User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 13

Discussione: Contro il relativismo

  1. #1
    Dal 2004 con amore
    Data Registrazione
    15 Jun 2004
    Località
    Attorno a Milano
    Messaggi
    19,231
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Arrow Contro il relativismo

    DIBATTITO A BOLOGNA

    Esistono valori comuni senza trascendenza? Ieri un confronto fra Caffarra e Flores d’Arcais Il filosofo: «La democrazia non tollera una verità pubblica, solo pluralità d’opinioni»; l’arcivescovo: «Ma il bene e il male sono scritti dentro di noi»

    Contro il relativismo




    Da Bologna Stefano Andrini

    «Se non esiste una verità sul bene e sul male la democrazia inevitabilmente diventa la provvisoria convergenza di interessi opposti, diventa una convivenza di compromessi tra gli interessi: Con una conseguenza: quando infatti si confrontano due interessi e nessuno dei due può richiamarsi a una ragione universale finisce con il prevalere l'interesse del più forte». Lo ha affermato l'arcivescovo di Bologna Carlo Caffarra nel corso del confronto con il filosofo laico Paolo Flores d'Arcais sul tema "Etsi Deus non daretur: dittatura del relativismo o premessa di libertà democratiche?". L'occasione dell'incontro, svoltosi presso il Centro San Domenico, è stata suggerita dalla presentazione del volume Dio esiste? Un confronto su verità, fede, ateismo, trascrizione inedita del dibattito avvenuto tra lo stesso filosofo laico e l'allora cardinale Joseph Ratzinger. Il testo è stato pubblicato come supplemento della rivista "Micromega". Flores d'Arcais ha aperto il dibattito con una batteria di domande che ha definito scomode. «La religione è compatibile con la democrazia? Dipende dal tipo di religione. La religione cattolica è compatibile con la democrazia? Dipende. Papa Wojtyla, uno dei personaggi che rimarrà nella storia della Chiesa per l'impronta che ha dato, sosteneva che un parlamento che votasse una legge difforme dalla legge naturale sarebbe illegittimo. Secondo Giovanni Paolo II una democrazia per essere tale deve promulgare leggi coerenti con il diritto naturale secondo l'interpretazione della Chiesa cattolica». Se si stabilisce, ha proseguito, «che una democrazia non può fare le leggi che ritiene opportune si pone il problema chi decide la legge naturale. Il cardinal Ratzinger disse che la legge naturale rimanda alla natura come creazione, ma ciò significa che il diritto naturale rimanda per forza a qualcosa di religioso. Per quanto riguarda la democrazia, ha osservato il filosofo, «è la prima forma di convivenza che non si basa più sulla trascendenza ma su un'autonomia. Se noi torniamo a imporre una norma perché voluta da Dio siamo di nuovo di fronte a una obbedienza con la O maiuscola. Se c'è nel cosmo una verità chi deciderà? Una maggioranza: e se fosse come quella di Hitler? E se lo facesse un fondamentalismo che vede nel Corano la costituzione? E se una minoranza decidesse di imporre la verità?». Il fatto è, ha affermato il direttore di "Micromega", che la convivenza democratica non tollera una verità pubblica, tollera solo la pluralità delle opinioni, la convivenza democratica si fonda su un pluralismo morale. «Ratzinger ha parlato di dittatura del relativismo. L'opposto del relativismo è l'esistenza di una verità assoluta, l'opposto della dittatura è la democrazia, l'opposto della dittatura del relativismo è la democrazia della verità assoluta. Quali sono i valori minimi comuni da riconoscere in democrazia? La libertà di scelta sulla vita. L'unica cosa su cui la maggioranza non può decidere è che la vita appartiene a me e ne faccio ciò che voglio. Se potesse decidere avremmo uno Stato etico. Se voglio farla finita non c'è maggioranza che possa impedirmelo. La ragione è compatibile con la democrazia se non pretende di essere una verità di ragione».
    Caffarra si è posto in antitesi al filosofo. Partendo da Tommaso d'Aquino. «E' libero chi esiste per stesso, è schiavo chi esiste per un padrone, colui che fugge il male non perché è male, ma a motivo del comando di Dio, questi non è libero; ma colui che fugge il male perché è male, questi è libero». Qui si afferma ha ricordato Caffarra un'esperienza umana. La stessa accaduta a Socrate. «La notte prima dell'esecuzione della condanna, si presenta un suo discepolo e gli dice che può scappare perché i carcerieri sono stati corrotti, la nave è già pronta, la morte avrebbe causato solo danni alla democrazia ateniese. Socrate fa una domanda. Il problema non è se la mia fuga è utile ma se è un atto giusto o non giusto. La risposta ce la deve dare quella verità che è in ci ascuno di noi». «Nella nostra coscienza riteniamo o non riteniamo che esistano comportamenti umani che in se stessi considerati sono sempre ingiusti? Io sono sicuro che se ciascuno legge la sua esperienza quotidiana risponde che esistono. Quando noi diciamo che esiste una verità, intendiamo dire che esistono degli atti che in se stessi, se l'uomo li fa, deturpano la sua essenziale dignità di uomo, diciamo verità ciò che è bene o male per l'uomo». E ha citato a supporto Cicerone: se i diritti fossero stabiliti dai sovrani, dalle sentenze dei giuridici potrebbe essere legittima la pirateria, la corruzione. Ma se il potere delle opinioni è così grande da stravolgere perché non può trasformare il male in bene. «Esiste nella persona umana», ha aggiunto, «una capacità di individuare comportamenti che sono lesivi della divinità umana: questa sua capacità è la ragione dell'uomo. Quando parliamo di legge naturale nessun pensatore cristiano serio ha mai affermato che significa natura nel senso biologico, ma denota con questa espressione la capacità della ragione che è una capacità naturale di discernere a livello di giudizio ciò che è bene e ciò che è male, questo è un fatto che noi possiamo verificare». «Questo problema», ha ricordato Caffarra, «ha un enorme impatto politico. Se non si ammette questo, credo sia difficile ragionevolmente fondare una vera e propria democrazia».
    «La mia posizione», ha concluso, «non porta alla dittatura: anzi sul piano della riflessione razionale è il relativismo etico che fa fatica a giustificare una democrazia veramente deliberativa».


    Avvenire - 22 giugno 2005

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Dal 2004 con amore
    Data Registrazione
    15 Jun 2004
    Località
    Attorno a Milano
    Messaggi
    19,231
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Bene e male sono dentro di noi in quanto sono comprensibili a partire dalla nostra natura.
    Non sono evidenze intellettuali, come riteneva qualche filosofo del XX secolo, ma sono comprensibili a partire dalla nostra essenza.
    Circa la questione del vaiolo, penso che non faccia fede quanto sostenuto dai siti radicali, senza riferimenti scientifici alle fonti.
    Affermare il relativismo è negare il bene, noi non lo neghiamo.

  3. #3
    Dal 2004 con amore
    Data Registrazione
    15 Jun 2004
    Località
    Attorno a Milano
    Messaggi
    19,231
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Il Cardinale Siri ha detto che l'Aids non va curato?
    I siti che hai indicato devo fornire citazioni scientifiche però.

  4. #4
    Dal 2004 con amore
    Data Registrazione
    15 Jun 2004
    Località
    Attorno a Milano
    Messaggi
    19,231
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Non ho chiesto molto, vorrei sapere da dove sono prese le citazioni, che tipo di documenti si tratta. Non è poi molto.

  5. #5
    Dal 2004 con amore
    Data Registrazione
    15 Jun 2004
    Località
    Attorno a Milano
    Messaggi
    19,231
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Il primo link non mi funziona, nel secondo non ho trovato la fonte..

  6. #6
    Dal 2004 con amore
    Data Registrazione
    15 Jun 2004
    Località
    Attorno a Milano
    Messaggi
    19,231
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Nelle discussioni chi argomenta qualcosa ha l'onere della prova, non è che poi può dire: chiama questo, chiama l'altro.
    A me hanno insegnato che le citazioni senza riferimenti testuali non valgono nulla, e l'hanno insegnato con sonore bastonate scolastiche . Vorrei che lo imparassero anche altri...

  7. #7
    Dal 2004 con amore
    Data Registrazione
    15 Jun 2004
    Località
    Attorno a Milano
    Messaggi
    19,231
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    beh, se tu sostieni una tesi, hai l'onere della prova, se prendi atto che c'è qualcuno che sostiene una tesi no, tuttavia quella tesi vale poco, così per così.
    Così funziona nelle argomentazioni, se avessi idea di dove stanno queste cose guarderei io.

  8. #8
    Dal 2004 con amore
    Data Registrazione
    15 Jun 2004
    Località
    Attorno a Milano
    Messaggi
    19,231
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Non si tratta di siti documentati visto che non hanno citazioni scientifiche. La mia confutazione si basa sul fatto che senza citazioni scientifiche una asserzione su un autore non vale nulla.
    Ora, per mio scrupolo, verificherò, resta che, finchè non avrò verificato, quanto detto non ha valore. Da notare che mi impegno io a verificare, invece che colui che avrebbe l'onere della prova..
    Interessante comunque che tra le decine di siti che parlano di questo fatto NEMMENO UNO dica da dove è preso. Ma che scuole han fatto questi? Bah.

  9. #9
    Dal 2004 con amore
    Data Registrazione
    15 Jun 2004
    Località
    Attorno a Milano
    Messaggi
    19,231
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

  10. #10
    Dal 2004 con amore
    Data Registrazione
    15 Jun 2004
    Località
    Attorno a Milano
    Messaggi
    19,231
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Sbagliato. L'osservazione sui radicali è vera: infatti su google verifichi che quasi tutti i siti che parlano di questo sono radicali o per il sì.

    Questi due siti, non radicali, dicono senza provare. A questo punto io posso affermare che Benedetto XVI ha affermato che i tradizionalisti son tutti fascisti, tanto non ho l'onere della prova.

    L'onesta intellettuale richiede di giustificare quel che si dice. Nelle discipline storiche e filosofiche questo significa andare all'autore, leggerlo, citarlo. Capisco che nelle scienze empiriche non sia così, infatti c'è un metodo diverso.

    E' come se, dopo aver chiesto a un tradizionalista, di giustificarmi le sue affermazioni sul negazionismo olocaustico, questo mi dicesse: beh, scrivi ad Olsen, quello del famoso sito nazista, lui ti dirà.

    eh grazie..

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Frattini, alleanza religiosa contro il relativismo
    Di lucrezio nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 25-10-10, 11:49
  2. DIBATTITO / I neocons contro il relativismo etico
    Di Florian nel forum Conservatorismo
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 22-11-09, 18:32
  3. relativismo?
    Di simplicio nel forum Cattolici
    Risposte: 9
    Ultimo Messaggio: 11-10-05, 20:15
  4. Contro La Dittatura Del Relativismo
    Di Der Wehrwolf nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 12-06-05, 12:19
  5. Castelli: Grande Pontefice Contro Relativismo Etico
    Di SD nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 19-04-05, 21:11

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226