User Tag List

Risultati da 1 a 9 di 9
  1. #1
    Fra Savonarola
    Ospite

    Predefinito 16 maggio - S. Ubaldo di Gubbio, Vescovo

    Dal sito SANTI E BEATI:

    Sant' Ubaldo di Gubbio, Vescovo

    16 maggio - Comune

    Gubbio, 1084/5 - Gubbio, 16 maggio 1160

    Appartenente ad alla nobile famiglia dei Ballassini, originaria della Germania. Rimasto ben presto orfano di entrambi genitori, Ubaldo fu allevato da un omonimo zio che curò la sua educazione religiosa e l’intellettuale. Ordinato sacerdote nel 1114, qualche anno più tardi Ubaldo veniva eletto priore della sua canonica, di cui riformò la disciplina e il costume. La fama del suo nome e delle sue virtù si era diffusa al di fuori della sua città, tanto che Perugia nel 1126 lo acclamò suo vescovo. Ubaldo però, schivo di tanto onore, si recò subito a Roma per chiedere al Papa Onorio II di essere esonerato da tale incarico, ottenendone grazia. Il vescovo Ubaldo governò la diocesi di Gubbio per 31 anni, durante i quali superò felicemente avversità ed ostacoli, riuscendo a piegare con la dolcezza i suoi nemici e ad ammansire gli avversari con la mitezza d’animo.

    Etimologia: Ubaldo = spirito ardito, dal tedesco

    Emblema: Bastone pastorale

    Martirologio Romano: A Gubbio in Umbria, sant’Ubaldo, vescovo, che si adoperò per il rinnovamento della vita comunitaria del clero.

    Martirologio tradizionale (16 maggio): A Gubbio sant'Ubaldo, Vescovo e Confessore, illustre per miracoli.

    Davvero non gli piacciono, questi canonici della cattedrale di San Mariano, in Gubbio: preghiera poca, penitenza meno ancora. Lo ospitano mentre pensa al sacerdozio, ma lì tira un’aria che può guastargli la vocazione. Così Ubaldo ritorna alla collegiata di San Secondo, dov’è stato già da ragazzo per i primi studi. (Nato in una famiglia di origine tedesca, ha perduto i genitori da bambino, e uno zio si è preso cura di lui). Per un breve periodo ha studiato a Fano, e poi è tornato stabilmente a Gubbio, che all’epoca è una città-stato tra le più potenti dell’Umbria.
    Nella collegiata di San Secondo lo scopre Giovanni da Lodi, già monaco per quarant’anni a Fonte Avellana (Marche), poi vescovo di Gubbio per un anno solo, l’ultimo della sua vita. Prende Ubaldo come collaboratore e lo rimanda proprio a San Mariano, perché metta in riga quei canonici bontemponi, anche se non è ancora prete. E lui ci riesce, col tempo e per gradi. Quei canonici, li raddrizza con le sue doti di persuasore e con la forza dell’esempio, al punto che sono poi loro a rieleggerlo priore per un decennio (e intanto è stato ordinato sacerdote). Intorno al 1125, però, un incendio distrugge molte case di Gubbio e la stessa cattedrale, sicché i canonici devono disperdersi presso altre chiese. Non c’è più comunità: scoraggiato, Ubaldo pensa di farsi eremita, ma poi torna in città, lavora a ricostruire. Un anno dopo gli arriva la sorpresa: a Perugia è morto il vescovo, e al suo posto i perugini vogliono mettere lui. Reagisce fuggendo, arriva a Roma e supplica papa Onorio II di lasciarlo semplice prete. Per quella volta il Pontefice lo accontenta. Ma quando a Gubbio muore il vescovo, non sente più ragioni e nomina lui a succedergli. Ora, altro che i canonici di San Mariano: le aspre divisioni tra le famiglie importanti accompagnano (e peggiorano) gli scontri nel clero, gli atti di indisciplina. Si arriva anche alle offese personali, fisiche, contro il vescovo. Lui risponde con la fiduciosa inalterabilità: mai impaurito, mai infuriato. E quando nelle liti cittadine si pone mano alle armi, è pronto a mettere in gioco persino la vita per fermarle.
    Nel 1154 Gubbio è attaccata da una coalizione di città umbre capeggiate da Perugia, ne esce vittoriosa, e se ne dà merito alle preghiere del vescovo. Nel 1155 l’esercito di Federico Barbarossa dà fuoco a Spoleto e poi assedia Gubbio: Ubaldo corre dall’imperatore, si parlano, e l’assedio viene sciolto, la città è salva. In tutte queste crisi, Ubaldo chiama i cittadini alla preghiera, li fa sentire una cosa sola, li rassicura, evita il panico. Una strategia della fiducia che fa di lui una sorta di baluardo per la città. E in morte gli si attribuiscono profezie, miracoli, lo si proclama patrono, e già nel 1192 il papa Celestino III lo canonizza. Il corpo, dapprima sepolto in cattedrale, nel 1194 viene trasferito in una chiesa sul monte Ingino.
    Ogni anno Gubbio festeggia Ubaldo con solenni riti religiosi e con una manifestazione all’aperto che unisce fede, gioia e fantasia: la notissima “corsa dei ceri”, che sono tre “macchine” di legno con i loro portatori in costume, trascorrenti nelle vie cittadine a passo di corsa, per salire poi sul monte Ingino, il luogo che custodisce i resti del patrono.

    Autore: Domenico Agasso


    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    **********
    Data Registrazione
    04 Jun 2003
    Messaggi
    23,775
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    In rilievo

    Aug.

  3. #3
    **********
    Data Registrazione
    04 Jun 2003
    Messaggi
    23,775
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Da dom Prosper Guéranger, L’Année Liturgique - Le Temps Pascal, Paris-Poitiers, 1902, XIII ediz., t. II, p. 586-589

    LE XVI MAI.

    SAINT UBALDE, ÉVÊQUE ET CONFESSEUR.


    Pour honorer son Pontife éternel, la sainte Eglise lui présente aujourd'hui les mérites d'un Pontife mortel ici-bas, mais entre, après cette vie, dans les conditions de l'immortalité bienheureuse. Ubalde a représenté le Christ sur la terre ; comme son divin chef il a reçu l'onction sainte, il a été médiateur entre le ciel et la terre, il a été le Pasteur du troupeau, et maintenant il est uni à notre glorieux Ressuscité, Christ, Médiateur et Pasteur. En signe de la faveur dont il jouit auprès de lui dans le ciel, le Fils de Dieu a confié à Ubalde le pouvoir spécial d'agir efficacement contre les ennemis infernaux, qui tendent quelquefois aux hommes de si cruelles embûches. Souvent l'invocation du saint évêque et de ses mérites a suffi pour dissoudre les machinations des esprits de malice; et c'est afin d'encourager les fidèles à recourir à sa protection que l'Eglise l'a admis au rang des saints qu'elle recommande plus particulièrement à leur dévotion.

    Lisons maintenant le récit qu'elle a consacré aux vertus et aux mérites de notre saint pontife.

    Ubalde, né d'une famille noble à Gubbio dans l'Ombrie, fut élevé avec soin dans la piété et les lettres. Dans sa jeunesse on le pressa plusieurs fois de prendre l'état de mariage; mais il garda fidèlement sa résolution de conserver la virginité. Ayant été ordonné prêtre, il distribua son patrimoine aux pauvres et aux églises, et étant entré chez les Chanoines réguliers de Saint-Augustin, il établit cet institut dans son pays, et y vécut quelque temps très saintement. La réputation de sa vertu s'étant répandue,le pape Honorius II le contraignit à prendre le gouvernement de l'Eglise de Gubbio, et Ubalde reçut la consécration épiscopale.

    Ayant pris possession de son Eglise, il ne changea rien dans sa manière de vivre accoutumée; mais il éclata toujours plus en tout genre de vertus, procurant e salut des autres par ses paroles et ses exemples, et devint le parfait modèle de son troupeau. Austère dans sa nourriture, sans recherche dans ses vêtements , n'ayant pour couche qu'un lit dur et pauvre, il portait constamment la mortification sur son corps, en même temps qu'il nourrissait son esprit par une prière incessante. Il puisa dans ces exercices la mansuétude avec laquelle on le vit non seulement supporter tranquillement les mépris et les plus graves injures, mais encore exercer envers ses persécuteurs la plus admirable et la plus tendre charité.

    Deux ans avant de sortir de cette vie, il fut affligé de longues maladies; et, purifié comme l'or dans la fournaise par les plus cuisantes douleurs, il ne cessait de rendre grâces à Dieu. Enfin, le jour de la Pentecôte, il s'endormit dans la paix, illustré par ses saintes œuvres et par ses miracles, après avoir dignement gouverné durant longues années l'Eglise qui lui avait été confiée. Le pape Célestin III le mit au nombre des Saints. Son pouvoir éclate particulièrement pour mettre en fuite les esprits immondes. Son corps, demeuré sans corruption après tant de siècles, reçoit les hommages des fidèles de la ville de Gubbio , que plus d'une fois il a délivrée des calamités qui la menaçaient.

    SOYEZ notre protecteur contre l'enfer, ô bienheureux Pontife ! L'envie des démons n'a pu souffrir que l'homme, cette humble et faible créature, fût devenu l'objet des complaisances du Très-Haut. L'incarnation du Fils de Dieu, sa mort sur la croix, sa résurrection glorieuse, les divins Sacrements qui nous confèrent la vie céleste, tous ces sublimes moyens à l'aide desquels la bonté de Dieu nous a rétablis dans nos premiers droits, ont excité au plus haut degré la rage de cet antique ennemi, et il cherche à se venger en insultant en nous l'image de notre créateur. Il fond quelquefois sur l'homme avec toutes ses fureurs; par une affreuse parodie de la grâce sanctifiante qui fait de nous comme les instruments de Dieu, il envahit, il possède des hommes, nos frères, et les réduit au plus humiliant esclavage. Votre pouvoir, ô Ubalde, s'est signalé souvent dans la délivrance de ces victimes infortunées de l'envie infernale ; et la sainte Eglise célèbre en ce jour la prérogative spéciale que le Seigneur vous a confiée. Dans votre charité toute céleste, continuez à protéger les hommes contre la rage des démons ; mais vous savez, ô saint Pontife, que les embûches de ces esprits de malice sont plus fatales encore aux âmes qu'elles ne le sont aux corps. Prenez donc pitié aussi des malheureux esclaves du péché, sur lesquels le divin soleil de Pâques s'est levé sans dissiper leurs ténèbres. Obtenez qu'ils redeviennent enfants de la lumière, et que bientôt ils aient part à cette résurrection pascale dont Jésus est venu nous apporter le gage.

  4. #4
    vetera sed semper nova
    Data Registrazione
    14 Mar 2007
    Località
    Lazio
    Messaggi
    529
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Letto

  5. #5
    **********
    Data Registrazione
    04 Jun 2003
    Messaggi
    23,775
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    St. Ubaldus

    Confessor, Bishop of Gubbio, born of noble parents at Gubbio, Umbria, Italy, towards the beginning of the twelfth centry; died there, Whitsuntide, 1168.

    Whilst still very young, having lost his father, he was educated by the prior of the cathedral church of his native city, where he also became a canon regular. Wishing to serve God with more regularity he passed to the Monastery of St. Secondo in the same city, where he remained for some years. Recalled by his bishop, he returned to the cathedral monastery, where he was made prior. Having heard that at Vienna Blessed Peter de Honestis some years before had established a very fervent community of canons regular, to whom he had given special statutes which had been approved by Paschal II, Ubaldus went there, remaining with his brother canons for three months, to learn the details and the practice of their rules, wishing to introduce them among his own canons of Gubbio. This he did at his return. Serving God in great regularity, poverty (for all his rich patrimony he had given to the poor and to the restoration of monasteries), humility, mortification, meekness, and fervour, the fame of his holiness spread in the country, and several bishoprics were offered to him, but he refused them all. However, the episcopal See of Gubbio becoming vacant, he was sent, with some clerics, by the population to ask for a new bishop from Honorius II who, having consecrated him, sent him back to Gubbio. To his people he became a perfect pattern of all Christian virtues, and a powerful protector in all their spiritual and temporal needs. He died full of merits, after a long and painful illness of two years. Numerous miracles were wrought by him in life and after death. At the solicitation of Bishop Bentivoglio Pope Celestine III canonized him in 1192. His power, as we read in the Office for his feast, is chiefly manifested over the evil spirits, and the faithful are instructed to have recourse to him "contra omnes diabolicas nequitias".

    The life of the saint was written by Blessed Theobaldus, his immediate successor in the episcopal see, and from this source is derived all the information given by his numerous biographers. The body of the holy man, which had at first been buried in the cathedral church by the Bishops of Perugia and Cagli, at the time of his canonization was found flexible and incorrupt, and was then placed in a small oratory on the top of the hill overlooking the city, where in 1508, at the wish of the Duke of Urbino, the canons regular built a beautiful church, frequented to this day by numerous pilgrims, who come to visit the relics of their heavenly protector from near and far. The devotion to the saint is very popular throughout Umbria, but especially at Gubbio, where in every family at least one member is called Ubaldus. The feast of their patron saint is celebrated by the inhabitants of the country round with great solemnity, there being religious and civil processions which call to mind the famous festivities of the Middle Ages in Italy.

    Fonte: The Catholic Encyclopedia, vol. XV, 1912, New York

  6. #6
    **********
    Data Registrazione
    04 Jun 2003
    Messaggi
    23,775
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito


  7. #7
    Forumista senior
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    IPERURANIO INTERIORE
    Messaggi
    2,420
    Mentioned
    12 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Lightbulb Re: 16 maggio - S. Ubaldo di Gubbio, Vescovo

    16 MAGGIO 2017: Sant’Ubaldo di Gubbio, Vescovo e Confessore; sedicesimo giorno di Maggio Mese Mariano…




    “Sant'Ubaldo, vescovo e confessore, 16 maggio.”
    Dom Prosper Guéranger, L'Anno Liturgico
    http://www.unavoce-ve.it/gueranger.htm#SANTI2



    Sant'Ubaldo - Sodalitium
    http://www.sodalitium.biz/santubaldo/
    “16 maggio 2017, Sant’Ubaldo, Vescovo e Confessore (Gubbio, 1084 – Gubbio, 16 maggio 1160).

    Ti preghiamo, o Signore, di concederci benignamente il tuo aiuto, e per l’intercessione del Beato Ubaldo, tuo Confessore e Pontefice, stendi sopra di noi la tua protezione contro le molteplici insidie del nemico. Così sia.”


    www.sursumcorda.cloud
    https://www.facebook.com/CdpSursumCorda/?fref=nf

    “Carlo Di Pietro - Sursum Corda
    Preghiera al Santo del giorno.
    In nómine Patris
    et Fílii
    et Spíritus Sancti.
    Amen.

    Eterno Padre, intendo onorare san Brendàno, Prete e Abate di Clonfert, e Vi rendo grazie per tutte le grazie che Voi gli avete elargito. Vi prego di accrescere la grazia nella mia anima per i meriti di questo santo Abate, ed a lui affido la fine della mia vita tramite questa speciale preghiera, così che per virtù della Vostra bontà e promessa, san Brendàno possa essere mio avvocato e provvedere tutto ciò che è necessario in quell'ora. Così sia.
    #sdgcdpr”

    https://www.sursumcorda.cloud/preghi...ina-caeli.html


    Ligue Saint Amédée
    https://www.facebook.com/SaintAmedee/?fref=nf

    “Intransigeants sur la doctrine ; charitables dans l'évangélisation [Non Una Cum].”
    “16 Mai : Saint Ubald, Évêque et Confesseur (†1160).”



    Radio Spada | Radio Spada ? Tagliente ma puntuale
    http://www.radiospada.org
    Edizioni Radio Spada - Home
    http://www.edizioniradiospada.com
    https://www.facebook.com/radiospadasocial/?fref=nf
    “16 maggio 2017: Sant'Ubaldo vescovo e confessore.

    Appartenente ad una nobile famiglia originaria della Germania. Rimasto ben presto orfano di entrambi genitori, Ubaldo fu allevato da un omonimo zio che curò la sua educazione religiosa e l’intellettuale. Ordinato sacerdote nel 1114, qualche anno più tardi Ubaldo veniva eletto priore della sua canonica, di cui riformò la disciplina e il costume. La fama del suo nome e delle sue virtù si era diffusa al di fuori della sua città, tanto che Perugia nel 1126 lo acclamò suo vescovo. Ubaldo però, schivo di tanto onore, si recò subito a Roma per chiedere al Papa Onorio II di essere esonerato da tale incarico, ottenendone grazia. Il vescovo Ubaldo governò la diocesi di Gubbio per 31 anni, durante i quali superò felicemente avversità ed ostacoli, riuscendo a piegare con la dolcezza i suoi nemici e ad ammansire gli avversari con la mitezza d’animo.”


    https://forum.termometropolitico.it/...o-vescovo.html
    “Dal sito SANTI E BEATI:
    Sant' Ubaldo di Gubbio, Vescovo
    16 maggio – Comune
    Gubbio, 1084/5 - Gubbio, 16 maggio 1160
    Appartenente ad alla nobile famiglia dei Ballassini, originaria della Germania. Rimasto ben presto orfano di entrambi genitori, Ubaldo fu allevato da un omonimo zio che curò la sua educazione religiosa e l’intellettuale. Ordinato sacerdote nel 1114, qualche anno più tardi Ubaldo veniva eletto priore della sua canonica, di cui riformò la disciplina e il costume. La fama del suo nome e delle sue virtù si era diffusa al di fuori della sua città, tanto che Perugia nel 1126 lo acclamò suo vescovo. Ubaldo però, schivo di tanto onore, si recò subito a Roma per chiedere al Papa Onorio II di essere esonerato da tale incarico, ottenendone grazia. Il vescovo Ubaldo governò la diocesi di Gubbio per 31 anni, durante i quali superò felicemente avversità ed ostacoli, riuscendo a piegare con la dolcezza i suoi nemici e ad ammansire gli avversari con la mitezza d’animo.
    Etimologia: Ubaldo = spirito ardito, dal tedesco
    Emblema: Bastone pastorale
    Martirologio Romano: A Gubbio in Umbria, sant’Ubaldo, vescovo, che si adoperò per il rinnovamento della vita comunitaria del clero.
    Martirologio tradizionale (16 maggio): A Gubbio sant'Ubaldo, Vescovo e Confessore, illustre per miracoli.”





    Sedicesimo giorno di Maggio Mese Mariano…



    Maggio mese di Maria: 16° giorno -La cupidigia
    http://www.stellamatutina.eu/maggio-...ria-16-giorno/
    “Maggio mese di Maria: 16° giorno.

    LA CUPIDIGIA
    Perché san Massimiliano M. Kolbe voleva fare amare l’Immacolata da tutti gli uomini della terra? «Per dare la vera felicità a tanti poveri fratelli, a tanti infelici che la cercano invano nelle gioie di questo mondo».
    La sorgente infinita della vera felicità è Dio. Dio si è donato a noi in Gesù Cristo. Gesù si è donato a noi nell’Immacolata e attraverso l’Immacolata. Dall’Immacolata, quindi, inizia il cammino della felicità che porta alla sorgente infinita: all’amore trinitario.
    «Amate l’Immacolata, e vi farà felici»: era l’annuncio felice di san Massimiliano M. Kolbe.
    Cercare la felicità «nelle gioie di questo mondo» è illusorio, perché le gioie terrene non portano né provocano l’amore, ma la cupidigia, che è «l’avvelenamento dell’amore», come insegna san Tommaso d’Aquino.
    Per questo sant’Antonio Abate distribuì tutti i suoi beni ai poveri, e se ne andò a trovare la felicità nel deserto. Già prima, san Paolo aveva scolpito in una frase terribile la realtà della cupidigia dei beni terreni nell’uomo: «La cupidigia è la radice di tutti i mali» (1Tm 6,10). San Bernardo rincalza: «Non conosco una malattia spirituale più dura a sopportarsi, quanto la febbre dei beni terreni».
    Ciò che può scacciare questa febbre è soltanto un’altra febbre: la febbre dell’amore divino.
    Una volta ci fu una postulante che chiese di entrare fra le figlie di santa Giovanna Francesca di Chantal, e voleva portare con sé molte cose inutili.
    La Santa si consigliò con san Francesco di Sales, che le disse così: «La lasci pure entrare con tutto quel che vuole…; quando l’amor di Dio sarà entrato in quell’anima, saprà scacciare tutto il resto…».
    La misura del nostro distacco dalle cose terrene è la stessa misura dell’amore di Dio, perché come dice sant’Agostino «più un’anima si distacca dai beni della terra, più aderisce a Dio».
    «Non amate il mondo»
    In una lettera scritta a un compagno di scuola, san Gabriele dell’Addolorata, dopo averlo messo in guardia contro i seducenti e fatali pericoli delle compagnie cattive, degli spettacoli, delle letture, dei divertimenti mondani, così conclude: «Dimmi, Filippo: potevo io prendermi più divertimenti e più spassi di quelli che mi son preso nel secolo? Ebbene, che me ne resta, ora? Te lo confesso: null’altro che amarezza».
    Ecco che cosa riserva all’uomo l’esperienza dei beni e dei piaceri terreni: «null’altro che amarezza».
    Perciò l’apostolo san Giovanni ci ammonisce con forza: «Non amate né il mondo, né le cose del mondo!
    Se uno ama il mondo, l’amore del Padre non è in lui; perché tutto ciò che è nel mondo, la concupiscenza della carne, la concupiscenza degli occhi e la superbia della vita, non viene dal Padre, ma dal mondo. E il mondo passa con la sua concupiscenza; ma chi fa la volontà di Dio rimane in eterno!» (1Gv 2,15-17). Chi si attacca al mondo e alle sue concupiscenze, chi vive di fatuità e di frivolezze, che cosa potrà aspettarsi da Dio?
    Una volta san Tommaso Moro, Gran Cancelliere d’Inghilterra, entrando nella camera di sua figlia, la trovò che si stava agghindando per una festa: per ingentilire il busto, due damigelle la tenevano saldamente legata con funi!
    A vedere quel martirio sopportato per la vanità del mondo, il papà, sospirando verso il cielo, disse alla figliola: «Figlia mia, il Signore ti farebbe un gran torto se non ti mandasse all’inferno, giacché tu ti affanni tanto per dannarti!».
    «Nemico di Dio»
    Anche il Catechismo, trattando e commentando il nono e il decimo Comandamento, parla della concupiscenza della carne e della concupiscenza degli occhi, e ammonisce che «la cupidigia dei beni altrui è la radice del furto, della rapina e della frode» (n. 2534). Quante volte, infatti, per soddisfare la propria cupidigia non si ricorre a ingiustizie e soprusi, non si arriva a contese e lotte? Per un pezzo di terra, per un’eredità, per un guadagno che fa gola… si fanno lotte amare e magari violente!
    San Giacomo grida ancora nella sua vibrante lettera: «Da che cosa derivano le guerre e le liti che sono in mezzo a voi? Non vengono forse dalle vostre passioni che combattono nelle vostre membra? Bramate e non riuscite a possedere, e uccidete; invidiate e non riuscite a ottenere, combattete e fate guerra! Non avete perché non chiedete; chiedete e non ottenete perché chiedete male, per spendere per i vostri piaceri. Gente infedele! Non sapete che amare il mondo è odiare Dio? Chi dunque vuole essere amico del mondo si rende nemico di Dio» (Gc 4,1-4).
    Parole terribili! Per questo i Santi, con san Paolo, considerano ogni bene terreno come una «perdita», come «spazzatura», per «guadagnare» e «trovarsi» soltanto in Gesù (cf Fil 3,8-9). Ricordiamo san Francesco d’Assisi, il quale, appena convertito, si rese conto e chiamò «follia» andare appresso alle cose vane di questo mondo. E nella sua estrema, totale, povertà, si trovò totalmente trasfigurato in Gesù Crocifisso!
    Nella vita di san Filippo Neri si legge questo sorprendente episodio. Un suo figlio spirituale, ridotto in fin di vita, lo fece chiamare e gli comunicò che per testamento lasciava a lui in eredità tutti i suoi beni.
    San Filippo non solo non esultò a questa offerta del moribondo, ma si mostrò afflitto per la donazione e gli disse che avrebbe pregato molto per la sua guarigione, offrendo anche la propria vita. Gli impose le mani, e se ne andò. L’infermo guarì e il testamento andò in fumo!
    Una sola cupidigia avevano i Santi: «Bramo morire ed essere con Cristo» (san Paolo); «Mio Dio e mio tutto!» (san Francesco d’Assisi); «L’idea fissa: l’Immacolata » (san Massimiliano M. Kolbe).
    Fioretti
    *Fare elemosina ai poveri di qualche mio bene non necessario.
    *Meditare i due brani di san Giovanni (1Gv 2,15-17) e san Giacomo (Gc 4,1-4).
    *Chiedere alla Madonna con il Rosario il distacco del cuore dal mondo.
    FONTE: Maggio mese di Maria, P. Stefano M. Manelli, © 2010 Casa Mariana Editrice, 2010.





    Luca, Sursum Corda!
    ADDIO GIUSEPPE, mio caro fratello di sangue e spirito, sono LUCA e nel mio CUORE sarai sempre PRESENTE!
    NOI 2 insieme, uniti OLTRE LA MORTE ed il tragico DESTINO SIA IN TERRA CHE IN CIELO, per SEMPRE VEDREMO LA LUCE - SURSUM CORDA!

  8. #8
    Forumista senior
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    IPERURANIO INTERIORE
    Messaggi
    2,420
    Mentioned
    12 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Lightbulb Re: 16 maggio - S. Ubaldo di Gubbio, Vescovo

    16 MAGGIO 2018: sedicesimo giorno di Maggio Mese Mariano, NOVENA DI PENTECOSTE (11 - 19 Maggio) e Novena per la Festa di Maria Ausiliatrice (16 - 23 Maggio, Festa: 24 Maggio); Sant’Ubaldo, Vescovo e Confessore, MERCOLEDÌ INFRA L'OTTAVA DELL’ASCENSIONE DI NOSTRO SIGNORE GESU' CRISTO AL CIELO…



    “Mercoledì dopo l’Ascensione.”
    Dom Prosper Guéranger, L'Anno Liturgico
    http://www.unavoce-ve.it/gueranger.htm
    Dom Prosper Guéranger, L'Anno Liturgico
    http://www.unavoce-ve.it/gueranger.htm#SANTI2
    “Sant'Ubaldo, vescovo e confessore, 16 maggio.”



    Home - Stellamatutina.eu - Sito di cultura cattolica in piena e totale obbedienza al Magistero Petrino.
    http://www.stellamatutina.eu/
    Maggio mese di Maria: 16° giorno -La cupidigia
    “Maggio mese di Maria: 16° giorno.”


    "NOVENA A MARIA AUSILIATRICE (Festa: 24 Maggio)."
    Maria Ausiliatrice - La Madonna dei tempi difficili
    http://www.preghiereperlafamiglia.it...siliatrice.htm
    Novena a Maria Ausiliatrice
    http://www.preghiereperlafamiglia.it...siliatrice.htm






    Lezioni di Catechismo, Omelie e Sante Messe celebrate da Don Floriano Abrahamowicz:


    https://www.youtube.com/user/florianoabrahamowicz/
    domusmarcellefebvre110815
    SANTA MESSA - domusmarcellefebvre110815
    http://www.domusmarcellefebvre.it/santa-messa-1.php




    Tradidi quod et accepi
    http://tradidiaccepi.blogspot.it
    https://www.facebook.com/catholictradition2016/
    «MERCOLEDÌ INFRA L'OTTAVA DELL'ASCENSIONE DI NOSTRO SIGNORE, 16 MAGGIO 2018.
    Sancti et Sanctae Dei, orate pro nobis.»
    https://scontent-mxp1-1.xx.fbcdn.net...c9&oe=5B90E88C





    «TEMPO DI ASCENSIONE - MERCOLEDÌ INFRA L'OTTAVA DELL'ASCENSIONE DI NOSTRO SIGNORE (Commemorazione).»
    https://scontent-mxp1-1.xx.fbcdn.net...c9&oe=5B50D6BE





    «TEMPO DI ASCENSIONE
    SAN GIOVANNI NEPOMUCENO Martire.

    Doppio.
    Paramenti rossi.
    Nascita Nepomuk, 1330 circa
    Morte Praga, 16 maggio 1383
    Beatificazione 1721 da Papa Innocenzo XIII
    Canonizzazione 1729 da Papa Benedetto XIII
    Attributi Abito talare, cotta, almuzia e berretta; palma del martirio, cinque stelle
    Patrono di Boemia, Slovacchia, confessori, invocato contro le alluvioni e gli annegamenti
    San Giovanni, nato nel 1330 circa, detto Nepomuceno, perché nativo di Nepomuk, distretto di Pilsen, presso Praga, fece i suoi studi nell'Università di questa città, conseguendovi la laurea di Teologia e Diritto Canonico. Ordinato sacerdote si applicò alla predicazione, richiamando sulla retta via innumerevoli peccatori. Canonico della Metropolitana di Praga, fu nominato cappellano di corte dall'Imperatore Venceslao IV, re di Boemia, e venne scelto dall'imperatrice Giovanna di Baviera a suo confessore. L'empio imperatore, sospettando che la moglie gli fosse infedele, volle un giorno conoscere da Giovanni quanto l'imperatrice gli aveva confessato. Ma non volendo punto il Santo tradire la fede del sigillo sacramentale, negò tenacemente questa richiesta dell'empio imperatore. Quest'ultimo, allora, lo menò in carcere e, più tardi, lo fece precipitare nel fiume Moldava, il 16 maggio 1383, meritando la palma del martirio e diventando così martire del segreto confessionale.
    Il corpo fu rinvenuto grazie ad una luce straordinaria che ne segnalava la presenza. Degnamente riposto fu subito oggetto di venerazione. Quando nel 1719 la sua tomba nella cattedrale di Praga fu aperta, fu dichiarato che la sua lingua era stata trovata incorrotta, per quanto raggrinzita. Il culto di Giovanni Nepomuceno ebbe la suprema sanzione romana con la beatificazione del Martire da parte di Innocenzo XIII nel 1721, e con la sua solenne canonizzazione da parte di Benedetto XIII nel 1729.
    SANTA MESSA.»
    Tradidi quod et accepi: San Giovanni Nepomuceno, martire del segreto della Confessione
    https://scontent-mxp1-1.xx.fbcdn.net...6a&oe=5B8B08DD





    «TEMPO DI ASCENSIONE
    SANT'UBALDO Vescovo e Confessore.

    Semidoppio.
    Paramenti bianchi.
    Nascita Gubbio,1084
    Morte Gubbio, 16 maggio 1160
    Canonizzazione 1192 da papa Celestino III
    Santuario principale Basilica di Sant'Ubaldo a Gubbio
    Attributi bastone pastorale
    Patrono di Gubbio, Barchi
    Sant'Ubaldo Baldassini, nato a Gubbio nell'Umbria nel 1084, canonico regolare di sant'Agostino, fu costretto da Papa Onorio II a ricevere la consacrazione episcopale (Introito, Epistola) e a prendere il governo di quella chiesa, che resse tra il 1129 e il 1160 (Communio). Uomo di vita santa e austera, fu totalmente dedito al suo ufficio pastorale. Dopo di avere, sotto la guida dello Spirito Santo, con la sua carità e il suo zelo apostolico, fatto fruttificare i talenti che Dio gli aveva dato, s'addormentò piamente ed «entrò nella gioia del suo Signore» (Vangelo), la sera della Pentecoste, 16 maggio 1160, dopo aver celebrato egli stesso la Santa Messa e aver ricevuti i Santi Sacramenti della Chiesa. Il suo corpo è rimasto intatto fino ai nostri giorni. Glorioso per miracoli - la liturgia della Santa Messa allude al suo gran potere sui demoni, per cui chiediamo a questo Santo, cui Dio ha dato un potere speciale contro Satana, di preservarci da tutte le malizie del demonio (Orazione) - Celestino III ne celebrò la canonizzazione nel 1192.
    Ubaldo, nato da nobile famiglia a Gubbio nell'Umbria, fin dai primi anni fu allevato con gran cura nella pietà e nelle lettere; e appena giovanetto, pressato più volte a prender moglie, non abbandonò mai il proposito di mantenersi vergine. Ordinato sacerdote, distribuì il suo patrimonio ai poveri e alle chiese, ed entrato nell'istituto dei canonici regolari dell'ordine di sant'Agostino, lo trapiantò poi in patria e visse in esso santamente per qualche tempo. Sparsasi la fama della sua santità, fu preposto, suo malgrado, dal sommo Pontefice Onorio II alla Chiesa di Gubbio, e consacrato vescovo.
    Preso pertanto possesso della sua chiesa, senza cambiar nulla nel suo tenore di vita, cominciò a distinguersi in ogni genere di virtù, tanto più che procurava assai efficacemente con la parola e con l'esempio la salute degli altri, essendosi fatto veramente «modello del suo gregge» (1 Pt 5,3). Parco nel vitto, senza ricercatezza nel vestire, con un letto duro e povero, portava continuamente nel suo corpo la mortificazione della croce, nutrendo ogni giorno il suo spirito con una insaziabile applicazione alla preghiera. Ond'è che giunse a quell'ammirabile mansuetudine, che gli fece sopportare non solo imperturbato le più gravi ingiurie ed affronti, ma ancora prodigare con ammirabile tenerezza di carità ogni sorta di benevolenza verso i suoi persecutori.
    Due anni prima di lasciare questa vita, tormentato da lunghe malattie, e quindi purificato come l'oro nella fornace da acerbissime sofferenze corporali, ne ringraziava continuamente il Signore. Giunto poi il santo giorno di Pentecoste, s'addormentò nella pace dopo aver governato la chiesa affidatagli con somma lode per molti anni, illustre per sante opere e per miracoli. Papa Celestino III l'iscrisse nel numero dei Santi. Il suo potere risplende sopratutto nel mettere in fuga gli spiriti immondi. Il suo corpo poi, mantenutosi incorrotto dopo tanti secoli, riscuote grande venerazione dal popolo della sua patria, che più d'una volta egli ha liberato da pericoli imminenti.
    SANTA MESSA
    - Al Vangelo.
    Omelia di s. Gregorio papa.
    Omelia 9 sui Vangeli.
    La lettura del santo Vangelo, fratelli carissimi, ci avverte di considerare diligentemente che noi, che abbiamo ricevuto in questo mondo più degli altri, saremo poi giudicati più severamente dall'autore del mondo. Infatti più i doni sono numerosi, e tanto più grande è il conto che bisogna renderne. Le grazie dunque che si ricevono, devono rendere ciascuno tanto più umile e più pronto a servire a Dio, quanto più si vide obbligato a renderne conto. Ecco un uomo che, nel mettersi in viaggio, chiama i suoi servi e divide tra loro i talenti da far fruttare. Ma dopo molto tempo ritorna per chiederne conto, e ricompensa del guadagno fatto coloro che li hanno impiegati bene, mentre condanna il servo che fu negligente nel farli fruttare.
    Chi è dunque quest'uomo che si mette in viaggio, se non il nostro Redentore che, col corpo che aveva preso, se ne andò in cielo? La terra è infatti il luogo proprio della carne; ed essa è comò condotta a mettersi in viaggio quando dal nostro Redentore viene portata in cielo. Ma, come quest'uomo, egli, prima di mettersi in viaggio, consegnò ai suoi servi i propri beni, perché concesse ai suoi fedeli dei doni spirituali. E ad uno diede cinque talenti, ad un altro due, ad un altro uno. Cinque sono infatti i sensi del corpo, cioè: la vista, l'udito, il gusto, l'odorato e il tatto. Con i cinque talenti dunque viene rappresentato il dono dei cinque sensi, cioè la conoscenza delle cose esteriori; con i due talenti invece vengono indicati l'intelletto e l'azione; con l'unico talento infine si indica soltanto l'intelletto.
    Mira colui che aveva ricevuto cinque talenti ne guadagnò altri cinque; perché ci sono alcuni che, pur non riuscendo a penetrare le profondità mistiche, tuttavia in vista della patria celeste insegnano, per quanto possono, la rettitudine; dagli stessi talenti esteriori che hanno ricevuto ne ricavano il doppio; e mentre proteggono sé stessi dall'insolenza della carne, dalla corruzione delle cose terrene e dai piaceri delle cose visibili, distolgono da esse con l'esortazione anche gli altri. Ci sono pure alcuni che, quasi arricchiti di due talenti, ricevono il dono dell'intelletto e dell'azione, comprendono le sottigliezze interiori e operano meraviglie all'esterno; e mentre predicano agli altri con l'intelligenza e l'azione, riportano quasi un doppio guadagno dalla loro attività. .»
    Sardinia Tridentina: Sant'Ubaldo, Vescovo e Confessore
    https://scontent-mxp1-1.xx.fbcdn.net...3d&oe=5B82379B





    "NOVENA DI PENTECOSTE (11 - 19 Maggio).”
    https://3.bp.blogspot.com/-nOs4qgLku...ecoste%2B2.jpg






    Sante Messe - Sodalitium
    http://www.sodalitium.biz/sante-messe/
    Esercizi spirituali: turno estivo 2018 - Sodalitium
    http://www.sodalitium.biz/esercizi-spirituali/

    Sant'Ubaldo - Sodalitium
    http://www.sodalitium.biz/santubaldo/
    «16 maggio 2018, Sant’Ubaldo, Vescovo e Confessore (Gubbio, 1084 – Gubbio, 16 maggio 1160).

    “A Gubbio sant’Ubàldo, Vescovo e Confessore, illustre per miracoli”.
    Ti preghiamo, o Signore, di concederci benignamente il tuo aiuto, e per l’intercessione del Beato Ubaldo, tuo Confessore e Pontefice, stendi sopra di noi la tua protezione contro le molteplici insidie del nemico. Così sia.»
    http://www.sodalitium.biz/wp-content...do-294x300.jpg








    Ligue Saint Amédée
    http://www.SaintAmedee.ch
    https://www.facebook.com/SaintAmedee/?fref=nf

    «Intransigeants sur la doctrine ; charitables dans l'évangélisation [Non Una Cum].»
    https://liguesaintamedee.ch/saint-du...ai-saint-ubald
    “16 mai : Saint Ubald, Évêque et Confesseur (†1160).”
    http://liguesaintamedee.ch/applicati...aint_ubald.jpg





    www.sursumcorda.cloud
    https://www.facebook.com/CdpSursumCorda/
    https://www.sursumcorda.cloud/settim...sum-corda.html




    https://www.facebook.com/pietroferrari1973/





    Radio Spada | Radio Spada ? Tagliente ma puntuale
    http://www.radiospada.org/
    Edizioni Radio Spada - Home
    http://www.edizioniradiospada.com/
    https://www.facebook.com/radiospadasocial/?fref=nf
    “16 maggio 2018: infra l'Ottava dell'Ascensione.”
    https://scontent-mxp1-1.xx.fbcdn.net...7f&oe=5B7CED5E





    "[VITA EST MILITIA] Barone Ermanno Kanzler, comandante generale dell’esercito pontificio
    https://www.radiospada.org/2018/05/v...to-pontificio/
    Nota di Radio Spada; continua oggi, durante l’Ottava dell’Ascensione (festa di Sant’Ubaldo), questa rubrica radiospadista che durerà sino al compimento dell’Ottava di Pentecoste, dedicata all’esercizio del cattolicesimo militare e ai grandi condottieri cattolici.”
    https://i2.wp.com/www.radiospada.org...24%2C538&ssl=1



    “16 maggio 2018: Sant'Ubaldo vescovo e confessore.
    Appartenente ad una nobile famiglia originaria della Germania. Rimasto ben presto orfano di entrambi genitori, Ubaldo fu allevato da un omonimo zio che curò la sua educazione religiosa e l’intellettuale. Ordinato sacerdote nel 1114, qualche anno più tardi Ubaldo veniva eletto priore della sua canonica, di cui riformò la disciplina e il costume. La fama del suo nome e delle sue virtù si era diffusa al di fuori della sua città, tanto che Perugia nel 1126 lo acclamò suo vescovo. Ubaldo però, schivo di tanto onore, si recò subito a Roma per chiedere al Papa Onorio II di essere esonerato da tale incarico, ottenendone grazia. Il vescovo Ubaldo governò la diocesi di Gubbio per 31 anni, durante i quali superò felicemente avversità ed ostacoli, riuscendo a piegare con la dolcezza i suoi nemici e ad ammansire gli avversari con la mitezza d’animo.”
    https://scontent-mxp1-1.xx.fbcdn.net...5c&oe=5B9BB2F5





    “Il 16 maggio 1605 Papa Paolo V Borghese viene esaltato al Sommo Pontificato.”
    https://scontent-mxp1-1.xx.fbcdn.net...24&oe=5B8F259C









    Ave Maria!
    Christus vincit! Christus regnat! Christus imperat!

    Luca, Sursum Corda!
    ADDIO GIUSEPPE, mio caro fratello di sangue e spirito, sono LUCA e nel mio CUORE sarai sempre PRESENTE!
    NOI 2 insieme, uniti OLTRE LA MORTE ed il tragico DESTINO SIA IN TERRA CHE IN CIELO, per SEMPRE VEDREMO LA LUCE - SURSUM CORDA!

  9. #9
    SuperMod
    Data Registrazione
    26 Mar 2005
    Località
    Gubbio
    Messaggi
    50,418
    Mentioned
    751 Post(s)
    Tagged
    22 Thread(s)

    Predefinito Re: 16 maggio - S. Ubaldo di Gubbio, Vescovo

    Certo il 16 maggio è la data ufficiale della festa del santo patrono di Gubbio ma da noi la vera festa di Sant'Ubaldo si svolge in realtà ogni anno a Gubbio il giorno precedente (il 15 maggio) e coincide con la Corsa dei ceri
    https://www.ceri.it/



    È tra le più antiche, se non in assoluto la più remota, manifestazione folcloristica italiana.
    Storicamente la Festa come solenne atto ispirato a devozione degli eugubini al loro Vescovo Ubaldo Baldassini, nasce a partire dal maggio 1160, anno della sua morte.
    Da allora, ogni 15 maggio, giorno della vigilia del lutto, l’offerta devozionale al Santo Patrono divenne un appuntamento fisso per il popolo eugubino, che avrebbe partecipato, in mistica processione, ad una grande “Luminaria” di candelotti di cera, percorrendo le vie della città fino al Monte Ingino (dove dall’11 settembre 1194 riposa il corpo di S. Ubaldo nell’omonima Basilica).
    I candelotti di cera, offerti dalle corporazioni di Arti e Mestieri, probabilmente divennero nel tempo tanto consistenti da renderne difficoltoso il trasporto e furono sostituiti verso la fine del ‘500 con tre strutture di legno, agili e moderne, che – più volte ricostruite – sono, nella loro forma originaria, arrivate fino ai nostri giorni. Sono rimasti invariati nel tempo anche la data e quasi la totalità del percorso della festa.
    Ultima modifica di [email protected]; 17-05-18 alle 18:52

 

 
Correlati:

Discussioni Simili

  1. Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 28-05-18, 23:40
  2. 7 maggio (11 aprile) - S. Stanislao, vescovo e martire
    Di Augustinus nel forum Tradizionalismo
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 07-05-18, 19:52
  3. Risposte: 10
    Ultimo Messaggio: 20-06-14, 17:13
  4. 28 maggio - S. Germano di Parigi, vescovo
    Di Augustinus nel forum Tradizionalismo
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 28-05-08, 08:16
  5. 10 maggio (2 maggio) - S. Antonino Pierozzi (di Firenze) Vescovo
    Di Fra Savonarola nel forum Tradizionalismo
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 12-05-08, 13:41

Chi Ha Letto Questa Discussione negli Ultimi 365 Giorni: 0

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
Single Sign On provided by vBSSO

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225