User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2
  1. #1
    Mé rèste ü bergamàsch
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    13,041
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Pera contro pure quel minimo di devolution

    Parte dai numeri Marcello Pera. Dalle cifre di un dossier del servizio studi del Senato: nei primi sei mesi di quest’anno le sentenze della Corte costituzionale sui conflitti fra Stato e Regioni sono state il 55 per cento del totale contro il 49,2 per cento del 2003. «Un dato anomalo - dice il presidente del Senato - e un po’ allarmante. Segno che il federalismo varato nel 2001, che doveva essere solidale e non competitivo, è invece altamente conflittuale». Pera si riferisce alla riforma approvata dal centrosinistra alla fine della scorsa legislatura. Ma il suo ragionamento porta dritti al federalismo in discussione in Parlamento, quella devolution indicata più volte dalla Lega come condizione per restare nella maggioranza: «È questo un tema su cui riflettere. Dobbiamo meglio distinguere, dividere, eliminare i conflitti».

    PERA - La sede non è scelta a caso. Sui banchi dell’aula di Montecitorio siedono 600 consiglieri regionali, la metà degli eletti, per l’apertura dell’ottava legislatura regionale: la rappresentazione fisica di quella conflittualità in aumento fra il centro e la periferia dello Stato. «Bisogna avere il coraggio - dice Pera - di esaminare la situazione con pacatezza e cercare una soluzione affinché i rapporti fra Stato e Regioni siano equilibrati e bilanciati. Bisogna avere il coraggio di modificare ciò che si dimostrerà necessario. Continuare per anni con questa conflittualità permanente rappresenta un costo eccessivo per il nostro Paese». Costi, secondo il presidente del Senato, «sia in termini di certezza del diritto sia in termini finanziari». Pera dà atto alla Corte costituzionale di aver evitato conseguenze peggiori e «salvato molte disposizioni dello Stato». «In tutti questi anni - spiega il presidente di Palazzo Madama - la Corte ha esercitato, non volendolo e certo con equilibrio, un ruolo di supplenza delle carenze e dei ritardi del legislatore».

    REGIONI E COMUNI - Coglie la palla al balzo Vasco Errani, governatore dell’Emilia Romagna con una giunta di centrosinistra e presidente della Conferenza delle Regioni: «Alla luce dell’esperienza di questi anni - spiega - sarebbe opportuna una pausa di riflessione sull’ulteriore processo di modifica costituzionale all’attenzione del Parlamento. Non perché non occorra intervenire, ma perché c’è il rischio di cronicizzare lo scontro». Sostanzialmente d’accordo Leonardo Domenici, sindaco di Firenze, anche lui alla guida di una giunta di centrosinistra e presidente dell’Associazione dei Comuni: «È vero che la riforma del 2001 ha lasciato diversi problemi aperti, ma quella ora in discussione non li risolve» con il rischio di dar vita a un «meccanismo ancor più conflittuale e farraginoso».

    LEGA - La Lega sceglie di replicare a Errani, anche se forse il destinatario finale è proprio Marcello Pera: «Le riforme - dice Francesco Moro, vice presidente del Senato - sono una necessità per il Paese e la sua modernizzazione legislativa. Quella di Errani è una proposta di sinistra che non ci possiamo permettere. Le riforme andranno avanti senza alcuna pausa di riflessione». Enrico La Loggia, ministro per gli Affari regionali, prova invece a ricucire: «Il quadro attuale è meno caotico di quanto appariva nella prima fase di attuazione della riforma federalista anche grazie alla politica del dialogo e dell’attenzione adottata dal governo».

    CASINI - Non parla apertamente di devolution Pier Ferdinando Casini. Ma all’apertura della legislatura regionale anche il presidente della Camera tocca l’argomento dei rapporti difficili fra centro e periferia della Repubblica: «Si impone a tutti noi, nell’interesse dello Stato - afferma -, un patto che unisca i Comuni, le Province, le Regioni e lo Stato, quale che sia la maggioranza che li governa. Un patto che impegni ad assumere le decisioni che servono a tutti e non solo quelle che piacciono o possono piacere ad alcuni. È questa la strada per far ripartire l’Italia e rimettere in moto l’economia». «Concordo con Casini sulla necessità di un nuovo patto» replica il presidente dell’Associazione dei Comuni, Domenici, che aggiunge: «Un patto con il governo lo avevamo fatto già nel 2002. Ma, al momento delle decisioni concrete, a partire dai fondi previsti nelle varie Finanziarie, i comportamenti non sono stati conseguenti».
    Dato che questa è una Magnum 44, cioè la pistola più precisa del mondo, che con un colpo ti spappolerebbe il cranio, devi decidere se è il caso. Dì, ne vale la pena? ("Dirty" Harry Callahan)

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    7,255
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito gli "alleati" di fozzitaglia sono leali

    adesso cominciano a sfilarsi : se il presidente del senato rema contro, voglio proprio vedere come passa la BELIN'S DEVOLUTION

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 18-12-13, 11:28
  2. Risposte: 31
    Ultimo Messaggio: 27-07-12, 10:08
  3. Quel sud che teme la devolution
    Di Shaytan (POL) nel forum Padania!
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 08-07-04, 16:59
  4. Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 02-04-03, 19:33
  5. Fisichella contro Pera: Piazze legittime
    Di carlo rosselli nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 20-08-02, 15:11

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226