User Tag List

Risultati da 1 a 4 di 4
  1. #1
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    15,605
    Mentioned
    10 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito La società multietnica non è una scelta ma un destino!

    Il Gazzettino Giovedì, 16 Giugno 2005

    IMMIGRAZIONE, I PERCHÉ DELLA VIOLENZA
    di SERGIO FRIGO

    A leggere i giornali di questi tempi sembra che gli immigrati abbiano egemonizzato la cronaca nera, e occupato stabilmente i luoghi del crimine e della punizione. La popolazione carceraria è per quasi il 40\% straniera, e il tasso di incarcerazione degli immigrati è pari a 17 volte quello degli italiani. Per i reati legati alla prostituzione le denunce di stranieri raggiungono addirittura il 65\% del totale. Ovvio che molti cittadini italiani trovino insopportabile tutto questo, e sviluppino sentimenti non proprio amichevoli nei confronti degli immigrati.

    Ma se ci capitasse per le mani un giornale (anche il nostro) di un centinaio di anni fa, troveremmo quasi ogni giorno notizie relative ad italiani coinvolti in risse, pestaggi, reati contro il patrimonio e contro la morale, in ogni angolo di mondo. Gli studiosi dell'emigrazione hanno osservato che nelle statistiche dei linciaggi, in America, gli italiani furono a lungo il secondo gruppo etnico, subito dopo i neri; mentre contestualmente il tasso medio di suicidi fra i nostri connazionali era il triplo che in Italia.

    Ma perchè ai fenomeni migratori sembra essere sempre connaturato un così alto tasso di violenza? Per rispondere adeguatamente servirebbe lo spazio di un libro, qui dunque proveremo a fornire solo alcune indicazioni sommarie, a partire dalla considerazione ovvia che a imporsi sui media, da sempre, sono ovviamente le cattive notizie, e non la normalità e la positività dell'integrazione. E che la convivenza fra gruppi umani diversi non è mai una passeggiata.

    Dunque: a emigrare sono soprattutto i maschi giovani, che in ogni popolazione (non solo umana) costituiscono il gruppo più portato alla trasgressione e all'affermazione, anche violenta, di sè; e sono questi i protagonisti della cronaca nera.
    In secondo luogo: appare assodata l'esistenza di una spirale che dall'irregolarità porta alla clandestinità, quindi all'illegalità e infine alla criminalità; e con l'attuale legislazione in Italia è molto più facile entrare da clandestini, o diventarlo una volta nel nostro Paese, che non vivere da regolari.
    E tutto questo mentre è altrettanto assodato (lo afferma il maggiore studioso di queste questioni in Italia, Marzio Barbagli, alla luce delle statistiche) che l'immigrato regolare ha più o meno la stessa propensione al crimine dell'autoctono.

    Quindi ha ragione il ministro Pisanu quando lancia l'allarme clandestinità, un po' meno quando non va alla radice del fenomeno, cioè non risale la spirale di cui sopra. Da un governo infatti è lecito aspettarsi, quando servono, misure severe per contrastare il crimine; ma garantire la sicurezza ai cittadini richiede iniziative più articolate, inserite in un quadro più ampio della semplice repressione. Iniziative che guardino ben oltre i confini nazionali, e che combattano - prima di tutto con le armi della politica estera - l'illegalità prima che si presenti alle nostre frontiere.

    In Italia, poi, occorre che all'immigrato sia reso più percorribile il percorso verso la regolarizzazione: il che non significa una politica di "frontiere aperte", che - almeno in ambito parlamentare - non persegue nessuno.
    Significa piuttosto proporre allo straniero un preciso patto col Paese ospite, in cui siano esplicitati diritti e doveri, sia chiaro che chi sgarra pagherà duramente, ma anche che chi rispetta la legge avrà diritto, in tempi ragionevoli, di diventare a tutti gli effetti cittadino italiano, se lo vorrà. L'illegalità è l'ultima spiaggia di chi non ha nulla da perdere.

    Infine chi ha responsabilità politiche dovrebbe avvertire la necessità di chiarire al Paese che diventare una società multietnica ormai non è una scelta, ma un destino, a cui non possiamo sfuggire; di spiegare che i benefici di un'immigrazione regolata e integrata sono superiori ai costi, peraltro pesanti, che a volte siamo chiamati a pagare; e di ricordare infine, a chi dopo fatti come quello di Besano urla più forte, che le responsabilità di un reato devono ricadere solo su chi l'ha compiuto, non sui suoi connazionali che si comportano bene.

    Sergio Frigo

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    BraveHeart
    Data Registrazione
    28 Feb 2005
    Località
    MGP Isontino
    Messaggi
    319
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Ma se ci capitasse per le mani un giornale (anche il nostro) di un centinaio di anni fa, troveremmo quasi ogni giorno notizie relative ad italiani coinvolti in risse, pestaggi, reati contro il patrimonio e contro la morale, in ogni angolo di mondo. Gli studiosi dell'emigrazione hanno osservato che nelle statistiche dei linciaggi, in America, gli italiani furono a lungo il secondo gruppo etnico, subito dopo i neri; mentre contestualmente il tasso medio di suicidi fra i nostri connazionali era il triplo che in Italia.


    Molti italiani chissà da dove provenivano...la mafia l'hanno inventata i padani?

  3. #3
    faccia di merda
    Data Registrazione
    17 Oct 2002
    Località
    in caserma a fare flessioni nel fango
    Messaggi
    1,886
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    confesso, molti miei parenti sono emigrati all'estero, x la situazione di miseria che c'era anche in PIEMONTE all'inizio 900; mio nonno paterno negli USA, CHICAGO E FRISCO, 2 FRATELLI ed UNA SORELLA DI MIA MADRE IN FRANCIA, da dove tra l'altro proveniamo da parte materna..a parte le iniziali diffidenze, quando vedevano che eri seriamente intenzionato a rusche'( lavura' ), e non eri un terromafioso greaseball(termine spregiativo x indicare i terroni italiani), eri stimato e benvoluto..mio nonno ricordava sempre con nostalgia gli usa, ela prima moglie di mio zio STEFAN era di LIONE..TUTT'ALTRO TRATTAMENTO ERA RISERVATO X I PULCINELLA MERIDIUNALI che facevano i furbi

  4. #4
    email non funzionante
    Data Registrazione
    19 May 2013
    Messaggi
    10,890
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    A parte il nauseabondo antimeridionalismo sono propenso a dire che la società multietnica non sia un destino.

 

 

Discussioni Simili

  1. Società multietnica
    Di Maxadhego nel forum Padania!
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 21-07-11, 16:47
  2. Risposte: 50
    Ultimo Messaggio: 26-05-09, 12:36
  3. Società Multietnica
    Di Der Wehrwolf nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 27-03-06, 14:58
  4. La società multietnica non è una scelta ma un destino!
    Di Maxadhego nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 18-06-05, 02:07
  5. Società multietnica
    Di mariarita nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 06-04-04, 00:07

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226