User Tag List

Risultati da 1 a 5 di 5
  1. #1
    Blut und Boden
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Località
    Lothlorien
    Messaggi
    49,472
    Mentioned
    39 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Così parlava lo stronzo

    Immigrati, Frattini: sì cittadinanza a punti
    Quando Fini diceva: tornino a casa loro

    | 24/11/2009 |

    L'idea del riconoscimento a punti della cittadinanza italiana per gli immigrati «mi sembra un'idea interessante, va approfondita ma non è da scartare a priori». A dichiararlo è stato il ministro degli Esteri italiano Franco Frattini, rispondendo ad una domanda di Maurizio Belpietro durante la rubrica 'La telefonata' in onda su Canale 5. «Io credo - ha affermato il capo della diplomazia italiana - che la cittadinanza per un immigrato è un raggiungimento di un traguardo, non è l'inizio: non si può immaginare che chi arriva in Italia per ciò solo maturi un diritto a diventare cittadino italiano. Lo si diventa dopo un lungo percorso, che passa per il lavoro, per il rispetto della legge, per il rispetto della nostra costituzione e delle nostre regole. Vi sono paesi - ha infine ricordato Frattini - dove questo meccanismo dei punti, il Canada, gli Stati Uniti, è già in vigore per il riconoscimento dei permessi di lavoro di lunga durata, che sono l'anticamera per ottenere la cittadinanza».





    Quando Fini voleva gli immigrati a casa loro - «La società multirazziale è un ibrido meticciato che scatena solo guerre tra poveri». Sapete chi ha pronunciato queste parole? Gianfranco Fini. Certo, erano altri tempi. Era l’aprile del 1992 e lui faceva ancora il segretario del Movimento sociale. Il Fini di oggi, lo sappiamo, in certe frasi non si riconosce più. Tanto che sabato scorso è stato molto chiaro: «Chi dice che gli stranieri sono diversi è uno stronzo». Cambiare idea, ovviamente, è più che legittimo.





    Ma è interessante rileggere le dichiarazioni che l’attuale presidente della Camera faceva all’epoca del Msi. Noi ne abbiamo raccolte un po’.





    20.1.1987





    «L’alternativa al sistema resta la nostra strategia: un’alternativa politica che mira a restituire l’Italia agli italiani».





    11.6.1989





    «L’Europa deve portare, nei paesi del terzo e del quarto mondo, la sua tecnica, la sua opera di civilizzazione, la sua esperienza, la sua potenza economica, per insegnare ai popoli del terzo e del quarto mondo a vivere e progredire rimanendo nei territori in cui sono nati».





    12.1.1990





    «La presenza massiccia degli immigrati ha fatto prevalere la loro cultura e tradizione su quelle locali, o ne ha comunque snaturato gli aspetti in un ibrido meticciato culturale oltre che etnico. La nostra iniziativa non può tuttavia ridursi alla banale, errata e miope richiesta di chiudere ermeticamente le frontiere europee… Da un movimento come il nostro, memore della grande opera di civilizzazione esercitata dall’Italia nella sua pur breve esperienza coloniale (che brilla per umanità e lungimiranza se raffrontata alle esperienze francesi, belghe e inglesi) devono venire ben altre risposte».





    9.7.1991





    «Il Msi è contro la società multirazziale».





    11.7.1991





    «Io contesto che per l’Italia e per l’Europa la prospettiva di una società multirazziale sia ineluttabile. L’Occidente ha il dover di aiutare i popoli del terzo mondo, ma a casa loro. È demagogico lasciare che l’Italia venga invasa da migliaia di immigrati extracomunitari».





    1.8.1991





    «L’immigrazione sta diventando in molti casi un fardello per gli italiani onesti. Il Msi non ha alcuna intenzione di abbracciare tesi di tipo razzistico, ma, essendo erede del fascismo, può serenamente dire che non siamo noi italiani a doverci difendere dall’accusa di razzismo, perché l’Italia portò in Africa il lavoro, il sacrificio, la civiltà, facendo rifiorire le sabbie desertiche per dare vita ai giardini… Con la stessa lungimiranza di allora diciamo che oggi l’Italia non può assistere impotente a queste ondate migratorie che sommergono il nostro Continente senza porre in essere quegli strumenti di difesa indispensabili per evitare ai nostri figli di vivere in una società multirazziale».





    8.8.1991





    «Non si tratta di fare la caccia allo straniero, ma di chiudere le frontiere più aperte del mondo».





    9.8.1991





    «L’immigrato regolarizzato non è un cittadino ma un ospite, e un ospite ha dei doveri elementari. Per essere più chiaro: l’extracomunitario che delinque non può aspettare i tre gradi di giudizio, va immediatamente espulso».





    9.8.1991





    «Davvero è ineluttabile la trasformazione delle nostre città in metropoli della violenza multirazziale? Noi diciamo di no».





    3.3.1992





    «Non siamo razzisti, ma non ci scandalizziamo se qualcuno va in giro con la testa rasata. I naziskin sono un fenomeno che dimostra i guai morali di questa società…».





    27.3.1992





    «Le Pen ha dimostrato il grande consenso che certi temi hanno nella società francese… e la situazione italiana, di qui a qualche anno, rischia di essere simile».





    4.4.1992





    «La società multirazziale è un ibrido meticciato che scatena solo guerre tra poveri».





    20.9.1992





    «Ci accusano di razzismo? Rispondo con una frase di Mussolini: “Il razzismo è la sovrana imbecillità, roba per popoli biondi”. La verità è che noi ci batteremo fino in fondo contro la nascita di una società multirazziale. Si illude chi la immagina pacifica. La massicce immigrazioni che incombono sull’Italia provocherebbero fenomeni di acuta tensione sociale. Più che aprire le frontiere, occorre aiutare i popoli del terzo mondo intervenendo con investimenti economici e produttivi. Vorrei solo ricordare che in Somalia ci rimpiangono ancora».








    4.12.1993





    «Sono contrario a concedere il voto amministrativo ai cittadini stranieri residenti in Italia… Non credo che l’ospite straniero possa avere gli stessi diritti dei cittadini italiani».





    Le dichiarazioni sono tratte da “Il fascista del 2000”, di Corrado De Cesare, e da “Settanta interviste a Fini”, a cura di Francesco Storace.





    (di Francesco Borgonovo e Alberto Busacca)





    La vicenda-Fini: stronzo chi li dice diversi - Basta giri di parole. Inutile utilizzare mezzi termini: Gianfranco Fini va dritto e si scaglia contro chi usa "qualche parola di troppo" nei confronti degli immigrati. È uno “stronzo”, ha detto il presidente della Camera, “chi afferma che gli immigrati sono diversi” da noi. Nel corso di un incontro nel centro Semina di Torpignattara a Roma, Fini si è a lungo intrattenuto con i ragazzini della associazione "Nessun luogo è lontano". Ha chiesto loro se “qualche volta” gli “pesa essere qui. C’è qualcuno che ve lo fa pesare? O qualche volta c’è qualche stronzo che dice qualche parola di troppo?". I ragazzini ridono e il presidente della Camera prosegue: "Uso questa parola perché se qualcuno dice che siete diversi la parolaccia se la merita: voi la pensate io la dico".





    Calderoli: e chi illude gli immigrati? - "Fini ha perfettamente ragione a dire che è stronzo chi dice che lo straniero è diverso. Ma è altrettanto stronzo chi illude gli immigrati". Così il ministro per la Semplificazione Roberto Calderoli. Che prosegue: "È una stronzata, per usare il linguaggio di Fini, illudere gli extracomunitari che il nostro è il Paese di 'Bengodi’ e che c'è lavoro per tutti, visto che il lavoro manca in primo luogo ai nostri cittadini. Fare questo è pura demagogia e allora si spalancano le porte a migliaia di persone destinate a finire nella rete delle illegalità, della criminalità o dello sfruttamento". Poi conclude:"E non è dando il voto che si risolvono i problemi dell' integrazione: uguali sì, lo sono tutti gli uomini quando nascono, ma l' integrazione e l' accoglienza prevedono non delle belle frasi ma degli atti concreti e molta intelligenza nel sapere costruire. E, per finire, l'uguaglianza d'origine prevede che ci sia anche un cammino di civiltà condivisa, senza la quale si crea solo lo scontro tra popoli e tra culture".











    Borghezio: parliamo di doveri - E non si p fatta attendere a lungo neppure la replica dell'europarlamentare della Lega Nord, Mario Borghezio: “Sarebbe molto più opportuno che Fini sentisse il dovere di richiamare gli stranieri immigrati al rispetto dei loro primo dovere, quello di comportarsi bene. È a dir poco singolare - continua Borghezio - che la terza carica dello Stato si produca nel ruolo antipedagogico di chi invita gli stranieri ad avere poco rispetto nei confronti di chi, padrone in casa sua, ha mosso qualche osservazione verso gli immigrati stranieri".





    Attacco alla stampa - Fini bacchetta la stampa e i media per i continui «riferimenti etnici» nei reati che possono indurre i cittadini a credere «nell'equazione: straniero uguale delinquente. È un modo superficiale di informare», ha detto il presidente della Camera, rispondendo ad una domanda di uno dei giovane dell'Associazione che lavora per l'integrazione degli stranieri in Italia. «Se un romeno - ha aggiunto l'ex leader di An - o un eritreo scippa una signora italiana il titolo è 'Romeno scippa...'. È un modo scorretto, superfluo e impreciso di informare: ci sono stranieri delinquenti così come ci sono italiani delinquenti, ma gli uomini sono tutti uguali e devono essere trattati nello stesso modo dalla legge, dalla stampa e dalla politica». Ecco perché, ha concluso, «sarebbe bello se l'informazione non titolasse con riferimenti etnici perché altrimenti si può diffondere tra i cittadini l'equazione: straniero uguale delinquente».





    Un bimbo: "Come convincerà al destra?" - "Come farà lei a convincere quelli di destra sui temi dell’immigrazione?" È la domanda che un ragazzino dell’associazione, per l’accoglienza e l’integrazione dei giovani stranieri in Italia, ha rivolto al presidente della Camera. Domanda che l’ex leader di An ha accolto con una sonora risata, ma che ha ottenuto anche una risposta più articolata: "Questa è una bella domanda" risponde il presidente di Montecitorio sorridendo, "te l’hanno suggerita o l’hai pensata tu?", domanda sempre con il sorriso. Poi, più serio aggiunge: "Bisogna discutere di questi temi e bisogna convincere chi non la pensa come me: ma sono sicuro che se viene qui qualche amico di destra, ma anche di sinistra, e parla con voi vedrete che si convincono. Certo - sottolinea Fini - se parlano da un bel salotto elegante di cose che sanno per sentito dire non si convinceranno mai. Ma saranno loro in torto - conclude -, non certo voi".





    Difesa della Bossi-Fini - Gianfranco Fini difende la legge sull'immigrazione che porta il suo nome accanto a quello del leader della Lega Umberto Bossi, la cosiddetta 'Bossi-Finì, il cui impianto è tuttora «giusto», anche se, per il presidente della Camera, un paio di modifiche sarebbero ora necessarie. «Sostanzialmente condivido oggi come allora la filosofia della legge», ha risposto Fini nel corso di un incontro con i giovani di una associazione che lavora per l'integrazione degli stranieri in Italia, dal nome 'Nessun luogo è lontano’, tenutasi oggi nel centro 'Semina’, situato nei locali di una ex scuola media di Roma. «La regola di quella legge è che se hai un contratto di lavoro puoi stare in Italia ed è una regola che trovo giusta » anche perché è un provvedimento che ha «funzionato bene», ha spiegato l'ex leader di An. «Oggi - ha tuttavia aggiunto - farei un paio di modifiche: allungherei ad un anno il periodo per trovare lavoro nel caso in cui si interrompa il rapporto lavorativo vista la crisi che stiamo vivendo». L'altra modifica, ha proseguito, è relativa alle «modalità per il rinnovo del permesso di soggiorno» per le quali si dovrebbero sveltire le pratiche burocratiche consentendo ai consolati di svolgerle ed evitando così il ritorno nei paesi di origine che «non ha senso».

    Libero News -

    Libero News - Immigrati, Frattini: sì cittadinanza a punti
    Rubano, massacrano, rapinano e, con falso nome, lo chiamano impero; infine, dove fanno il deserto dicono che è la pace.
    Tacito, Agricola, 30/32.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    11,262
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Rif: Così parlava lo stronzo

    E ora gli americani puntano su Gianfranco - LASTAMPA.it

    E ora gli americani puntano su Gianfranco

    A febbraio viaggio in Usa da «interlocutore privilegiato»
    FABIO MARTINI
    Da qualche giorno si sta lavorando di bulino, alla ricerca dell’incastro giusto. Ma oramai il dado è tratto: nei primi giorni di febbraio Gianfranco Fini sarà a Washington, ospite della Camera dei Rappresentanti e della sua leader, Nancy Pelosi. Nei prossimi giorni, quando si sarà trovato spazio nelle rispettive agende, verrà resa nota la data ufficiale dell’incontro. Certo, non è la prima volta che Fini entra a Capitol Hill, ma stavolta il passaggio può trasformarsi in una svolta nella carriera politica dell’ex leader di An, perché in questo caso è in atto un investimento politico da parte dell’amministrazione americana sul presidente della Camera italiana.

    Sul piano formale e anche per effetto del proverbiale pragmatismo americano, da parte dell’Amministrazione non c’è alcuna intenzione di scavalcare il capo del governo italiano, ma è pur vero che dopo la ripetuta (e sgradita) sequenza di battute di Berlusconi sull'«abbronzatura» del presidente e di sua moglie, a Washington si cercano in Italia altri canali di interlocuzione. E per una serie di circostanze - talora volute, talora fortuite - Fini si è ritrovato in prima linea come interlocutore degli americani. Sin dalle prime settimane della sua amministrazione, il presidente Obama, di fatto, aveva affidato il dossier-Italia alla Pelosi e in questi mesi la speaker della Camera Usa, mentre accresceva in patria il suo personale carisma e il suo potere, ha via via costruito un rapporto con il presidente della Camera.

    E’ stato Fini, nel febbraio 2009, ad invitare per la prima volta la Pelosi in Italia. In quella occasione la speaker della Camera Usa si mostrò commossa («Mama mia!», disse quando l’amico Gianfranco le regalò i certificati di nascita dei nonni italiani), ma significativa fu la sostanza degli incontri con Fini e di quello successivo con Berlusconi. La Pelosi lo disse poi ad Obama: l’Italia resta un alleato affidabile. E a settembre la speaker è tornata a Roma, accettando l’invito di Fini per il G8 dei presidenti delle Camere, una trasferta significativa perché in quei giorni al Congresso americano era in corso la bagarre sulla riforma sanitaria. Negli Stati Uniti Fini è stato già altre cinque volte. Il primo, pioneristico approdo (assieme a Tremaglia, La Russa, Selva e Malgieri) risale al 1995, poi sono seguiti viaggi ufficiali (2001, 2004, 2005, 2006) con incontri formali di livello ma mai finalizzati da parte degli americani a un «investimento» politico.

    Ma stavolta - per effetto di un efficace lavorìo diplomatico dell’ambasciatore italiano negli Stati Uniti, Giuliomaria Terzi di Sant’Agata (uno degli artefici dello storico viaggio di Fini a Gerusalemme) e, per altri versi, di un personaggio apprezzato dai diplomatici per la sua riservatezza come Alessandro Ruben (che è diventato il vero “ministro degli Esteri” di Fini) - lo sbarco a Washington può lasciare il segno. Anche il presidente del Senato Renato Schifani intende recarsi a Washington, magari prima di Fini, ma anche in questo caso non è stata ancora fissata la data. In compenso, alla presidenza della Camera, immaginano di poter utilizzare i 70-80 giorni che mancano allo sbarco a Washington, per riservatamente verificare le possibilità di un incontro, oltreché col vicepresidente Joe Biden, anche con Barack Obama.

  3. #3
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    11,262
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Rif: Così parlava lo stronzo

    Tutti lavorano per la globalizzazione,.

    Bossi sta liquidando il popolo Padano.

    I magistrati liquidano il Berlusconi ormai obsoleto avendo terminato l'opera di traghettatore.

    Fini liquida il MSI, e poi An, e diventa numero uno.

    E tutto ritorna in linea secondo i precetti della fratellanza.

    Vi è solamente un problema.
    Come faranno a liquidare il debito pubblico italiano?

    In mezzo alla soluzione del debito pubblico vi sono tre gatti di indipendentisti, che hanno una loro soluzione.
    Vedremo come faranno a liquidarli.
    Riusciranno ad eliminarli tutti?.
    Come fare se non vi è un censimento?.

    Dovranno applicare su larga scala la derattizzazione usata per i conoscenti Marrazzo.
    Ultima modifica di jotsecondo; 25-11-09 alle 14:47

  4. #4
    Blut und Boden
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Località
    Lothlorien
    Messaggi
    49,472
    Mentioned
    39 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Rif: Così parlava lo stronzo

    Citazione Originariamente Scritto da jotsecondo Visualizza Messaggio
    E tutto ritorna in linea secondo i precetti della fratellanza.
    B'nai B'rith?
    Rubano, massacrano, rapinano e, con falso nome, lo chiamano impero; infine, dove fanno il deserto dicono che è la pace.
    Tacito, Agricola, 30/32.

  5. #5
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    11,262
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Rif: Così parlava lo stronzo

    Citazione Originariamente Scritto da Eridano Visualizza Messaggio
    B'nai B'rith?
    Dal 12 settembre 1874 sono tutti in una grande famiglia.

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 160
    Ultimo Messaggio: 02-07-12, 09:28
  2. Così parlava lo stronzo
    Di Eridano nel forum Lega
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 24-11-09, 14:03
  3. Così parlava Montanelli…
    Di zwirner nel forum Destra Radicale
    Risposte: 17
    Ultimo Messaggio: 29-08-09, 12:09
  4. Cosi parlava Prodi ,il bugiardo
    Di Malik nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 99
    Ultimo Messaggio: 13-09-06, 23:17
  5. Cosi' parlava l'antifascista Giorgio Bocca nel 1942......
    Di Michele S- nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 12
    Ultimo Messaggio: 15-10-03, 09:29

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226