User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2
  1. #1
    Dal 2004 con amore
    Data Registrazione
    15 Jun 2004
    Località
    Attorno a Milano
    Messaggi
    19,247
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Exclamation Che cosa è l'embrione?

    Al cuore del referendum: chi o cosa è l'embrione?

    di Stefano Caredda/ 10/06/2005

    Le due posizioni a confronto: chi o cosa è l'embrione umano? Il cuore del dibattito bioetico che sta alla base del referendum di domenica e lunedì. Con più spazio alle ragioni dei difensori della 40, ma solo perchè serve per spiegare meglio...



    E’ il cuore stesso della discussione bioetica, la domanda cruciale che divide: chi o cosa è l’embrione umano? Dalle risposte, molteplici, dipendono le idee e i comportamenti, i dubbi e le certezze. Risposte che dividono i favorevoli e i contrari al prossimo referendum in materia di fecondazione assistita.

    Alcuni sostenitori del SI affermano che l’embrione umano è un semplice “grumo di cellule”, un “ricciolo di materia”, una “cosa che ingrandita centoventi volte al microscopio sta sulla punta di uno spillo”. Altri sostengono che l’embrione è indubbiamente “vita”, come vita è l’ovulo, vita è lo spermatozoo, vita è il sangue, ma che sicuramente l’embrione non è un individuo. E poi “tutto è vita”, sostengono, e la vita, in definitiva, è un processo iniziato miliardi di anni fa e che giorno dopo giorno continua. L’embrione è un progetto di vita, è un potenziale essere umano, ma non è (anzi non è già) una persona. L’embrione è potenza, e non atto. L’embrione è un progetto di uomo, ma non lo è ancora completamente. L’embrione è la radice di un essere umano, ma non è ancora un essere umano. Richiamandosi poi a quanto affermato nei secoli scorsi da illustri filosofi e studiosi (nonché santi), ricordano che l’embrione non ha un’anima, perché Dio introduce (introdurrebbe) l’anima razionale solo quando vi è un corpo già formato, e dunque allo stadio fetale. Insomma, concludono alcuni, l’embrione umano merita il massimo rispetto, merita una tutela, ma non ha e non può avere diritti, che devono essere subordinati all’evento della nascita.

    I contrari ai quesiti referendari portano un altro genere di argomentazione. Anzitutto sostengono che non è possibile negare che dal momento della fecondazione abbia inizio la storia di un nuovo essere umano, cioè di un nuovo appartenente alla specie umana. L’incontro fra i gameti maschile e femminile (i quali sono mere cellule riproduttive del padre e della madre) dà origine ad un nuovo “sistema biologico” di tipo individuale, chiamato embrione unicellulare o zigote, che non presenta più le caratteristiche genetiche, biochimiche e citologiche dei due gameti dai quali ha avuto origine ma possiede la capacità intrinseca di svilupparsi in modo coordinato, continuo e graduale se collocato nella sua sede naturale o in un idoneo mezzo di coltura artificiale. Ogni uomo e ogni donna è stato un embrione, e non sarebbe esistito se non fosse stato quel singolo embrione. Insomma – dicono – è il momento della fecondazione quello che divide il “non essere” dall’”essere”. Successivamente a tale istante, si assiste solamente ad un graduale processo di crescita e di sviluppo, segnato da moltissime fasi (in corrispondenza delle quali lo zigote diventa “morula”, poi “blastocisti”, poi “embrione”, poi “feto”) ma che sono sempre riferite alla stessa entità ontologica, a quello stesso essere umano. E non è possibile individuare alcun altro momento che segni un salto qualitativo simile a quello che avviene con la fecondazione. Per farla breve: “Il processo vitale del nuovo soggetto umano sorto con la fecondazione è unico e continuo dallo stadio unicellulare alla morte individuale”. Qui si ferma l’argomentazione principale. L’embrione umano è un essere umano, è un uomo, è un appartenente alla specie umana. Per consequenzialità logica, non per verità di fede. Dunque, in quanto essere umano, ha il diritto di essere tutelato, ha il diritto di non essere trattato come un oggetto, ma come un soggetto. Perché – dicono – la nostra civiltà si basa sul principio di uguaglianza e di non discriminazione di tutti gli esseri umani, si fonda sui diritti umani, e la qualifica di essere umano, la dignità dell’appartenere alla specie umana non dipende dal grado di sviluppo o dal luogo in cui ci si trova, ma è connaturale all’essere. E l’embrione è un essere umano.

    La qualifica di “persona”, affermano per rispondere alle obiezioni dei promotori del SI, ha un sostrato filosofico che esula da questa argomentazione. La qualifica di persona non ha una evidenza biologica, ma è un dato di cultura, di filosofia, e come tale può essere attribuito o meno per pura convenzione. Nella storia – fanno notare – la qualifica di “persona” è stata negata ad intere categorie di esseri umani, e gli stessi referendari, a domanda, si contraddicono sul momento in cui tale qualifica dovrebbe essere concessa (c’è chi dice al 14esimo giorno, chi alla fine del terzo mese, chi alla nascita). Insomma: i sostenitori della legge 40 non si spingono a definire certo il fatto che l’embrione sia una persona, ma accolgono l’invito del Comitato nazionale di Bioetica che nel 1996 riconobbe – all’unanimità – il “dovere morale di trattare l'embrione umano, sin dalla fecondazione, secondo i criteri di rispetto e di tutela che si devono adottare nei confronti degli individui umani a cui si attribuisce comunemente la caratteristica di persone”. E al fondo, comunque, si fanno una domanda: “E’ possibile che vi siano esseri umani che non siano anche persone?”. E se ciò è possibile, quando, in quale preciso momento un essere umano diventa una persona?

    Ci tengono molto – i difensori della legge 40 – alla razionalità delle loro argomentazioni. E’ per questo che rifiutano l’etichetta di “difensori di dottrine puramente religiose” ed è per questo che generalmente non fanno ricorso ad argomentazioni di fede per difendere la loro posizione, che è quella dell’umanità del concepito. E si stupiscono molto che siano i sostenitori del SI a chiamare in causa la Chiesa (e San Tommaso in particolare) sulla questione dell’esistenza dell’anima. “Ma che c’entra l’anima?”, si chiedono. Che c’entra una entità non verificabile, alla quale si può credere o non credere, che non si vede e non si conosce? Anzi – dicono con una certa fierezza – “la loro argomentazione è facilmente rovesciabile: San Tommaso è nato nel 1226, la scoperta della fecondazione (unione di ovulo e spermatozoo) è del 1843. Pretendere da Tommaso una preveggenza di sei secoli forse è davvero troppo… Comunque, per noi conta di più il microscopio che San Tommaso. Alla faccia di chi ci dà del medievale…”.

    In conclusione, dunque, i sostenitori della legge 40 difendono il testo perché riconosce semplicemente che fra i soggetti coinvolti nelle tecniche di fecondazione artificiale vi sia certamente la coppia che desidera un figlio, vi sia certamente il medico che li aiuta, ma vi sia anche il figlio concepito, colui che è creato per esplicita volontà della coppia. La legge non stabilisce al suo art. 1 quali diritti fanno capo all’embrione: semplicemente afferma che è titolare di alcuni diritti. Sicuramente il primo e fondamentale diritto di ogni essere umano è quello alla vita. La legge 40, in forma comunque limitata e nient’affatto assoluta, assicura tale diritto alla vita, prevedendo che ogni embrione – creato per nascere – possa avere una possibilità di nascere. Da qui il divieto di quelle tecniche che comportano la sua soppressione deliberata, voluta, intenzionale: congelamento, sperimentazione, diagnosi pre impianto, riduzione fetale.


    Korazym.org

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    INNAMORARSI DELLA CHIESA
    Data Registrazione
    25 Apr 2005
    Località
    Varese
    Messaggi
    6,420
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    ..........
    e i feti malformati o con patologie potranno comunque essere eliminati con l'aborto.

    ..................

    .............................................

    una cosa è certa........a te Antonio t'hanno graziato.....sembra che t'hanno permesso di nascere ugualmente.è strano che tu abbia di queste uscite omicide..............
    Fraternamente Caterina
    Laica Domenicana

 

 

Discussioni Simili

  1. Cosa prevede la 194 per un embrione come ero io?
    Di UgoDePayens nel forum Cattolici
    Risposte: 36
    Ultimo Messaggio: 12-09-07, 13:21
  2. Progetto in embrione...
    Di cristiano72 nel forum Destra Radicale
    Risposte: 8
    Ultimo Messaggio: 18-04-06, 00:11
  3. Un embrione è una persona?
    Di Danny nel forum Scienza e Tecnologia
    Risposte: 34
    Ultimo Messaggio: 10-06-05, 17:50
  4. www.embrione.org
    Di codino nel forum Cattolici
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 09-04-05, 21:47

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226