User Tag List

Risultati da 1 a 7 di 7
  1. #1
    Vox Populi
    Ospite

    Predefinito Motu Proprio del Sommo Pontefice per la Basilica di S. Paolo Fuori le Mura

    MOTU PROPRIO
    del Sommo Pontefice Benedetto XVI
    per la Basilica di San Paolo fuori le Mura
    e per il suo Complesso extraterritoriale


    1. L’antica e venerabile Basilica di San Paolo fuori le Mura, che sorge nel luogo in cui secondo la tradizione avvenne il martirio dell’Apostolo delle Genti, ha sempre avuto una peculiare importanza nella storia della cristianità, insieme con le altre tre Basiliche Maggiori di Roma, meta di numerosi pellegrinaggi, particolarmente in occasione degli Anni Santi. Accanto alla Basilica di San Paolo esiste poi da tredici secoli la prestigiosa omonima Abbazia dei Monaci Benedettini, per i quali la medesima Basilica riveste anche la funzione di Chiesa Abbaziale.

    2. Con il Trattato Lateranense del 1929 e con i successivi Accordi intercorsi fra la Santa Sede e l’Italia, è stato riconosciuto che le aree e gli edifici costituenti il complesso di San Paolo fuori le Mura appartengono alla Santa Sede e godono di uno specifico status giuridico, secondo le norme del Diritto internazionale. Sull’intero complesso extraterritoriale di San Paolo fuori le Mura il Sommo Pontefice esercita i poteri civili secondo le norme vigenti (cfr Legge Fondamentale dello Stato della Città del Vaticano, del 26 Novembre 2000, in AAS Suppl. 71 [2000] pp. 75-83).

    3. Tenendo presente che nel passato la Santa Sede ha definito solamente alcuni aspetti delle competenze sia dell’Amministrazione Pontificia della Basilica, sia dell’Abbazia Benedettina, ritengo ora opportuno emanare alcune norme generali allo scopo di chiarire o definire i principali aspetti della gestione pastorale ed amministrativa del complesso di San Paolo fuori le Mura. Ciò consentirà di compilare poi uno Statuto che fissi le competenze dei soggetti interessati e ne regoli i rapporti.

    4. Alla Basilica di San Paolo fuori le Mura, che confermo quale ente canonico con personalità giuridica pubblica, stabilisco che sia preposto, al pari delle altre tre Basiliche Maggiori, un Arciprete nominato dal Romano Pontefice. In detta Basilica, l’Arciprete eserciterà la giurisdizione ordinaria ed immediata. Egli avrà un suo Vicario per la Pastorale nella persona dell’Abate dell’Abbazia Benedettina di San Paolo, nonché un suo Delegato per l’Amministrazione. L’Arciprete di San Paolo, inoltre, dovrà sovrintendere a tutto il complesso extraterritoriale, coordinando le varie amministrazioni ivi operanti, secondo le finalità proprie, salvo quanto rientra nelle competenze esclusive dell’Abate all’interno dell’Abbazia.

    5. L’Abate del Monastero di San Paolo fuori le Mura, dopo essere stato canonicamente eletto, deve ricevere la conferma del Romano Pontefice. Egli gode di tutti i diritti e le prerogative quale Superiore della Comunità benedettina. Al fine di consentire all’Abate di attendere sempre più ai suoi doveri all’interno della Comunità monastica (cfr PAOLO VI, M. p. Catholica Ecclesia, del 23 ottobre 1976, in AAS 68 [1976] pp. 694-696), è stato disposto dal mio Venerato Predecessore Giovanni Paolo II che l’area extraterritoriale contigua all’Abbazia sia sottratta alla giurisdizione dell’Abate di San Paolo, il quale conserverà la sua giurisdizione ordinaria intra septa monasterii e la sua funzione liturgica all’interno della Basilica, come è definito nel presente documento e sarà specificato nel successivo Statuto.

    6. L’Abbazia, a partire dal 7 marzo 2005, ha assunto la denominazione di "Abbazia di San Paolo fuori le Mura", essendo stato recentemente soppresso il carattere ed il titolo di circoscrizione "territoriale". Fatte salve perciò le competenze dell’Arciprete di San Paolo e quelle proprie dell’Abate, la potestà di giurisdizione pastorale ordinaria sull’intera area extraterritoriale di San Paolo fuori le Mura spetta al Cardinale Vicario di Roma, il quale la esercita mediante la parrocchia territorialmente competente della Diocesi.

    7. Pertanto la "Pontificia Amministrazione della Patriarcale Basilica di San Paolo", costituita dal Papa Pio XI di v.m. con Chirografo del 30 aprile 1933 ed aggiornata dal Beato Giovanni XXIII con Chirografo del 20 dicembre 1962, è soppressa e tutte le sue funzioni sono trasferite all’Arciprete, il quale le eserciterà secondo quanto stabilito nello Statuto che sarà approvato dai competenti Uffici della Santa Sede.

    8. Poiché mi sta particolarmente a cuore che nella Basilica di San Paolo fuori le Mura sia assicurato il ministero della Penitenza in favore di tutti i fedeli che la frequentano, sia di quelli appartenenti alla Diocesi dell’Urbe, sia dei numerosi pellegrini provenienti dalle varie parti del mondo, confermo volentieri quanto stabilito dal mio Predecessore il Papa Pio XI (cfr Costituzione Apostolica Quod divina favente, del 3 maggio 1933, in AAS 25 [1933] pp. 229 - 232), e cioè che l’amministrazione del sacramento della Penitenza continui ad essere affidato alla attenta cura di Penitenzieri, scelti fra i Monaci Benedettini e costituiti secondo quanto disporrà il prossimo Statuto.

    9. In tempi recenti, la Santa Sede ha dimostrato particolare interesse nel promuovere nella Basilica, o nell’ambito dell’Abbazia, lo svolgimento di speciali eventi di carattere ecumenico. Sarà quindi compito dei Monaci, sotto la supervisione dell’Arciprete, organizzare, coordinare e sviluppare tali programmi, con l’aiuto anche di confratelli Benedettini di altre Abbazie ed in accordo con il Pontificio Consiglio per la Promozione dell’Unità dei Cristiani.

    10. L’Apostolo delle Genti illumini e protegga quanti svolgono le loro mansioni nella Basilica a lui dedicata e conceda aiuto e conforto a tutti i fedeli ed ai pellegrini che con sincera devozione si recano nel luogo sacro alla memoria del suo martirio, per ravvivare la loro fede ed invocare la sua protezione sul proprio cammino di santificazione e sull’impegno della Chiesa, per la diffusione del Vangelo nel mondo contemporaneo.

    Nonostante qualunque disposizione in contrario, anche se degna di speciale menzione.

    Dato nella Città del Vaticano, il 31 maggio 2005, Festa della Visitazione della Beata Vergine Maria.

    BENEDETTO PP. XVI

    [00670-01.02] [Testo originale: Italiano]

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Vox Populi
    Ospite

    Predefinito

    NOMINA DELL’ARCIPRETE DELLA BASILICA PONTIFICIA DI SAN PAOLO FUORI LE MURA

    In data odierna il Papa ha emanato nuove norme per un rinnovato esercizio del culto nella Basilica Pontificia di San Paolo fuori le Mura (Motu Proprio in Boll. N. 306).

    In conformità a quanto in esse stabilito, il Santo Padre ha nominato Arciprete di detta Basilica S.E. Mons. Andrea Cordero Lanza di Montezemolo, Arcivescovo titolare di Tuscania.

  3. #3
    memoria storica
    Data Registrazione
    17 Feb 2005
    Messaggi
    2,680
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    2005-05-31

    Il Papa emana nuove norme per la Basilica di San Paolo Fuori le Mura

    Le assegna anche un arciprete, l’Arcivescovo Cordero Lanza di Montezemolo

    CITTA’ DEL VATICANO, martedì, 31 maggio 2005 (ZENIT.org).- Benedetto XVI ha emanato questo martedì nuove norme destinate a rinnovare l’esercizio del culto nella Basilica pontificia di San Paolo Fuori le Mura a Roma, una delle più visitate dai milioni di pellegrini che tutti gli anni si recano a Roma.

    Accanto a questa antica Basilica, costruita sul luogo in cui secondo la tradizione fu martirizzato l’Apostolo delle Genti, si trova da tre secoli l’Abbazia dei Monaci Benedettini, per i quali la Basilica compie la funzione di chiesa abbaziale.

    La normativa appare nel “motu proprio” “L’antica e venerabile Basilica”, pubblicato dalla Santa Sede questo martedì, festa della Visitazione della Vergine Maria.

    In base al documento, il Papa ha deciso che questo luogo di pellegrinaggio, come le altre Basiliche maggiori di Roma, abbia un arciprete, carica per la quale nominato l’Arcivescovo Andrea Cordero Lanza di Montezemolo, di 79 anni, ex nunzio apostolico in Italia.

    L’Arciprete avrà un vicario per la pastorale, che sarà l’abate dell’abbazia benedettina, il benedettino inglese Edmund Power, di 52 anni, e un delegato per l’amministrazione.

    La Basilica appartiene alla Santa Sede in virtù del Trattato Lateranense del 1929 firmato con lo Stato italiano, che ha dato vita a quello che oggi è lo Stato della Città del Vaticano.

    Il documento attuale era necessario, perché in passato la Santa Sede ha definito solo alcuni aspetti delle competenze dell’amministrazione pontificia della Basilica e dell’abbazia benedettina.

    A partire da ora, l’abate del monastero di San Paolo Fuori le Mura, dopo essere stato canonicamente eletto, dovrà essere confermato dal Papa. Il testo spiega che gode di tutti i diritti e le prerogative di superiore della Comunità benedettina.

    Perché l’abate possa svolgere i suoi doveri nella comunità monastica, Giovanni Paolo II aveva disposto che l’area extraterritoriale contigua all’abbazia smettesse di appartenere alla giurisdizione dell’abate di San Paolo, che conserverà invece la sua giurisdizione ordinaria dentro le mura del monastero e la sua funzione liturgica all’interno della Basilica.

    Il documento, con spiegazioni proprie del linguaggio giuridico, conferma che l’amministrazione del sacramento della Penitenza nella Basilica continuerà ad essere affidato ai penitenzieri, eletti tra i monaci benedettini.

    Negli ultimi decenni, molti dei grandi incontri ecumenici di Roma sono stati celebrati a San Paolo Fuori le Mura e i Papi hanno promosso sia nella Basilica che nell’abbazia avvenimenti di carattere ecumenico.

    Per questo, afferma il “motu proprio”, è “compito dei Monaci, sotto la supervisione dell’Arciprete, organizzare, coordinare e sviluppare tali programmi, con l’aiuto anche di confratelli Benedettini di altre Abbazie ed in accordo con il Pontificio Consiglio per la Promozione dell’Unità dei Cristiani”.

    [Ulteriori informazioni sulla Basilica su http://www.abbaziasanpaolo.net ]


    tratto da agenzia Zenit

  4. #4
    Arjuna
    Ospite

    Predefinito Re: Motu Proprio del Sommo Pontefice per la Basilica di S. Paolo Fuori le Mura

    Originally posted by Vox Populi
    MOTU PROPRIO
    del Sommo Pontefice Benedetto XVI
    per la Basilica di San Paolo fuori le Mura
    e per il suo Complesso extraterritoriale


    1. L’antica e venerabile Basilica di San Paolo fuori le Mura, che sorge nel luogo in cui secondo la tradizione avvenne il martirio dell’Apostolo delle Genti,


    ho letto oggi che il martirio non fu li....

  5. #5
    **********
    Data Registrazione
    04 Jun 2003
    Messaggi
    23,775
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Re: Motu Proprio del Sommo Pontefice per la Basilica di S. Paolo Fuori le Mura

    Originally posted by Arjuna


    ho letto oggi che il martirio non fu li....
    Vi sono tradizioni diverse sul luogo del martirio dell'Apostolo delle Genti. Una tradizione, cui attinge il Martirologio Romano, ritiene che fu sepolto dove venne martirizzato, cioè sulla via Ostiense, che è il luogo su cui sorge l'odierna Basilica di S. Paolo fuori le mura. Altra tradizione, più antica, ritiene che il luogo del martirio sia lungo la Via della Acque Salvie (ad Aquas Salvias), che conduce all'Abbazia trappista delle Tre Fontane o di S. Paolo alle Tre Fontane (così chiamata perchè il capo decollato di S. Paolo, rimbalzando tre volte al suolo, fece scorgare miracolosamente tre fontane appunto). Qui Paolo sarebbe stato martirizzato e poi sepolto sulla via per Ostia (Ostiense), nel luogo dell'attuale Basilica Patriarcale. Questo è il dato inconfutabile e di cui parla anche la Storia Ecclesiastica di Eusebio di Cesarea.

  6. #6
    Arjuna
    Ospite

    Predefinito

    Grazie per la precisazione,conoscevo solo sommariamente la storia delle tre fontane,non sapevo vi fosse un'altra tradizione.

  7. #7
    memoria storica
    Data Registrazione
    17 Feb 2005
    Messaggi
    2,680
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    comunque la basilica sorge sul luogo della sepoltura.
    un pò come San Pietro che sorge sulla tomba di Pietro.

 

 

Discussioni Simili

  1. Modernisti e luterani riuniti a San Paolo fuori le Mura
    Di Timoteo nel forum Tradizionalismo
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 25-01-11, 10:55
  2. Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 23-08-07, 20:09
  3. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 20-06-05, 19:21
  4. L'omelia di Benedetto XVI a san Paolo fuori le Mura.
    Di Thomas Aquinas nel forum Cattolici
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 25-04-05, 21:21
  5. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 25-04-05, 14:29

Chi Ha Letto Questa Discussione negli Ultimi 365 Giorni: 0

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226