User Tag List

Risultati da 1 a 6 di 6
  1. #1
    Veneto
    Data Registrazione
    01 May 2002
    Località
    Veneto
    Messaggi
    1,508
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Ue, Fini: ''L'euro è garanzia di stabilità per l'Italia''

    Ue, Fini: ''L'euro è garanzia di stabilità per l'Italia''
    Il ministro degli Esteri dopo il 'no' di Francia e Olanda: ''Nulla sarà come prima. Dobbiamo smentire l'immagine di un'Europa gestita da una tecnocrazia elitaria e sorda alle esigenze della gente comune''

    Messina, 4 giu. (Adnkronos/Ign) - L'euro è garanzia di stabilità per l'Italia ed il 'no' franco-olandese un verdetto che indica una direzione chiara sulla quale riflettere. Così il ministro degli Esteri Gianfranco Fini a Messina nel suo intervento per il 50esimo anniversario della Conferenza europea. ''Dopo questo voto nulla può essere come prima. Occorre riflettere seriamente sul significato di un verdetto che indica una direzione chiara, tanto più significativo perché pronunciato dai cittadini di due Paesi che accompagnano, al pari dell'Italia, il cammino dell'integrazione fin dai suoi primi passi'', ha detto il vicepremier. ''Occorre riflettere in modo serio e meditato -ha aggiunto il ministro degli Esteri- sulle conseguenze che l'Europa, le sue istituzioni, i suo governi devono trarre''. E ancora: ''Nei 'no' francese e olandese confluiscono sentimenti e motivazioni eterogenei, non tutti razionali ma capaci di esercitare una sicura presa sull'opinione pubblica. Un argomento sembra comunque accomunare questa variegata galassia del rifiuto: la richiesta di rendere più diretto e vitale il vincolo di responsabilità tra le istituzioni dell'Unione europea e i cittadini. Una richiesta che abbiamo l'obbligo di non deludere se vogliamo smentire l'immagine ben radicata nella percezione collettiva di un'Europa gestita da una tecnocrazia elitaria e sorda alle esigenze della gente comune''.

    Ma è lo stesso vicepremier a ribadire che ''il risultato del referendum franco-olandese non deve indurci alla rassegnazione o alla paralisi. Tutt'altro''. ''L'azione del nostro Paese dovrà mirare -secondo Fini- a preservare il retaggio costituente e se possibile ad anticipare alcuni aspetti del Trattato, soprattutto, nelle aree decisive della politica estera e di difesa. L'Italia ha sicuramente l'autorevolezza per prendere l'iniziativa. Sappiamo che nostre eventuali proposte in questo senso incontrerebbero il favore dei Paesi, vecchi e nuovi, di più schiette convinzioni europeiste, convinti come siamo noi che il millennio che si apre non ha bisogno di un'Europa chiusa su se stessa e prigioniera dei propri dubbi ma deve poter contare su un Unione europea capace di guardare con coraggio alle sfide che ha davanti a se''. ''Ci avviciniamo a decisioni delicate -ha detto ancora il vicepremier nel suo intervento- il Consiglio europeo del 16 giugno prossimo dovrà condurre un dibattito difficile, in cui le incognite sembrano prevalere sulle certezze. Non possiamo illuderci di risolvere questa crisi con le stesse soluzioni che vennero individuate nel passato in situazioni simili eppure profondamente diverse da quella attuale. Ma non possiamo neppure ignorare che tutti i governi hanno sottoscritto a Roma il Trattato costituzionale, che ben dieci lo hanno già ratificato e che quindi sussiste l'obbligo politico, giuridico e morale di sottoporlo a ratifica anche nei Paesi che non si sono ancora espressi''.

    Per il ministro degli Esteri ''occorre resistere alla tentazione di abbandonarsi a catastrofismi precoci e autolesionisti''. ''L'Ue -sottolinea Fini- resta un ordinamento forte e solido, con regole strutturate e meccanismi certi e condivisi al centro dei quali è sicuramente la moneta unica, la cui stabilità e credibilità è garanzia di stabilità e credibilità innanzitutto per l'Europa ma anche per l'Italia. Il trauma del doppio no francese e olandese deve servirci da stimolo a guardare avanti con maggiore determinazione e coraggio di quanto abbiamo saputo fare finora''. ''Occorre trovare al più presto -aggiunge- una riposta efficace al malessere cui hanno dato sfogo gli elettori di Francia e Olanda, ma in effetti diffuso in tutte le opinioni pubbliche europee. Dobbiamo trovare la determinazione per infondere nuova credibilità al progetto comunitario, attraverso politiche di rilancio della crescita e dello sviluppo che sappiano andare al cuore delle ansie e delle attese dei nostri cittadini''.

    Nel suo intervento, il presidente della Commissione europea Josè Manuel Barroso ha sottolineato che ''il primo grande test potrà essere quello di arrivare ad un accordo sulle prospettive finanziarie europee per il periodo 2007-2013. L'Unione europea -ha spiegato Barroso- ha bisogno di un nuovo contesto di bilancio per finanziare le politiche e le attività della Ue e non c'è alcuna ragione di rinviare la negoziazione a dopo l'estate. Anzi al contrario dobbiamo dimostrare che l'Europa può agire con determinazione. La Commissione europea farà tutto quello che è in suo potere per arrivare ad un risultato che tradurrà la nostra volontà di una Europa più competitivia e più solidale''. Barroso ha poi ricordato ancora una volta gli esiti referendari di Francia e Olanda. ''Devo confermare che la mia prima reazione al rifiuto della Costituzione europea di due membri fondatori dell'Ue è stata una reazione di tristezza. Un voto negativo è il segnale di una preoccupante mancanza di fiducia dei cittadini europei''.


    Il damerino Bolognese si preoccupa dell'immagine

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Veneto
    Data Registrazione
    01 May 2002
    Località
    Veneto
    Messaggi
    1,508
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    ''Rafforzare la stabilità finanziaria e valutaria''
    Ciampi: ''Non addossare all'Ue le responsabilità degli Stati''
    Messaggio del capo dello Stato in occasione del 50° anniversario della Conferenza di Messina: ''Non si torna indietro e non ci si arrende di fronte alle difficoltà''
    Roma, 4 giu. (Adnkronos) - ''Non si possono addossare all'Unione europea responsabilita' che rientrano in gran parte nelle competenze degli Stati membri''. Lo dice il presidente della Repubblica, Carlo Azeglio Ciampi, in un messaggio inviato al professor Francesco Tomasello, magnifico rettore dell'Universita' degli studi di Messina, in occasione delle celebrazioni del 50° anniversario della Conferenza di Messina, che pose le basi dei Trattati di Roma sottoscritti in Campidoglio il 25 marzo 1957. ''La stabilita' finanziaria - aggiunge Ciampi - e valutaria della zona euro va rafforzata eliminando progressivamente la sempre piu' stridente asimmetria tra governo della moneta e governo dell'economia.

    Ricordando, tra l'altro, la situazione in cui si tenne la Conferenza di Messina e quindi il suo significato, il capo dello Stato ha sottolineato: ''Non si torna indietro e non ci si arrende di fronte alle difficolta'; si superano gli ostacoli con rinvigorita lena; non si mette a repentaglio il patrimonio acquisito; ci si impegna per accrescerlo''.

    Comincia col prenderti le tue responsabilità,invece di spendere e spandere con le tue parate del cazzo.

  3. #3
    email non funzionante
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    7,255
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito il poveretto pe' stavota ciàppure rascione

    "l'orrido kaa" stavolta parla da senno. non perchè lo sappia, ma perchè qualcuno glielo ha fatto imparare a memoria.

  4. #4
    piemonteis downunder
    Data Registrazione
    20 Mar 2002
    Località
    sydney
    Messaggi
    3,615
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    >"non si mette a repentaglio il patrimonio acquisito; ci si impegna per accrescerlo''.

    questa e' forse l'unica cosa in cui berluska ha avuto successo

  5. #5
    Registered User
    Data Registrazione
    01 Jun 2004
    Messaggi
    3,135
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Sono così distaccati dalle realtà sociali ed economiche
    del paese reale che non si accorgono di parlare a vànvera.
    Quando se ne accorgeranno sarà troppo tardi.

  6. #6
    Veneto
    Data Registrazione
    01 May 2002
    Località
    Veneto
    Messaggi
    1,508
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    In origine postato da Rotgaudo
    Sono così distaccati dalle realtà sociali ed economiche
    del paese reale che non si accorgono di parlare a vànvera.
    Quando se ne accorgeranno sarà troppo tardi.
    Spero tu abbia ragione.Sarebbe la volta buona che la repubblichetta itagliona va a farsi friggere.

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 13-06-13, 17:09
  2. Legge di stabilità, 125 euro l'anno in più, a testa
    Di dominicus nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 28-10-12, 16:31
  3. croazia senza euro disel 1,3 euro italia con euro 2 euro!!!
    Di matteomourinho nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 33
    Ultimo Messaggio: 25-08-12, 12:08
  4. La stabilità dell'Euro, tradotto LA GRANDE TRUFFA
    Di Ringhio nel forum Economia e Finanza
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 29-11-11, 12:19
  5. Risposte: 55
    Ultimo Messaggio: 14-01-08, 18:58

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226