User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 12
  1. #1
    Registered User
    Data Registrazione
    07 Jan 2005
    Messaggi
    307
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Torniamo Al Nucleare! E' Buonsenso

    Voi che ne pensate a riguardo? Forse è davvero l'ora di mettere da parte la retorica e pensare di ritornare alle centrali nucleari per produrre energia a costi accettabili.
    dal settimanale online http://www.dilloadalice.it segnalo questa intervista piuttosto argomentata.

    “Il vento sta cambiando. Il nucleare è buonsenso”
    http://www.dilloadalice.it/articolo....a3nucleare.xml
    Alice intervista Tommaso Quinti, studente di ingegneria nucleare: “I vantaggi del ritorno alle centrali atomiche. Costi e rischi. Ambiguità a sinistra. Quando nel 1986 il PCI si espresse per la continuazione del programma nucleare italiano…

    (Alice n.62 del 06/07/2005
    Il gran caldo, l'utilizzo di massa dei condizionatori, i rischi di black out hanno riaperto in queste settimane il dibattito sul deficit energetico dell'Italia, e quindi anche sul nucleare. Alice ne parla con Tommaso Quinti, studente di ingegneria nucleare.

    Lei è uno studente in ingegneria nucleare. Subito una curiosità: una volta laureato, cosa andrà a fare, considerato che in Italia il nucleare è stato bocciato?

    La scelta di studiare il nucleare la si fa per passione, fuori dalle ambizioni di carriera: alla base c'è l'amore per l'infinitesimale, per l'atomo. E' vero, in Italia abbiamo poche possibilità di lavoro, ma se teniamo conto che l'energia nucleare costituisce un terzo della produzione elettrica europea e poco meno del venti per cento di quella mondiale... beh, per fortuna all'estero qualche opportunità in più ce l'abbiamo.


    Il nucleare ha subito uno stop... ma ora pare stia riacquistando interesse e il dibattito riaprirsi. Cosa è cambiato?
    Dopo i tragici incidenti di Chernobyl è indubbio che lo sviluppo di questa tecnologia si sia arenato, anche se in realtà in questi anni il nucleare ha continuato a giocare un ruolo importante nella produzione energetica mondiale, garantendo erogazione di energia con continuità ed affidabilità.

    Qualche numero?
    Oggi nel mondo sono funzionanti 439 centrali nucleari in 30 Paesi corrispondenti ad una produzione di circa 2.500 miliardi di kWh/anno, pari a oltre il 16% di tutta l'elettricità del pianeta. In Europa questa percentuale sale al 35% in Europa; nel Vecchio Continente il nucleare è da tempo la prima fonte di produzione elettrica, con percentuali di copertura che nel 2003 hanno raggiunto il 79,9% in Lituania, il 77,7% in Francia, il 57,4% in Slovacchia, il 55,5% in Belgio e il 49,6% in Svezia. Oggi, come diceva giustamente lei, il vento sta cambiando e comincia a respirarsi un'aria diversa quando si approccia questo tema.

    Perché?
    Perché si sta diffondendo la consapevolezza che l'incremento del costo del petrolio, la previsione di esaurimento in tempi brevi delle riserve di combustibili fossili, gli effetti dell'inquinamento atmosferico prodotti dalle combustioni dei derivati del petrolio e carbone (con le note conseguenze sull'effetto serra) rende ineludibile il ritorno al nucleare... pena una spaventosa crisi ambientale ed economica di dimensioni planetarie.

    Quindi una “riabilitazione”.
    Sì. Le basti pensare che uno dei fondatori del movimento ambientalista internazionale, il professor James Lovelock, ha dichiarato che il ritorno al nucleare è necessario, chiedendo ai verdi di fare un passo indietro e di abbandonare certi loro preconcetti in materia.

    Ritiene pertanto che il nucleare sia destinato di fatto a ripartire. Con quali tempi?
    Sì ripartirà, ma questo non lo dico io. Durante la Conferenza internazionale sull'energia nucleare per il XXI secolo, organizzata lo scorso marzo a Parigi dall'Agenzia Internazionale dell'Energia Atomica (AIEA) e dall'Agenzia per l'Energia Nucleare (AEN) dell'OCSE, sono state pronunciate parole molto chiare. L'AIEA prevede che a livello mondiale la potenza elettronucleare nel 2020 sarà di 427.000 MW, equivalente a quella di 127 centrali da 1.000 MW in più rispetto alle precedenti stime.

    Chi investirà di più in questo settore?
    La Cina nei prossimi 15 anni ha deciso di accrescere la propria potenzialità dagli attuali 6.000 a 36.000 MW; la Russia ha in programma di raddoppiarla (da 20.800 a 40-45.000 MW); l'India vuole aumentarla di 10 volte entro il 2022 (dagli attuali 2.550 MW a 25.000 MW) e di ben 100 volte entro la metà del secolo.

    Lei sta parlando di paesi dell'Est del mondo...
    No, anche da noi si intravedono elementi di novità. Negli Stati Uniti, paese in cui non si realizzano centrali nucleari da venti anni, tre diverse aziende hanno da poco avviato il processo autorizzativo per la costruzione di nuovi impianti. In Finlandia, che è la prima nazione europea a costruire un reattore nucleare dal 1991, da alcuni mesi è cominciata la costruzione di un nuovo impianto da 1.600 MW, il quinto del Paese. In Francia sono funzionanti 59 centrali e sono cominciate importanti ricerche per sviluppare ulteriormente la tecnologia. In Svezia nel 1980 un referendum popolare si è pronunciato per la chiusura di tutte le 12 centrali nucleari entro il 2010, ma da allora è stato chiuso solo un reattore per motivi di obsolescenza dello stesso: gli altri 11 reattori sono ancora operativi ed un sondaggio di opinione condotto nel 2004 rivela che la maggioranza dei cittadini è favorevole al mantenimento degli impianti esistenti.

    E in Italia?
    In Italia il nucleare si è bloccato. Ma anche da noi si intravedono le prime prese di posizione a favore, sia da parte di alcuni politici che dell'opinione pubblica. Un recente sondaggio della Ue (Eurobarometer 56) indica che la percentuale dei favorevoli al nucleare è pari al 55% in Italia e al 59% in Francia. Dato confermato da un recente sondaggio Ispo di Renato Mannheimer, secondo il quale il 54% degli italiani si dichiara favorevole al ritorno delle centrali. Per non parlare della Svizzera dove un referendum popolare dello scorso anno ha detto esplicitamente “sì” al nucleare.
    E' vero, in Italia non produciamo più energia elettrica da “fonte atomica”, ma la acquistiamo dall'estero con quote variabili dal 14 al 18%. Ci sono ben 13 le centrali nucleari si trovano a meno di 200 km dai nostri confini: 6 in Francia, 4 in Svizzera, 2 in Germania e 1 in Slovenia. Mah!

    Perché in Italia è tutto fermo?
    Perché, al di là delle convinzioni dei singoli, a livello politico c'è sempre il timore di perdere consensi, considerato, tra l'altro, che i benefici sarebbero ritardati e potrebbero costituire un regalo ad un eventuale successivo Governo. Occorrerebbe promuovere una campagna informativa per spiegare alla gente la indifferibile necessità di ritornare al nucleare... vedremo...

    Secondo lei basta il nucleare per risolvere i problemi energetici italiani?
    Assolutamente no. E' fuor di dubbio che da solo non è sufficiente: serve un mix energetico che preveda tutte le fonti, dalle rinnovabili alle centrali a ciclo combinato.

    Quali i costi del nucleare? Conviene?
    Sotto il profilo economico il nucleare è nettamente vincente (2.37 Euroc/kWh per il nucleare contro 2.81 Euroc/kWh per il carbone e 3.23 Euroc/kWh per il gas, senza contare i costi esterni che porterebbero rispettivamente a 4.43 and 3.92 Euroc/kWh il costo di carbone e gas).

    Qual è il suo parere sulla sicurezza delle centrali atomiche?
    Attualmente si ritiene, da parte di molti esperti, che la sicurezza sia ottima. Ma si cerca di migliorarla ancora.

    Veniamo al capitolo inquinamento, alle scorie...
    Il processo di trasformazione del nucleare crea un inquinamento che è più concentrato e controllabile, rispetto a quello diffuso e non gestibile come quello determinato dai combustibili fossili. Detto questo, la preoccupazione sulla collocazione definitiva delle scorie mi pare eccessiva, più conseguenza di timori psicologici che reali. Per il loro lo smaltimento si potrebbe pensare a costruire grandi depositi internazionali in opportune zone isolate del mondo.

    Quindi?
    Occorre interrompere immediatamente lo smantellamento accelerato delle centrali nucleari di Caorso e Trino Vercellese, decisa nella procedente legislatura, dall'allora ministro all'Industria, On. Pierluigi Bersani. Al contrario, si dovrebbe procedere al loro riavvio. Si tratta di impianti dimessi ma ancora agibili.

    Quanto costerebbe riavviarle?
    Meno di uno smantellamento accelerato. Leggo che con 350 miliardi di vecchie lire le due centrali in circa due anni potrebbero essere messe nelle condizioni di ripartire.

    Il nucleare è di destra o di sinistra?
    Né l'uno né l'altro: è buonsenso. Il buonsenso non è né di destra né di sinistra. Purtroppo chi lavora in questo settore è sempre dipinto come uno che vuole saccheggiare l'ambiente e sterminare popoli. Anche noi facciamo parte degli ambientalisti, ma di quelli seri e costruttivi, non dei visionari e demagogi.

    La sinistra però sembra più i prima fila conto il nucleare...
    La sinistra a volte è un po' ambigua. Non dimentichiamoci che il XVII congresso del Pci, nel 1986, si espresse per la continuazione del programma nucleare italiano...

    Non vede proprio nessun rischio?
    Vedo quella della proliferazione, cioè quello connesso con la possibilità che un reattore nucleare e la sua tecnologia possano essere utilizzati per produrre armi atomiche. Ma qui non si tratta di decisioni tecniche, ma politiche.

    Alex Castelli

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    PADANIA NEL CUORE
    Data Registrazione
    07 Apr 2003
    Località
    dall'amata Padania
    Messaggi
    1,731
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    prova a chiedere ad un vinaio se il vino fa male.
    La realtà è che solo motivazioni economiche spingono verso il ritorno al nucleare.
    Motivazioni economiche spingono a realizzare la terza pista all'aereoporto della Malpensa.
    Prova a chiedere quante persone a Lonate sono morte di tumore o sono ammalate di cancro.
    Tutto è sicuro finchè la realtà non smentisce clamorosamente gli ottimisti.
    Diffido della gente che vende macchine sicure mentre apprezzo chi evidenzia i lati deboli di una tecnologia.
    TIOCH FAID AR LA'

  3. #3
    Moderatore
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    La Lupa romana è una cagna bastarda che muore allattando 2 figli di puttana
    Messaggi
    8,867
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Il problema a mio avviso non è cosa fare per produrre più energia, ma cosa fare per sprecarne meno di quella che si ha a disposizione.
    Tu che odi dio e la vita cristiana
    Senti la sua presenza come un doloroso cancro
    Vengano profanate e profanate aspramente
    Le praterie del cielo bagnate di sangue

    Odiatore di dio
    E della peste della luce

    Guarda negli occhi paralizzati di dio
    E sputa al suo cospetto
    Colpisci a morte il suo miserevole agnello
    Con la clava

    Dio, con ciò che ti appartiene ed i tuoi seguaci
    Hai mandato il mio regno di Norvegia in rovine
    I tempi antichi, le solide usanze e tradizioni
    Hai distrutto con la tua orrida parola
    Ora vai via dalla nostra terra!

  4. #4
    Friûl libar
    Data Registrazione
    03 May 2004
    Località
    Cervignano del Friuli
    Messaggi
    502
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Torniamo Al Nucleare! E' Buonsenso

    In origine postato da fabiostella
    Voi che ne pensate a riguardo?
    Non sono pregiudizialmente contrario al nucleare. Ho sempre trovato insensato smantellare le nuove centrali italiane, quando in slovenia c'è un cesso di centrale a pochi km da casa mia... per non parlare di quella ceca e di quelle più in la....
    ...e poi trovo ipocrita dichiararci fuori dal nucleare se siamo costratti a comprare l'energia nucleare prodotta in francia!

    Tuttavia... sono poco convinto che oggi come oggi sia conveniente economicamente tornare indietro. Intanto rimettere in moto le centrali richiederebbe almeno 8-10 anni e costerebbe moltissimo... soldi che l'italia non ha e che potrebbero essere spesi forse meglio.

    Inoltre noi siamo il fanalino di coda per la produzione di energia da fonti rinnovabili. So che oggi è utopia, ma il futuro sta lì...

    es. nel piccolo un imprenditore di pollame costruisce una piccola centrale di biomassa ricava energia per se e può vendere la restante all'enel! ed in più i resti si trasformano in silicio purissimo anch'esso vendibile (me l'ha spiegato chi queste centrali le costruisce...quindi non chiedetemi come... non è ho la più pallida idea! )

  5. #5
    Ridendo castigo mores
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Messaggi
    9,515
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    In origine postato da eleichem
    prova a chiedere ad un vinaio se il vino fa male.
    La realtà è che solo motivazioni economiche spingono verso il ritorno al nucleare.
    Motivazioni economiche spingono a realizzare la terza pista all'aereoporto della Malpensa.
    Prova a chiedere quante persone a Lonate sono morte di tumore o sono ammalate di cancro.
    Tutto è sicuro finchè la realtà non smentisce clamorosamente gli ottimisti.
    Diffido della gente che vende macchine sicure mentre apprezzo chi evidenzia i lati deboli di una tecnologia.
    tutto il progresso" fa male" ... tu pensi che bruciare idrocarburi arricchiti di aromatici migliori l' aria in cui vivi ? ..

    il problema e' il rischio medio e l' indennizzo da dare a chi rischia di piu' dal momento che NESSUNO vorrebbe tornare al calesse e ai freddi inverni . Ma tutti sono furbi e vorrebbero solo i vantaggi .. come i meridionali che mandano ad incenerire la loro spazzatura in lombardia ..

  6. #6
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    15,585
    Mentioned
    10 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito

    Costruire nuove centrali; ma dove?
    Posto che il sudde non le vuole, dovremo farle in Padania dove per fortuna abbiamo a disposizione immensi territori disabitati.
    Poi provvederemo a mandare laggiù tutta l'energia di cui hanno bisogno e infine con i maggiori guadagni che realizzeremo in virtù di nuove opportunità economiche, manderemo i soldini belli e puliti in nome della sussidiarietà e solidarietà...............
    Sveglia Padania; produciamo ben oltre quello di cui abbiamo bisogno; toccca ad altri assumersi responsabilità e oneri che sono oggi a nostro completo carico.
    La Padania ha già abbondantemente dato sotto ogni aspetto; industriale, finanziario, tassazione, degrado ambientale............


  7. #7
    Moderatore
    Data Registrazione
    07 Mar 2002
    Messaggi
    4,076
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    In origine postato da Maxadhego
    Costruire nuove centrali; ma dove?
    Posto che il sudde non le vuole, dovremo farle in Padania dove per fortuna abbiamo a disposizione immensi territori disabitati.
    Poi provvederemo a mandare laggiù tutta l'energia di cui hanno bisogno e infine con i maggiori guadagni che realizzeremo in virtù di nuove opportunità economiche, manderemo i soldini belli e puliti in nome della sussidiarietà e solidarietà...............
    Sveglia Padania; produciamo ben oltre quello di cui abbiamo bisogno; toccca ad altri assumersi responsabilità e oneri che sono oggi a nostro completo carico.
    La Padania ha già abbondantemente dato sotto ogni aspetto; industriale, finanziario, tassazione, degrado ambientale............

    dame el sinque!

  8. #8
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    15,585
    Mentioned
    10 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito

    In origine postato da PINOCCHIO
    dame el sinque!
    zontegheo ti........

  9. #9
    Iscritto
    Data Registrazione
    03 Apr 2005
    Messaggi
    106
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    In origine postato da Maxadhego
    Costruire nuove centrali; ma dove?
    Posto che il sudde non le vuole, dovremo farle in Padania dove per fortuna abbiamo a disposizione immensi territori disabitati.
    Poi provvederemo a mandare laggiù tutta l'energia di cui hanno bisogno e infine con i maggiori guadagni che realizzeremo in virtù di nuove opportunità economiche, manderemo i soldini belli e puliti in nome della sussidiarietà e solidarietà...............
    Sveglia Padania; produciamo ben oltre quello di cui abbiamo bisogno; toccca ad altri assumersi responsabilità e oneri che sono oggi a nostro completo carico.
    La Padania ha già abbondantemente dato sotto ogni aspetto; industriale, finanziario, tassazione, degrado ambientale............

    una centrale in padania solo per i padani. Questa potrebbe essere la soluzione

  10. #10
    Simply...cat!
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Brescia,Lombardia,Padania
    Messaggi
    17,080
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Il problema del nuclerare è lo smaltimento delle scorie: per il resto è sicurissimo ed efficiente.

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. TORNIAMO AL NUCLEARE! L'ambiguità della sinistra
    Di fabiostella nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 13
    Ultimo Messaggio: 13-07-05, 17:41
  2. Torniamo Al Nucleare! E' Buonsenso
    Di fabiostella nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 71
    Ultimo Messaggio: 12-07-05, 18:14
  3. Torniamo Al Nucleare! E' Buonsenso
    Di fabiostella nel forum ZooPOL
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 08-07-05, 12:55
  4. Torniamo Al Nucleare! E' Buonsenso
    Di fabiostella nel forum Energia, Ecologia e Ambiente
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 08-07-05, 12:54
  5. Buonsenso
    Di buonvecchioalberto nel forum Termometro sportivo
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 13-04-05, 12:29

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226