User Tag List

Risultati da 1 a 4 di 4
  1. #1
    INNAMORARSI DELLA CHIESA
    Data Registrazione
    25 Apr 2005
    Località
    Varese
    Messaggi
    6,420
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    state saldi e mantenete le tradizioni che avete apprese così dalla nostra parola come

    Amici.....vorrei con voi approfondire questo tema delle profezie, ricordando che ovviamente nessuno è obbligato a crederci, ma il fatto che la Chiesa abbia beatificato la Emmerich ed altri santi che avevano avuto delle profezie.....ci deve aiutare non tanto a lenire lo scetticismo, quanto a.....pensare realmente ai fatti descritti e con tutta onestà animarci da SANTA INQUIETUDINE, come ci ha suggerito il Papa Benedetto XVI.........

    La Emmerick, per alcuni diventata famosa per la PASSIONE, il film di Mel Gibson......famosa lo era anche prima, nell'ambiente SANO DELLA CHIESA.........le sue profezie iniziate nel 1800 abbracciano non solo l'arco di quel tempo che fra l'altro si è avverato........ma va ben oltre, raggiungendo i tempi nostri.....

    Le Profezie CRISTIANE, badate bene, non sono mai apocalittiche come appaiono...... ogni severità che descrive un evento porta con sè sempre un finale DI AMPIO RESPIRO E DI GRANDE GRAZIA.......non è un caso che in tutto questo arco di tempo tutti questi santi s'intrecciano fra di loro.... e ci hanno donato devozioni forti come LA DIVINA MISERICORDIA, di suor Faustina la quale nel suo Diario ricalca alcune scene profetiche della Emmerich........S'intrecciano con i "sogni di san Giovanni Bosco"..... e tutte queste profezie terminano con IL TRIONFO DI CRISTO..........e della Chiesa alla quale le visioni e la maggior parte di esse si riferiscono........Là dove Dio permette con queste visioni di conoscere la situazione della SUA CHIESA, al tempo stesso è Dio stesso che le procura il BALSAMO RISANANTE.......

    Atti 2:17-18
    Negli ultimi giorni, dice il Signore,
    Io effonderò il mio Spirito sopra ogni persona;
    i vostri figli e le vostre figlie profeteranno,
    i vostri giovani avranno visioni
    e i vostri anziani faranno dei sogni. E anche sui miei servi e sulle mie serve in quei giorni effonderò il mio Spirito ed essi
    profeteranno.

    .................

    Leggendo la Emmerich e così altri profeti che Dio mai si è stancato di mandarci, essi non sono fautori di dottrine nuove, ma DI UN INCESSANTE MANTENIMENTO DELLA BIBBIA e della Chiesa stessa...........i "nuovi profeti" che raccontassero cose nuove estranee alla Bibbia, SONO FALSI PROFETI.......non è difficile distinguerli, ma siamo così accecati di superbia da non volerli noi stessi smascherare......
    Leggendo la Emmerich ci rendiamo conto non solo di come tanti fatti si sono concretizzati, ma di come anche i recenti Pontefici....siano stati così saggi e maturi da NON sottovalutarli........quando ad esempio diciamo che Giovanni Paolo II E' GRANDE....non intendiamo certo il senso umano, ma lo diciamo e lo crediamo in senso biblico.......le sue Encicliche ricalcano tutti i pericoli descritti in queste profezie che partono dalla Bibbia, come appunto LA GRANDE APOSTASIA DALLA VERA FEDE........COME LA GRANDE MINACCIA DELLA VITA UMANA.........così come il relativismo denunciato ora da Papa Benedetto XVI.....

    Il quadro complessivo delle profezie NON va mai isolato dal suo contesto.......

    Scrive ad esempio la Emmerich il 12 settembre del 1820:



    "Vidi ancora una volta che la Chiesa di Pietro era minata da un piano elaborato dalla sètta segreta, mentre le bufere la stavano danneggiando. Ma vidi anche che l’aiuto sarebbe arrivato quando le afflizioni avrebbero raggiunto il loro culmine. Vidi di nuovo la Beata Vergine ascendere sulla Chiesa e stendere il suo manto su di essa. Vidi un Papa che era mite e al tempo stesso molto fermo... Vidi un grande rinnovamento e la Chiesa che si librava in alto nel cielo".

    "Vidi una strana chiesa che veniva costruita contro ogni regola... Non c’erano angeli a vigilare sulle operazioni di costruzione. In quella chiesa non c’era niente che venisse dall’alto... C’erano solo divisioni e caos. Si tratta probabilmente di una chiesa di umana creazione, che segue l’ultima moda, così come la nuova chiesa eterodossa di Roma, che sembra dello stesso tipo...".


    **************
    Il sogno di san Bosco non è da meno:

    Il comandante supremo della grande nave, che è il Romano Pontefice, vedendo il furore dei nemici e il mal partito nel quale si trovano i suoi fedeli, convoca intorno a sé i piloti delle navi secondarie per tenere consiglio [Concilio Vatic. I ?] e decidere sul da farsi. Tutti i piloti salgono e si adunano intorno al Papa. Tengono consesso, ma infuriando sempre più la tempesta, sono rimandati a governare le proprie navi.
    Fattasi un po' di bonaccia, il Papa raduna intorno a sé i piloti per la seconda volta [Concilio Vatic. II ?], mentre la nave capitana segue il suo corso. Ma la burrasca ritorna spaventosa.
    Il Papa sta al timone e tutti i suoi sforzi sono diretti a portare la nave in mezzo a quelle due colonne, dalla sommità delle quali tutto intorno pendono molte ancore e grossi ganci attaccati a catene.
    Le navi nemiche tentano di assalirla e farla sommergere: le une con gli scritti, con i libri, con materie incendiarie, che cercano di gettare a bordo; le altre con i cannoni, con i fucili, con i rostri. Il combattimento si fa sempre più accanito; ma inutili riescono i loro sforzi: la grande nave procede sicura e franca nel suo cammino. Avviene talvolta che, percossa da formidabili colpi, riporta nei suoi fianchi larga e profonda fessura, ma subito spira un soffio dalle due colonne e le falle si richiudono e i fori si otturano.
    Frattanto i cannoni degli assalitori scoppiano, i fucili e ogni altra arma si spezzano, molte navi si sconquassano e si sprofondano nel mare. Allora i nemici, furibondi, prendono a combattere ad armi corte: con le mani, con i pugni e con le bestemmie.

    I sogni di don Bosco

    ***********************

    e ancora scrive la Emmerich:

    "Vidi cose deplorevoli: stavano giocando d’azzardo, bevendo e parlando in chiesa; stavano anche corteggiando le donne. Ogni sorta di abomini venivano perpetrati là. I sacerdoti permettevano tutto e dicevano la Messa con molta irriverenza. Vidi che pochi di loro erano ancora pii, e solo pochi avevano una sana visione delle cose. Vidi anche degli ebrei che si trovavano sotto il portico della chiesa. Tutte queste cose mi diedero tanta tristezza".

    (27 settembre 1820)

    "La Chiesa si trova in grande pericolo. Dobbiamo pregare affinché il Papa non lasci Roma; ne risulterebbero innumerevoli mali se lo facesse. Ora stanno pretendendo qualcosa da lui. La dottrina protestante e quella dei greci scismatici devono diffondersi dappertutto. Ora vedo che in questo luogo la Chiesa viene minata in maniera così astuta che rimangono a mala pena un centinaio di sacerdoti che non siano stati ingannati. Tutti loro lavorano alla distruzione, persino il clero. Si avvicina una grande devastazione".

    (1 ottobre 1820)

    "Quando vidi la Chiesa di San Pietro in rovina, e il modo in cui tanti membri del clero erano essi stessi impegnati in quest’opera di distruzione , nessuno di loro desiderava farlo apertamente davanti agli altri , ero talmente dispiaciuta che chiamai Gesù con tutta la mia forza, implorando la Sua misericordia. Allora vidi davanti a me lo Sposo Celeste ed Egli mi parlò per lungo tempo...

    Egli disse, fra le altre cose, che questo trasferimento della Chiesa da un luogo ad un altro significava che essa sarebbe sembrata in completo declino. Ma sarebbe risorta. Anche se rimanesse un solo cattolico, la Chiesa vincerebbe di nuovo perché non si fonda sui consigli e sull’intelligenza umani. Mi fece anche vedere che non era rimasto quasi nessun cristiano, nell’antico significato della parola".

    (4 ottobre 1820)


    *******************
    Anche se rimanesse un solo cattolico, la Chiesa vincerebbe di nuovo perché non si fonda sui consigli e sull’intelligenza umani

    se vi ricordate Paolo VI disse una cosa simile........

    "Ciò che mi colpisce, quando considero il mondo cattolico, è che all'interno del cattolicesimo sembra talvolta predominare un pensiero di tipo non-cattolico, e può avvenire che questo pensiero diventi domani il più forte. Ma esso non rappresenterà mai il pensiero della Chiesa. Bisogna che sussista un piccolo gregge, per quanto piccolo esso sia" (Jean Guitton, Paolo VI segreto, pp 152-153)
    ..........
    Gesù ci ammonisce:

    Matteo 13:41
    Il Figlio dell'uomo manderà i suoi angeli, i quali raccoglieranno dal suo regno tutti gli scandali e tutti gli operatori di iniquità

    Matteo 18:7
    Guai al mondo per gli scandali! È inevitabile che avvengano scandali, ma guai all'uomo per colpa del quale avviene lo scandalo!

    Luca 17:1
    Disse ancora ai suoi discepoli: «È inevitabile che avvengano scandali, ma guai a colui per cui avvengono....

    .....

    Rammenta Paolo nella 2Tess.:

    Perciò, fratelli, state saldi e mantenete le tradizioni che avete apprese così dalla nostra parola come dalla nostra lettera....

    Falsi profeti e falsi maestri sono coloro che conducono il gregge a dissociarsi DALLA PAROLA (=SCRITTURE SACRE) E DALLA LETTERA (=TRADIZIONE MAGISTERO) ...CHE GLI APOSTOLI INIZIARONO A SEMINARE 2000 ANNI FA.....

    *************
    ....nemici di Dio operano per distruggere quello che resta del Cristianesimo e noi abbiamo deposto le armi, convinti che la guerra fosse finita.........e così ci siamo trovati a dover far fronte contro chi ha voluto tacere le nostre radici cristiane nella Costituzione Europea, ma non importa -si dice- l'importante è VIVERLE QUESTE RADICI.....ma abbiamo veramente deposto le armi (della fede)? in certi campi sembra di si...del resto si è antiquati se si difende la dignità del Matrimonio, se si difende la vita.....se si difendono le nostre TRADIZIONI CRISTIANE.....c'è confusione dottrinale, offuscamento della verità. Poi sfiducia dei Pastori. Alcuni di essi sono stanchi e sfiduciati. Quindi i fedeli, e gli uomini in generale, hanno perduto il senso del peccato.....ABBIAMO PERDUTO IL SENSO DEL PUDORE...IL SENSO DEL PECCATO....E TUTTAVIA SPALANCHIAMO LA BOCCA E GLI OCCHI DAVANTI AI NUOVI PROFETI INGANNATORI....... Non si ha più la consapevolezza che vi sono parole, opere, pensieri e omissioni che offendono Dio e che sono, talvolta, peccati mortali. Anzi, nemmeno si conosce la distinzione tra peccato mortale e peccato veniale..... si è perso lo spirito missionario, il dovere di portare il Vangelo, e non altre dottrine, in tutto il mondo, si è persa la sete di conquistare anime alla causa del Vangelo e della Chiesa...con una false colpa: fare proseliti....si pensa che se si testimoniasse troppo il Vangelo e la stessa Chiesa...si finirebbe per OBBLIGARE gli altri a non essere più liberi di credere ciò che vogliono.....ma amici cari..... essere cristiani non vuol dire "fare ciò che ci pare"..ma vuol dire SEGUIRE UNA PERSONA ESSERE DI QUESTA PERSONA(=CRISTO)....E PORTARLA AGLI ALTRI..... FAR COMPRENDERE AGLI ALTRI CHE ACCOGLIERE QUESTA PERSONA E' LA VERA LIBERTA'...

    Questo non è proselitismo.... proselitismo è tutto ciò che si OPPONE a questa verità....e tutto ciò che si oppone alla Chiesa muovendole guerra....guerra ideologica, teologica, filosofica, ecc.........c'è bisogno dell'apologetica, cioè della proposizione chiara e semplice delle verità della Fede, della cultura che ne deriva e c'è bisogno di difendere questa verità dalle contestazioni.......e allora poter dire con Paolo HO COMBATTUTO LA BUONA BATTAGLIA.... questa lotta smaschera i falsi profeti..... smaschera i falsi maestri.....così come riuscì a scoprirlo il card. Newman....

    Non facciamoci scoraggiare,perciò dall'apparente pensiero NON-CATTOLICO predominante.....esso fa parte di quella iniquità e di quegli scandali "NECESSARI"...preoccupiamoci piuttosto di non essere NOI fautori di questi scandali e testimoniamo più veracemente la nostra Professione di Fede SENZA MAI VERGOGNARCENE.....

    Fraternamente Caterina LD
    Fraternamente Caterina
    Laica Domenicana

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    INNAMORARSI DELLA CHIESA
    Data Registrazione
    25 Apr 2005
    Località
    Varese
    Messaggi
    6,420
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Una setta segreta minaccerà la Chiesa? E’ una delle visioni di Anna Caterina Emmerick, la venerabile che ispirato Mel Gibson per il film La Passione di Cristo

    Roma - di Giancarlo Padula

    "Vidi ancora una volta che la Chiesa di Pietro era minata da un piano elaborato dalla setta segreta, mentre le bufere la stavano danneggiando”, scrive Giancarlo Padula, giornalista e scrittore, autore del libro “I segreti della Passione di Cristo”, in questi giorni nelle librerie, (Tabula fati editrice, tel: 0871 – 63210), “Ma vidi anche che l’aiuto sarebbe arrivato quando le afflizioni avrebbero raggiunto il loro culmine. Vidi di nuovo la Beata Vergine ascendere sulla Chiesa e stendere il suo manto su di essa. Vidi un Papa che era mite e al tempo stesso molto fermo... Vidi un grande rinnovamento e la Chiesa che si librava in alto nel cielo".

    Questa è una delle visioni-profezie della Venerabile Anna Caterina Emmerick come anche riportato nel sito “Profezie per il terzo millennio”, la stigmatizzata che ha ispirato in larga parte (oltre che i 4 Vangeli), il film di Mel Gibson “La Passione di Cristo”, che sta scuotendo le coscienze di tutto il mondo. “D’altro canto anche la Parola di Dio”, scrive il giornalista e scrittore Giancarlo Padula, “avverte che «…. negli ultimi tempi verranno momenti difficili. Gli uomini saranno egoisti, amanti del denaro, vanitosi, orgogliosi, bestemmiatori, ribelli ai genitori, ingrati, senza religione, senza amore, sleali, maldicenti, intemperanti, intrattabili, nemici del bene, traditori, sfrontati, accecati dall’orgoglio, attaccati ai piaceri più che a Dio, con la parvenza della pietà, mentre ne hanno rinnegata la forza interiore». (Seconda Lettera di San Paolo a Timoteo, capitolo 3, versetti 1-5).

    Eancora:«Lo Spirito di chiara apertamente che negli ultimi tempi alcuni si allontaneranno dalla fede, dando retta a spiriti menzogneri e a dottrine diaboliche, sedotti dall’ipocrisia di impostori, già bollati a fuoco nella loro coscienza…..». (Prima Lettera di San Paolo a Timoteo, capitolo 4, versetti 1- 2).

    E’ la descrizione dei tempi che corrono. San Paolo, il primo grande evangelizzatore, colui che da fariseo perseguitò con accanita ferocia le prime comunità cristiane, poi convertitosi, dove aver avuto in visione Cristo risorto e nella gloria del Padre, sulla via di Damasco, profetizza, nel Nuovo Testamento, che come tutta la Parola di Dio è viva, vera, attuale, eterna, immutabile, che produce quello che dice, alcune situazioni che riguardano il futuro, per noi l’attualità.

    L’uomo “moderno” guidato prevalentemente dalle culture dominanti, sprofondato nel permissivismo per cui tutto è lecito, la vita è mia e me la gestisco da me (questa è la radice del peccato originale, di Adamo ed Eva), lanciato verso il raggiungimento del successo personale, a volte avvinto e sedotto dal sincretismo religioso e dalle “dottrine” e teorie luciferine dell’ultimora, esclude nella maniera più assoluta che egli, l’uomo, l’umanità (il singolo e l’insieme), abbia bisogno di una salvezza, né tanto meno di un Salvatore.

    Questo è il motivo fondamentale per il quale una parte del mondo attuale ha gridato allo scandalo quando sono comparse le immagini di Gesù martoriato nel film “La Passione di Cristo” di Mel Gibson, uno straordinario evento di fede e d’arte. Il secondo motivo di scandalo è che un Dio possa essersi ridotto in quel modo per “amore”.

    Abbiamo una visione dell’amore molto permissiva per quanto riguarda l’adulterio, una vita “libera”, svincolata dalle leggi divine e dalla Parola di Dio nel messaggio evangelico; l’uomo (una parte) è più propenso a sposarsi un altro uomo piuttosto che sottomettersi alle regole cosmiche e di vita umana disposte dal creatore, è più bendisposta a parlare di madre natura, piuttosto che di Dio uno e trino, il cui figlio è morto e risorto per i peccati degli uomini.

    Il problema di fondo è che non si ha coscienza di peccato. Dio, per sua libera scelta ha tanto amato il mondo e l’uomo, la sua creatura prediletta (più degli angeli), perché fatto a sua immagine somiglianza (confronta i capitoli di Genesi, nella Bibbia), da donare il suo Figlio unigenito, pur di salvare l’uomo.
    Da cosa?
    Dalla morte eterna.

    Il peccato originale e tutti quelli che hanno seguito (basta guardarsi intorno) avevano definitivamente separato l’uomo da Dio. C’è voluto un “pontefice”, uno cioè che colmasse questo vuoto. La dolorosissima Passione di Cristo e la sua morte ci fanno comprendere (e molti lo comprendono) che Egli al fine di salvare l’uomo dell’eterna rovina (l’inferno), si è umiliato incarnandosi in una “carcassa” umana e affrontando una morte ingiusta e terribile. Facendosi egli stesso peccato, al fine di distruggere il peccato e la morte e chi del peccato e della morte è artefice: Lucifero, l’ex angelo decaduto: satana, il diavolo, il maligno. Tutto viene azzerato.

    E’ solo il Sangue di Cristo che ci salva come spiegano molto bene San Paolo e San Pietro nelle Lettere (si può consultare nella Bibbia il Nuovo Testamento). Tutta questa riluttanza al sangue di Cristo da parte di alcuni settori del mondo cristiano attuale, lascia molto, molto perplessi.

    Il cristianesimo dei “perbenisti” che si sono dimenticati (o non sanno) che Cristo è morto nudo (scandalo?), il cristianesimo di facciata annacquato e ridotto a qualche mera superficiale pratica religiosa (come i farisei del tempio), svuotato dal mistero della salvezza e dalla messa in pratica della Parola di Dio sostituita da altre parole e “tesi”, nella potenza dello Spirito, si è scandalizzato... Invece c’è proprio bisogno di salvezza, c’è bisogno di un Salvatore.

    Gesù Cristo è la salvezza, Gesù Cristo è la via, (vita e verità), Gesù Cristo è la verità, Gesù Cristo è il solo mezzo per riconciliarsi con il Padre. Gesù Cristo è colui che ha sconfitto il tuo peccato, la tua miseria; la tua malattia, la tua situazione. E’ colui che ha sconfitto la morte. Se Gesù Cristo è risorto (come lo è), niente è più come prima. «….è stato messo a morte per i nostri peccati, ed è stato risuscitato per la nostra giustificazione…»(Lettera di San Paolo ai Romani, capitolo 4, versetto 25).

    *******************
    Fraternamente Caterina
    Laica Domenicana

  3. #3
    INNAMORARSI DELLA CHIESA
    Data Registrazione
    25 Apr 2005
    Località
    Varese
    Messaggi
    6,420
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    New Age "cattolico" ?
    di Andrea Menegotto

    "Stigmata", per molti versi, non è altro che una delle tante presentazioni al grande pubblico di tematiche tratte dal Cristianesimo e in seguito ampiamente annacquate nell'atmosfera New Age. Di fronte a questo grosso fenomeno culturale, di costume e non da ultimo commerciale, la voce del Magistero cattolico e di autorevoli esponenti delle altre Confessioni cristiane si è più volte alzata esprimendo la ferma condanna e l'incompatibilità fra le idee sincretiste, relativiste, panteiste, talvolta gnostiche tipiche dell'ambiente New Age e la Fede in Cristo Gesù.

    Nonostante ciò non mancano neppure in ambiente cattolico casi di laici, sacerdoti (talvolta teologi) e religiosi "influenzati" o "sostenitori" che, se poco o per nulla amano essere etichettati come new ager, di certo non disprezzano di condividere temi cari al sottofondo culturale della Nuova Era.

    Nei circoli dell'inconcepibile eppure esistente New Age "cattolico" ad essere messa in discussione è la figura stessa di Cristo, che viene ridotto - a discapito della Sua divinità - al ruolo di "Grande Maestro" delI'umanità, il cui unico merito è quello di avere sviluppato pienamente la consapevolezza del principio divino presente in Lui come in ogni uomo, al pari di Buddha, Maometto, Zoroastro e altri "grandi iniziati".

    Non occorre essere troppo avveduti per cogliere gli evidenti agganci con l'antica eresia gnostica.

    A questo proposito afferma il Santo Padre: "[...] Non ci si può illudere che esso [il New Age] porti a un rinnovamento della religione. È soltanto un nuovo modo di praticare la gnosi, cioè quell'atteggiamento dello spirito che, in nome di una profonda conoscenza di Dio, finisce per stravolgere la Sua Parola sostituendovi parole che sono soltanto umane" (Giovanni Paolo II con V. Messori, Varcare la soglia della speranza, Mondadori, Milano 1994, p. 99).

    Bibliografia

    Una versione più ampia dell'articolo su "Stigmata" e disponibile sul sito del CESNUR - Centro Studi sulle Nuove Religioni: http://www.cesnur.org/testi/stigmata.htm

    - AA.VV. (a cura di Andrea Menegotto), New Age "fine" o rinnovamento ?, Sinergie Edizioni, San Giuliano Milanese, 1999.
    - Massimo Introvigne, Storia del New Age. 1962-1992, Cristianità, Piacenza 1994.

    © Il Timone - n. 6 Marzo/Aprile 2000
    http://www.kattoliko.it/leggendanera.../New%20Age.htm
    Fraternamente Caterina
    Laica Domenicana

  4. #4
    INNAMORARSI DELLA CHIESA
    Data Registrazione
    25 Apr 2005
    Località
    Varese
    Messaggi
    6,420
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    "Vidi una strana chiesa che veniva costruita contro ogni regola... Non c’erano angeli a vigilare sulle operazioni di costruzione. In quella chiesa non c’era niente che venisse dall’alto... C’erano solo divisioni e caos. Si tratta probabilmente di una chiesa di umana creazione, che segue l’ultima moda, così come la nuova chiesa eterodossa di Roma, che sembra dello stesso tipo...".

    "Vidi cose deplorevoli: stavano giocando d’azzardo, bevendo e parlando in chiesa; stavano anche corteggiando le donne. Ogni sorta di abomini venivano perpetrati là. I sacerdoti permettevano tutto e dicevano la Messa con molta irriverenza.


    **************
    queste parole della Emmerick ci portano a meditare le parole di Papa Benedetto XVI alla sua elezione......

    Il neoeletto Pontefice Benedetto XVI ha già avuto modo di indicare i problemi attraversati attualmente dalla Chiesa:

    “Io penso che il punto essenziale è la debolezza della fede”.

    E il 25 marzo scorso nelle meditazioni per la via Crucis al Colosseo, scriveva: “Che cosa può dirci la terza caduta di Gesù sotto il peso della croce? Forse ci fa pensare alla caduta dell’uomo in generale, all’allontanamento di molti da Cristo, alla deriva verso un secolarismo senza Dio”.

    Accennando poi agli abusi legati al sacramento dell’Eucaristia aveva affermato: “Ma non dobbiamo pensare anche a quanto Cristo debba soffrire nella sua stessa Chiesa? A quante volte si abusa del santo sacramento della sua presenza, in quale vuoto e cattiveria del cuore spesso egli entra! Quante volte celebriamo soltanto noi stessi senza neanche renderci conto di lui! Quante volte la sua Parola viene distorta e abusata!”.

    “Quanta poca fede c’è in tante teorie, quante parole vuote! Quanta sporcizia c’è nella Chiesa, e proprio anche tra coloro che, nel sacerdozio, dovrebbero appartenere completamente a lui! Quanta superbia, quanta autosufficienza! Quanto poco rispettiamo il sacramento della riconciliazione, nel quale egli ci aspetta, per rialzarci dalle nostre cadute!”.

    “Tutto ciò è presente nella sua passione – continuava –. Il tradimento dei discepoli, la ricezione indegna del suo Corpo e del suo Sangue è certamente il più grande dolore del Redentore, quello che gli trafigge il cuore”.

    Ratzinger spiegò che “non è la menzione di Dio che offende gli appartenenti ad altre religioni, ma piuttosto il tentativo di costruire la comunità umana assolutamente senza Dio”.


    E, accusa ancora il nuovo Papa “ben presto non si potrà più affermare che l’omosessualità, come insegna la Chiesa cattolica, costituisce un obiettivo disordine nello strutturarsi dell’esistenza umana. Ed il fatto che la Chiesa è convinta di non avere il diritto di dare l’ordinazione sacerdotale alle donne viene considerato, da alcuni, fin d’ora inconciliabile con lo spirito della Costituzione europea”.

    Lunedì 18 aprile, presiedendo la Messa “per l’elezione del Romano Pontefice”, che precede l’inizio del Conclave, il Decano del Collegio cardinalizio affermò che “avere una fede chiara, secondo il Credo della Chiesa, viene spesso etichettato come fondamentalismo. Mentre il relativismo, cioè il lasciarsi portare ‘qua e là da qualsiasi vento di dottrina’, appare come l’unico atteggiamento all’altezza dei tempi odierni”.

    Benedetto XVI parlò quindi di “una dittatura del relativismo che non riconosce nulla come definitivo e che lascia come ultima misura solo il proprio io e le sue voglie”.

    ”Noi, invece - sottolineò poi - abbiamo un’altra misura: il Figlio di Dio, il vero uomo”, “misura del vero umanesimo".

    “Adulta non è una fede che segue le onde della moda e l’ultima novità; adulta e matura è una fede profondamente radicata nell’amicizia con Cristo. É quest’amicizia che ci apre a tutto ciò che è buono e ci dona il criterio per discernere tra vero e falso, tra inganno e verità”, chiarì nell’omelia pronunciata nella Basilica di San Pietro in Vaticano.

    Amici........se ragioniamo approfondendo le parole noteremo che dagli allarmi lanciati da Papa Benedetto XVI vi sono chiare le idee di una sorta di religione o di chiesa(=orrore una sorta di chiesa LAICISTA) che si STA OPPONENDO E VUOLE SORMONTARE LA VERA CHIESA DI CRISTO........

    Una Chiesa che sposi gli omosessuali, che legittimi l'aborto e il divorzio, una Chiesa che non dica mai ai suoi fedeli dove sbagliano........un Cristo da amare a seconda del PERSONALE MODELLO CHE SI è FATTO........

    Quando un laico comprende che il Battezzato ha il dovere NON di inventare nuove dottrine, e non di attenersi alle "proprie voglie".........comprenderà anche che essere cristiani significa TRASMETTERE UNA VERITA' RICEVUTA...... con tutta la catechesi e la dottrina che comporta.....e non di inventarsi delle nuove procedure laiciste.....AGLI OCCHI DI DIO NON ESISTE IL LAICISTA MA IL LAICO, CIOE' UNA PERSONA CHE NON HA PRESO I VOTI MA CHE NEL SUO RUOLO SI ATTIVA PER IL PROGETTO DI DIO......

    Ho letto anche altro ben spiegato l'importanza di questo Ecumenismo spesse volte frainteso.....


    Mi è piaciuto un libro che ho preso tempo fa....è di un sacerdote Ortodosso.......il titolo ( Padre Seraphim, nella sua opera Nichilismo, appena edita in italiano ed. Servitium, Sotto il Monte, 1998) mi aveva incuriosita quando lessi la presentazione nel sito ortodosso (anche se il sito si esprime molto crudelmente contro la Chiesa Cattolica), egli scrive molte verità che già non solo viviamo comunemente, ma che furono descritte nel famoso SILLABO.....

    La sua diagnosi è chiara: ciò che affligge la nostra società è l'assoluto rifiuto di un principio di Verità. Credere infatti che non esiste verità alcuna e che quindi ogni uomo possiede la sua verità altro non può avere che due esiti: o cadere nelle braccia mortifere del nichilismo, o trascinare la propria vita nell'inganno generato dal relativismo. Se ripercorriamo brevemente la storia del pensiero filosofico dall'inizio del secolo ad oggi, vediamo che soltanto un numero esiguo di intellettuali si è sottratto a questa sorta di diktat morale. Anzi possiamo dire che questo movimento di idee, il nichilismo, nel secondo dopoguerra, ha avuto un crescente successo anche tra la massa degli uomini non troppo colti, sino a divenire senso comune.

    Padre Seraphim muove la sua critica proprio a partire dal liberalismo, che definisce infatti una forma di "nichilismo passivo". La tiepidezza dell'ideologia liberale nei confronti della verità è ciò che la rende colpevole. Il liberalismo ha infatti accolto soltanto alcuni valori del Cristianesimo, molto spesso deformandoli, sottoponendo l'intera tradizione ad una sistematica revisione alla luce degli interessi del capitale. Ciò si è reso possibile proprio in virtù della trasformazione del cristianesimo in un sistema di valori, in una fede privata della Persona di Gesù Cristo e della Sua verità. "La verità cristiana - scrive infatti l'autore -... non è pura verità filosofica ma verità di vita e di salvezza ".

    Questo "privatizzare" la Persona di Gesù ha prodotto la devastante invasione di migliaia di chiese che pur dicendosi "cristiane" in verità non fanno altro che "ghettizzare" il Cristo e renderlo ancor più INCOMPRENSIBILE, favorendo l'espanzionismo liberista e il conseguente nichilismo.
    Se la ricerca resta fine a se stessa è sterile e non ci svela alcunché circa il senso stesso dell'esistenza. Di conseguenza è facile cadere in un crudele gioco d'illusioni; e ciò è ancora più inquietante qualora consideriamo il fenomeno nella sua dimensione globale: infatti l'assenza di un principio di verità genera irrimediabilmente dei surrogati, frutto dell'immaginazione di pochi "visionari" (p. Seraphim allude costantemente - tra gli altri - a Hitler e Lenin) propugnatori di verità parziali o "ideologie". Le guerre e le rivoluzioni sono il prodotto finale di tali surrogati; non a caso il ventesimo secolo è quello che ha visto scatenarsi con incredibile violenza la forza devastatrice dello spirito nichilista.

    Ricordiamoci delle parole di Ivan Karamazov: "Se Dio non esiste, tutto è lecito", anche l'autodistruzione. Un altro personaggio dostoevskiano, Kirillov, nei Demoni, si spinge fino a mettere in pratica questo stesso principio, uccidendosi per dimostrare l'inesistenza di Dio......

    Il nichilismo, oggi, riveste forme ben più meschine e subdole rispetto alle teorizzazioni degli intellettuali ottocenteschi. Innanzitutto il fenomeno si presenta in modo diffuso, perfettamente aderente allo spirito del nostro tempo. Epoca bizzarra la nostra. Disillusa e malinconica per una pretesa maturità acquisita con il progresso scientifico e che non le permette, oramai, di guardare ai fenomeni, tra cui quello religioso, con l'"ingenuità" del tempo antico; ma pure euforica e superba, per la sua rivendicata superiorità e per la sua assoluta fiducia nel progresso, come se il benessere raggiunto fosse qualcosa di inalienabile, di certo, di eterno, al pari delle cose materiali. Il nichilismo veste così gli abiti della sapienza e della speranza SOSTITUENDOSI A DIO, anzi di una sapienza che si pone al di sopra della saggezza filosofica e teologica "tradizionale"; qui infatti abbiamo il dominio del pensiero e dello spirito, lì la forza dell'azione, la determinazione della volontà ad andare oltre i confini già sperimentati dell'uomo. Il nichilismo presenta qui il suo volto più insidioso: dietro la distruzione, carattere peculiare, seppure non sempre apertamente manifesto, di ogni sua espressione, starebbe una finalità "positiva" di rinnovamento. Ecco, che allora, non soltanto i rivoluzionari di "mestiere", ma anche tutti gli altri uomini animati da questa volontà di rinnovamento considereranno giusta ed auspicabile l'ipotesi di una distruzione dell'antico ordine in vista di una catarsi generale che prepari la strada all'uomo nuovo (basti pensare a molte chiese cristiane che provenienti dal protestantesimo hanno la superbia di mettere a tacere la Chiesa, di distruggere un passato per imporre il loro modo di nascere di nuovo annullando così ogni opera passata dello Spirito attraverso la testimonianza dei Padri e dei Santi).

    Di fronte a tanto entusiasmo sono in pochi ad essere consapevoli dell'abisso che si cala tra i turbini della furia devastatrice; la maggioranza preferisce sognare un futuro in cui l'uomo, finalmente libero dalla schiavitù della religione, possa disporre dell'intera sua potenza creatrice; un uomo regolato unicamente dalla propria volontà, e con "propria" non mi limito a considerare solo la volontà individuale ma anche quella collettiva,popolare o generale, e geloso della conquistata autonomia. Questi il progetto, la speranza insiti nel programma del nichilismo: distruggere per ricreare, sacrificare ciò che esiste per ciò che è soltanto una fantasia. Il nichilismo, è il supporre che dal nulla possa nascere qualcosa di diverso dal nulla stesso; per far questo occorre una seconda creazione e quindi sostituirsi a Dio...... cancellando ogni passato.

    ***********

    Amici...queste ultime parole mi hanno ricordato le mancate radici cristiane nella citazione Europea......il libro è del 1998, dunque non si era ancora sicuri di questa situazione che oggi, 2005, si è verificata.....SI STA CANCELLANDO IL PASSATO..... per offrire alle generazioni future UNA NUOVA CREAZIONE SENZA DIO E SENZA RELIGIONE, SOSTITUENDOSI ALLA CHIESA STESSA.....liberi nelle personali esposizioni, liberi nella propria fede PRIVA DI LEGAMI CON LA CENTRALITA' DELLA CHIESA posta invece proprio per salvaguardare questi drammi e questa AUTODISTRUZIONE.....

    Il punto infine..non è che temiamo la sconfitta della Chiesa, Essa NON soccomberà mai.....quanto invece LA SORTE DI MOLTI UOMINI che sono costati SANGUE A GESU'.....questo è il vero punto d'incontro che chi si dice cristiano deve OBBLIGATORIAMENTE AVERE.....

    Fraternamente Caterina LD
    Fraternamente Caterina
    Laica Domenicana

 

 

Discussioni Simili

  1. state facendo o avete fatto una dieta?
    Di FrancoAntonio nel forum Il Seggio Elettorale
    Risposte: 40
    Ultimo Messaggio: 20-02-14, 00:19
  2. Così Monti promuove saldi di energia e difesa
    Di dedelind nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 11-01-12, 00:30
  3. Risposte: 14
    Ultimo Messaggio: 26-07-11, 21:24
  4. Insultano bambina down 'Con figli così state a casa'
    Di @ppulo nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 15
    Ultimo Messaggio: 13-01-10, 00:38
  5. Parola di Umberto Bossi: «La Fininvest è nata da Cosa Nostra»
    Di Guido Di Tacco nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 56
    Ultimo Messaggio: 03-02-06, 14:44

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226