User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2
  1. #1
    Dal 2004 con amore
    Data Registrazione
    15 Jun 2004
    Località
    Attorno a Milano
    Messaggi
    19,247
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito I nuovi fideisti

    I nuovi fideisti


    Laici e cattolici antiratzinger si appellano alla pura fede e all’umanità di Cristo. Perché?



    Non sono mai stato così lontano dalla fede, almeno come capacità di proferire in pubblico una confessione di fede cristiana, eppure mai sono stato così vicino alla Chiesa. Infatti la Chiesa di Giovanni Paolo II e di Benedetto XVI non mi chiede necessariamente la conversione, non mi impone l’adesione ideologica a un credo fondato su “valori” (parola equivoca), come esigono invece i laicisti chiesastici più pomposi e conformisti; mi sollecita invece a usare quella che Joseph Ratzinger chiama “l’etica della ragione”, soprattutto in tema di vita e libertà, e valorizza con Giovanni Paolo II l’elemento culturale (profondo e radicale) della novità cristiana, si dispone a battaglie sensate e razionali intorno al destino di irrazionalismo e nichilismo della parte di mondo, l’occidente, in cui penso di avere le mie radici e la mia identità (parole di cui i laicisti diffidano, senza spiegarsi).
    Sarebbe questo il paradigma dell’ateo devoto, sebbene le parole ateo e devoto non mi riguardino e siano solo uno scherzo polemistico ritorsivo nel quale chi doveva cadere è bellamente caduto (le varianti ancora più insipide sono laico devoto o teocon o cristianista). Accade così che alcuni uomini di fede, fedeli e fors’anche fideisti, trovino insopportabili le nostre posizioni. Prendete Alberto Melloni, intelligente e qualche volta spericolato storico del cristianesimo alla scuola di Bologna (Giuseppe Alberigo, lo spirito giovanneo, il Concilio tradito eccetera), cattolico e militante, antiromano e antipapista, banditore di una Chiesa deistituzionalizzata, aerea, pneumatica, mondo tra i mondi che ascolta l’uomo contemporaneo e i segni dei tempi, e che confessa la verità di fede attraverso esperienza e solidarietà, mettendo da un canto la fredda dottrina, lo spettro “veritativo” rimesso in auge dal papato giovanpaolino e dal cardinale Ratzinger nel mezzo secolo circa che ci divide dal ciclo del Concilio Ecumenico Vaticano II. Nel Corriere dell’altroieri Melloni sostiene, recensendo un gran libro di storia del cristianesimo, che la Chiesa sta rimuovendo l’umanità di Cristo per trasformarsi in un’agenzia di “valori morali semidurevoli”; che questa rimozione è la ripresa inconsapevole dell’eresia monofisita, che chi “si tiene cara la divinità di Cristo” lo fa perché la Chiesa mantenga l’ultima parola in fatto di comando dottrinario e morale invece di ascoltare la parola del tempo e dell’uomo concreto; e tutto questo nella Chiesa procede, secondo Melloni, attraverso la istituzionalizzazione rigida dei suoi protocolli e della sua stessa immagine, sottratta alla dimensione della storia anche nella gestione dei funerali del Papa, che hanno ridimensionato la Chiesa a materia inerte sulla quale svettano i pontefici, detentori dell’aborrito “comando morale”. Di tutto questo i cattolici e i cristiani devono liberarsi, per lo storico conciliarista, allo scopo, in verità piuttosto tautologico, di “permettere alla fede cristiana di essere se stessa”. Il costo è forse una trasparenza del divino fino all’illegibilità, una rinuncia al catechismo per una protestante “pedagogia di Dio” che parla solo attraverso la coscienza dell’individuo, ma soprattutto lo spregio in cui ha da tenersi la convergenza tendenziale, mai formalmente definibile ma operante per vie provvidenziali e culturali (a seconda si creda o non si creda), tra fede e ragione. Un’eresia, per lui. Il risultato è che Ratzinger “dona” lo splendore del catechismo anche ai non credenti, e Melloni invece brandisce la storicità del cristianesimo, cioè la sua completa relativizzazione temporale, contro gli infedeli. Il Papa è a suo modo razionalista, e si spinge fino a offrire un Dio che è pura ipotesi (fate come se Dio esistesse) per progredire verso una bona vita eticamente fondata, mentre il Conciliarista è fideista in nome della storia. Infatti la ragione è un calco o un riflesso della realtà naturale, la Storia un notorio idolo. Fideisti e idolatri.

    Anche Massimo Cacciari, tra una predica filosofica e l’altra all’ombra delle cattedrali, si dà da fare. Non si batte per il riconoscimento della realtà fisica e razionale dell’embrione, al contrario, e non fa pellegrinaggi alla Frate Indovino in compagnia dei movimenti cattolici e dei fedeli che resistono alle crociate laiciste in nome della ragione laica e della vera scienza. Disprezza le pretese kantiane di un Buttiglione di distinguere tra morale e diritto, e di usare la parola “peccato” in un contesto pubblico. Disprezza anche lui ogni forma di dottrinarismo catechistico e, uscito dalla cattedrale mediatica Raiextra, rimprovera alla Chiesa ratzingeriana (in un’intervista a Repubblica) mancanza d’amore. Dionigi Tettamanzi, arcivescovo di Milano che per Cacciari doveva essere senz’altro eletto Papa, aveva detto che il cristianesimo è prima di tutto un “complesso d’amore”. E l’amore è sempre un bel fiore in ogni eloquio. Così, all’ombra dell’amore, il filosofo che voleva eleggere il Papa si spinge, ora che le cose sono andate altrimenti, a spiegare al Papa che cosa deve fare, invece di “donare” il catechismo a credenti e non credenti: “Penso che queste forme siano le meno adatte a predicare il verbo”, dice il brillante nichilista che assimila il “Dio è morto” di Nietzsche alla Pasqua cristiana. Che però si chiama Pasqua di resurrezione, perché secondo loro è risorto. La differenza è tutta lì, ma non è piccola.

    Il Foglio, 30/06/2005

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Dal 2004 con amore
    Data Registrazione
    15 Jun 2004
    Località
    Attorno a Milano
    Messaggi
    19,247
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Zap chiarisce le cose, grazie
    L’attacco distruttivo a matrimonio e famiglia va contrastato con sapienza




    Il problema del matrimonio alla spagnola (o all’olandese o alla canadese) non riguarda affatto gli omosessuali, che Dio benedica e protegga il loro “disordine” e i loro peccadillos secondo la Chiesa, visto che non c’è libertà senza la possibilità del libertinismo (e non c’è religione senza peccato). L’omosessualità è una semplice variante dell’umanità e della cultura, la si può consigliare a tutti e giudicarla come si voglia, basta che non pretenda uno statuto di normalità e un’ortodossia istituzionale che la rendono oltre tutto un po’ ridicola. Il problema è il matrimonio, che ha una sua ratio tradita con una certa inverecondia sia dall’idea del divorzio breve, un contrattino condominiale di serie B, sia dall’abrogazione nel codice civile delle parole padre e madre (sostituite in esclusiva dal non discriminante “genitori”), sia dalla cancellazione dei termini moglie e marito (sostituiti in via esclusiva dalla parola “coniugi”), sia dalla fantastica possibilità di avere figli fabbricati o adottati ad hoc quando non si possano attendere figli, non per via di infertilità ma per causa naturale di forza maggiore (l’identità sessuale della coppia).
    La legge di Zapatero, approvata ieri di buon mattino dal Congreso di Madrid, è per tutte le persone che ragionano semplicemente un attacco con grimaldello ideologico a una istituzione multimillenaria, matrimonio & famiglia, che ha un suo senso e una sua ragione & bellezza nonostante tutto. Zapatero, che è immaginoso, coraggioso e frettoloso, maschera il tutto sotto il solito titolo dei diritti civili, ma mente sapendo di mentire. I diritti di conviventi omosessuali si possono regolare altrimenti che con la completa equiparación della loro unione al matrimonio legale e al diritto di famiglia. Perfino quel filosofo liberal e lesso di Fernando Savater gli ha obiettato nel País di Jesus de Polanco (un editore che dovrebbe almeno cambiare il nome di battesimo) che le differenze tanto invocate dalla cultura secolarista vanno rispettate, che anche i figli hanno qualche diritto naturale da tenere in considerazione. Ma di tutto questo a Zap importa poco. L’estensione universale e uniforme e conforme dei diritti come premio speciale ai desideri particolari, e come castigo di diritti e doveri preesistenti alla legislazione modernista e fondati sulla differenza, è un grande mito politico e ideologico, una falsa coscienza ad alta redditività e per adesso di sicuro consenso (sicuro?, non ne saremmo così sicuri). Con questa legge il governo radicale di Spagna pensa di avere impugnato di bel nuovo la bandiera della libertà, dell’eguaglianza e della fraternità. Dimostrargli che non è vero richiede sapienza, tenacia, e un certo spirito guerriero. Nemmeno alla Chiesa basta il catechismo, figuriamoci a noi laici, che abbiamo bisogno di un piano di azione, informazione e riflessione tipico di una campagna o guerra culturale.

    Il Foglio, 01/07/2005

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 8
    Ultimo Messaggio: 06-03-07, 09:17
  2. Coppie di fatto, matrimonio civile, matrimonio religioso, annullamento
    Di Amy Squirrel nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 42
    Ultimo Messaggio: 22-11-06, 00:13
  3. Attacco a Londra, attacco all'Europa, attacco all'Occidente
    Di Pieffebi nel forum Imperial Regio Apostolico Magnifico Senato
    Risposte: 11
    Ultimo Messaggio: 28-07-05, 10:54
  4. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 23-04-05, 16:55
  5. Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 28-02-05, 12:36

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226