User Tag List

Pagina 1 di 3 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 27
  1. #1
    LiberaMente
    Data Registrazione
    30 Mar 2004
    Località
    Thàthari
    Messaggi
    1,612
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Thumbs down Leandro Muoni: un uomo un perchè

    In sa Nuova de oe.

    Il dibattito sulla “specialità” sarda e sul nuovo statuto, il rischio di una chiusura identitaria.
    LE TRAPPOLE DELL’AUTONOMIA
    Se la separatezza ha le meglio sui valori condivisi.

    di Leandro Muoni
    Assistiamo oggi ad una degenerazione culturale della questione dell'autonomia. Una corrente
    sempre più agguerrita di pensiero ha da tempo intrapreso a concepire e declinare la specificità sarda in funzione sistematicamente contrappositiva e di separatezza rispetto alla coscienza dei valori condivisi di appartenenza alla cultura dell'intero Paese, oltre che di pertinenza dello stesso sentimento di unità nazionale e fedeltà costituzionale. Di fatto, non riconoscendosi più parte integrante nel disegno complessivo di un destino storico e di una memoria comuni, sedimentati in special modo e sanciti attraverso il lungo processo della nostra vicenda risorgimentale, e poi
    consacrati nell'esperienza della Grande Guerra, dell'antifascismo e della stagione repubblicana.
    Si è assistito così lentamente ma inarrestabilmente ad uno sforzo di concepire e costruire un modello di autonomia sarda non più integrativo, nella sana e responsabile dialettica di istanze locali e linee d'indirizzo generali, che tendesse ad un equilibrio più alto del rapporto di partecipazione democratica e di reciproca legittimazione culturale, bensì ad una rivendicazione polemica e alternativa, mirante a contrapporre una propria storia, una propria cultura, una propria lingua, un
    proprio costume, un proprio territorio, al limite una propria consuetudine giuridica (l'attuale vicenda del Parco del Gennargentu tra l'altro insegni). Insomma una vera e propria rivendicazione di nazionalità regionale, che sconfessava anche le più significative e impegnative acquisizioni del passato, remoto e recente.
    Una sorta di nazionalità comunque "stipendiata", perché presupponeva anzi reclamava al tempo stesso la presenza assidua dello Stato, in quanto comodo (anche se non sempre sollecito e responsabile nel fare la sua parte) ente erogatore di assistenza e servizi, ma di cui poi rinnegava
    sentimenti di condivisione culturale e comunanza di valori.
    Desta meraviglia (destava ad esempio una dolorosa meraviglia in Indro Montanelli) apprendere che si sia potuto giungere a tal segno, nell'ambito storico di una società e di una regione come la Sardegna che per tanti motivi è stata parte integrante nella formazione dello stato italiano e nella stessa gestazione del nostro Risorgimento, senza venire mai meno ai principi della propria coscienza autonomistica (e basterebbe ricordare i grandi intellettuali isolani dell'Ottocento, cosi intimamente sardi e al tempo stesso così convintamente italiani e risorgimentali).
    Storia aggiustata
    Oggi si è arrivati da parte di certe frange nazionalitarie radicali — che però godono di
    qualche popolarità presso l'opinione corrente giovanile, che è diventata pericolosamente amnesica anche a causa dell'insipienza degli adulti — si è arrivati, dicevamo, alla pretesa rozza e grottesca di
    riscrivere e "aggiustare" la storia della Sardegna secondo criteri inquisitori, epuratori, semplificatori: da gente che evidentemente ha un rapporto disturbato col proprio passato, colla propria memoria storica, e che vorrebbe sanare le proprie frustrazioni con un assurdo fondamentalismo, peraltro privo in questo caso di ogni sia pure aberrante giustificazione mistico-religiosa.
    Il guaio è che tali pretese anacronistiche e irrazionali non sembrano affatto fronteggiate da una esplicita e risoluta presa di distanza da parte del ceto politico e intellettuale isolano nel suo complesso, ma sono anzi accettate come simpatico folklore, quasi ammiccate e vezzeggiate come
    sintomo, simbolo e dimostrazione di un robusto vento autonomistico, garanzia di vitalità del serbatoio etnico-culturale della stirpe. Nella migliore delle ipotesi, sono guardate con distratta indifferenza o incredulità. E seppure, da parte dei tanti che non le condividono, vengono percepite
    con vero fastidio, ciò accade senza reazioni critiche in pubblico.
    Tutto ciò genera uno strano stato d'animo collettivo rispetto al tema dell'autonomia locale, come se l'isola si fosse impetuosamente messa in marcia, intenzionata a prendere nelle mani il filo rosso
    del proprio destino, decisa a riscattarsi da tutti e contro tutti. Dubitiamo che questo fosse esattamente il vero spirito dell'autonomia voluta dai padri fondatori e dai protagonisti nobili del sardismo.
    Essi, col loro senso dello stato e la loro coscienza dell'unità e indivisibilità della repubblica, volevano piuttosto che si fosse uniti nella differenza e nella diversità, non separati nella contrapposizione. Questo e non altro è lo spirito genuino dell'autonomia.
    Il dettato dello statuto sardo.
    Come si sia potuto arrivare a tanta dismisura può forse spiegarcelo una breve anamnesi di quanto è successo in questi decenni. Ripercorrendo per l'appunto le tappe fondamentali di un simile processo di degenerazione o snaturamento e metamorfosi (e in definitiva tradimento) dell'autonomia lungo la deriva di un capzioso separatismo.
    Decenni nei quali lentamente ma inarrestabilmente un'ideologia gretta e retriva, sulla base di una discutibile volgarizzazione di note tesi pur avanzate da illustri studiosi isolani, si è di fatto impadronita, accampando un'immaginaria investitura popolare, della tradizione sarda, dalla
    lingua alla poesia popolare, dal ballo alla musica tradizionali, dal costume all'artigianato, imponendole la propria titolarità, sequestrandola letteralmente nella propria griglia ideologica, fatta di purismo, etnicismo, autarchismo, di negazione di qualsiasi deposito storico e contaminazione culturale; anzi, condannandone e maledicendone la memoria e la stessa ipotesi.
    Senza memoria
    La tradizione sarda, così ricca e composita, si è vista in questo modo sequestrata, rattrappita, impoverita, precettata e messa al servizio di una causa identitaria e nazionalitaria carica di risentimento, ma soprattutto volta alla cancellazione della memoria storica, del suo corredo temporale fatto di tanti apporti, contatti e influenze originalmente rielaborate. E ora viceversa strumentalizzata come grimaldello per una politica reazionaria. Quasi che tale fosse appunto l'autentica radice, il fondamento, il codice genetico, l'unica forma legittima dell'identità isolana.
    Il colmo dell'ironia è che un simile processo di sequestro della memoria e dell'identità (ne aveva parlato tempo fa, ancora una volta inascoltato, Silvano Tagliagambe) si è consumato nell'equivoco e
    nella mistificazione. Da parte di molti che magari continuano a richiamarsi incredibilmente alla lezione dei padri dell'autonomia, invocando il carisma di Lussu. In quale però inorridirebbe di fronte alla professione di fede di certi suoi pretesi eredi.

    Insomma, custos indipendentistas sardos sun feos, bruttos, malos… e puru ignorantes!
    Comente si permittin custos ruzos colonos a si pesare e a kerrer ischire menzus de nois continentales s’istoria issoro! Ki si muntenzan kussa finta-autonomia e mudos.
    Narat su diciu: Orrios de ainu no ascian a kelu!!!!
    Su Templare

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Trigu, terra, traballu
    Data Registrazione
    11 Mar 2004
    Località
    Casteddu - Sardinia
    Messaggi
    1,315
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    siore e siori: IL CIRCO!!!


  3. #3
    po sa Repùbrica de Sardigna
    Data Registrazione
    09 Jan 2005
    Località
    Urbino<->Casteddu
    Messaggi
    838
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Leandro Muoni: un uomo un perchè

    Originally posted by Ithokor
    In sa Nuova de oe.

    Il dibattito sulla “specialità” sarda e sul nuovo statuto, il rischio di una chiusura identitaria.
    LE TRAPPOLE DELL’AUTONOMIA
    Se la separatezza ha le meglio sui valori condivisi.

    di Leandro Muoni
    Assistiamo oggi ad una degenerazione culturale della questione dell'autonomia. Una corrente
    sempre più agguerrita di pensiero ha da tempo intrapreso a concepire e declinare la specificità sarda in funzione sistematicamente contrappositiva e di separatezza rispetto alla coscienza dei valori condivisi di appartenenza alla cultura dell'intero Paese, oltre che di pertinenza dello stesso sentimento di unità nazionale e fedeltà costituzionale. Di fatto, non riconoscendosi più parte integrante nel disegno complessivo di un destino storico e di una memoria comuni, sedimentati in special modo e sanciti attraverso il lungo processo della nostra vicenda risorgimentale, e poi
    consacrati nell'esperienza della Grande Guerra, dell'antifascismo e della stagione repubblicana.
    Si è assistito così lentamente ma inarrestabilmente ad uno sforzo di concepire e costruire un modello di autonomia sarda non più integrativo, nella sana e responsabile dialettica di istanze locali e linee d'indirizzo generali, che tendesse ad un equilibrio più alto del rapporto di partecipazione democratica e di reciproca legittimazione culturale, bensì ad una rivendicazione polemica e alternativa, mirante a contrapporre una propria storia, una propria cultura, una propria lingua, un
    proprio costume, un proprio territorio, al limite una propria consuetudine giuridica (l'attuale vicenda del Parco del Gennargentu tra l'altro insegni). Insomma una vera e propria rivendicazione di nazionalità regionale, che sconfessava anche le più significative e impegnative acquisizioni del passato, remoto e recente.
    Una sorta di nazionalità comunque "stipendiata", perché presupponeva anzi reclamava al tempo stesso la presenza assidua dello Stato, in quanto comodo (anche se non sempre sollecito e responsabile nel fare la sua parte) ente erogatore di assistenza e servizi, ma di cui poi rinnegava
    sentimenti di condivisione culturale e comunanza di valori.
    Desta meraviglia (destava ad esempio una dolorosa meraviglia in Indro Montanelli) apprendere che si sia potuto giungere a tal segno, nell'ambito storico di una società e di una regione come la Sardegna che per tanti motivi è stata parte integrante nella formazione dello stato italiano e nella stessa gestazione del nostro Risorgimento, senza venire mai meno ai principi della propria coscienza autonomistica (e basterebbe ricordare i grandi intellettuali isolani dell'Ottocento, cosi intimamente sardi e al tempo stesso così convintamente italiani e risorgimentali).
    Storia aggiustata
    Oggi si è arrivati da parte di certe frange nazionalitarie radicali — che però godono di
    qualche popolarità presso l'opinione corrente giovanile, che è diventata pericolosamente amnesica anche a causa dell'insipienza degli adulti — si è arrivati, dicevamo, alla pretesa rozza e grottesca di
    riscrivere e "aggiustare" la storia della Sardegna secondo criteri inquisitori, epuratori, semplificatori: da gente che evidentemente ha un rapporto disturbato col proprio passato, colla propria memoria storica, e che vorrebbe sanare le proprie frustrazioni con un assurdo fondamentalismo, peraltro privo in questo caso di ogni sia pure aberrante giustificazione mistico-religiosa.
    Il guaio è che tali pretese anacronistiche e irrazionali non sembrano affatto fronteggiate da una esplicita e risoluta presa di distanza da parte del ceto politico e intellettuale isolano nel suo complesso, ma sono anzi accettate come simpatico folklore, quasi ammiccate e vezzeggiate come
    sintomo, simbolo e dimostrazione di un robusto vento autonomistico, garanzia di vitalità del serbatoio etnico-culturale della stirpe. Nella migliore delle ipotesi, sono guardate con distratta indifferenza o incredulità. E seppure, da parte dei tanti che non le condividono, vengono percepite
    con vero fastidio, ciò accade senza reazioni critiche in pubblico.
    Tutto ciò genera uno strano stato d'animo collettivo rispetto al tema dell'autonomia locale, come se l'isola si fosse impetuosamente messa in marcia, intenzionata a prendere nelle mani il filo rosso
    del proprio destino, decisa a riscattarsi da tutti e contro tutti. Dubitiamo che questo fosse esattamente il vero spirito dell'autonomia voluta dai padri fondatori e dai protagonisti nobili del sardismo.
    Essi, col loro senso dello stato e la loro coscienza dell'unità e indivisibilità della repubblica, volevano piuttosto che si fosse uniti nella differenza e nella diversità, non separati nella contrapposizione. Questo e non altro è lo spirito genuino dell'autonomia.
    Il dettato dello statuto sardo.
    Come si sia potuto arrivare a tanta dismisura può forse spiegarcelo una breve anamnesi di quanto è successo in questi decenni. Ripercorrendo per l'appunto le tappe fondamentali di un simile processo di degenerazione o snaturamento e metamorfosi (e in definitiva tradimento) dell'autonomia lungo la deriva di un capzioso separatismo.
    Decenni nei quali lentamente ma inarrestabilmente un'ideologia gretta e retriva, sulla base di una discutibile volgarizzazione di note tesi pur avanzate da illustri studiosi isolani, si è di fatto impadronita, accampando un'immaginaria investitura popolare, della tradizione sarda, dalla
    lingua alla poesia popolare, dal ballo alla musica tradizionali, dal costume all'artigianato, imponendole la propria titolarità, sequestrandola letteralmente nella propria griglia ideologica, fatta di purismo, etnicismo, autarchismo, di negazione di qualsiasi deposito storico e contaminazione culturale; anzi, condannandone e maledicendone la memoria e la stessa ipotesi.
    Senza memoria
    La tradizione sarda, così ricca e composita, si è vista in questo modo sequestrata, rattrappita, impoverita, precettata e messa al servizio di una causa identitaria e nazionalitaria carica di risentimento, ma soprattutto volta alla cancellazione della memoria storica, del suo corredo temporale fatto di tanti apporti, contatti e influenze originalmente rielaborate. E ora viceversa strumentalizzata come grimaldello per una politica reazionaria. Quasi che tale fosse appunto l'autentica radice, il fondamento, il codice genetico, l'unica forma legittima dell'identità isolana.
    Il colmo dell'ironia è che un simile processo di sequestro della memoria e dell'identità (ne aveva parlato tempo fa, ancora una volta inascoltato, Silvano Tagliagambe) si è consumato nell'equivoco e
    nella mistificazione. Da parte di molti che magari continuano a richiamarsi incredibilmente alla lezione dei padri dell'autonomia, invocando il carisma di Lussu. In quale però inorridirebbe di fronte alla professione di fede di certi suoi pretesi eredi.




  4. #4
    Indipendentista sardu
    Data Registrazione
    25 May 2012
    Località
    Varese - Disterru
    Messaggi
    13,160
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Si denota una certa malnascosta preoccupazione nell'autore di questo articolo, tale signor Muoni. In particolare ci si rende conto che le cose stanno prendendo una piega che non è assolutamente quella che vorrebbe l'autore, che appunto è ansioso e preoccupato, pensando a come la "patria" italiana sia minacciata dal risollevamento culturale che lentamente ma inesorabilmente sta avendo luogo nella nostra terra, grazie e soprattutto alle giovani generazioni, le quali evidentemente hanno compreso gli errori e le ingenuità dei loro padri, ed hanno deciso di prendere in mano loro stesse le redini del carro.

    Signor Muoni, si calmi, tutto ciò per cui lei si dice seriamente preoccupato PER FORTUNA sta avvenendo davvero. Si metta il cuore in pace, e si rallegri per il fatto che la Sardegna sta ora raccogliendo finalmente le forse per tentare di irrompere nel mondo moderno con tutte le sue potenzialità. Lo status di discarica e periferia degradata di un paese già di per sè seriamente degradato, se le cose continueranno in questo senso, ce lo lasceremo definitivamente alle spalle come un brutto, orribile, ricordo.






    Detto questo, un articolo così piagnone e fatalista se lo potevano pubblicare giusto quelli della Nuova Sardegna...

  5. #5
    Indipendentista sardu
    Data Registrazione
    25 May 2012
    Località
    Varese - Disterru
    Messaggi
    13,160
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    A proposito parla di "pretesi eredi di Lussu"... ma con chi ce l'ha?

    booooohhh

  6. #6
    Repùbrica de Sardigna
    Data Registrazione
    20 Mar 2004
    Località
    Aristanis-Roma
    Messaggi
    637
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Meraviglioso MUONI!

    Quest'uomo riesce sempre, con la sua lucidità, a cogliere dei passaggi importanti della storia sarda e anche -e sopratutto- della contemporaneità.
    Per chi avesse noti i suoi precedenti interventi, non solo su "la nuova" ma anche in più "seri" saggi pubblicati di recente, dovrebbe essere ormai chiaro che quest'uomo è un genio. Un fine analista a cui Mannahimer fa un baffo.
    Lui, il mitico muoni, senza statistiche e senza sondaggi ha capito due cose fondamentali:

    -1 che sta per finire il tempo in cui gente come lui -estimatore dell'italico risorgimento- continuerà a spacciarsi per intellettuale e a campare usufruendo di contributi regionali.

    -2 chiarisce bene cosa è il sardismo. Alla faccia di molti che ancora continuano a cercare, attraverso incredibili giri di parole, di salvare una delle cose più dannose regalteci dal secolo appena terminato (fortunatamente)!

    itz.

  7. #7
    Meda sabios paris
    Data Registrazione
    02 Dec 2004
    Località
    Atlantide
    Messaggi
    5,064
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Si sos babbos suni terakkos, sos fizzos tenen de okkire sos babbos....
    Indipendentzia!

    P.S. Innantis ki caligunu mi jamet a s'ordine: po okkire si intendet....politicamente!

  8. #8
    Meda sabios paris
    Data Registrazione
    02 Dec 2004
    Località
    Atlantide
    Messaggi
    5,064
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Originally posted by Cristianu

    un articolo così piagnone e fatalista se lo potevano pubblicare giusto quelli della Nuova Sardegna...
    Ma no si nariat "N(azi) Sardegna"?

  9. #9
    Indipendentista sardu
    Data Registrazione
    25 May 2012
    Località
    Varese - Disterru
    Messaggi
    13,160
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Originally posted by Kornus
    Ma no si nariat "N(azi) Sardegna"?
    eya eya

  10. #10
    LiberaMente
    Data Registrazione
    30 Mar 2004
    Località
    Thàthari
    Messaggi
    1,612
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Nel GDS di oggi:
    Vorrei sottolineare gli articoli del signor Muoni su un quotidiano regionale caratterizzati sempre dalla denigrazione chi si permette di non pensarla come lui: ovvero gli indipendentisti sardi, brutti, sporchi, cattivi... ed anche ignoranti! Insomma tutti al rogo! Vox clamantis in deserto... fortunatamente!
    Su Templare

 

 
Pagina 1 di 3 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Risposte: 62
    Ultimo Messaggio: 01-02-14, 15:24
  2. Davide Nurra un Uomo un perchè, oppure un Uomo: perchè?
    Di NugoroCapitale nel forum Sardegna - Sardìnnia
    Risposte: 54
    Ultimo Messaggio: 28-06-07, 22:09
  3. Fragolina - Leandro Barsotti
    Di SubZero nel forum Musica
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 14-05-05, 03:37
  4. La morte di don Leandro Rossi
    Di Oli nel forum Cattolici
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 23-08-03, 19:11

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226