data Registrazione
    08 Apr 2002
    Località
    Reazione, Tradizione, Controrivoluzione, Restaurazione, Legittimismo, Sanfedismo
    Messaggi
    5,143
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Massimo Fini è sempre un grande.
    Siamo nella situazione per cui ci vuole un mezzo ebreo che credo non sia mai stato cristiano, a dare lezioni di cattolicesimo al Papa.

 

 

Discussioni Simili

  1. Articolo di Massimo Fini del 1992 .
    Di alberto90 nel forum Padania!
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 03-03-11, 00:41
  2. Articolo di Massimo Fini
    Di YSBYSB nel forum Padania!
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 25-01-08, 23:39
  3. Articolo di Massimo Fini
    Di Rodolfo (POL) nel forum Destra Radicale
    Risposte: 9
    Ultimo Messaggio: 10-11-05, 01:11
  4. Articolo di Massimo Fini
    Di Spirit nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 22-03-04, 08:52

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226