User Tag List

Risultati da 1 a 4 di 4
  1. #1
    memoria storica
    Data Registrazione
    17 Feb 2005
    Messaggi
    2,680
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Cool Da comunista a sacerdote

    una bella storia di conversione, che vi posto perchè fa capire com'è la situazione di molti nostri fratelli che non possono nemmeno professarsi Cattolici come noi di questo forum



    24 Giugno 2005

    Da militante comunista a sacerdote della Chiesa sotterranea di Bao Yuanjin

    Pechino (AsiaNews) - In Cina crescono le conversioni al cristianesimo e nascono anche vocazioni consacrate. Pur nella mancanza di libertà religiosa e nella propaganda ateista martellante, vi sono molti giovani che si avvicinano al cristianesimo per curiosità e a volte diventano cattolici. Un’inchiesta dell’Accademia delle scienze sociali di Pechino ha scoperto che nelle università di Pechino e Shanghai oltre il 60% degli studenti sono interessati al cristianesimo.
    La storia che presentiamo è significativa perché è la storia della conversione di un militante del Partito comunista in un’università del nord del Paese. In Cina è in atto una crisi di identità del Partito e in pochi ormai credono ancora agli ideali maoisti o comunisti. Ma quello che pochi mettono in luce è che molti membri del Partito – anche segretamente – si avvicinano alla religione e alla fede cristiana. Non è per nulla infrequente che nei weekend membri e alti funzionari vadano a trovare il loro direttore spirituale, a fare silenzio in un monastero buddista; a partecipare a qualche celebrazione in una chiesa o in un tempio. A dimostrazione, come dice il nostro sacerdote, che il sangue dei martiri è seme di nuovi cristiani. (N.B.: nella testimonianza abbiamo lasciato indicazione generiche di nomi e luoghi geografici, per motivi di sicurezza)


    Mi chiamo Bao e sono un sacerdote della Cina del nord. Sono divenuto prete alcuni anni fa. E ho ricevuto il battesimo solo 11 anni fa. Prima ero ateo, anzi un militante del Partito comunista cinese. All’università ero il capo dei giovani comunisti nella mia facoltà. Nel mio cuore avevo tanti progetti e programmi per il futuro, ma tutti distanti da Dio, che per me non esisteva nemmeno. Nella mia famiglia, solo mia nonna era protestante. Quando ero piccolo una volta l’ho sentita parlare di Gesù: diceva che Gesù era Dio. Ma a me non ha mai interessato nessuna religione. In Cina, dalla scuola elementare fino all’università è obbligatoria l’educazione all’ateismo. La mia mente era piena di teorie atee e pensavo che credere in Dio è una cosa fanciullesca, forse un po’ stupida.

    Militante del Partito comunista cinese
    Al quarto anno di università ho preso la tessera del Partito. In Cina ci si iscrive al Partito un po’ per convinzione, ma soprattutto perché ci si fa degli “amici” che poi ti aiutano a trovare lavoro, ti sostengono se hai dei guai.

    La mia vita nella cellula comunista non era né buona, né cattiva. Eravamo studenti buoni con tutti, bravi nello studio, nell’organizzare tante attività. Ma quello che mi colpiva è che nel Partito tutte queste cose, anche buone, erano fatte non per il bene degli altri, ma per sé, per far carriera. E poi fra noi dominava la menzogna: tutti raccontavano bugie e tutti sapevano che erano bugie, ma si andava avanti lo stesso.

    Un esempio: ad ogni incontro della cellula c’è sempre il momento della confessione e dell’autocritica (il nome preciso è: “criticare gli altri e criticare se stesso”. In realtà, nessuno davvero critica se stesso e nessuno davvero critica gli altri. Si instaura una comunicazione formale, che può perfino diventare lusinga o adulazione. Ad esempio uno dice al rettore: “Rettore, io devo criticare una cosa che non hai fatto bene. Tu hai lavorato troppo per noi. Sì, il lavoro è importante, ma la salute è anche importante. Devi averne cura perchè tu possa lavorare ancora meglio per la comunità…”. In momenti come questi una voce dal cuore mi diceva: È una bugia, è una bugia!”. Ma anch’io dovevo fare così.

    Dopo un po’ di tempo mi sono ammalato. Avevo spesso degli incubi che mi svegliavo perfino di notte. Una notte ho sognato di aver trovato un pacco; l’ho aperto e dentro vi era un libro. Era una Bibbia, tutta luminosa e splendente. Mi sono svegliato e ho pensato che solo mia nonna mi aveva parlato della Bibbia. Mi sono ricordato che lei diceva che Gesù è onnipotente. Allora ho concluso: forse, se Gesù è onnipotente, mi potrà guarire da questa malattia! E così ho cercato una chiesa lì attorno e ho trovato una chiesa protestante. Ma per un comunista, credere in una religione è proibito. Per questo andavo all’incontro coi protestanti di nascosto e in segreto.

    La paura e i miracoli
    Appena finiti gli studi, dopo la laurea, grazie agli appoggi nel Partito, ho trovato subito un buon lavoro in una grande città. Prima di iniziare a lavorare, la ditta mi ha dato il permesso di andare per un mese a salutare i miei che vivono in un’altra regione. Quasi alla fine del mio mese di vacanza, un mio amico – che ho scoperto poi essere cattolico - mi ha regalato 10 cassette su cui erano registrate delle prediche di un sacerdote cinese. Dopo aver ascoltato quelle cassette, è cominciata una grande battaglia nel mio cuore: pensavo che forse Dio esiste veramente; forse davvero la religione cattolica è quella vera… Ma nello stesso tempo mi venivano in mente tutte le teorie sull’ateismo studiate a scuola e all’università. Sono caduto nell’angoscia, anche perché avevo paura che accettando la fede cattolica, rischiavo di perdere il mio lavoro.

    Non sapevo cosa fare. Quel giorno dovevo ritornare in città a iniziare il mio impiego. Avevo già il biglietto del pullman. Per la prima volta nella mia vita mi sono rivolto alla Madonna: “Santa Maria – le ho detto – se tu veramente esisti, se la fede cattolica è vera, se vuoi che io diventi cattolico, dammi un segno: domani, durante il viaggio fa’ succedere qualcosa di importante, magari un incidente, in cui io sopravviva, e così crederò”. Adesso penso che sono stato molto stupido sfidare o tentare Dio. Ma a quel tempo è stata l’unica preghiera che mi è venuta in mente.

    Il giorno dopo è successo davvero un incidente: il pullman su cui viaggiavo, mentre percorreva la strada ad alta velocità, ha bucato la ruota anteriore destra. Il pullman è uscito fuori strada e si è capovolto. Tutti ci siamo salvati, ma abbiamo dovuto faticare a uscire dai finestrini e dai rottami. Io sono rimasto scosso, ma non ho dato molto retta a questo segno.

    Dopo ore ed ore di attesa, la società dei pullman ne ha mandato un altro in sostituzione e abbiamo continuato il viaggio. Ma l’incidente ci aveva fatto perdere tempo. Quando siamo arrivati alla stazione ferroviaria – dovevo ancora prendere il treno – era molto tardi e i biglietti per il mio treno erano esauriti. Allo sportello vi era una lunga coda e tutti ci dicevano che avremmo trovato biglietti solo per un treno dopo 3 giorni. Ero sfinito e in angoscia: mi sarei dovuto presentare con enorme ritardo al mio primo impiego e al mio primo giorno di lavoro. Mi è venuto in mente di pregare ancora la Madonna: “Aiutami a comprare un biglietto del treno. Se questa volta mi aiuti, ti giuro che ti seguirò!”.

    Stando in coda nella lunga fila, avevo perso la speranza. A un tratto, un uomo arriva gridando: “Questo biglietto è per la città di….. . È per oggi. Chi lo vuol comprare?”. Era la mia destinazione. L’ho comprato subito. L’uomo mi ha detto che aveva preso il biglietto per un suo amico, il quale gli aveva telefonato in quel momento per dirgli che non riusciva ad arrivare in tempo. Gli ha chiesto di restituire il biglietto, ma siccome mancavano 40 minuti alla partenza del treno, il biglietto non si poteva rimborsare, e allora ha domandato in giro, cercando di venderlo a qualcuno.

    Era un segno piccolissimo, ma è stato l’inizio, il primo passo della mia conversione.

    Dopo aver cominciato a lavorare, sono andato in cerca di una chiesa cattolica e lì frequentavo la messa, ma sempre in segreto. Pian piano ho compreso di più cos’è la fede cattolica e alla fine mi sono deciso a chiedere il battesimo.

    Diventare cattolico e trovare la pace
    Trovando la fede cattolica, ho scoperto una comunità piena di gente semplice e buona, dove non ci si raccontava più bugie. Avevo trovato degli amici veri. Per me è stata una liberazione: non avevo più bisogno di mentire. Nella comunità si criticava davvero se stessi e si criticava perfino il sacerdote. Incominciavo a vedere la luce e a capire che avevo trovato il senso della vita.

    Ma per ricevere il battesimo dovevo superare un grande ostacolo: la mia appartenenza al Partito comunista.

    Un comunista è ateo; il cristiano crede in Dio: non è possibile essere cattolici e comunisti nello stesso tempo. Anche il sacerdote che mi istruiva mi ha detto che dovevo uscire dal Partito. Ma io non avevo questo coraggio: temevo che lasciando il Partito avrei subito brutte conseguenze: forse avrei perduto il mio lavoro; sarei andato incontro magari alla persecuzione…Il Partito in Cina governa tutto; mettersi fuori da esso significa in qualche modo togliersi ogni possibilità di tranquillità nella vita, sentirsi come stranieri.

    Nel Partito comunista cinese vi è una regola: ogni membro deve dare una certa somma mensile al Partito. Se uno non la consegna per 6 mesi consecutivi, viene punito e talvolta estromesso dal Partito. Siccome non avevo il coraggio di uscire dal Partito in modo pubblico, ho pensato di uscirne in questo modo e così per 6 mesi non ho consegnato la mia quota. Ma non è successo niente: a mia insaputa, il responsabile della cellula, vedendo che io non pagavo, aveva pagato per me!

    Non so perché lo abbia fatto. Era un tipo normale, né buono, né cattivo. Forse ha pensato a una mia dimenticanza e ha anticipato i soldi aspettando che io glieli restituissi in seguito; forse non voleva che i suoi superiori scoprissero che nella sua cellula c’erano dei tipi “lassi”, perché avrebbe subito delle critiche.

    Alla fine mi restava solo la via ufficiale e ho scritto la mia lettera con la richiesta di uscire dal Partito. Ma non avevo il coraggio di consegnarla. Ho deciso tante volte di presentarla, ma poi alla fine mi ritiravo. A un certo punto, ho preso grande coraggio e sono andato dritto dal responsabile del Partito e gli ho consegnato la lettera. Lui è rimasto senza parole: era la prima volta che gli capitava di vedere che uno rifiuta di rimanere nel Pcc. Era in totale confusione.

    Finalmente potevo ricevere il battesimo. E con esso ho cominciato a gustare una pace profonda.

    Dopo un po’ di tempo, una volta incontro un mio vecchio amico della cellula. Eravamo amici anche prima di entrare insieme nel Partito. Aveva saputo che ero uscito dal partito per diventare cristiano. Mi ha detto che ero molto coraggioso e ha aggiunto che lui non avrebbe mai avuto il mio stesso coraggio.

    La vita in un seminario sotterraneo
    Dopo essere divenuto cattolico ho continuato a frequentare la messa ogni domenica, ma dentro una comunità sotterranea, non riconosciuta dal governo.

    Una volta una suora mi dice: perché non segui Gesù totalmente e diventi prete? Io ho detto subito di no. Nella mia famiglia sono tutti non credenti e diventare prete sarebbe stato difficile. Nella tradizione cinese il figlio primogenito, come sono io, deve sostenere i genitori quando sono vecchi. Entrando in seminario i miei primi nemici sarebbero stati i miei genitori.

    Sei mesi dopo ero a pregare nella mia stanza e sento una voce che mi chiama: “Seguimi”. Nella stanza non c’era nessun altro. Nel cuore ho compreso che era Gesù che mi chiamava, ma io ero troppo spaventato: fare il prete – della Chiesa sotterranea – voleva dire abbandonare tutto, lasciare la famiglia, il lavoro, mettersi in una situazione di rischio e di pericoli, abbracciare la croce, la sofferenza, la prigionia. Ho detto di no. Ma con il mio rifiuto, è finita la mia pace perché sono divenuto inquieto e senza gioia. Non volevo seguire Gesù perché avevo un buon lavoro, una vita tranquilla. Ma non potevo resistere alla chiamata del Signore. Così l’ho pregato di poter trovare un altro lavoro, in una città più lontana. In questo modo avrei potuto lasciare l’impiego senza dare troppo nell’occhio e sarei potuto entrare in seminario. Ho lavorato in quest’altra città per quasi due anni, guadagnando e risparmiando su tutto per lasciare dei soldi ai miei genitori e alla fine ho seguito la chiamata di Gesù. Sapevo che ero debole e allora ho pregato: “Gesù, se tu vuoi, puoi rendermi fedele fino in fondo, tuo discepolo per sempre. Questo sarà un grandissimo miracolo”.

    Ho passato 5 anni in un seminario della Chiesa sotterranea. La vita era molto faticosa e piena di rischi. La sveglia era alle 5. Dopo mezz’ora di meditazione, celebravamo la messa e poi le lodi. Dopo la colazione facevamo le pulizie e poi cominciava la giornata di studio. Si andava a letto alle 10 di sera. La vita nei seminari sotterranei è un po’ dura: vivevamo in una casa di campagna messa a disposizione da un fedele. Ma quando avevamo il sentore che la polizia ci aveva scoperto, dovevamo fuggire e trasferirci in un altro luogo. In 5 anni abbiamo cambiato casa 3 volte.

    Noi seminaristi ci dovevamo occupare della pulizia, ma anche della cucina, preparando da mangiare per tutti. Dal punto di vista materiale, la vita era davvero dura: poco cibo, poca verdura, quasi mai carne; stanze affollate e senza spazio… Ma nel mio cuore sentivo la pace e anche una gioia tutta nuova, diversa da quella che sentivo prima. Fra i seminaristi vi era una forte amicizia e fratellanza. Le difficoltà si superavano in un attimo perché ognuno era pronto ad amare l’altro.

    Dopo 5 anni di studio, è venuto il giorno della mia ordinazione sacerdotale. In quel momento nella mia diocesi vi era grande tensione e c’era il rischio che la polizia ci imprigionasse. Così abbiamo celebrato la messa di ordinazione alle 4 del mattino: a quell’ora in Cina dormono tutti, anche i poliziotti.

    Anche se la vita di noi cattolici è difficile, la fede ci sta davvero rafforzando. E questo anche grazie alla testimonianza dei sacerdoti che sono in prigione. Un piccolo esempio: nel mio paese natale, nell’83, quando la Cina ha cominciato le grandi riforme economiche, vi erano solo 3 famiglie cattoliche. Adesso, dopo quasi 20 anni, i cattolici sono più di 4 mila. È proprio vero che il sangue dei martiri è seme di nuovi cristiani.

    Anche per me, la mia forza è Gesù stesso. Lui ha detto: “Non voi avete scelto me, ma io ho scelto voi” (Giov. 15,16). Su questa strada io trovo la croce, ma anche la gioia e la pace. Con il suo aiuto, lo seguirò sempre, superando tutte le difficoltà.


    tratto da asianews.it

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    INNAMORARSI DELLA CHIESA
    Data Registrazione
    25 Apr 2005
    Località
    Varese
    Messaggi
    6,420
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Una storia veramente edificante......grazie...........
    Fraternamente Caterina
    Laica Domenicana

  3. #3
    Dal 2004 con amore
    Data Registrazione
    15 Jun 2004
    Località
    Attorno a Milano
    Messaggi
    19,247
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    LA STORIA

    «All’università ero il capo dei giovani del partito nella facoltà. Nel mio cuore avevo tanti progetti e programmi per il futuro, ma tutti distanti da Dio che per me non esisteva nemmeno». Lasciare il Pc significava chiudersi ogni prospettiva. Poi la lenta conversione, la scelta di avvicinarsi al battesimo e di entrare nel seminario «clandestino»

    «Io, sacerdote cinese: da militante comunista a testimone di fede»

    «Nella mia famiglia, solo mia nonna era protestante. Poi, una notte, il sogno della sua Bibbia»«Non volevo
    seguire Gesù:
    avevo un lavoro,
    una vita tranquilla
    Ma non ho potuto
    resistere»



    Mi chiamo Bao e sono un sacerdote della Cina del nord. Sono divenuto prete alcuni anni fa e ho ricevuto il battesimo solo 11. Prima ero ateo, anzi un militante del Partito comunista cinese. All'università ero il capo dei giovani comunisti nella mia facoltà. Nel mio cuore avevo tanti progetti e programmi per il futuro, ma tutti distanti da Dio, che per me non esisteva nemmeno. Nella mia famiglia, solo mia nonna era protestante. Quando ero piccolo una volta l'ho sentita parlare di Gesù: diceva che Gesù era Dio. Ma a me non ha mai interessato nessuna religione. In Cina, dalla scuola elementare fino all'università è obbligatoria l'educazione all'ateismo. La mia mente era piena di teorie atee e pensavo che credere in Dio è una cosa fanciullesca, forse un po' stupida.
    Militante. Al quarto anno di università ho preso la tessera del Partito. In Cina ci si iscrive al Partito un po' per convinzione, ma soprattutto perché ci si fa degli "amici" che poi ti aiutano a trovare lavoro, ti sostengono se hai dei guai. La mia vita nella cellula comunista non era né buona, né cattiva. Eravamo studenti buoni con tutti, bravi nello studio, nell'organizzare tante attività. Ma quello che mi colpiva è che nel Partito tutte queste cose, anche buone, erano fatte non per il bene degli altri, ma per sé, per far carriera. E poi fra noi dominava la menzogna: tutti raccontavano bugie e tutti sapevano che erano bugie, ma si andava avanti lo stesso. [...]
    Dopo un po' di tempo mi sono ammalato. Avevo spesso degli incubi che mi svegliavo perfino di notte. Una notte ho sognato di aver trovato un pacco; l'ho aperto e dentro vi era un libro. Era una Bibbia, tutta luminosa e splendente. Mi sono svegliato e ho pensato che solo mia nonna mi aveva parlato della Bibbia
    La paura. Appena finiti gli studi, dopo la laurea, grazie agli appoggi nel Partito, ho trovato subito un buon lavoro in una grande città. Prima di iniziare a lavorare, la ditta mi ha dato il permesso di andare per un mese a salutare i miei che vivono in un'altra regione. Quasi alla fine del mio mese di vacanza, un mio amico - che ho scoperto poi essere cattolico - mi ha regalato 10 cassette su cui erano registrate delle prediche di un sacerdote cinese. Dopo aver ascoltato quelle cassette, è cominciata una grande battaglia nel mio cuore: pensavo che forse Dio esiste veramente; forse davvero la religione cattolica è quella vera... Ma nello stesso tempo mi venivano in mente tutte le teorie sull'ateismo studiate a scuola e all'università. Sono caduto nell'angoscia, anche perché avevo paura che accettando la fede cattolica, rischiavo di perdere il mio lavoro. Non sapevo cosa fare. Quel giorno dovevo ritornare in città a iniziare il mio impiego. Avevo già il biglietto del pullman. Per la prima volta nella mia vita mi sono rivolto alla Madonna: «Santa Maria - le ho detto - se tu veramente esisti, se la fede cattolica è vera, se vuoi che io diventi cattolico, dammi un segno: domani, durante il viaggio fai succedere qualcosa di importante, magari un incidente, in cui io sopravviva, e così crederò». Adesso penso che sono stato molto stupido sfidare o tentare Dio. Ma a quel tempo è stata l'unica preghiera che mi è venuta in mente. Il giorno dopo è successo davvero un incidente: il pullman su cui viaggiavo, mentre percorreva la strada ad alta velocità, ha bucato la ruota anteriore destra.
    Il pullman è uscito fuori strada e si è capovolto. Tutti ci siamo salvati, ma abbiamo dovuto faticare a uscire dai finestrini e dai rottami. Io sono rimasto scosso, ma non ho dato molto retta a questo segno. Era un segno piccolissimo, ma è stato l'inizio, il primo passo della mia conversione. Dopo aver cominciato a lavorare, sono andato in cerca di una chiesa cattolica e lì frequentavo la messa, ma sempre in segreto.
    Il battesimo. Pian piano ho compreso di più cos'è la fede cattolica e alla fine mi sono deciso a chiedere il battesimo. Ma per ricevere il battesimo dovevo superare un grande ostacolo: la mia appartenenza al Partito comunista. Un comunista è ateo; il cristiano crede in Dio: non è possibile essere cattolici e comunisti nello stesso tempo. Anche il sacerdote che mi istruiva mi ha detto che dovevo uscire dal Partito. Ma io non avevo questo coraggio: temevo che lasciando il Partito avrei subito brutte conseguenze: forse avrei perduto il mio lavoro; sarei andato incontro magari alla persecuzione [...]
    Il Partito in Cina governa tutto; mettersi fuori da esso significa in qualche modo togliersi ogni possibilità di tranquillità nella vita, sentirsi come stranieri. [...] Alla fine mi restava solo la via ufficiale e ho scritto la mia lettera con la richiesta di uscire dal Partito. Ma non avevo il coraggio di consegnarla. Ho deciso tante volte di presentarla, ma poi alla fine mi ritiravo. A un certo punto, ho preso grande coraggio e sono andato dritto dal responsabile del Partito e gli ho consegnato la lettera. Lui è rimasto senza parole: era la prima volta che gli capitava di vedere che uno rifiuta di rimanere nel Pcc. Era in totale confusione. Finalmente potevo ricevere il battesimo. E con esso ho cominciato a gustare una pace profonda.
    In seminario. Dopo essere divenuto cattolico ho continuato a frequentare la messa ogni domenica, ma dentro una comunità sotterranea, non riconosciuta dal governo. Una volta una suora mi dice: perché non segui Gesù totalmente e diventi prete? Io ho detto subito di no. Nella mia famiglia sono tutti non credenti e diventare prete sarebbe stato difficile. Nella tradizione cinese il figlio primogenito, come sono io, deve sostenere i genitori quando sono vecchi. Entrando in seminario i miei primi nemici sarebbero stati i miei genitori.
    Sei mesi dopo ero a pregare nella mia stanza e sento una voce che mi chiama: «Seguimi». Nella stanza non c'era nessun altro. Nel cuore ho compreso che era Gesù che mi chiamava, ma io ero troppo spaventato: fare il prete - della Chiesa sotterranea - voleva dire abba ndonare tutto, lasciare la famiglia, il lavoro, mettersi in una situazione di rischio e di pericoli, abbracciare la croce, la sofferenza, la prigionia. Ho detto di no. Ma con il mio rifiuto, è finita la mia pace perché sono divenuto inquieto e senza gioia. Non volevo seguire Gesù perché avevo un buon lavoro, una vita tranquilla.
    Ma non potevo resistere alla chiamata del Signore. Così l'ho pregato di poter trovare un altro lavoro, in una città più lontana. In questo modo avrei potuto lasciare l'impiego senza dare troppo nell'occhio e sarei potuto entrare in seminario. Ho lavorato in quest'altra città per quasi due anni, guadagnando e risparmiando su tutto per lasciare dei soldi ai miei genitori e alla fine ho seguito la chiamata di Gesù. Sapevo che ero debole e allora ho pregato: «Gesù, se tu vuoi, puoi rendermi fedele fino in fondo, tuo discepolo per sempre. Questo sarà un grandissimo miracolo». Ho passato 5 anni in un seminario della Chiesa sotterranea. La vita era molto faticosa e piena di rischi. La sveglia era alle 5. Dopo mezz'ora di meditazione, celebravamo la messa e poi le lodi. Dopo la colazione facevamo le pulizie e poi cominciava la giornata di studio. Si andava a letto alle 10 di sera.
    La vita nei seminari sotterranei è un po' dura: vivevamo in una casa di campagna messa a disposizione da un fedele. Ma quando avevamo il sentore che la polizia ci aveva scoperto, dovevamo fuggire e trasferirci in un altro luogo. In 5 anni abbiamo cambiato casa 3 volte. [...] Dopo 5 anni di studio, è venuto il giorno della mia ordinazione sacerdotale. In quel momento nella mia diocesi vi era grande tensione e c'era il rischio che la polizia ci imprigionasse. Così abbiamo celebrato la messa di ordinazione alle 4 del mattino: a quell'ora in Cina dormono tutti, anche i poliziotti. Anche se la vita di noi cattolici è difficile, la fede ci sta davvero rafforzando. E questo anche grazie alla testimonianza dei sacerdoti che sono in prigione.
    Un piccolo esempio: nel mio paes e natale, nell'83, quando la Cina ha cominciato le grandi riforme economiche, vi erano solo 3 famiglie cattoliche. Adesso, dopo quasi 20 anni, i cattolici sono più di 4 mila. È proprio vero che il sangue dei martiri è seme di nuovi cristiani. Anche per me, la mia forza è Gesù stesso. Lui ha detto: «Non voi avete scelto me, ma io ho scelto voi» (Giov. 15,16). Su questa strada io trovo la croce, ma anche la gioia e la pace. Con il suo aiuto, lo seguirò sempre, superando tutte le difficoltà.

    Avvenire - 25 giugno 2005

  4. #4
    Registered User
    Data Registrazione
    27 Apr 2005
    Messaggi
    510
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Una bella storia di speranza anche per tutti i cristiani che vivono in paesi in cui sono perseguitati da regimi comunisti e islamici.
    Gilbert

 

 

Discussioni Simili

  1. Corea del Nord comunista? Per niente comunista.
    Di Avanguardia nel forum Socialismo Nazionale
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 25-01-13, 00:04
  2. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 12-06-08, 01:25
  3. Risposte: 31
    Ultimo Messaggio: 23-05-08, 13:58
  4. ucciso sacerdote
    Di andreas (POL) nel forum Destra Radicale
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 05-02-06, 23:41
  5. AAA,,, Sacerdote cercasi
    Di nel forum Cattolici
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 27-01-04, 02:30

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226