User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 13
  1. #1
    Alessandra
    Ospite

    Predefinito Pellegrinaggio Macerata_Loreto...ci siete mai stati?

    Io l'ho fatto qualche anno fa, credo...muble muble... una decina di anni fa, forse qualcosa più...27 km a piedi, con molte salite tremendissime, di notte, zaino in spalla e scarpe super comode. La più bella esperienza della mia gioventù. Per un pò si ricorda soprattutto la fatica, dopo, i passaggi fondamentali del ricordo vedono principalmente la partenza, dallo stadio di Macerata illuminato da candele, e l'arrivo, con la statua della Madonna di Loreto quasi impossibile da vedere a causa della folla. Il percorso più duro è quasi alla fine, nella salita di Loreto, e la soddisfazione più grande è all'arrivo, quando si vedono le auto blu dei vari parrucconi arrivati in pompa magna senza affrontare il minimo disagio.




    Per chi volesse informazioni dal sito ufficiale:

    http://www.pellegrinaggio.org/





    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista senior
    Data Registrazione
    26 Jul 2009
    Località
    Firenze, ma vorrei tornare in Svizzera
    Messaggi
    3,049
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Io l'ho fatto due volte, ma non mi ricordo di salite tremendissime, forse hanno cambiato l'itinerario

  3. #3
    Alessandra
    Ospite

    Predefinito

    Originally posted by Mappo Tappo
    Io l'ho fatto due volte, ma non mi ricordo di salite tremendissime, forse hanno cambiato l'itinerario
    Impossibile, di notte non facevano impressione, ma di giorno quelle salitone asfaltate che per un motorino sono quasi delle cunette, a me parevano proprio tremendissime

  4. #4
    Registered User
    Data Registrazione
    27 Apr 2005
    Messaggi
    510
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Omelia di Sua Em.za Card. A. Scola

    Visto che siamo in tema...


    Omelia di S.E.R. Card. Angelo Scola, Patriarca di Venezia

    XXVII Pellegrinaggio a Piedi da Macerata a Loreto

    Macerata, Stadio Helvia Recina, 11 Giugno 2005

    Es 19, 2-6; dal Salmo 99; Rom 5, 6-11; Mt 9,36 - 10,8

    1. «Vi ho sollevato su ali d'aquile e vi ho fatti venire fino a me» (Prima Lettura). Con queste parole Jahvé ricorda al suo popolo il grande evento che fonda l'indistruttibile alleanza: la liberazione dall'Egitto. Noi, variegata espressione del nuovo popolo di Dio, ci stiamo incamminando verso la Santa Casa di Loreto. Di essa una pia ed antica tradizione non dice che ali di angeli l'hanno portata in questa ridente terra fin da Nazareth?

    Ali di aquile, ali di angeli...

    La Santa Casa, la dimora di Gesù, Maria e Giuseppe, espressione sublime dell'amore nuziale, è la ragione del cammino che ci accingiamo a compiere.

    «Siamo venuti per adorarlo», cioè per prostrarci fisicamente, domattina, come i Magi, in quella dimora che, passo dopo passo, lungo la notte, con il canto, la preghiera, l'ascolto, il reciproco aiuto, diventerà lo spazio familiare della nostra mendicanza.

    Infatti, perché saremmo qui convenuti da ogni dove se non per mendicare a nostro favore e a favore di tutti i nostri fratelli uomini, a cominciare da chi ci è più prossimo? Allora nessuno di noi, qui ed ora, può evitare la domanda seria: "Chi sono io, pellegrino in questa notte estiva lungo i sentieri di queste dolci colline marchigiane?" Riconosciamolo con umiltà, amici, con le parole di Paolo nella Seconda Lettura di oggi: io, noi siamo gli «ancora peccatori», noi siamo quei «nemici» (cfr Rm 5, 6-11) che il Padre ha amato con tale profondità e riguardo da dare Suo Figlio Unigenito per la nostra salvezza.

    Come non sentire, carissimi, il realistico urto che questo riconoscerci nudi davanti al Padre provoca ora in ciascuno di noi? Non è forse questa scossa a muovere i nostri passi, a renderci pellegrini? Questa notte noi vogliamo mendicare con l'invocazione del Padre Nostro: «liberaci dal male». Per questo lungo il cammino potremo confessarci.



    2. Vogliamo essere liberi davvero. Per questo confessiamo il nostro peccato davanti a Colui che ci salva.Domandiamo una libertà liberata negli affetti. Chiediamo un amore capace del dono totale di sé. Che conosca l'esultanza trepida di una vita accolta, che sia garantito oltre la morte. Chiediamo il dolore pacificante del perdono dopo il tradimento, la tenerezza saggia della vecchiaia.

    Mendichiamo una libertà esaltata nella sua capacità di edificazione. Che lo studio sia per un'integrale educazione dell'umano, che il lavoro sia per una costruzione, che il rapporto con il cosmo sia per la bellezza di una dimora degna della nostra cura. Che il progresso sia per la giustizia. La democrazia per la pace.

    La fiaccola della pace, benedetta dal Papa a Bari, che ci accompagnerà qui a Loreto per poi raggiungere Colonia, sarà simbolo di quella civiltà dell'amore di cui Giovanni Paolo II è stato indomito banditore.




    3. Siamo forse ingenui a convenire qui in migliaia da ogni dove, sul fare di questa notte? Questo forse pensano di noi molti nostri fratelli uomini. Come rispondere al loro dubbio inquieto? Semplicemente dicendo loro che ci sentiamo parte di quelle «folle stanche e sfinite come pecore senza pastore» (Vangelo) di cui Lui ebbe compassione. E poiché «nella nostra debolezza nulla possiamo senza il suo aiuto» (Orazione di Colletta) intendiamo invocare il soccorso di Colei che, sicurezza della nostra speranza, ci documenta il miracolo del proprio compimento. Maria, la stella del nostro pellegrinare, è qui con noi. Viva nel suo vero corpo entro il seno della Trinità e presente in mezzo al popolo stanco, distratto e talora riottoso, ma alla fine mendìco. Maria, donna davvero libera, ci spalanca la Sua dimora.

    No, amici, non siamo degli ingenui. È vero che in questa notte godremo di stelle e di luna, di vite consegnate nella testimonianza e vinceremo il freddo collinare rifocillati dall'accoglienza di un popolo di fratelli, ma nel nostro cuore, nella nostra mente e nei nostri piedi che ritmeranno il cammino, troverà eco anche ciò che nella nostra vita ha il sapore delle «vie fangose, [del]la stagione rigida… [de]i cammelli piagati, coi piedi sanguinanti, indocili» di cui parla Eliot descrivendo il pellegrinaggio dei Magi. E tuttavia cammineremo, perché questo è proprio della natura dell'uomo. Egli è «il camminatore eretto ed infaticabile verso una meta non ancora raggiunta, certo del futuro perché tutto poggiato sulla Sua presenza» (Luigi Giussani).

    Ognuno di noi già sente che questo pellegrinaggio è un dono dello sguardo di compassione di Gesù sul suo popolo. È già la grazia di sua Madre, nostra dolce avvocata presso di Lui. Dopo che Gesù sulla croce chiese a Giovanni di prendere la madre «in casa sua» - «Donna, ecco tuo figlio», «Figlio, ecco tua madre» - ora la Santa Casa si dilata ad accogliere ciascuno di noi nella splendente, nuova parentela che da sempre, nella Chiesa, custodisce i cristiani.




    4. La Santa Casa è segno tangibile di comunione. Questa notte, quando il nostro passo si farà più stanco, il nostro incedere più lento, quando la nostra mente vagherà lontana, allora dovremo aprire il cuore alla comunione vivente. Come? Come da 2000 anni avviene nella grande compagnia della Chiesa: ascoltando i testimoni. I testimoni privilegiati del nostro pellegrinare saranno Giovanni Paolo II e Mons. Luigi Giussani. Ci accompagneranno la loro dolce memoria e le loro commosse parole. La loro presenza ci rincuorerà e, trasportati su ali di angeli vigorosi come aquile, ci prostreremo, una volta giunti alla meta, nell'adorazione del nostro Salvatore. Perché siamo venuti per adorarlo.

    Il testimone è colui che sta tra i due. Nella loro morte, glorioso suggello di una vita splendida, Giovanni Paolo II e Mons. Luigi Giussani hanno fatto da ponte tra Cristo e la nostra fragile fede. Così la nostra umile adorazione chiederà il dono di cui ci ha parlato il Santo Evangelo. Noi, Gesù, vogliamo essere i chiamati da Te. Anzi, già lo siamo. E in questa notte benedetta umilmente ci disponiamo a lasciarci inviare da Te tra i nostri fratelli uomini. Come Tu ci hai detto: «Il campo è il mondo» (Mt 13, 38). E noi lo amiamo.

    Siamo figli del nostro tempo. Una tentazione ci attraversa: vivere da vagabondi comodi. Per vincerla, questa notte, ci facciamo umili pellegrini. Forse ho poco da offriTi, Maria, forse nulla, ma come il povero contadino brasiliano giunto al Santuario dell'Aparecida, Ti dico: "O Maria, sicurezza della mia speranza, «… non so pregare/ ma voglio almeno mostrarTi il mio sguardo»". Amen.
    Gilbert

  5. #5
    Registered User
    Data Registrazione
    27 Apr 2005
    Messaggi
    510
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Bello

    Sono stato qualche anno fa quando ha fatto la Messa di inizio Giovanni Paolo II. E' stata una esperienza di fede e di preghiera molto bella. Certo faticosa, ma senza dubbio fattibile. Quando poi arriva la luce del mattino e si vede in lontananza la Basilica di Loreto... si ritrovano tutte le energie.
    Ad ogni modo è un pellegrinaggio che mi sentirei di consigliare a tutti coloro che possono.
    Gilbert

  6. #6
    **********
    Data Registrazione
    04 Jun 2003
    Messaggi
    23,775
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    La marcia, proposta a fine degli anni '70 da un docente di religione (che ora mi pare sia vescovo di Fabriano), è stata, nel tempo, snaturata nei suoi fini. Vi partecipano tutti, credenti ed atei, smarrendo così il suo senso devozionale e di pio esercizio (come pellegrinaggio). E' divenuto un evento trendy, di costume, un po' come la marcia Perugia-Assisi, dove vi partecipano pure comunisti e radicali.

  7. #7
    Alessandra
    Ospite

    Predefinito

    Originally posted by Augustinus
    La marcia, proposta a fine degli anni '70 da un docente di religione (che ora mi pare sia vescovo di Fabriano), è stata, nel tempo, snaturata nei suoi fini. Vi partecipano tutti, credenti ed atei, smarrendo così il suo senso devozionale e di pio esercizio (come pellegrinaggio). E' divenuto un evento trendy, di costume, un po' come la marcia Perugia-Assisi, dove vi partecipano pure comunisti e radicali.
    Se Gesù, all'epoca, fosse stato seguito solo dai credenti, forse non avremmo neanche sentito parlare di cristianesimo

  8. #8
    Alessandra
    Ospite

    Predefinito Re: Omelia di Sua Em.za Card. A. Scola

    Originally posted by Gilbert

    Siamo figli del nostro tempo. Una tentazione ci attraversa: vivere da vagabondi comodi. Per vincerla, questa notte, ci facciamo umili pellegrini.
    Per me questo è il vero senso del pellegrinaggio...quella che nell'omelia è solo tentazione, per tutti noi è spesso, se non sempre, consuetudine.

  9. #9
    **********
    Data Registrazione
    04 Jun 2003
    Messaggi
    23,775
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Originally posted by Alessandra
    Se Gesù, all'epoca, fosse stato seguito solo dai credenti, forse non avremmo neanche sentito parlare di cristianesimo
    Hai usato la parola giusta "seguito". Il problema è: qui chi lo "segue"? Coloro che vanno alla marcia (intendo gli atei, comunisti, non credenti, ecc.) sono disposti a "seguirlo", ovvero, detto altrimenti, a "convertirsi"?
    Ecco perchè ho più l'impressione che andarci sia un evento di costume, di tendenza ...

  10. #10
    Registered User
    Data Registrazione
    27 Apr 2005
    Messaggi
    510
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Originally posted by Augustinus
    La marcia, proposta a fine degli anni '70 da un docente di religione (che ora mi pare sia vescovo di Fabriano), è stata, nel tempo, snaturata nei suoi fini. Vi partecipano tutti, credenti ed atei, smarrendo così il suo senso devozionale e di pio esercizio (come pellegrinaggio). E' divenuto un evento trendy, di costume, un po' come la marcia Perugia-Assisi, dove vi partecipano pure comunisti e radicali.


    Io sono andato molti anni fa, quindi mi è difficile giudicare sul presente. Tu quando è l'ultima volta che ci sei stato e che hai
    potuto vedere questo "snaturamento" della iniziativa?
    Gilbert

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Siete o siete mai stati presidenti diqualchecosa?
    Di isoica nel forum Il Seggio Elettorale
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 07-06-10, 12:27
  2. Siete (o siete stati) frequentatori di ostelli?
    Di Oli nel forum Il Seggio Elettorale
    Risposte: 31
    Ultimo Messaggio: 03-06-10, 11:42
  3. Siete (o siete stati) frequentatori di bordelli?
    Di Feliks nel forum Il Seggio Elettorale
    Risposte: 43
    Ultimo Messaggio: 03-06-10, 03:28
  4. Risposte: 54
    Ultimo Messaggio: 07-01-10, 11:21
  5. In quanti stati siete stati finora?
    Di Oli nel forum Il Seggio Elettorale
    Risposte: 27
    Ultimo Messaggio: 07-01-10, 02:16

Chi Ha Letto Questa Discussione negli Ultimi 365 Giorni: 0

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226