User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 11
  1. #1
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    06 Jun 2009
    Messaggi
    15,872
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito 40 Parlamentari laburisti chiedono le dimissioni di Blair...ed e' solo l'inizio...



    Londra. All'interno del Labour resta il dissenso interno. Quaranta parlamentari chiedono le dimissioni del primo ministro. Welfare, Europa e immigrazione: i temi chiave dello scontro

    Dopo aver messo a segno uno storico terzo mandato laburista, il primo ministro britannico deve affrontare una rivolta interna al suo partito. Tormentato da numerose richieste di dimissioni, Blair ha incontrato i deputati del suo gruppo politico per misurare il livello di dissenso nei suoi confronti e ne è uscito, almeno nel primo round, a testa alta.
    Una grossa fetta dell’agenda del premier – dall’incremento delle tasse universitarie, al coinvolgimento del settore privato nella sanità pubblica e una serie di severe leggi antiterrorismo – ha scatenato le ire di circa 40 deputati laburisti, che hanno accusato il primo ministro di aver perso decine di seggi laburisti alle ultime elezioni e hanno chiesto le sue dimissioni. Alcuni, come Cook (che si dimise dal governo in aperto dissenso col premier sulla guerra all’Iraq) vogliono le immediate dimissioni di Blair; altri chiedono la sua testa entro 18 mesi o al massimo 2 anni per lasciare al suo successore – e il più “papabile” è il ministro del Tesoro Gordon Brown - il tempo di ricostruire una piattaforma forte per le elezioni del 2010. Ma ben pochi di loro sono usciti allo scoperto durante la lunga riunione a porte chiuse indetta dal premier.
    Da parte sua, il leader laburista ha ribadito di voler portare a termine l’intero mandato fino al 2009 o al 2010. Ma in un paese dove le “signorili uscite di scena” non sono inconcepibili, sono in molti a dubitare della sua leadership per i prossimi 5 anni.
    Michael Howard, nonostante i seggi in più conquistati dal suo partito alle politiche del 5 maggio, in un’intervista al Daily Telegraph ha annunciato che lascerà la guida dei Tories entro Natale, precisando che le sue dimissioni avverranno subito dopo il congresso dei Conservatori ad ottobre. Congresso nel quale verrà scelto il metodo per selezionare un nuovo leader. E, per non perdere tempo, martedì sera è stato varato il “governo ombra”, banco di prova per i possibili eredi di Howard. Tra questi, spicca il 33enne George Osborne nominato “ministro” delle Finanze.
    Ma torniamo in casa Labour. Il processo per sostituire il leader è alquanto complicato e richiede l’assenso di almeno 72 parlamentari, il 20 % della rappresentanza eletta, e il sostegno della maggioranza dei rappresentanti di base e dei delegati sindacali eventualmente chiamati ad esprimersi in Congresso. L’ipotesi di un putsch infatti non sembra nell’aria per diverse ragioni, in primis perché un’esperienza analoga (anche se in campo avversario), fatta quindici anni fa, ha dimostrato come gli elettori conservatori non hanno mai digerito la leadership scaturita dal colpo di mano contro la Tatcher e poi perché Gordon Brown difficilmente accetterebbe di dirigere un partito spaccato a metà.
    I temi chiave sui quali si consumerà lo scontro interno al Labour riguardano principalmente la politica sul welfare, quella sull’immigrazione, la riforma costituzionale, il processo di pace in Nord Irlanda, la lotta contro il crimine e il terrorismo, e l’Europa.
    All’immigrazione ( o meglio alle istanze per la concessione dell’asilo politico che vedono la Gran Bretagna, con il 24% di visti concessi, al primo posto tra i paesi europei) viene imputato di essere una delle maggiori cause del dilagare del crimine, a causa delle condizioni economiche disagiate degli immigranti e del loro coinvolgimento nel mercato del lavoro nero.
    La riforma dell’istruzione, con l’adozione dell’ Higher Education Bill, che prevede un innalzamento delle tasse universitarie (fino a £3000) a carico degli studenti, e del National Health Service, che autorizza fondazioni private a gestire l’NHS in concorrenza con lo Stato, conferma l’intenzione di Blair di voler catturare i consensi dei ceti medi, ma ha alimentato la disaffezione di coloro che non ritrovano più nella politica del premier i valori e i principi dei laburisti.
    Sempre sul piano interno, pesa il dibattito sulla riforma costituzionale, nella quale rientra l’approvazione dello Human Rights Act, che garantisce l’applicazione della Convenzione Europea sui Diritti umani e la devoluzione di poteri all’assemblea del Galles e al Parlamento scozzese. La riforma della House of Lords è un’altra questione calda: le alternative, emerse dai lavori condotti dalla Royal Commission, comprendono sia la creazione di una Camera di membri totalmente nominati che una di membri totalmente eletti. I dubbi riguardano l’esigenza di dare maggiore democraticità al sistema parlamentare, attraverso l’elezione dei membri della Camera dei Lords, ma di garantire, allo stesso tempo, il funzionamento della macchina legislativa e il ruolo preminente della Camera dei Comuni.
    Il processo di pace in Nord Irlanda, esacerbato dalla continua attività paramilitare da entrambe le parti ha visto l’avvio di una serie di processi nell’ambito dell’Accordo di Belfast. Unionisti e Nazionalisti non si sono dimostrati favorevoli a garantire concessioni senza un adeguato tornaconto, condizionando il funzionamento e l’implementazione delle Istituzioni della regione, nate dalla devoluzione accordata dal governo di Londra. La linea politica tenuta da Blair sulla lotta al terrorismo passa anche per l’Iraq, ma non è solamente l’Iraq. I provvedimenti del governo Blair sono stati spesso accusati dall’opposizione di violare i principi cardine della Gran Bretagna (presunzione di innocenza, diritto ad un giusto processo e Habeas Corpus) laddove permettono, ad esempio, al Ministro degli interni, sentito un giudice, di trattenere in stato di fermo i sospetti terroristi, che non siano stati condannati da una corte agli arresti domiciliari.
    Infine, l’Europa è senza dubbio una delle note dolenti della politica inglese. La Gran Bretagna, che più di qualsiasi altro paese europeo ha mostrato una generale disaffezione alle macchina comunitaria, ha sempre ostacolato qualsiasi riduzione eccessiva delle prerogative nazionali e ulteriori elargizioni di fondi statali alle casse comunitarie. Alla decisione di non adottare l’Euro e di rivedere la politica agricola comune si aggiunge ora il dibattito sulla Costituzione europea. La Gran Bretagna è l’unico stato comunitario a non possedere una propria Costituzione scritta e il governo Blair non ha mai nascosto le difficoltà di riuscire a ratificare il trattato costituzionale. Il 1 luglio assumerà la presidenza dell’Unione e si troverà a gestire la fase della ratifica dei negoziati, sulla quale peserà l’esito del referendum del 29 maggio in Francia.


    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Obama for president
    Data Registrazione
    10 Apr 2003
    Località
    Venezia
    Messaggi
    29,096
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    sono quattro gatti enessima figura di merda

  3. #3
    Cometa Rossa
    Data Registrazione
    11 May 2005
    Località
    […] ’Άνοιξε τά μάτια στίν ’ελευθερία [cit.]
    Messaggi
    2,323
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Anche se Blair dovesse cadere, sarà Brown a sostituirlo e ne continuirà la politica economica.

    E questo non è auspicabile, perché nonostante la più marcata identità di sinistra di Brown egli è assai più freddo sui temi europei.

  4. #4
    email non funzionante
    Data Registrazione
    25 Feb 2009
    Messaggi
    33,124
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Io al posto di Blair ci metterei un politico come si deve.
    Che ne dite di Folena?
    Salvi?

  5. #5
    Cometa Rossa
    Data Registrazione
    11 May 2005
    Località
    […] ’Άνοιξε τά μάτια στίν ’ελευθερία [cit.]
    Messaggi
    2,323
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Folena? Uno che non è capace nemmeno di vincere a Mattinata?

    E Salvi, che ancora deve comprare il calendario del 2000?

    Compà svegliatevi, siamo nel III millennio.

  6. #6
    Obama for president
    Data Registrazione
    10 Apr 2003
    Località
    Venezia
    Messaggi
    29,096
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    sulla carta erano 50 già cominciano a calare tra un mesetto resta glenda jackson che non conta manco nella sinistra laburista.

    gli avversari veri di blair brown a parte saranno una decina gli altri sono quelli contrari alla guerra in irak ma sul resto....

  7. #7
    Socialcapitalista
    Data Registrazione
    01 Sep 2002
    Località
    -L'Italia non è un paese povero è un povero paese(C.de Gaulle)
    Messaggi
    89,493
    Mentioned
    335 Post(s)
    Tagged
    30 Thread(s)

    Predefinito Re: 40 Parlamentari laburisti chiedono le dimissioni di Blair...ed e' solo l'inizio...

    In origine postato da asti_sinistra
    40 Parlamentari laburisti chiedono le dimissioni di Blair...ed e' solo l'inizio...
    Gli oppositori di Blair sono molto peggio di lui...
    Addio Tomàs
    siamo fatti della stessa materia di cui sono fatti i 5 stelle

  8. #8
    Iscritto
    Data Registrazione
    10 Apr 2005
    Messaggi
    474
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    In origine postato da Paul Z.
    Folena? Uno che non è capace nemmeno di vincere a Mattinata?

    E Salvi, che ancora deve comprare il calendario del 2000?

    Compà svegliatevi, siamo nel III millennio.
    questa è bella...

    e rispecchia la triste realtà di molti dell'ex correntone ora trapassati a rofondazione
    Prodi al Governo è come Bin Laden all'antiterrorismo

  9. #9
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Oct 2002
    Località
    Torino, riva sinistra del Po.... Europa. Dead Poets Society...
    Messaggi
    8,586
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    In origine postato da Ilmilanese
    questa è bella...

    e rispecchia la triste realtà di molti dell'ex correntone ora trapassati a rofondazione

    Non molti compagni, viste le percentuali dei Ds e quelle di rifondazione....

  10. #10
    Obama for president
    Data Registrazione
    10 Apr 2003
    Località
    Venezia
    Messaggi
    29,096
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    a proposito di sinistra laburista comunque migliore del nostro correntone. vi invito a scoprire questo straordinario ex deputato laburista tony benn.


 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Pd: Liberal chiedono dimissioni di Fassina
    Di giacomo nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 15
    Ultimo Messaggio: 23-11-11, 21:57
  2. Dimissioni di Berlusconi, è solo l'inizio.
    Di MaRcO88 nel forum Sinistra Italiana
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 13-11-11, 20:37
  3. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 22-01-11, 10:26
  4. Si chiedono le dimissioni della Meloni, e Gasparri
    Di libpensatore nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 72
    Ultimo Messaggio: 12-08-08, 19:50
  5. Militari israeliani chiedono le dimissioni di Halutz
    Di Repubblica nel forum Politica Estera
    Risposte: 10
    Ultimo Messaggio: 16-08-06, 22:58

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226