User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2
  1. #1
    memoria storica
    Data Registrazione
    17 Feb 2005
    Messaggi
    2,676
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Thumbs up patriarca Melchita: “Riconciliare la Chiesa e difendere la vocazione cristiana”

    22 Giugno 2005

    Gregorio III Laham: “Riconciliare la Chiesa e difendere la vocazione cristiana”
    di Youssef Hourany

    Ain Trez (AsiaNews) – Riconciliazione totale della Chiesa e difesa della vocazione cristiana nel Medio Oriente. Sono questi i temi principali del discorso inaugurale di Gregorio III Laham, patriarca greco-melkita, in occasione dell’apertura del Sinodo a cui partecipano più di 30 vescovi da tutto il mondo.

    Il Sinodo patriarcale è riunito in questi giorni ad Ain Trez – nella regione del Monte Libano – sede estiva del patriarca Gregorio III Laham. Secondo il patriarca i lavori di questi giorni “mirano a studiare i problemi più attuali e le soluzioni più consone della Chiesa greco-melkita”. Gregorio III ha infatti invitato tutti i vescovi a “camminare insieme” ed ha indicato la “riconciliazione totale” come unica via verso la prosperità della Chiesa. “La riconciliazione – ha detto – deve essere fatta nei confronti della nostra storia, delle nostre tradizione e del nostro rito liturgico”. “E’ importante poi – ha sottolineato – che la nostra particolare vocazione sia difesa e riconciliata all’interno di questo mondo arabo, a maggioranza musulmana”. “L’unica via con cui si può rafforzare la presenza cristiana in Medio-Oriente – ha detto poi – è la chiamata universale verso la Mensa del Signore”.

    Il Patriarca ha ricordato la morte di Giovanni Paolo II – definito “la coscienza del mondo” – ed ha sottolineato il prezioso lascito del defunto pontefice ed il suo discorso ai vescovi della chiesa greco-melkita nel 2001, quando ha affermato che “la nostra Chiesa è una Chiesa forte e solidale”. Gregorio III ha annunciato che i padri dell’attuale Sinodo concelebreranno una messa per Giovanni Paolo II giovedì 23 giugno. Un’altra parte del discorso è stata dedicata all’importanza del pensiero ecumenico e dogmatico del nuovo papa, Benedetto XVI.

    Il Patriarca ha concluso il suo discorso inaugurale con le indicazioni sui lavori che verranno svolti, ovvero la questione della presenza cristiana in Medio-Oriente e la situazione in Iraq e Palestina. Gregorio III ha quindi invitato tutti i fedeli della Chiesa ad “elevare preghiere fiduciose per la pace nel mondo”.

    I cattolici greco-melkiti in tutto il mondo sono oltre 2 milioni. Quelli localizzati in oriente sono quasi 700 mila.


    tratto da asianews.it

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    memoria storica
    Data Registrazione
    17 Feb 2005
    Messaggi
    2,676
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    27 Giugno 2005
    Rafforzare la presenza dei cristiani d’Oriente, primo impegno dei melkiti cattolici
    di Jihad Issa



    Le conclusioni dell’annuale sinodo invitano i fedeli alla testimonianza personale, ma anche alla partecipazione alla vita pubblica. Il ricordo dell’insegnamento di Giovanni Paolo II nelle parole del patriarca Gregorio III Laham

    Beirut (AsiaNews) - Rafforzare la presenza dei cristiani in Oriente, sia attraverso la testimonianza personale di fede, sia nell’unità delle Chiese e nella loro maggiore attenzione all’ambiente nel quale vivono, oltre che nell’essere accanto a quanti sono nel bisogno. Queste le conclusioni del sinodo annuale della Chiesa greco-melkita cattolica espresse da Gregorio III Laham, patriarca d'Antiochia, di Gerusalemme, di Alessandria e di tutto l'Oriente.

    Nel corso dei lavori del sinodo, che si sono conclusi sabato ad Ain Traz, (sede patriarcale estiva) ed ai quali hanno preso parte esponenti provenienti, oltre che dai Paesi arabi, dagli Stati Uniti, dal Canada, dall’America latina e dall’Australia, è stata ricordata la figura e l’opera di Giovanni Paolo II per la Chiesa universale ed in particolare per le Chiese orientali. Gregorio III Lahham ha anche presieduto una speciale celebrazione in memoria del defunto Papa alla presenza del nunzio apostolico in Libano, mons Luigi Gatti, ed a rappresentanti delle massime autorità religiose e politiche del Paese, di tutte le confessioni, compresi musulmani e drusi.

    Il Patriarca Gregorio III Lahham ha illustrato l'importanza dell'insegnamento dottrinale, morale e spirituale del defunto pontefice, parlando del "messaggio" di Giovanni Paolo II, come messaggio di fratellanza, di amore e di concordia fra tutti i popoli della terra. Il Patriarca ha sottolineato l'importanza dell'esortazione apostolica "Speranza nuova per il Libano", pubblicata nel 1997, durante la visita del Papa in Libano, nel 1997, alla fine dell'assemblea speciale del Sinodo dei vescovi per il Libano ed ha sintetizzato il contenuto di questa esortazione apostolica, “testamento” del Papa ai libanesi.

    Dal canto suo, il nunzio, mons. Gatti, ha sottolineato l'importanza riservata dal defunto pontefice a favore delle Chiese orientali cattoliche, ed ha ricordato l’importanza delle visite apostoliche che egli compì nella regione araba: Marocco, Sudan, Tunisia, Giordania, Libano, Siria, Egitto, Territori occupati, ed ha rinnovato l'impegno della Chiesa per mantenere la presenza cristiana viva nella regione.

    La presenza cristiana in Medio oriente è stato peraltro uno dei principali temi affrontati negli interventi al sinodo. “Questa presenza – si legge nel comunicato finale dei lavori – è fortemente ancorata nella storia ed è necessario farne crescere l’efficacia, nell’interesse dell’uomo di questa regione”. Nel documento, letto dall’ausiliare patriarcale, mons. Joseph Absi, si sostiene che questa volontà può manifestarsi sul terreno, tramite una fede evidente in ogni circostanza, un rafforzamento dell’unità delle Chiese, il perseguimento di un processo di impegno verso i partner nazionali, l’assistenza ai diseredati della regione, la partecipazione alla vita pubblica, l’attaccamento alla terra degli antenati, così come un atteggiamento di apertura, lontano da ogni complesso di essere minoranza.

    Parlando infine dell'elezione del nuovo papa, Benedetto XVI, il patriarca Gregorio ha sottolineato l'insegnamento del papa, custode della fede, esortando tutti ad elevare preghiere di intercessione per il successo del ministero del Sommo Pontefice.

    Nel documento finale del sinodo si affronta anche la situazione di alcuni Paesi arabi, a partire dal Libano, col quale ci si felicita per l’elezione del nuovo Parlamento, “nella speranza che sarà all’altezza delle ambizioni nazionali, in particolare di quelle della gioventù indipendentista”. I vescovi greco-melkiti deplorano poi la serie di attentati avvenuti nel Paese, “metodo barbaro di comportarsi nei confronti dell’avversario”. Nella speranza che ciò abbia fine, i vescovi chiedono ai libanesi di “adottare il linguaggio della ragione e del dialogo, di accettare l’altro nelle sue differenze, allo scopo di ottenere i loro diritti e la loro libertà”.

    Quanto alla Siria, i vescovi « hanno pregato perché questo Paese conosca sempre di più le libertà, la sicurezza e la prosperità, per contribuire, insieme con i suoi vicini, a costruire un mondo privo di terrorismo e di armi”. Per la Palestina essi hanno espresso la speranza che le parole di Benedetto XVI sull’imminenza della pace tra palestinesi ed israeliani “divenga realtà il più presto possibile”: Il sinodo ha anche deplorato la prosecuzione degli atti di violenza in Iraq, che hanno provocato numerose vittime, ed ha espresso la speranza che il popolo iracheno possa raggiungere “la pace ed una società pluralista e democratica”. Il Sinodo ha infine reso omaggio al movimento democratico che si sta sviluppando in Egitto, esprimendo la speranza che sarà presto coronato dal successo.


    tratto da asianews.it

 

 

Discussioni Simili

  1. La nostra Chiesa ed il Patriarca Diodoro di santa memoria
    Di vescovosilvano nel forum Chiesa Ortodossa Tradizionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 04-08-10, 00:02
  2. Nuovo Patriarca della Chiesa ortodossa romena
    Di Cyprien nel forum Chiesa Ortodossa Tradizionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 27-09-07, 13:28
  3. Pera:difendere la nostra identità GIUDAICO-cristiana
    Di Totila nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 11
    Ultimo Messaggio: 24-02-06, 23:09
  4. Difendere la Chiesa, difendere il Santo Padre
    Di Metternich (POL) nel forum Cattolici
    Risposte: 24
    Ultimo Messaggio: 21-12-05, 23:47
  5. La Nostra Chiesa ed il Patriarca Diodoro di Gerusalemme
    Di vescovosilvano nel forum Chiesa Ortodossa Tradizionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 12-06-05, 21:23

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226