User Tag List

Risultati da 1 a 4 di 4
  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    13 May 2009
    Messaggi
    30,192
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Thumbs up L’Europa ritrovi se stessa O sarà la fine della nostra civiltà

    In Occidente si ha paura di affermare con determinazione le proprie radici storiche, archeologiche, antropologiche, culturali e religiose. Al Vecchio Continente serve una geopolitica identitaria forte

    La sera dell’11 settembre 2001 eravamo “tutti americani”, la sera dell’11 marzo 2004 “tutti spagnoli”, la sera del 7 luglio scorso “tutti inglesi”.
    La pigrizia mentale dei cosiddetti “opinion-makers” rasenta il ridicolo ed è ripetitiva come un disco rotto: di fronte ad attentati terroristici che purtroppo scandiscono gli anni, ci tocca ascoltare le solite frasi di rito, di “cordoglio” per l’“immane tragedia” e la “follia” di terroristi “senza colore”. E naturalmente “siamo tutti inglesi” (e speriamo di non dover essere, in futuro, “tutti francesi” o “tutti tedeschi”).
    Dall’11 settembre 2001 ad oggi, però, di risultati concreti contro i terroristi non se ne sono visti. E siamo di nuovo davanti ad una lista di morti ammazzati in metrò e sull’autobus. In attesa del prossimo terrificante botto? Ne parliamo con Marco Dolcetta, scrittore e giornalista esperto di mondialismo, che insegna alla Sorbona di Parigi (la sua ultima fatica è un agile ed interessante libro sui discorsi di Ezra Pound alla radio italiana durante la Seconda Guerra Mondiale, edito dalla Rai).

    Dolcetta, non è stanco anche lei di sentire le solite dichiarazioni di rito da parte di politici e organi di informazione alle quali non fanno mai seguito, purtroppo, azioni concrete atte a colpire le centrali del terrorismo globale?
    «Purtroppo in Occidente si ha paura di affermare con determinazione le proprie radici storiche, archeologiche, antropologiche, culturali e religiose. La storia insegna che se un nemico ti attacca e tu fai finta di niente, per te è l’inizio di un’inarrestabile fine. Le belle parolone non servono, servono i fatti, ovvero una strategia di intelligence comune a tutti i Paesi europei e la scomparsa del buonismo che impedisce di attuare dispositivi ferrei di difesa e di risposta a simili attacchi».
    Il ministro delle Riforme Roberto Calderoli ha chiesto il ritiro delle truppe italiane dall’Iraq: bisogna pensare a difendere il nostro territorio, difendere casa nostra. Lei è d’accordo?
    «Sono del tutto concorde con Calderoli. Dovremmo pensare a costruire un’Europa forte, armata, in grado di far capire a tutti i suoi nemici, di qualsiasi estrazione ideologica o religiosa essi siano, che siamo in grado di rispondere colpo su colpo. Ma una simile Europa attualmente non esiste, l’Ue si avvita troppo su se stessa e si perde in dibattiti pro e contro gli Stati Uniti, pro e contro Israele, pro e contro la Palestina. L’Europa è altra cosa, dovrebbe pensare soprattutto a difendere i propri interessi, che non necessariamente coincidono con quelli degli Usa, di Israele o della Palestina. Soltanto svuotando l’Europa da quegli interessi che non ci sono naturali potremo garantirci un futuro più sereno».
    Gli attentati di Londra porteranno ad un giro di vite nei confronti dell’illlegalità rappresentata dall’immigrazione clandestina di massa, come chiede da tempo la Lega Nord?
    «C’è da augurarselo. Questi attentati dimostrano ancora una volta di più che la perdita delle radici e l’ideale fasullo della società multirazziale che per decenni sono serviti ad alleggerire il peso del lavoro manuale dei popoli di Gran Bretagna, Francia, Spagna, Germania e Italia si ritorce contro soprattutto le classi medie di quegli stessi popoli europei. I terroristi infatti colpiscono treni, metrò, autobus, mezzi utilizzati dalla classe media per recarsi quotidianamente al lavoro. Il terrorismo colpisce i semplici cittadini e non coloro che detengono il potere».
    La matrice islamica degli attentati pare appurata. Londra del resto è la città multirazziale per eccellenza.
    «Qualcuno la chiama “Londistan”, una via di mezzo tra London e Pakistan. A Londistan i miti per i giovani immigrati, oltre a Bin Laden e al Mullah Omar, è il leader islamista locale, Abu Hamza. In un libro a metà strada tra la fiction e il reportage si segue il peregrinare di Hamza per le moschee inglesi, dove il soggetto lancia propaganda islamica estremista a tutto spiano, infiammando i cuori dei giovani musulmani di Gran Bretagna. Si getta benzina sul fuoco, insomma, e l’incendio, di questo passo, potrebbe divampare presto ovunque. Su queste cose bisognerebbe intervenire in maniera decisa, altrimenti gli europei non saranno più padroni a casa loro».



    Gli europei muoiono sotto gli attentati e nello stesso tempo il prezzo del petrolio è schizzato a livelli record. Non è un triste paradosso?
    «Va però sottolineato che a guadagnarci non sono soltanto i satrapi mediorientali, ma anche le grandi corporations petrolifere americane. Ripeto, senza una vera politica, anzi geopolitica identitaria, l’Europa è destinata a soccombere».

    Un’Europa debole fa comodo anche agli Usa, secondo lei?
    «L’Europa è un importantissimo alleato degli americani, ma una superpotenza non vuole mai concorrenti, questo è normale e anche logico. A proposito di Usa, si ricorda cosa disse qualche tempo fa l’ex presidente iraniano Rafsanjani, a proposito di Saddam Hussein e di Osama Bin Laden?».

    Che cosa disse?
    «Che Osama e Saddam sono due Frankenstein che si ribellano ai loro creatori. Entrambi sono serviti alla Cia e agli interessi americani in Medio Oriente, poi si sono trasformati nei loro nemici più pericolosi. Credo che Rafsanjani abbia veramente ragione».

    Gianluca Savoini
    "Sarà qualcun'altro a ballare, ma sono io che ho scritto la musica. Io avrò influenzato la storia del XXI secolo più di qualunque altro europeo".

    Der Wehrwolf

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    13 May 2009
    Messaggi
    30,192
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Thumbs up

    In Occidente si ha paura di affermare con determinazione le proprie radici storiche, archeologiche, antropologiche, culturali e religiose. Al Vecchio Continente serve una geopolitica identitaria forte
    «Purtroppo in Occidente si ha paura di affermare con determinazione le proprie radici storiche, archeologiche, antropologiche, culturali e religiose. La storia insegna che se un nemico ti attacca e tu fai finta di niente, per te è l’inizio di un’inarrestabile fine. Le belle parolone non servono, servono i fatti, ovvero una strategia di intelligence comune a tutti i Paesi europei e la scomparsa del buonismo che impedisce di attuare dispositivi ferrei di difesa e di risposta a simili attacchi».

    « Dovremmo pensare a costruire un’Europa forte, armata, in grado di far capire a tutti i suoi nemici, di qualsiasi estrazione ideologica o religiosa essi siano, che siamo in grado di rispondere colpo su colpo. Ma una simile Europa attualmente non esiste, l’Ue si avvita troppo su se stessa e si perde in dibattiti pro e contro gli Stati Uniti, pro e contro Israele, pro e contro la Palestina. L’Europa è altra cosa, dovrebbe pensare soprattutto a difendere i propri interessi, che non necessariamente coincidono con quelli degli Usa, di Israele o della Palestina. Soltanto svuotando l’Europa da quegli interessi che non ci sono naturali potremo garantirci un futuro più sereno».

    Questi attentati dimostrano ancora una volta di più che la perdita delle radici e l’ideale fasullo della società multirazziale che per decenni sono serviti ad alleggerire il peso del lavoro manuale dei popoli di Gran Bretagna, Francia, Spagna, Germania e Italia si ritorce contro soprattutto le classi medie di quegli stessi popoli europei.


    «Va però sottolineato che a guadagnarci non sono soltanto i satrapi mediorientali, ma anche le grandi corporations petrolifere americane. Ripeto, senza una vera politica, anzi geopolitica identitaria, l’Europa è destinata a soccombere».

    Un’Europa debole fa comodo anche agli Usa, secondo lei?«L’Europa è un importantissimo alleato degli americani, ma una superpotenza non vuole mai concorrenti, questo è normale e anche logico. A proposito di Usa, si ricorda cosa disse qualche tempo fa l’ex presidente iraniano Rafsanjani, a proposito di Saddam Hussein e di Osama Bin Laden?».

    Che cosa disse?
    «Che Osama e Saddam sono due Frankenstein che si ribellano ai loro creatori. Entrambi sono serviti alla Cia e agli interessi americani in Medio Oriente, poi si sono trasformati nei loro nemici più pericolosi. Credo che Rafsanjani abbia veramente ragione».
    "Sarà qualcun'altro a ballare, ma sono io che ho scritto la musica. Io avrò influenzato la storia del XXI secolo più di qualunque altro europeo".

    Der Wehrwolf

  3. #3
    Moderatore
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Cermenate (CO)
    Messaggi
    22,609
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Savoini non tradisce...

  4. #4
    El Criticon
    Ospite

    Predefinito Condivido quasi tutte ...

    ... le affermazioni di Monsieur Dolcetta eccetto, in parte, questa
    una strategia di intelligence comune a tutti i Paesi europei
    nel senso che è ovviamente indispensabile svolgere tutte le necessarie indagini eccetera, senza tuttavia alimentare questa che sta clamorosamente diventando una nuova e potente nuova lobby affaristica ultra miliardaria, quella della "intelligence" intendo dire, vocabolo per altro drammaticamente ridicolo e etimologicamente squinternato ...

    Che si dovrebbe piuttosto fare?

    Riorganizzare la società europea in modo tale da avere la MINORE necessità possibile di questo genere di "intelligence" ...

    Come?

    Ecco, questo è un quesito cui mr. Dolcetta dovrebbe dedicarsi con maggiore attenzione.

    O magari Gianluca Savoini stesso!

    Sono convinto che entrambi siano perfettamente in grado di farlo ...

    Fare che cosa?

    Ahooo! Adesso basta con tutti questi interrogativi!

    Ma guarda un pò, neh!

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 28-07-12, 11:49
  2. La nostra musica - il segno della nostra civiltà.
    Di bruzia80 nel forum Regno delle Due Sicilie
    Risposte: 12
    Ultimo Messaggio: 21-04-12, 21:25
  3. Israele all'attacco della nostra civiltà
    Di Spetaktor nel forum Destra Radicale
    Risposte: 40
    Ultimo Messaggio: 05-09-09, 02:21
  4. La conservazione della nostra civiltà
    Di Red River nel forum Hdemia
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 07-10-05, 22:37
  5. Orgogliosi della Padania e della nostra civiltà
    Di Caron dimonio nel forum Padania!
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 28-10-04, 13:28

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226