User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2
  1. #1
    Patrie dal Friul
    Data Registrazione
    11 Jul 2002
    Localitą
    Udin
    Messaggi
    1,148
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito L'Italia "incivile" e i diritti dei popoli

    LO STATUTO DELLA REGIONE FRIULI NON RISPETTA I DIRITTI DELLA MINORANZA MARILENGHE

    In questo articolo in friulano Antoni Beline direttore de "LA PATRIE DEL FRIUL", risponde al predidente del consiglio regionale Tesini nell' acceso dibattito sulla nuova carta fondamentale della
    Regione

    Questo articolo e' sulla PADANIA di oggi

    Il periodico in lingua friulana La patrie dal Friill, nel numero di aprile, ha pubblicato la lettera con la quale il presidente del Consiglio regionale Alessandro Tesini replica alle critiche sulla proposta di nuovo statuto regionale recentemente formufate dal Comitato 482.
    Il direttore de La patrie dal Priill, Antoni Beline, ha a sua volta formulato un giudizio du" rissimo sulla lettera di Tesini, nel suo editoriale del numero di aprile, interamente dedicato a "La tesi di Tesini".
    -La gravitą della tesi di Tesini, e dei suoi maestri, - afferma tra l'altro il traduttore della Bibbia in friulano - č di non aver capito, a distanza di mezzo secolo e nel contesto della nuova Europa, che la politica degli stati nazionalistici e del ricatto non ha pił alcun senso e che un'altra strada va presa, meno machiavellica e pił etica, laddove i piccoli sono protetti per il fatto stesso di essere piccoli e dunque pił in pericolo e non per il fatto che possono chiamare in aiuto qualche protettore in grado di alzare la voce o di ricattare un'Italia incivile e insensibile ...•.
    Abbiamo ricevuto l'editoriale di Beline (Antonio Bellina) e lo proponiamo volentieri, in versione originale in lingua friulana, ai lettori di "Voci di Terra".


    Autonomie e Minorancis
    LA TESI DI TESINI

    [Antoni Beline]


    Tra lis tantis critichis dal gnūf (?) statūt regjonāl, une sglavinade di protestis e rivuarde l’art. 5 (“Minoranze, lingue regionali o minoritarie e corregionali all’estero”) e nol podeve jessi diferent, tratantsi di une des resons primariis o comprimariis che a legjitimin la specialitāt de nestre Regjon.
    Oltri che la specialitāt plui grande e sunsurose, di vź dāt dongje une regjon storiche, il Friūl, a une citāt, Triest, nobilitade cuntune regjon inventade (Vignesie Julie). Une lungje schirie di associazions culturāls, dadis dongje tal Comitāt 482, a ąn fate rivā la lōr vōs incorade e invelegnade cuntun document, datāt 17 di fevrār 2005, lą che si lamente che la riscriture dal statūt e vedi fat un pas a cessecūl in fat di dirits lenghistics. In particolār si lamentin che il statūt nol fevele di minorancis lenghistichis intindudis come comunitāt peade a un teritori e duncje, in linie di massime, no si varčs nancje di fevelā di minorance, ma dome di dirits dai citadins di fevelā un’altre lenghe. Se pai slovens si po rigjavā un cualchi rimpģn a un teritori e a une comunitāt nazionāl, pal furlan e pal todesc si fevele dome di lenghe furlane e di lenghe todescje.
    La rispueste e je rivade ai 9 di marē, a firme dal pressident dal Consei Alessandri Tesini. Une rispueste unevore articolade e fodrade di riferiments legjislatīfs, di comparazions esegjetichis, di distinzions lessicāls e filologjichis fra l’ultin part regjonāl e chei di prime. Il dut, naturalmentri, a pro dal ultin pronunciament e provediment.
    Ma ce che plui al č interessant, in cheste orazion “pro domo sua” dal pressident dal Consei, e je la discuisizion e distinzion galiote che lui al fās tal cās dai slovens e che e palese la “mens” dal legjisladōr regjonāl. Al dīs il nestri che i slovens a ąn, nominalmentri, un tratament privilegiāt, o plui fondāt, parcč che «non si puņ mettere in dubbio che la minoranza slovena sia anche una “minoranza nazionale” perché ha uno Stato estero sovrano di riferimento, uno Stato-Patria che altre comunitą linguistiche, pur riconosciute, non hanno». Il fat che, seont lui, al sedi chest il criteri di fonde che al ą puartāt ancje il detāt costituzionāl a fevelā di minorancis, nol č une justificazion ma, in cās, dome une conferme di une miopie, di un prigrizie, di une insensibilitāt di fonde di un stāt che al continue a fā confusion tra “nazion” e “stāt”, fra entitāt culturāl naturāl e entitāt politiche artificiāl.
    Stant ai Solons romans e triestins, si po fevelā di minorance, e duncje di dirit-dovź di pupilance, dome cuant che si trate di un teritori ch’al fevele la lenghe di un stāt confinant o stāt-patrie. Al č il cās de Valdoste, cu la lenghe francese, dal Südtirol cu la lenghe todescje, e dai slovens (ex-jugoslāfs), cu la lenghe slovene. Cheste tutele, al dīs o al fās capī il legjisladōr, e je garantide e pratindude di esigjencis di caratar internazionāl, tratantsi di rapuarts jenfri stāts paritetics.
    Dut chest nus fās capī trop lontans che o sin dal spirt de leē, che e varčs di judā i debui e no i fuarts, e nus da la comprension reāl dal probleme. I slovens in Italie, e cussģ i valdostans e i sudtirolźs, no son une minorance, ma un toc di Slovenie, di France e di Gjermanie cjapade dentri tai confins politics talians. Al č come se, sierant la puarte o metint un cunfin o une palade, al restas fūr un toc. Di fat, se i confins politics o statāi a corispuindessin ai confins culturāi o nazionāi, chestis robis no sucedaressin, parcč che ognidun al starčs a cjase sō, tal so “habitat” naturāl. Chestis a son minorancis par vie des decisions politichis e des politichis dai stāts nazionalistics, autentic velen e calamitāt dal secul passāt, che no ąn volūt tignī cont des resons storichis sacrosantis par rimpināsi su la volontāt di prevaricazion e di prepotence. Cun dams incalcolabii e imperdonabii par chź puare int che si č cjatade taiade fūr de patrie gjenuine e cjapade dentri tun stāt dominadōr e colonizadōr.
    Par chestis comunitāts, no coventaressin nancje disposizions gjuridichis. Al bastarčs che si ur tornąs a fā respirā il clime di famee, gjavant la cause che ju ą fats deventā minorance rispiet a une maionace estranie. In plui il stāt talian, e cun lui la Regjon, a fasin capī, in maniere vilane, che l’Italie no tutele chei ch’a ąn dirit di jessi tutelāts, ma chei che a puedin fā valź i lōr dirits poiantsi su la fuarce di ricat de nazion culturāl di partignince. Come dī che si tutele chel ch’al ą il santul o al č plui fuart. Une politiche stupide e pericolose, injuste e diseducative. Di sigūr inmorāl.
    La vere minorance, siōr Tesini, e je chź che e je condanade a jessi simpri minorance parcč che no ą une maiorance statāl o nazionāl che le tuteli. La minorance vere, di judāle, e je chź che no po avodāsi a nissun sant o santul, parcč che no ’nd ą, e che e restarą simpri compagne al di lą di ogni spostament di confin o di compromčs internazionāl. Parcč che e je une piēule part di teritori, cuntune sō storie e filusumie culturāl e lenghistiche, cjapade dentri tun teritori e tun aparāt ministratīf e legjislatīf diferent, indiferent e dispčs ostīl. Se i slovens a son tocs di Slovenie e i talians da l’Istrie a son tocs di Italie, i furlans a saran simpri furlans, tocs di nissune realtāt autentiche e autoctone, che no puedin fā valź nissune fuarce ma dome la lōr presince. Se un stāt o une Regjon no capissin chest, no capissin nuie. E se no rivin a chest, no ąn fat nissun pas indenant in culture e civiltāt.
    La gravitāt de tesi di Tesini, e dai siei mestris, e je di no vź capīt, a distance di mieē secul e tal contest de gnove Europe, che la politiche dai stāts nazionalistics e dal ricat no ą plui sens e che bisugne cjapā un’altre strade, mancul machiaveliche e plui etiche, lą che i piēui a son protezūts pal fat di jessi piēui e duncje esposcj e no pal fat che a puedin clamā la “gnagne” a bati i pugns o a ricatā un’Italie incivīl e insensibil. A 40 agns di distance dal prin statūt e cu la sensibilitāt gnove che si respire a nivel european e mondiāl, si varčs podūt spietāsi che il Consei regjonāl no si limitąs a fā di nodār o di perīt adet a la misurazion dal teritori di delimitā, ma che al palesąs une fantasie, une umanitāt, une etiche diferent. Chest abort di statūt nus penalize nō, minorance autentiche e sfurtunade, ma al č un at di acuse viers di une classe di sorestants cence idealitāts e cence anime.

    .------------------------------------------------------------------------


    http://www.friul.net/articui.php?id=621


    http://www.friul.net/articui.php?id=622

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    7,255
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    i furlans a sin majorance in friul e anchje in region
    SONO MINORANZA IN ITALIA.
    avete voluto l'itaglia ? TENETEVELA.

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 321
    Ultimo Messaggio: 13-06-10, 14:54
  2. Immigrati, l'Onu attacca l'Italia: "Respingimenti violano diritti umani"
    Di Il viaggiatore notturno nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 102
    Ultimo Messaggio: 14-09-09, 23:33
  3. Putin: "i diritti umani in Russia? Italia=mafia"
    Di Lollo87Lp nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 37
    Ultimo Messaggio: 23-10-06, 00:32
  4. Il diritto dei popoli di sottrarsi ai "diritti dell'uomo"
    Di Der Wehrwolf nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 20-12-04, 16:36

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226