User Tag List

Risultati da 1 a 3 di 3
  1. #1
    SD
    SD è offline
    Chef des Sicherheitsdienstes
    Data Registrazione
    08 Jan 2005
    Messaggi
    608
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Thumbs up si sgretola il darwinismo

    E se Darwin non discendesse dalla scimmia?
    Sta per sgretolarsi la teoria che ha retto l’evoluzione dell’uomo, eliminando il ruolo del soprannaturale. Il cerchio accademico sfidato da Maurizio Blondet nel libro L’uccello-sauro ed altri animali

    l caso Darwin rappresenta un esempio estremamente emblematico di come le cose in Italia non vogliano assolutamente cambiare. Il ministro dell’Istruzione Letizia Moratti, autrice della Riforma scolastica, aveva proposto, per i nuovi programmi, un ridimensionamento della dottrina dell’evoluzionismo, che per troppo tempo ha pensato di “erudire il pupo” su una verità di ispirazione atea e materialistica, per vari aspetti non più supportabile di prove e certezze come a inizio secolo Ventesimo. Apriti cielo: si è scatenata l’ira degli accademici e degli scienziati italici, impegnati a difendere con tutta la rabbia possibile i presupposti della teoria e le cattedre a essa legate.
    La Moratti è stata così costretta a istituire una speciale commissione (composta da alcuni “saggi” come Montalcini e Rubbia) che a fine inverno di quest’anno è arrivata a una conclusione largamente annunciata: Darwin non si discute, i nostri ragazzi devono continuare a studiarlo, senza così poter conoscere le idee delle dottrine scientifiche e filosofiche alternative all’evoluzionismo. Ecco le parole della sacerdotessa dello scientismo ateo-tricolore, Margherita Haack, più volte salita alla ribalta della cronaca per le sue conclamate convinzioni sulla assoluta inesistenza di Un Creatore: «Finalmente verrà cancellata una vergogna... la decisione di cancellare Darwin è stata vergognosa. Ci è sembrato di regredire al Medioevo. La Moratti ci è sembrata più papista del Papa».
    Queste ultime parole non sono affatto casuali. Papa Wojtyla, infatti, pur continuando esemplarmente e duramente a criticare l’uso errato della scienza e della genetica, aveva assunto, col passare del tempo, posizioni sempre più morbide nei confronti di una teoria che, in buona sostanza, elimina il ruolo di Dio dalla natura.
    La carta stampata più vicina a un certo establishment culturale e universitario sembra fare eco al pensiero della Haack. “Lezioni in inglese e il ritorno di Darwin. Così cambia la scuola” titolava trionfalisticamente il Corriere del 25 aprile scorso nella pagina della scuola. Quanto a La Repubblica basti dire che si tratta del quotidiano che ha organizzato l’alzata d’orgoglio degli scienziati italiani di fronte alle decisioni del Governo, che altro non erano se non una seria proposta di mettere sulle stesso piano teorie come darwinismo, intelligentismo e creazionismo.
    L’evoluzionismo ha finito per resistere a se stesso (nessuna teoria scientifica moderna è durata 150 anni!) proprio grazie a un sistema di connivenze o critiche troppo tiepide da parte delle istituzioni, dei mass media e di altri esponenti del mondo culturale (specie di sinistra) che si sono adeguati al trend dominante o non hanno avuto abbastanza forza per controbattere a una a una le tesi del darwinismo.
    Tra i pochi che in Italia e in Padania questo coraggio lo hanno preso a due mani ci sono Blondet e Sermonti. Vittorio Sermonti, in Le Forme della vita, introduzione alla biologia (edizioni Centro Librario Sodalitium 2003), spiega che l’evoluzionismo ha prodotto una serie di risultati che vanno contro la logica stessa della natura.
    In un altro testo fondamentale, L’uccellosauro ed altri animali (edizioni Effedieffe), il giornalista Maurizio Blondet racconta come il darwinismo sia in America ormai “alla frutta”. Sermonti e Blondet: due studiosi che hanno il coraggio di sbugiardare le falsità dei darwinisti, di tagliare il cerchio accademico e mediatico che si ostina a far studiare ai nostri ragazzi teorie che alla luce delle scoperte ultime hanno perso quella solidità che da tanto tempo si è voluta far credere.
    Due i bersagli di questi critici: da una parte il meccanismo “caso-necessità” (avanzato nel XX secolo anche dal noto studioso francese Monod), da ritenersi ormai assurdo alla luce delle scoperte legate alla relatività e all’intelligenza riconosciuta come intrinseca alla natura stessa; dall’altra il rigore che si vuole ancora vedere nel codice del Dna, in grado secondo gli evoluzionisti di trasmettere alcuni geni che meglio si adattano alla selezione naturale.
    La natura, fa intendere soprattutto Sermonti, rappresenta qualcosa di molto più complesso di quanto ci voglia far credere Darwin. E, come ribadisce lo stesso Blondet verso la fine del suo libro, da alcune recenti scoperte paleontologiche, la convinzione cardine del darwinismo, cioè che l’uomo deriverebbe dalla scimmia, è ampiamente smontata: molto prima dell’uomo neandertaliano esisteva in Europa un tipo di essere umano dotato di caratteristiche fisiche simili all’uomo di oggi. È quindi più probabile che sia stata la scimmia a derivare da un ramo in decadenza degli umanoidi piuttosto del contrario.
    Ma, come sottolinea Piero Baronero in Osservazioni sull’evoluzionismo (Quaderni per la Consulta cattolica per l’Identità, 1990), le implicazioni più discutibili della teoria darwiniana riguardano soprattutto la nefasta ricaduta ideologica e filosofico-politica che ha provocato nel corso del XX secolo. In particolare il concetto di selezione ha improntato duramente sia il nazionalismo razzista che ha prodotto nazismo e fascismo, convinto di poter dimostrare che vincono le razze umane migliori, più adatte al mutamento dell’ambiente, sia il peggior comunismo, che ha concepito spesso l’evoluzionismo come un progressivo superamento della società capitalistica attraverso una sorta di selezione violenta in grado di far vincere i produttori della merce rispetto ai parassiti del capitale, una lotta di classe che legittimerebbe alla fine la superiorità naturale della “razza proletaria” rispetto alla “razza padrona”. Non sottovalutiamo infine quel tipo di darwinismo, che si è convinto con l’arrivo della globalizzazione, che solo l’uso sofisticato della tecnologia e un’ottimale gestione finanziaria possano soddisfare le nuove esigenze planetarie, favorendo a poco a poco l’estinzione di quelle “specie” culturali (o etnie reali) maggiormente legate al lavoro come frutto della loro terra e alle loro tradizioni materiali, spirituali e morali. Come conclude Sermonti nel suo libro, «l’evoluzionismo ha considerato se stesso come l’unica teoria razionale. Ma la razionalità evoluzionista è tutta nella legge della prevalenza del più forte, una legge quanto mai rozza ed elementare». Con amaro pessimismo Blondet commenta così la battaglia sermontiana: «Da noi, ogni revisionismo viene per lo più accolto con l’intimazione a tacere, massicciamente ingiunta dalla stampa, dai vari centri di potere, dai baroni, da governi sedicenti progressisti. Tutti uniti a scandalizzarsi di ciò che “non si è mai sentito”, che “non si è mai fatto”. E che naturalmente è vietato dire!».

    Andrea Rognoni

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    07 May 2009
    Località
    INSUBRIA, next to the Ticino river
    Messaggi
    6,738
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

  3. #3
    Agape
    Ospite

    Predefinito

    mi è sempre sembrata assurda la teoria di darwin.. insomma, come aceva a sapere la giraffa colcollo più lungo che era lei che doveva continuare la specie? magari la giraffa nanna era più sexy per i giraffi e invece di mangiare dalle cime degli alberipoteva mangiare dai rami più bassi e sopravvivere alla evoluzione... insomma, ho passato qualche ora della mia infanzia a farmi problemi sui colli delle giraffe per colpa di darwin, poi ho deciso che forse non ne valeva la pena.... mah!!!!

 

 

Discussioni Simili

  1. Portogallo, il governo dell'austerity si sgretola
    Di SteCompagno nel forum Politica Europea
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 03-07-13, 18:03
  2. La maggioranza si sgretola, ma è giusto così
    Di FalcoConservatore nel forum Conservatorismo
    Risposte: 26
    Ultimo Messaggio: 08-11-11, 22:54
  3. Si sgretola la maggioranza in Sicilia
    Di Italianista nel forum Sicilia
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 03-12-09, 19:49
  4. Come la quantistica sgretola la realtà...
    Di OraBasta nel forum Esoterismo e Tradizione
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 24-08-03, 04:56
  5. l'acqua sgretola la pietra, il molle vince il duro
    Di agaragar nel forum Politica Estera
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 27-07-03, 14:14

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226