User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2
  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    07 Apr 2009
    Località
    Brèsa
    Messaggi
    2,808
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Soldati in Aghanistan:un'altra giravolta leghista

    Usa/ Americani più isolazionisti. Obama, pensa ai fatti nostri
    Barack Obama ha alla fine partorito la sua nuova strategia per l'Afghanistan ma gli americani sono sempre più isolazionisti e vorrebbero che l'Amministrazione si concentrasse solo sui problemi interni
    Venerdí 04.12.2009 09:20


    Afghanistan/ Dall'Italia altri mille soldati

    Barack Obama ha alla fine partorito la sua nuova strategia per l'Afghanistan ma gli americani sono sempre più isolazionisti e vorrebbero che l'Amministrazione si concentrasse solo sui problemi interni. Secondo l'ultimo sondaggio del Pew Research Center per il 49 per cento gli Usa "dovrebbero farsi i fatti propri", lasciando gli altri Paesi da soli a risolversi i loro problemi. Ad esempio viene citato che il 49% disapprova la gestione del conflitto afghano da parte della Casa Bianca mentre solo il 36 appoggia Obama.

    Dal sondaggio Gallup/Usa Today cui emerge che il 73% teme (il 41% è preoccupato e il 32% è molto preoccupato) che i costi extra dei 30.000 soldati di rinforzo che saranno inviati in Afghanistan (circa 30 miliardi di dollari) possa sottrarre risorse ad altri settori. In particolare la maggioranza non condivide il numero dei rinforzi: solo per il 38% vanno bene ma per il 36% sono troppi e per il 18% troppo pochi.

    LA CASA BIANCA RINGRAZIA L'ITALIA. L'Amministrazione Usa ha "accolto con favore l'annuncio che l'Italia aumenterà significativamente il suo contributo in truppe in Afghanistan". Lo ha detto il portavoce del Consiglio per la Sicurezza Nazionale, Mike Hammer che ha ringraziato il governo italiano per i 1.000 soldati in più che Roma invierà e che dimostrano "la ferma determinazione" degli alleati Nato a impegnarsi in Afghanistan Il portavoce ha ricordato che Barack Obama si è ripetutamente consultato nei mesi scorsi con il premier Silvio e il presidente Giorgio Napolitano, "e proseguirà così continuando con questa stretta collaborazione".

    LA REALPOLITIK DELLA LEGA. Solo due mesi fa Umberto Bossi aveva cantato il 'de profundis' per la missione italiana in Afghanistan. "Missione esaurita. Costa troppo. Riportiamo i nostri soldati a casa. Ormai è una guerra aperta e confusa. Situazione non più sostenibile". Ma oggi, davanti all'evidenza, il seantur obbedisce. E al diktat americano aggiunge solo "mandiamo anche più insegnanti e più medici". Dietro di lui si schiera tutto il partito, per ora nessuna voce contraria. Eppure la Lega aveva spinto lo stesso Berlusconi verso l'ipotesi di un ritiro anticipato delle truppe. Ma ora, tutti d'accordo con il capo, e appoggio silenzioso al rinforzamento del contingente. Un aumento corposo: dei 5mila soldati Nato previsti in più, ben mille saranno italiani. Un quinto del totale.
    Usa/ Americani più isolazionisti. Obama, pensa ai fatti nostri - Affaritaliani.it

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    11,262
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Rif: Soldati in Aghanistan:un'altra giravolta leghista

    Intanto con quella battuta di auspicare il ritiro delle truppe la lega prenderà voti in più.

    Però adesso accettando di non opporsi all'invio militare, riuscirà ad avere delle altre cadreghe.

    Si attende solamente quale interpretazione verrà data dai belleriani, ma la migliore è quella che la lega è dalla parte del popolo però gli alleati sono cattivi.

    Non era difficile pensare che si mandassero più soldati a presiedere l'Afghanistan, infatti la produzione della droga sta calando dopo anni di aumento geometrico.

    Il calo della produzione potrebbe determinare un aumento del prezzo ed un ostacolo alla gioventù di drogarsi.

    I soldati in Afghanistan servono per il disegno della globalizzazione, per la distruzione dei popoli.

    Ossia non più usare le ideologie, ma adoperare la droga.

    Bisognerebbe calcolare quanta droga in più si può coltivare per ogni soldato, e quanto questo aumento di produzione determini il calo dei prezzi.

    Ossia non mandare solamente i soldati per avere a basso prezzo le materie prime, ma per avere a basso prezzo un prodotto agricolo, che la globalizzazione ha reso primario.
    Ultima modifica di jotsecondo; 04-12-09 alle 12:05

 

 

Discussioni Simili

  1. LEGA, altra giravolta a 360°
    Di Lancelot nel forum Padania!
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 07-11-08, 09:37
  2. Aghanistan: Diliberto chiede ritiro
    Di lupodellasila nel forum Destra Radicale
    Risposte: 9
    Ultimo Messaggio: 24-09-07, 09:36
  3. Risposte: 25
    Ultimo Messaggio: 06-05-05, 14:40
  4. Pensioni, un'altra giravolta di An
    Di Der Wehrwolf nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 03-02-04, 16:49
  5. Risposte: 14
    Ultimo Messaggio: 17-04-03, 21:51

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226