User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 16
  1. #1
    Globalization Is Freedom
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Messaggi
    2,486
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Radio Nostalgia. Il discorso che vorrei sentire

    INTERVENTO DEL SEGRETARIO FEDERALE on. UMBERTO BOSSI
    SEDUTA DEL 21 DICEMBRE 1994 SFIDUCIA AL GOVERNO BERLUSCONI



    "On. Presidente,
    Ritengo che la sua mozione meriti considerazione, però, il fatto che lei l'abbia consegnata alla stampa, prima del dibattito parlamentare, sottolinea soltanto quanto sia debole in lei il senso dello Stato .
    Ritengo quindi che il documento attraverso il quale viene espressa la sfiducia nei confronti dell'attuale Governo presieduto da lei, onorevole Berlusconi. sia il primo esempio di sfiducia costruttiva.
    Esso contiene una elencazione delle ragioni che spiegano i motivi politici ma anche economici e costituzionali, che giustificano la sfiducia della Lega e, nello stesso tempo, è un documento che predispone le strutture di un nuovo Governo.


    La Lega considera conclusa negativamente l'esperienza di questo Governo che, come fosse un suo feudo personale, l'onorevole Berlusconi ha presieduto dal 16 maggio ad oggi.
    Qualcuno potrebbe affermare, in polemica con il dissenso della Lega. che in sette mesi è difficile riedificare uno Stato italiano completamente nuovo e quindi strutture politiche, economiche e sociali distrutte dal passato partitocratico.


    Tuttavia, quando la Lega accettò di far parte della coalizione per garantire la governabilità, i patti che l'onorevole Berlusconi sottoscrisse furono molto chiari. La Lega decise di aderire al Governo Berlusconi superando le legittime resistenze di molti suoi elettori e della totalità dei suoi militanti verso l'inquinante contiguità con la frangia fascista missina, considerando prioritario garantire la governabilità del paese.


    La nostra fu una scelta che non era conseguente ad alcun accordo elettorale precedente. La Lega aveva sempre ribadito a Berlusconi che mai e poi mai avrebbe potuto governare con il trasformismo fascista; che mai e poi mai avrebbe stretto accordi elettorali con Alleanza Nazionale, il partito neoassistenzialista e "democratico" (lo metto tra virgolette, considerando la vischiosità delle origini e l'oscurità del progredire, direi del trasmutare, di questi ultimi anni).


    Noi abbiamo accettato di far parte di questa coalizione unicamente per il senso del dovere che abbiamo nei confronti del popolo italiano e dei nostri elettori,, che esigono governabilità. Quindi, questo Governo è stato fin dall'inizio un Governo di numeri, la cui esistenza era subordinata solo e soltanto all'assoluto rispetto dei patti. E la Lega pose sul tavolo gli itinerari programmatici che il Governo avrebbe dovuto seguire, sottolineando il suo ruolo di coscienza critica della coalizione per il passaggio dalla prima alla seconda Repubblica.


    Solo per questo patto postelettorale e pregovernativo la Lega, nonostante potesse chiedere al Capo dello Stato, secondo la prassi costituzionale, Palazzo Chigi, rinunciò a favore di Berlusconi, in perfetta buona fede.
    La Lega portava a Berlusconi la dote maggiore sul piano politico: la distruzione del sistema centralistico partitocratico.
    Portava in dote la lotta di liberazione democratica che, avanzando a folate sotto una gragnuola di colpi, aveva atterrato le oligarchie craxiane ed andreottiane, sollecitando e cavalcando la protesta nata dalle regioni trainanti del paese, dalla piccola e media borghesia imprenditoriale, da quelle delle libere professioni.


    Una protesta che si era diffusa tra tutti coloro che hanno capacità,, cuore, intelligenza, comprensione dell'Italia di oggi.
    Un atto di accusa che veniva da coloro che si sentivano frustrati e stanchi di essere considerati sudditi, pecore da tosare regolarmente per mantenere incapaci, furbi ed inetti.
    E siamo dilagati, svincolati da dogmi e ideologie, basando la nostra azione politica, economica e sociale sul bisogno di libertà del paese, sul pragmatismo che consente di affrontare la lotta a privilegi e corporazioni.
    Abbiamo portato in dono al Governo Berlusconi la necessità, fatta maturare nella coscienza del popolo grazie alle nostre lotte, di superare le ricette antiquate di una cultura demagogica e populista che ha per parola d'ordine quella di sistemare parassiti e assistiti, falsi cassaintegrati, falsi pensionati, impiegati pubblici nulla facenti che svolgono poi altre attività ignote al fisco e agli Economisti di questo Paese.

    La Lega ha portato in dote questa grande lotta per passare dallo Stato assistenzialista ad uno Stato liberale dove ci sia finalmente l'eguaglianza di diritti e doveri dei cittadini.
    Una lotta di liberazione,, la nostra,, fatta quando l'emblema della società dei consumi tutto è nel consumo, niente contro il consumo, nulla fuori da consumo si era fatalmente trasformato in un altro emblema tutto nello Stato, niente contro lo Stato, nulla al di fuori dello Stato ponendo il problema del superamento del centralismo istituzionale con il federalismo.
    I patti richiedevano inoltre l'immediata approvazione di una legge antitrust che eliminasse il monopolio della Fininvest e che favorisse il rinnovo strutturale della RAI TV restituendo ai media la loro libertà e democratica funzione per informare imparzialmente ed obiettivamente l'opinione pubblica.


    I patti richiedevano la netta separazione tra gli interessi personali dal Capo del Governo e la sua funzione di altissimo Pubblico Ufficiale.
    Lei in campagna elettorale ha promesso un milione di posti di lavoro; ha promesso di risolvere il secolare problema meridionale, di garantire la pace sociale. di sostenere la piccola e media impresa, di eliminare la partitocrazia e lo Stato padrone; di fare dell’Italia un grande paese ad ispirazione liberal-democratica.


    "Ho fatto un sogno: rendere perfettamente trasparente questa casa e restituire slancio alla società civile". Sosteneva il Presidente alla presentazione del Governo alla Camera.
    In realtà. il sogno non ha fatto sognare che lei. Avrà consolidato il suo potere personale, ma non ha risolto uno solo dei tanti fattori di crisi del Paese, che erano e restano i seguenti:
    - la distribuzione e la dimensione della spesa pubblica,
    - il carico fiscale,
    - il reddito e la sua distribuzione sul territorio,
    - l'efficienza o meglio l'inefficienza dell'apparato politico amministrativo dello Stato, fattori di crisi che derivano dall'esistenza intatta di uno Stato centralizzato, che svolge ormai solo funzione redistributiva e che costituisce la principale ragione del dissesto.
    Si trattava e si tratta quindi di trovare le linee di fondo di un progetto di riforma federalista.


    E la Lega lo ha realizzato! Il ministro onorevole Speroni, ha realizzato il progetto federalista che è un valore medio tra riduzionismo empirico e massimalismo astratto e che è il federalismo possibile!
    E Speroni ha dovuto preparare il proprio progetto federalista, che diventa disegno di legge tra il disinteresse e l'ostilità delle forze di Governo!
    Insomma, un Governo che ha inteso la governabilità come fine a se stessa, il potere per il potere, la governabilità per la governabilità (la vecchia e collaudata massima di Bettino Craxi)!
    E non solo di un Governo non intenzionato ai cambiamenti,, ma di un Governo dei conflitti con la magistratura e con H sindacato, un governo del controllo dell'informazione!


    Un'alleanza in cui c'è chi accusa la Lega addirittura di sovvertire lo Stato di diritto perché chiede la verifica, falsificando la verità e dichiarando che questo Governo non sarebbe il frutto, come nel passato, di una contrattazione post elettorale. bensì, sarebbe la conseguenza di un patto preventivo stipulato davanti agli elettori!
    E quindi solo a Berlusconi, se è vera la premessa, competerebbe concedere la verifica e implicitamente mantenere o sciogliere le Camere.
    E' una tesi che lede i poteri costituzionali del Presidente della Repubblica e lascia trasparire il ritorno nella politica di dogmi antiliberali!
    Questo non è e non sarà mai più la Camera dei Fasci e delle Corporazioni!

    Onorevole Presidente, lo Stato non è lei! E dopo di lei non c'è il diluvio! Le chiedo con quali diritti Lei batta i pugni sul tavolo dichiarando la sua insostituibilità? Con quali diritti Lei pretenda di interpretare personalmente la Costituzione tuttora in atto?

    Onorevole Presidente,, Lei non è l'uomo della provvidenza, tutt'altro!

    La nostra mozione di sfiducia non è provocatoria né in contrasto con la Costituzione.
    E' solo la conseguenza dell'impantanamento del suo governo, la conseguenza delle due tensioni contrapposte che si annullano all'interno del Governo stesso tra una destra assistenzialista e monopolista, che rappresenta null'altro che il tentativo di ripristinare la filosofia del vecchio pentapartito scardinato dall'avanzata della Lega, e la destra liberista e federalista, europea e moderna, incarnata dalla Lega e mi auguro anche da una parte di Forza Italia.


    L'Italia, e una Repubblica democratica, in cui il Parlamento elegge e fa cadere i Governi, valutando i meriti e i demeriti di chi presiede o fa parte del Governo: il tradimento è solo quello di chi, ad un Paese disperatamente alla ricerca di un patto costituente, contrappone voglia di potere e minacce di tumulti di piazza!

    La Lega onorevole Presidente, toglie la fiducia al suo Governo! Io sono responsabile, certo Signor Presidente, ma responsabile di provocare la fine della la repubblica di cui lei è il pericoloso epigono".

    http://www.leganord.org/a_2_discorsi_21_12_94.htm
    "Non spargerai false dicerie; non presterai mano al colpevole per essere testimone in favore di un'ingiustizia. Non seguirai la maggioranza per agire male e non deporrai in processo per deviate la maggioranza, per falsare la giustizia. Non favorirai nemmeno il debole nel suo processo" (Esodo 23: 1-3)

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    R.i.P. quorthon
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Asa Bay
    Messaggi
    1,791
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    ...mi fa piacere che non l'abbiano tolto dal sito...così, ogni tanto, magari Umberto gli può dare ancora una sbirciatina...
    --------------
    The Warrior

  3. #3
    Ecogiustiziere Insubre
    Data Registrazione
    05 Apr 2004
    Località
    Dove c'è bisogno di me, in Insubria
    Messaggi
    3,516
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Radio Nostalgia. Il discorso che vorrei sentire

    In origine postato da Stonewall
    INTERVENTO DEL SEGRETARIO FEDERALE on. UMBERTO BOSSI
    SEDUTA DEL 21 DICEMBRE 1994 SFIDUCIA AL GOVERNO BERLUSCONI



    "On. Presidente,
    Ritengo che la sua mozione meriti considerazione, però, il fatto che lei l'abbia consegnata alla stampa, prima del dibattito parlamentare, sottolinea soltanto quanto sia debole in lei il senso dello Stato .
    Ritengo quindi che il documento attraverso il quale viene espressa la sfiducia nei confronti dell'attuale Governo presieduto da lei, onorevole Berlusconi. sia il primo esempio di sfiducia costruttiva.
    Esso contiene una elencazione delle ragioni che spiegano i motivi politici ma anche economici e costituzionali, che giustificano la sfiducia della Lega e, nello stesso tempo, è un documento che predispone le strutture di un nuovo Governo.


    La Lega considera conclusa negativamente l'esperienza di questo Governo che, come fosse un suo feudo personale, l'onorevole Berlusconi ha presieduto dal 16 maggio ad oggi.
    Qualcuno potrebbe affermare, in polemica con il dissenso della Lega. che in sette mesi è difficile riedificare uno Stato italiano completamente nuovo e quindi strutture politiche, economiche e sociali distrutte dal passato partitocratico.


    Tuttavia, quando la Lega accettò di far parte della coalizione per garantire la governabilità, i patti che l'onorevole Berlusconi sottoscrisse furono molto chiari. La Lega decise di aderire al Governo Berlusconi superando le legittime resistenze di molti suoi elettori e della totalità dei suoi militanti verso l'inquinante contiguità con la frangia fascista missina, considerando prioritario garantire la governabilità del paese.


    La nostra fu una scelta che non era conseguente ad alcun accordo elettorale precedente. La Lega aveva sempre ribadito a Berlusconi che mai e poi mai avrebbe potuto governare con il trasformismo fascista; che mai e poi mai avrebbe stretto accordi elettorali con Alleanza Nazionale, il partito neoassistenzialista e "democratico" (lo metto tra virgolette, considerando la vischiosità delle origini e l'oscurità del progredire, direi del trasmutare, di questi ultimi anni).


    Noi abbiamo accettato di far parte di questa coalizione unicamente per il senso del dovere che abbiamo nei confronti del popolo italiano e dei nostri elettori,, che esigono governabilità. Quindi, questo Governo è stato fin dall'inizio un Governo di numeri, la cui esistenza era subordinata solo e soltanto all'assoluto rispetto dei patti. E la Lega pose sul tavolo gli itinerari programmatici che il Governo avrebbe dovuto seguire, sottolineando il suo ruolo di coscienza critica della coalizione per il passaggio dalla prima alla seconda Repubblica.


    Solo per questo patto postelettorale e pregovernativo la Lega, nonostante potesse chiedere al Capo dello Stato, secondo la prassi costituzionale, Palazzo Chigi, rinunciò a favore di Berlusconi, in perfetta buona fede.
    La Lega portava a Berlusconi la dote maggiore sul piano politico: la distruzione del sistema centralistico partitocratico.
    Portava in dote la lotta di liberazione democratica che, avanzando a folate sotto una gragnuola di colpi, aveva atterrato le oligarchie craxiane ed andreottiane, sollecitando e cavalcando la protesta nata dalle regioni trainanti del paese, dalla piccola e media borghesia imprenditoriale, da quelle delle libere professioni.


    Una protesta che si era diffusa tra tutti coloro che hanno capacità,, cuore, intelligenza, comprensione dell'Italia di oggi.
    Un atto di accusa che veniva da coloro che si sentivano frustrati e stanchi di essere considerati sudditi, pecore da tosare regolarmente per mantenere incapaci, furbi ed inetti.
    E siamo dilagati, svincolati da dogmi e ideologie, basando la nostra azione politica, economica e sociale sul bisogno di libertà del paese, sul pragmatismo che consente di affrontare la lotta a privilegi e corporazioni.
    Abbiamo portato in dono al Governo Berlusconi la necessità, fatta maturare nella coscienza del popolo grazie alle nostre lotte, di superare le ricette antiquate di una cultura demagogica e populista che ha per parola d'ordine quella di sistemare parassiti e assistiti, falsi cassaintegrati, falsi pensionati, impiegati pubblici nulla facenti che svolgono poi altre attività ignote al fisco e agli Economisti di questo Paese.

    La Lega ha portato in dote questa grande lotta per passare dallo Stato assistenzialista ad uno Stato liberale dove ci sia finalmente l'eguaglianza di diritti e doveri dei cittadini.
    Una lotta di liberazione,, la nostra,, fatta quando l'emblema della società dei consumi tutto è nel consumo, niente contro il consumo, nulla fuori da consumo si era fatalmente trasformato in un altro emblema tutto nello Stato, niente contro lo Stato, nulla al di fuori dello Stato ponendo il problema del superamento del centralismo istituzionale con il federalismo.
    I patti richiedevano inoltre l'immediata approvazione di una legge antitrust che eliminasse il monopolio della Fininvest e che favorisse il rinnovo strutturale della RAI TV restituendo ai media la loro libertà e democratica funzione per informare imparzialmente ed obiettivamente l'opinione pubblica.


    I patti richiedevano la netta separazione tra gli interessi personali dal Capo del Governo e la sua funzione di altissimo Pubblico Ufficiale.
    Lei in campagna elettorale ha promesso un milione di posti di lavoro; ha promesso di risolvere il secolare problema meridionale, di garantire la pace sociale. di sostenere la piccola e media impresa, di eliminare la partitocrazia e lo Stato padrone; di fare dell’Italia un grande paese ad ispirazione liberal-democratica.


    "Ho fatto un sogno: rendere perfettamente trasparente questa casa e restituire slancio alla società civile". Sosteneva il Presidente alla presentazione del Governo alla Camera.
    In realtà. il sogno non ha fatto sognare che lei. Avrà consolidato il suo potere personale, ma non ha risolto uno solo dei tanti fattori di crisi del Paese, che erano e restano i seguenti:
    - la distribuzione e la dimensione della spesa pubblica,
    - il carico fiscale,
    - il reddito e la sua distribuzione sul territorio,
    - l'efficienza o meglio l'inefficienza dell'apparato politico amministrativo dello Stato, fattori di crisi che derivano dall'esistenza intatta di uno Stato centralizzato, che svolge ormai solo funzione redistributiva e che costituisce la principale ragione del dissesto.
    Si trattava e si tratta quindi di trovare le linee di fondo di un progetto di riforma federalista.


    E la Lega lo ha realizzato! Il ministro onorevole Speroni, ha realizzato il progetto federalista che è un valore medio tra riduzionismo empirico e massimalismo astratto e che è il federalismo possibile!
    E Speroni ha dovuto preparare il proprio progetto federalista, che diventa disegno di legge tra il disinteresse e l'ostilità delle forze di Governo!
    Insomma, un Governo che ha inteso la governabilità come fine a se stessa, il potere per il potere, la governabilità per la governabilità (la vecchia e collaudata massima di Bettino Craxi)!
    E non solo di un Governo non intenzionato ai cambiamenti,, ma di un Governo dei conflitti con la magistratura e con H sindacato, un governo del controllo dell'informazione!


    Un'alleanza in cui c'è chi accusa la Lega addirittura di sovvertire lo Stato di diritto perché chiede la verifica, falsificando la verità e dichiarando che questo Governo non sarebbe il frutto, come nel passato, di una contrattazione post elettorale. bensì, sarebbe la conseguenza di un patto preventivo stipulato davanti agli elettori!
    E quindi solo a Berlusconi, se è vera la premessa, competerebbe concedere la verifica e implicitamente mantenere o sciogliere le Camere.
    E' una tesi che lede i poteri costituzionali del Presidente della Repubblica e lascia trasparire il ritorno nella politica di dogmi antiliberali!
    Questo non è e non sarà mai più la Camera dei Fasci e delle Corporazioni!

    Onorevole Presidente, lo Stato non è lei! E dopo di lei non c'è il diluvio! Le chiedo con quali diritti Lei batta i pugni sul tavolo dichiarando la sua insostituibilità? Con quali diritti Lei pretenda di interpretare personalmente la Costituzione tuttora in atto?

    Onorevole Presidente,, Lei non è l'uomo della provvidenza, tutt'altro!

    La nostra mozione di sfiducia non è provocatoria né in contrasto con la Costituzione.
    E' solo la conseguenza dell'impantanamento del suo governo, la conseguenza delle due tensioni contrapposte che si annullano all'interno del Governo stesso tra una destra assistenzialista e monopolista, che rappresenta null'altro che il tentativo di ripristinare la filosofia del vecchio pentapartito scardinato dall'avanzata della Lega, e la destra liberista e federalista, europea e moderna, incarnata dalla Lega e mi auguro anche da una parte di Forza Italia.


    L'Italia, e una Repubblica democratica, in cui il Parlamento elegge e fa cadere i Governi, valutando i meriti e i demeriti di chi presiede o fa parte del Governo: il tradimento è solo quello di chi, ad un Paese disperatamente alla ricerca di un patto costituente, contrappone voglia di potere e minacce di tumulti di piazza!

    La Lega onorevole Presidente, toglie la fiducia al suo Governo! Io sono responsabile, certo Signor Presidente, ma responsabile di provocare la fine della la repubblica di cui lei è il pericoloso epigono".

    http://www.leganord.org/a_2_discorsi_21_12_94.htm
    Quanti debiti, quante fidejussioni, quanti preti, quanti fasci, quanti itagliani e quanti affaristi si sono frapposti tra questo discorso e la Lega di oggi...
    Iunthanaka
    Conte della Martesana

  4. #4
    email non funzionante
    Data Registrazione
    04 Mar 2002
    Località
    Per non lottare ci saranno sempre moltissimi pretesti in ogni circostanza, ma mai in ogni circostanza e in ogni epoca si potrà avere la libertà senza la lotta!
    Messaggi
    12,320
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito



    i temi che ci facevano vincere...parafrando un noto coyote....

  5. #5
    email non funzionante
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    7,255
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito che tristezza

    ma chi è berlusconi ?
    le facce sono tante :
    la tessera p2 numero...
    quello della banca rasini...
    l'unto ...
    il megalomane che per entrare nei libri di Storia avrebbe rivoluzionato ....
    il pontefice (facitore di ponti) ...
    il salvatore della lega dalla bancarotta ...
    aiutatemi voi a scoprire le altre facce.

  6. #6
    Ecogiustiziere Insubre
    Data Registrazione
    05 Apr 2004
    Località
    Dove c'è bisogno di me, in Insubria
    Messaggi
    3,516
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: che tristezza

    In origine postato da dime can
    ma chi è berlusconi ?
    le facce sono tante :
    la tessera p2 numero...
    quello della banca rasini...
    l'unto ...
    il megalomane che per entrare nei libri di Storia avrebbe rivoluzionato ....
    il pontefice (facitore di ponti) ...
    il salvatore della lega dalla bancarotta ...
    aiutatemi voi a scoprire le altre facce.
    Il liftato
    Il trapiantato
    Il mascarato
    Il coppolato
    Il servo di george...
    Iunthanaka
    Conte della Martesana

  7. #7
    piemonteis downunder
    Data Registrazione
    20 Mar 2002
    Località
    sydney
    Messaggi
    3,615
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    "il piu' grande amico al mondo della Turchia, e il piu' grande
    sostenitore della Turchia nella UE" (parole sue, dette
    come ospite d'onore al matrimonio della figlia del presidente turco)

  8. #8
    Homo faber fortunae suae
    Data Registrazione
    03 Mar 2003
    Località
    Gussago
    Messaggi
    4,237
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    il Bandanato

  9. #9
    Homo faber fortunae suae
    Data Registrazione
    03 Mar 2003
    Località
    Gussago
    Messaggi
    4,237
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    l' auto-assolto

  10. #10
    Veneto indipendente
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Serenissima Euganea
    Messaggi
    5,951
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Per me è itagliota quanto le sue televisioni. Tutto interesse personale: per questo ha fondato il partito di FI, per occupare con la politica attiva ciò che, con la caduta di Craxi, non gli poteva più offrire la politica amica.

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Vorrei sentire in privato i membri della Commissione che presiedo
    Di Dark Knight nel forum Parlamento di Pol
    Risposte: 10
    Ultimo Messaggio: 10-03-08, 22:56
  2. Risposte: 38
    Ultimo Messaggio: 01-04-07, 11:53
  3. Nostalgia nostalgia canaglia (generazione 80)
    Di Galaad (POL) nel forum Destra Radicale
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 07-06-06, 17:47
  4. Discorso del Presidente Allende alla radio, 11 settembre 1973
    Di Zefram_Cochrane nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 11-09-04, 21:12
  5. Quello che non vorrei mai vedere e sentire.
    Di Stefano nel forum Padania!
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 13-10-02, 01:18

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226