User Tag List

Risultati da 1 a 4 di 4
  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    13 May 2009
    Messaggi
    30,192
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Per deaglio di Lotta Continua la LN è nazista!!

    L'inchiesta vecchio stile
    La santa alleanza
    Integralisti cattolici, estrema destra, skinhead e leghisti: un nemico comune, l’immigrato
    di Gianni Ballarini
    --------------------------------------------------------------------------------
    http://www.diario.it/index.php?page=cn05070843

    Avevano rubato l’auto la sera prima. Poi, il 19 maggio, quella Y 10 con in pancia una bombola di gas, è esplosa nel pieno centro di Montebelluna, nella radiosa Marca trevigiana. Due le scritte minacciose all’esterno: «Nò islam» (proprio così, accentato) e «la II x Pupato», chiaro riferimento al sindaco di centrosinistra della cittadina pedemontana, Laura Puppato. Da quel giorno scortata. Il commento immediato del procuratore capo di Treviso Antonio Fojadelli: «Siamo preoccupati, c’è qualcosa che non va». Poche settimane prima, infatti, era stata lanciata una bomba carta all’ingresso del centro islamico di Nervesa della Battaglia, paesino sul Piave, mentre qualche chilometro più in là, a Giavera del Montello, era stata fatta saltare una Opel di fronte all’abitazione di marocchini.
    Atti di intolleranza per i quali non è stato individuato alcun responsabile, finora. A Montebelluna hanno arrestato un giovane locale, un balordo. Presto rilasciato. I timori della Digos è che quelle azioni siano il frutto della galassia del radicalismo di destra, in forte espansione in zona, dove le fobìe contro gli immigrati si consumano come merendine. La Lega nord, all’opposizione dopo nove anni di governo, ha sminuito l’episodio: «Sono ancora qua che aspetto una loro telefonata di solidarietà», le parole del sindaco. Che aveva usato toni duri sull’accaduto: «Getta un’ombra nera nella vita di questa cittadina». Un silenzio, quello dei padani, rotto sabato 11 giugno, quando al palazzetto dello sport di Montebelluna arriva Roberto Calderoli. Poche centinaia di fan in visibilio per l’escalation verbale del ministro: «Auspico l’utilizzo di forbici arrugginite nei confronti degli immigrati violenti. Perché se si salvano dalle ferite, almeno saranno infettati».
    Nò Islam, forbici, grida, violenza… un vocabolario da piccola Heimat assediata, ben conosciuto in Veneto, dove da anni si shakerano, in un unico contenitore, politica nera e fanatismo, ansia sociale e xenofobia. Da queste parti nessuno si scandalizza se sotto le insegne del partito della paura e dei muri alzati, il più forte nell’ex parrocchia d’Italia, camminano a braccetto le teste rasate e i figli del «Lèon che magna el teròn», i secessionisti eredi del doge e i camerati delle curve. Tutti forniti dello stesso kit razzista.

    Guru da stadio. Lo sceriffo di Treviso Giancarlo Gentilini, guru della Liga veneta, è stato salutato dagli skin di Padova con cori da stadio («Uno di noi/Gentilini è uno di noi») quando ha dichiarato guerra «a quelli che pregano con il culo per aria», chiudendo ogni spazio agli «infedeli». L’unico parlamentare a spedire una lettera di saluti e di adesione al raduno europeo delle teste rasate, organizzato nel 2001 a Revine Lago nel trevigiano, è stato il veronese Federico Bricolo (oggi sottosegretario leghista alle Infrastrutture), lo stesso che ha proposto, per legge, la chiusura di tutte le moschee e la presenza dei crocifissi ovunque, dalle aule scolastiche agli aeroporti.
    E quando, nel gennaio 2003, sei esponenti di Forza nuova sono arrestati a Verona per l’aggressione televisiva all’islamico Adel Smith e al suo collaboratore, il primo a correre in carcere in loro soccorso è il deputato bossiano Borghezio: «Hanno dato corpo a sentimenti diffusi», la sua giustificazione.
    Identità. Civiltà cristiana. Razza. Omofobia. Sono il collante ideologico di questo arcipelago di destra, i cui componenti frequentano gli stessi ambienti, le stesse messe (in latino), le stesse manifestazioni.

    Una creatura nera, nera. Una traiettoria, quella della Liga veneta, che si poteva leggere già dal suo Dna, così colorato di nero. Il suo fondatore, Franco Rocchetta, è stato vicino agli ambienti di Ordine nuovo. E uno dei suoi primi quattro deputati, l’apostolo dell’antiresistenzialismo Antonio Serena, iniziò quando aveva i brufoli a scrivere sul fascistissimo Candido di Giorgio Pisanò. Militò nell’Msi e all’alba degli anni Novanta traslocò in Liga. Ma il richiamo delle origini deve aver strombazzato bene ai suoi timpani. Così nel 1999 si accasò in An. Una stagione breve, tuttavia, quella con la casacca finiana. Perché, se gli venne tollerata la battaglia per il medico veneziano Carlo Maria Maggi all’epoca condannato per piazza Fontana, non gli fu perdonato l’aver fatto recapitare a tutti i parlamentari la videocassetta con l’autobiografia di Erich Priebke, suo idolo. Una volta cacciato, è tornato nell’alveo materno: Alternativa sociale.
    Camicia nera. Camicia verde. Da queste parti sono facilmente intercambiabili. Del resto l’autonomismo veneto ha una profonda radice di destra. Lo stesso Luigi Faccia, il capo politico della Veneta serenissima armata (quelli che scalarono nel 1997 il campanile di San Marco, piazzando uno scheletro di carrarmato in piazza), era inserito negli ambienti dell’estrema destra padovana quando frequentava l’università. E l’esperienza dei serenissimi affascinò molti giovani fascisti. Dirigenti della padovana Gioventù nazionale (tra cui Paolo Caratossidis, oggi leader veneto di Forza nuova) chiesero di aderire al comitato di sostegno «ai patrioti veneti». E rapporti Digos dell’epoca raccontano del fermento tra i ragazzi della destra radicale e persone più adulte dalle spiccate simpatie lighiste.
    Un filo che non si è mai spezzato. Basta osservare il caso Verona, dove da almeno la metà degli anni Novanta la Lega nord ha calato la maschera: «Da partito del folklore padano a movimento di destra, etnocentrico, nazional localista, fondamentalista cattolico», come ha scritto Emanuele Del Medico nel libro All’estrema destra del padre.

    Flavio Tosi, pasdaràn della croce. E il Caronte che si è assunto il compito di traghettare il Carroccio verso quei lidi dell’oltranzismo è «mister preferenze», Flavio Tosi, il politico più votato in Veneto (28 mila voti) alle ultime regionali. Un tesoro di consensi che gli ha consentito di sedere sulla poltrona di assessore alla Sanità.
    In passato aveva bucato la crosta mediatica con la proposta di creare negli autobus locali entrate separate per gli extracomunitari e per gli autoctoni e per aver portato in Consiglio comunale una tigre come pubblicità al circo padano. Poi il botto nel dicembre 2004, con la condanna sua e di altri cinque leghisti per istigazione all’odio razziale e violazione della legge Mancino. Nel mirino del procuratore Papalia le sue iniziative contro rom e nomadi. I suoi (pochi) avversari interni lo accusano di aver impugnato la croce, quella preconciliare, e di aver trasformato il partito in una Lega lefevbriana. È un assiduo frequentatore delle messe con rito tridentino e di riparazione (contro le sfilate gay in particolare). Ogni anno, ad aprile, organizza, con i nostalgici del papa re e le teste rasate, una fiaccolata per le vie della città in ricordo delle «Pasque veronesi», l’insurrezione popolare contro i francesi nel 1797. È tra i fondatori del laboratorio dove si è cementata, ufficialmente, la santa alleanza tra integralisti cattolici, estremisti di destra, skinhead e leghisti: l’Osservatorio sulla giustizia giusta. Un universo di diverse ideologie, unite da una battaglia: l’avversione alla legge Mancino e a Papalia.
    Il 3 marzo 2001, giorno del battesimo ufficiale dell’associazione (finanziata dalla Regione), erano presenti anche l’ex leader di Ordine nuovo Paolo Signorelli e il giornalista della Padania Gianluca Savoini: «Al di là delle bandiere ci accomunano i princìpi», il commento registrato nell’occasione. Un’alleanza indagata in profondità dalla magistratura scaligera: «In alcuni procedimenti abbiamo accertato situazioni di razzismo che hanno coinvolto settori della curva sud dello stadio, certe forze politiche e associazioni», il giudizio di Guido Papalia. «Queste organizzazioni ancora oggi hanno contatti tra loro e fanno azioni comuni. Noi, tuttavia, abbiamo aperto fascicoli separati su atti distinti».
    Il procuratore aveva perfino tentato di indagare i fondamentalisti cattolici per istigazione religiosa. Tentativo fallito. Esiti diversi per Lega e skin. Teste rasate che hanno una fama riconosciuta dai loro stessi camerati milanesi: «Hanno i coglioni di marmo». Il loro primo manifesto politico lo esposero nel 1990 in piazza Bra: «Siamo un gruppo di giustizieri nazifascisti. Rivendichiamo la nostra territorialità messa a dura prova con l’arrivo di questi cani negri che contaminano la nostra terra e portano la loro droga nel nostro sangue».
    Degli avanguardisti. Ammorbiditi nei toni, sono gli stessi slogan che si sentono oggi nelle piazze del Veneto, ammalato di diffidenza.
    "Sarà qualcun'altro a ballare, ma sono io che ho scritto la musica. Io avrò influenzato la storia del XXI secolo più di qualunque altro europeo".

    Der Wehrwolf

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    13 May 2009
    Messaggi
    30,192
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    L'inchiesta vecchio stile
    I nazisti padani e il futuro della lega
    In principio fu Cossiga, il primo a sdoganare in politica l’insulto e il delirio. Il partito di Bossi ne ha fatto un capitale che rende benissimo. Giustifica la caccia all’immigrato, invoca la castrazione, odia la Turchia, parla di razza, sangue e suolo. I contatti con i nostalgici di Hitler sono già ben avviati
    di Diario

    http://www.diario.it/index.php?page=...uro.della.lega

    Abituati ormai da molti anni – il primo fu Cossiga – allo sdoganamento delle turpitudini verbali; al rutto e alla foja come normali, spontanei, sostituti del «buonismo» da salotto; considerato tutto ciò comunque come una «valvola di sfogo», comunque migliore rispetto alla violenza terribile che l’Italia ha conosciuto nel recente passato, tendiamo a considerare uno spumeggiante residuo folkloristico la Lega di Umberto Bossi, che ha condizionato il Nord Italia e la politica italiana tutta negli ultimi quindici anni. Appare così un dovuto «elemento del paesaggio» sentire ministri del governo in carica esigere il ritorno alla moneta nazionale, taglie sugli immigrati, castrazioni chimiche per i delitti sessuali, pena di morte, esperimenti di apartheid, difesa genetica della «padanità», dichiarazioni di guerra contro tutto il mondo, dalla Turchia alla Cina; appare «paesaggio» vedere circolare milizie paramilitari ormai consolidate da anni, vestite di verde, con mezzi a disposizione (la devolution si prepara a dare loro lo status di poliziotti; e certo loro esigeranno il conteggio degli arretrati per gli anni di volontariato).
    E così, anche quest’anno è avvenuta Pontida, il primo appuntamento politico dell’estate, cui seguono il Meeting di Cl a Rimini e le feste dell’Unità. A Pontida il vicepremier Giulio Tremonti ascoltava partecipe turpitudini del palco e del pubblico. E, in forma riservata, faceva sapere ai suoi amici leghisti di aver commissionato a eminenti studiosi dell’Università di Pavia uno studio di fattibilità sui costi di un nostro ritiro dall’euro.
    La Lega oggi, con tre ministri nel governo esponenti delle professioni e della società civile (alla Giustizia, un ingegnere di Lecco; alle Riforme istituzionali, un dentista di Bergamo; al Welfare un avvocato di Varese), è un movimento-partito-clan legato al fantasma di un leader che agita i suoi militanti contro l’Europa intesa come sponsor della pedofilia, pronto a lottare contro il pericolo islamico e per la santità della famiglia unita minacciata dal sangue infetto e dai gay. Raccoglie i suoi voti (non pochi) nella pianura padana (soprattutto nelle valli che la formano), uno dei cinque luoghi del pianeta che producono e distribuiscono più ricchezza. Sono sulla scena politica italiana da circa vent’anni e hanno fatto le fortune del governo di Roma, prima alleandosi con Silvio Berlusconi nel 1994, poi (corteggiati dalla sinistra) negandogli la rilezione del 1996 e dipingendolo come il capo della mafia; poi ricontrattando l’appoggio che ha portato Berlusconi (evidentemente non più il capo della mafia) a governare nel 2001. Il loro capo, che i militanti seguono con fanatismo (i cartelli «Totus tuus» e «Santo subito» erano esibiti a Pontida) è molto gravemente malato, ma ha già nominato i suoi figli come suoi successori. Le loro imprese commerciali (una compagnia aerea, una banca, villaggi vacanze) hanno fatto bancarotta, ma sono difesi, oltre che da Giulio Tremonti e da Berlusconi, dal governatore della Banca d’Italia Antonio Fazio e dal banchiere emergente Gianpiero Fiorani, che da una banchetta, la Popolare di Lodi, si è lanciato in avventure spericolate. Hanno sistemato una bella quantità di loro personaggi nella Rai e in altre aziende pubbliche. Promettono, al loro establishment, favori e rendite. Infognati a Roma, insomma.
    Questo è uno dei volti del Nord Italia di oggi. Gli altri narrano di grandi famiglie capitalistiche esangui e indifferenti e di ceti medi impoveriti e in preda al languore. Non si conosce nessun altro Nord in Europa affetto da un così grave deterioramento, paura, rancore. Qui nel Nord, un giorno, chi si è sparato un’overdose sarà dichiarato martire.
    Nei due reportage che seguono, da Varese e da Verona, potrete seguire uno dei percorsi possibili della futura Lega: la sua nazificazione. Tutto questo parlare di razza, di famiglia, di identità, di «sangue e suolo» ha formato legami con formazioni hitleriane in varie parti di una pianura più ricca del pianeta. Purtroppo è così. Saperlo prima, in genere, è utile.
    "Sarà qualcun'altro a ballare, ma sono io che ho scritto la musica. Io avrò influenzato la storia del XXI secolo più di qualunque altro europeo".

    Der Wehrwolf

  3. #3
    Moderatore
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Cermenate (CO)
    Messaggi
    22,609
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Tra l'altro sono articoli, anche senza entrare nel merito, giornalisticamente molto molto molto imprecisi e raffazzonati.

    Guelfo nero

  4. #4
    email non funzionante
    Data Registrazione
    13 May 2009
    Messaggi
    30,192
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Originally posted by guelfo nero
    Tra l'altro sono articoli, anche senza entrare nel merito, giornalisticamente molto molto molto imprecisi e raffazzonati.

    Guelfo nero
    Sono articoli iper-riciclati che gionalisticamente parlando fanno ridere per come sono scritti, per l'imprecisione ..del resto da un settimannale diretto da un ex di Lotta Continua cosa ci si dovrebbe aspettare?
    "Sarà qualcun'altro a ballare, ma sono io che ho scritto la musica. Io avrò influenzato la storia del XXI secolo più di qualunque altro europeo".

    Der Wehrwolf

 

 

Discussioni Simili

  1. La boiata pazzesca di Enrico Deaglio
    Di Der Wehrwolf nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 11-03-15, 20:38
  2. Una considerazione su Enrico Deaglio
    Di DrugoLebowsky nel forum Il Termometro Politico
    Risposte: 8
    Ultimo Messaggio: 01-12-06, 12:28
  3. Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 04-10-06, 12:30
  4. New entry nel club bananiero: Enrico Deaglio
    Di MrBojangles nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 26
    Ultimo Messaggio: 03-09-05, 21:05
  5. Risposte: 36
    Ultimo Messaggio: 10-07-03, 12:47

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226