SAN PAOLO FUORI LE MURA: GIOVEDÌ 23 GIUGNO BENEDIZIONE DEL NUOVO ABATE. LA BASILICA DEL DIALOGO ECUMENICO


Giovedì 23 giugno, il card. Angelo Sodano, segretario di Stato, conferirà la benedizionale abbaziale al nuovo abate di San Paolo fuori le mura, padre Edmund Power, eletto dalla comunità monastica il 9 aprile scorso. La solenne celebrazione eucaristica – che segue un rito molto simile a un’ordinazione episcopale e durante il quale il nuovo abate riceverà dal cardinale le insegne della mitria e del pastorale - avrà luogo alle 17 nella patriarcale basilica di San Paolo fuori le Mura. Nel darne oggi notizia, la comunità dei monaci benedettini esprime la sua profonda gratitudine a Papa Benedetto XVI per il motu proprio - “L’antica e venerabile Basilica” - dedicato appunto alla basilica di San Paolo fuori le Mura e pubblicato lo scorso 31 maggio. In particolare, i monaci sottolineano il riferimento del papa alla vocazione ecumenica dell’abbazia e l’invito ai monaci di “organizzare, coordinare e sviluppare” programmi ecumenici “in accordo con il Pontificio Consiglio per la promozione dell’unità dei cristiani”. “Una prima ragione – spiega il priore padre Johannes Paul Abrahamowicz – è che a livello monastico, soprattutto con gli ortodossi, c’è una maggiore facilità a entrare in dialogo. In secondo luogo, San Paolo è veramente l’apostolo di tutti e noi lo constatiamo ogni giorno: qui vengono a pregare ortodossi, anglicani, protestanti. Se è vero che noi siamo i custodi della tomba, è anche vero che dobbiamo farlo in modo che questa bellissima basilica che in ogni centimetro quadrato è un’opera d’arte, non diventi un museo, ma sia un luogo sacro della cristianità unita”.

Agenzia Sir