User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 11

Discussione: Ucraina, 20 anni dopo

  1. #1
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    25,552
    Mentioned
    4 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Ucraina, 20 anni dopo

    da www.lernesto.it

    Ucraina 20 anni dopo

    di Denis Neceporuk

    L’articolo, apparso nel giornale del Partito Comunista di Ucraina, Kommunist, delinea il disastroso bilancio dei quasi 20 anni trascorsi dalla restaurazione del capitalismo.

    Subito dopo la criminale disintegrazione dell’URSS, l’Ucraina era tra i paesi più sviluppati del mondo. Ciò è riconosciuto dagli stessi nazionalisti borghesi. Avevamo prestazioni sociali straordinarie, del cui valore allora la gente non sembrava rendersi conto. Istruzione gratuita e un sistema sanitario di qualità e soprattutto gratuito. Secondo quanto aveva previsto il partito, entro l’anno 2000 tutti avrebbero dovuto disporre di un alloggio gratuitamente. I prezzi dei principali prodotti alimentari, le spese per l’alloggio, le tariffe del trasporto pubblico erano gli stessi da 50 anni. Le spese comunali, le tariffe del gas e dell’energia elettrica, ammontavano a pochi centesimi. La gente consumava prodotti naturali. Disoccupazione, inflazione, vita senza un tetto, licenziamenti, indebitamenti, crediti al 30% di interesse, ecc., erano cose che conoscevano solo quelli che non vivevano nell’URSS.

    Per la generazione attuale tutto ciò sembra fantascienza. Nel 2009 è impossibile immaginare che ciò sia possibile.

    Eravamo 52 milioni. Non solo avevamo armi nucleari (il terzo arsenale nel mondo, dopo Russia e USA), ma un esercito di un milione di effettivi, capace di difendere la popolazione da qualsiasi nemico. Il paese esisteva e si sviluppava. Ne eravamo orgogliosi. Ma in modo incredibile, in solo 20 anni, il che equivale a quattro piani quinquennali sovietici, ci hanno trasformato in uno dei paesi più arretrati, non solo d’Europa, ma del mondo. Il più arretrato e indifeso ad ogni livello. Per quanto sembri incredibile, il tradimento e il capitalismo hanno assolto fino in fondo al loro ruolo.

    Tutto è iniziato con l’avvio delle riforme di mercato e la sostituzione del sistema sociale socialista con quello capitalista. Tutto è iniziato con Gorbaciov. Dopo la caduta dell’URSS, i vecchi ideologi del comunismo hanno iniziato a costruire il capitalismo in ognuno dei loro paesi, sostituendo il dollaro alla falce e martello. A noi è toccato Kravchuk, ai russi Eltsin, ai georgiani Shevarnadze, ecc.

    Occorre riconoscere che allora, all’inizio degli anni 90, la gente credeva ancora nei propri governanti. Ogni cittadino sapeva che i dirigenti del paese, i deputati, il partito e i funzionari, per definizione avevano l’obbligo di lavorare per il bene del popolo e dello stato. Ma disgraziatamente la gente non ha tenuto conto di un dettaglio importante: i cosiddetti democratici e patrioti di osservanza europeista, avevano come unico obiettivo il lucro, accumulare immense fortune a spese dei comuni mortali.

    Tutte le riforme di mercato perseguivano il medesimo scopo: appropriarsi della proprietà statale, distruggere le aziende collettive e successivamente instaurare un regime liberale a vantaggio dei grandi proprietari. Disgraziatamente tutto ciò che favoriva il successo di pochi e conduceva all’impoverimento della maggioranza, fu messo in pratica.

    Tutte le disgrazie del nostro paese sono opera di Kravchuk, Kuchma, Yuschenko e di tutti coloro che hanno occupato il potere negli ultimi 20 anni. E’ bene sapere che nessuno ha mai chiesto al popolo se sceglieva la via capitalista. Tutto è stato fatto di nascosto, sotto l’apparenza di un presunto amore per l’Ucraina e la nazione, con la scusa della democrazia e dell’umanismo europeo.

    Come risultato della controrivoluzione capitalista, il popolo ucraino ha perso il potere e il controllo su tutto ciò che riguarda il paese. Oggi una minoranza governa sulla maggioranza. 50 persone possiedono la terza parte del PIL del paese. I ricchi sono sempre più ricchi e i poveri sempre più poveri.

    Dopo averci procurato la crisi economico-finanziaria, i capitalisti pretendono di uscirne a spese della gente di buon senso. Il governo della Timoshenko ha indebitato tutto il popolo. Gli “arancioni” continuano imperterriti a vendere imprese e a chiedere crediti. E osano pure farsene un vanto.

    Il “garante” Yuschenko nei suoi interventi insiste continuamente sulla sua intenzione di indirizzarsi unicamente ad una delle nazionalità dell’Ucraina. In questo gli fa eco l’altra “politicante”, armandosi di ideologia filo-fascista per attrarre l’elettorato.

    Ma il caso vuole che, giorno dopo giorno, siano sempre meno quelli che danno ascolto a tali “pseudo-patrioti”. Per non parlare di coloro che vengono qualificati come “nazionalità aliene” (russi e altre minoranze, ndt). In Ucraina, a soffrire siamo tutti, senza distinzione.

    Purtroppo, dobbiamo constatare che la nazione che hanno “forgiato” si può riassumere nelle seguenti cifre:

    Siamo circa 46 milioni, di cui

    Circa 10 milioni vivono sotto il livello della povertà.

    Più di 3 milioni sono disoccupati.

    Circa un milione e mezzo soffre la fame.

    Circa 190.000 muoiono ogni anno di cancro. Su 1.500 ammalati, 900 muoiono.

    700.000 sono malati di tubercolosi, secondo cifre del Ministero della Sanità.

    440.000 persone sono colpite dal virus VIH.

    150.000 sono i reclusi nelle carceri.

    Circa 900.000 sono alcolisti cronici.

    Ufficialmente sono 500.000 i tossicodipendenti, secondo le statistiche del Ministero degli Interni.

    In Ucraina, quasi 200.000 bambini vivono nelle strade.

    In Ucraina, ci sono circa 1 milione di vagabondi.

    In Ucraina ci sono 19 milioni di fumatori. Il 66% degli uomini e il 20% delle donne.

    Se sommiamo queste cifre al crescente analfabetismo, al degrado morale della gioventù, il quadro che ne risulta è molto triste.

    Devono essere richiamati alle loro responsabilità questi politici di destra, liberali, che hanno applicato e continuano ad applicare le riforme capitaliste di mercato. Sono al governo. Non c’è differenza tra loro. Sono di diverso aspetto, ma tutti allo stesso modo capitalisti.

    In considerazione di quanto abbiamo esposto, ogni cittadino oggi è obbligato a trovare una risposta logica al perché in passato ha dato il suo voto ai milionari e al perché dovrebbe continuare a farlo.

    fonte: Ãàçåòà "Êîììóíèñò" » Óðîäîâëàñòèå » 20 ëåò îíè èìåþò…


    20 anni dopo la restaurazione del capitalismo
    -Ma dai, sarà la bora..
    -Ma non siamo a Trieste!

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    sinistra socialista
    Data Registrazione
    16 May 2009
    Messaggi
    1,516
    Mentioned
    16 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Rif: Ucraina, 20 anni dopo

    Io forse in URSS sarei stato un dissidente, ma riconoscere che il crollo del comunismo ha portato conseguenze agghiaccianti in quasi tutti paesi del'ex blocco dovrebbe essere pacifico
    "esiste in mezzo al tempo la possibilità di un'isola"

  3. #3
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    25,552
    Mentioned
    4 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Ucraina, 20 anni dopo

    o anche solo riconoscere che da 20 anni a questa parte(forse qualcosina di più) pure a noi ce lo stanno buttando in culo che è un piacere dovrebbe esser pacifico
    e casualmente coincide col periodo della disgregazione
    -Ma dai, sarà la bora..
    -Ma non siamo a Trieste!

  4. #4
    anticonformista
    Data Registrazione
    14 Apr 2009
    Località
    Cagliari
    Messaggi
    24,817
    Mentioned
    766 Post(s)
    Tagged
    32 Thread(s)

    Predefinito Rif: Ucraina, 20 anni dopo

    Articolo interessantissimo
    E poi ci prendono in giro a noi nostaligici dell' URSS quando la difendiamo
    Come dice Masherov, ex POL, la fine dell' URSS è stata decisa a tavolino contro il volere del popolo sovietico da una cricca di personaggi (Eltsin e i presidenti di Bielorussia e Ucraina) in quel momento ubriachi fino all' inverosimile
    Che schifo!!!

  5. #5
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    12 Feb 2008
    Messaggi
    20,158
    Inserzioni Blog
    3
    Mentioned
    5 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Ucraina, 20 anni dopo

    Citazione Originariamente Scritto da MaRcO88 Visualizza Messaggio
    o anche solo riconoscere che da 20 anni a questa parte(forse qualcosina di più) pure a noi ce lo stanno buttando in culo che è un piacere dovrebbe esser pacifico
    e casualmente coincide col periodo della disgregazione
    appunto io non so filo sovietico, con lo scioglimento del blocco sovietico è venuta a mancare un alternativa al sistema, prima i poteri forti ci pensavano 2 volte prima di fare qualcosa perchè il popolo se si incazzava si poteva rivolgere all'altro sistema, adesso invece c'è solo questo è c'è la possono mettere in culo quanto vogliono...
    ci sono masse incazzate che vogliono lottare ma non sanno per che cosa...è questa la cosa più triste...per questo dico che la caduta del muro è stata una delle più grandi disgrazie del secolo.

    VIVA L'URSS e il PATTO di VARSAVIA
    Dannato Barone Rosso.

  6. #6
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    25,552
    Mentioned
    4 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Ucraina, 20 anni dopo

    Citazione Originariamente Scritto da morfeo Visualizza Messaggio
    appunto io non so filo sovietico, con lo scioglimento del blocco sovietico è venuta a mancare un alternativa al sistema, prima i poteri forti ci pensavano 2 volte prima di fare qualcosa perchè il popolo se si incazzava si poteva rivolgere all'altro sistema, adesso invece c'è solo questo è c'è la possono mettere in culo quanto vogliono...
    ci sono masse incazzate che vogliono lottare ma non sanno per che cosa...è questa la cosa più triste...per questo dico che la caduta del muro è stata una delle più grandi disgrazie del secolo.

    VIVA L'URSS e il PATTO di VARSAVIA

    e vengono eterodiretti....poi beh dipende dai casi...c'è chi se la prende con l'immigrato e chi ancora col padrone, per fortuna..
    -Ma dai, sarà la bora..
    -Ma non siamo a Trieste!

  7. #7
    Moderatore
    Data Registrazione
    05 Apr 2009
    Località
    Portovenere e La Spezia
    Messaggi
    46,367
    Inserzioni Blog
    1
    Mentioned
    79 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito Rif: Ucraina, 20 anni dopo

    Citazione Originariamente Scritto da Murru Visualizza Messaggio
    Articolo interessantissimo
    E poi ci prendono in giro a noi nostaligici dell' URSS quando la difendiamo
    Come dice Masherov, ex POL, la fine dell' URSS è stata decisa a tavolino contro il volere del popolo sovietico da una cricca di personaggi (Eltsin e i presidenti di Bielorussia e Ucraina) in quel momento ubriachi fino all' inverosimile
    Che schifo!!!
    concordo, io da occidentale filo-occidentale iper-occidentale
    è stata un elite che a tavolino ha voluto distruggere l'unione sovietica, ma ha distrutto anche l'occidente credetemi, è stato deciso

    io stavo dall'altra parte della cortina, inteso, ma ora mi trovo "alleato" vostro

    da liberale e liberista non mi riconosco nel nuovo sistema, perchè è un sistema misto non liberista, o meglio liberista con i deboli e protezionista con i forti.

    Un sistema che regala pezzi di stato a pochi privati che operano in regimi di monopolio, oligopolio, albo professionale, mentre crea una massa di poveri costretti a lavorare sempre a meno, a spostarsi da una nazione all'altra in cerca di condizioni migliori.

    nel frattempo le rendite ricardiane aumentano, e pochi privilegiati si arricchiscono non facendo nulla.

    IL LAVORO DEVE TORNARE L'ELEMENTO ESSENZIALE


    ........ se non bestemmio oggi .......


  8. #8
    Visitors Addicted
    Data Registrazione
    02 Apr 2009
    Località
    We are everywhere
    Messaggi
    33,331
    Mentioned
    99 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito Rif: Ucraina, 20 anni dopo

    Citazione Originariamente Scritto da morfeo Visualizza Messaggio
    appunto io non so filo sovietico, con lo scioglimento del blocco sovietico è venuta a mancare un alternativa al sistema, prima i poteri forti ci pensavano 2 volte prima di fare qualcosa perchè il popolo se si incazzava si poteva rivolgere all'altro sistema, adesso invece c'è solo questo è c'è la possono mettere in culo quanto vogliono...
    ci sono masse incazzate che vogliono lottare ma non sanno per che cosa...è questa la cosa più triste...per questo dico che la caduta del muro è stata una delle più grandi disgrazie del secolo.

    VIVA L'URSS e il PATTO di VARSAVIA
    Compagno...dissidente diessino...i comunisti ti reclamano

    A parte scherzi, è chiaro anche l'intento della disinformazione nel fare propaganda anticomunista continuando amettere in giro le favole sui milioni e milioni di morti generati dal cattivone comunista.
    Queste notizie, queste situazioni vanno messe in risalto perchè il capitalismo, ormai nella fase avazata di imperialismo sta utilizzando tutto quello che può pur di risollevarsi.
    I lavoratori, i proletari, chiunque siano, sia del centro che della periferia capitalista (con tutte le differenze del caso) hanno visto i volti del padronato, hanno visto cosa vuol dire vivere nell'assoluta precarietà, completamente succubi del ricatto per un tozzo di pane.
    Forse, adesso più che mai è giunta l'ora di compattarsi per riportare in primo piano la lotta di classe , facendo si che le classi produttrici si sentano realmente classi lavoratrici, quindi fulcro della società.

  9. #9
    Visitors Addicted
    Data Registrazione
    02 Apr 2009
    Località
    We are everywhere
    Messaggi
    33,331
    Mentioned
    99 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito Rif: Ucraina, 20 anni dopo

    Citazione Originariamente Scritto da dDuck Visualizza Messaggio
    concordo, io da occidentale filo-occidentale iper-occidentale
    è stata un elite che a tavolino ha voluto distruggere l'unione sovietica, ma ha distrutto anche l'occidente credetemi, è stato deciso

    io stavo dall'altra parte della cortina, inteso, ma ora mi trovo "alleato" vostro

    da liberale e liberista non mi riconosco nel nuovo sistema, perchè è un sistema misto non liberista, o meglio liberista con i deboli e protezionista con i forti.

    Un sistema che regala pezzi di stato a pochi privati che operano in regimi di monopolio, oligopolio, albo professionale, mentre crea una massa di poveri costretti a lavorare sempre a meno, a spostarsi da una nazione all'altra in cerca di condizioni migliori.

    nel frattempo le rendite ricardiane aumentano, e pochi privilegiati si arricchiscono non facendo nulla.

    IL LAVORO DEVE TORNARE L'ELEMENTO ESSENZIALE
    Duck carissimo, probabilmente sei una persona veramente sensibile per quanto riguarda la sorte di chi non ha (e non ha mai avuto) voce nelle decisioni economiche e sociali di un paese.
    Probabilmente sie più vicino ai socialisti liberali che non ai veri e propri liberisti in senso economico e sociale.
    Ma a perte le etichette che lasciano il tempo che trovano , l'importante è agire, lottare, cercare assiduamente il bene per tutte le persone che ci circondano.

  10. #10
    Moderatore
    Data Registrazione
    05 Apr 2009
    Località
    Portovenere e La Spezia
    Messaggi
    46,367
    Inserzioni Blog
    1
    Mentioned
    79 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito Rif: Ucraina, 20 anni dopo

    Citazione Originariamente Scritto da WalterA Visualizza Messaggio
    Duck carissimo, probabilmente sei una persona veramente sensibile per quanto riguarda la sorte di chi non ha (e non ha mai avuto) voce nelle decisioni economiche e sociali di un paese.
    Probabilmente sie più vicino ai socialisti liberali che non ai veri e propri liberisti in senso economico e sociale.
    Ma a perte le etichette che lasciano il tempo che trovano , l'importante è agire, lottare, cercare assiduamente il bene per tutte le persone che ci circondano.
    La mia idea è il ritorno al predominio dell'economia reale sull'economia della speculazione.

    Oggi con la tecnologia si drovrebbe lavorare meno, e produrre più, ma non è vero.

    E' un paradosso e dove finisce il nostro lavoro ?

    una svariata serie di diseconomie e ruberie, soprattutto la prima ma anche la seconda.

    La mia idea che dalla crisi si puo uscire solo se si torna a pagare bene il lavoratori, che sia lui a sostenere la domanda, che siano i lavoratori a comprare i prodotti che fabbricano.

    La crisi è dovuta al fatto che estono delle economie emergenti che vivono su una manodopera mal pagata, che non consuma, mentre i guadagni vanno altrove, neppre all'imprenditore ma ad una serie di fattori :

    * speculazione finanziaria
    * stato
    * rendite ricardiane
    * rendite di posizione

    io sono antistatalista perchè lo stato con la sua inefficienza fa pagare il lavoratore.

    poi ci sono le rendite ricardiane come petrolio o gas, o affitti immobili

    poi le categorie protette, professionisti prezzolati, manager

    è soprattutto un fattore culturale, baserebbero cose semplici

    * attenti ai prezzi,
    * non considerare un libero professionista un idolo ma sceglierlo,
    * non accettare lavori a salari troppo bassi
    * trattare il prezzo

    chiamarli liberisti è errato,

    potrei votare Sx per la prima volta in vita mia

    hoi votato forza italia fino al 2002, poi astenuto.

    Con il ponte di Messina il Govero ha finanziato l'ennesima truffa, un opera pubblica inutile costosissima, paradossale,
    ci costerà come una guerra mondiale, più di una finanziaria.

    Berlusconi lascerà una ammontare di debiti senza precedenti, lascerà un default che non ha pari nel mondo, poi sti scemi sul forum vanno a discutere il meticciamento :gluglu:


    ........ se non bestemmio oggi .......


 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Risposte: 11
    Ultimo Messaggio: 10-06-13, 00:13
  2. Ucraina 20 anni dopo
    Di Epifanio nel forum Comunismo e Comunità
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 22-12-09, 16:46
  3. Ucraina, 20 anni dopo
    Di Spetaktor nel forum Eurasiatisti
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 20-12-09, 15:53
  4. E dopo la Georgia, anche l'Ucraina amerikanista in difficoltà
    Di Zefram_Cochrane nel forum Politica Estera
    Risposte: 23
    Ultimo Messaggio: 19-08-08, 23:28
  5. L'Ucraina dice addio ai filoamericani dopo solo un anno...
    Di pietro nel forum Comunismo e Comunità
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 28-03-06, 08:07

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226