User Tag List

Pagina 3 di 11 PrimaPrima ... 234 ... UltimaUltima
Risultati da 21 a 30 di 103

Discussione: Glorie del Cardinalato

  1. #21
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    19 Sep 2005
    Località
    Oggiono (LC)
    Messaggi
    19,370
     Likes dati
    209
     Like avuti
    137
    Mentioned
    24 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Glorie del Cardinalato



    S.E.R. Cardinal Henry Edward Manning, arcivescovo di Westminster (1808-1892)
    Cardinale nel 1875

    Estratti da un discorso tenuto al Concilio Vaticano il 25 maggio 1870


    [...]L'infallibilità del Romano Pontefice non è un'opinione libera tra i cattolici, liberamente ventilata o liberamente da ventilarsi. Siamo già tutti tenuti a crederla. Non è un'opinione ma una dottrina, perchè è già contenuta nella Rivelazione di Dio.
    Da queste premesse, seguono evidentissimamente due cose: 1° manca di ogni forza e verità l'opposizione fatta in questi mesi sempre più forte che i padri conciliari stiano trasformando un'opinione in un dogma; E' già stato provato che essa non è nè opinione, nè libera, ma dottrina, non ancora definita ma rivelata, teologicamente certa, almeno prossima alla fede. L'elevazione di una verità cattolica di questo tipo da dottrina non definita a dottrina definita nulla aggiunge alla sua certezza intrinseca, aggiungerà solo una certezza estrinseca; 2° Non solo manca di verità ma soffre di menzogna, la trita espressione che viene usata quando si parla di questa definizione: In necessariis unitas, in dubiis libertas. La dottrina dell'infallibilità pontificia non è in alcun modo dubbia e affinchè dalle nostre controversie e dal silenzio tenuto in concilio sul tema non sorgano dubbi, è necessario che sia promulgata solennemente.[...]
    Questa fede soprannaturale (nell'Infallibilità pontificia) è viva e efficace in tutta la Chiesa discente, ed è bastata per quindici secoli senza una definizione.
    Infatti le definizioni non sono per i fedeli precipuamente ma per gli infedeli e per gli incerti e i dubbiosi, come si legge negli Apostoli, la legge non è posta per il giusto ma per gli iniqui e i ribelli.[...] Abbiamo udito tra le tante cose incredibili di questi tempi, che vi sarebbero trenta condizioni richieste per la validità degli atti pontificali, sulle quali i teologi si accapigliano senza fine. Ma di queste condizioni o i cristiani le ignorarono per quindici secoli oppure son condizioni cui il Pontefice è legato davanti a Dio ma non davanti agli uomini. [...]Infatti nell'assistenza promessa a Pietro sono contenute tutte le cose necessarie. In quest'assistenza, da cui il Papa è diretto affinchè non erri circa il fine, è certamente contenuta l'assistenza circa i mezzi, necessari per raggiungere quel fine.[...] Se al Concilio di Trento con una definizione decretoria fosse stato tolto ogni dubbio circa l'infallibile magistero del Romano Pontefice, non sarebbero potuti sorgere in alcun modo quei luttuosissimi mali che per due secoli in Germania, in Francia e in altre terre sino ad oggi, abbiamo letto, abbiamo udito, abbiamo visto. Ecco, reverendissimi padri, i frutti acerbissimi del silenzio! [...] E' più chiaro della luce del meriggio che, in seguito ad eventuali reticenze di questo Concilio, l'autorità della Chiesa docente ovunque verrebbe indebolita e poi abbattuta e le membra disperse, unite e dipendenti da un Capo privo di forza, facilmente cadrebbero sotto il potere dei governi e precipiterebbero negli abissi delle chiese dette "nazionali".
    Tuttavia, con la definizione di questo Concilio Vaticano che rafforzi con l'infallibile giudizio di tutta la Chiesa la suprema autorità del suo Capo, la giurisdizione della Sede apostolica che è fonte unica di verità e unità, aumenterà in forza al punto da trasmettere nuovo slancio e nuovo vigore al corpo episcopale, sarà confermata la fede e l'obbedienza di tutti i cristiani, sarà rafforzata l'unità dell Chiesa e la certezza del Magistero infallibile come la TESTUGGINE ROMANA impenetrabile grazie agli scudi uniti e inscalfibile da ogni parte prenderà e annienterà i dardi infuocati del Maligno.[...]
    Mi sia lecito esprimere un desiderio del mio cuore non tanto a voi a innanzi a Nostro Signor Gesù Cristo. Permetta Dio che nella prossima festa del Principe degli Apostoli attorno al Soglio del suo successore, noi pastori radunati da tutto il mondo, deponiamo e seppelliamo per sempre nel sepolcro di Pietro tutte queste nefaste memorie che ci rattristarono e, come da una sola fonte da cui è sorta l'unità sacerdotale, su tutti noi si diffonda copiosissimamente la perfetta pace di Dio.[...]

  2. #22
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    19 Sep 2005
    Località
    Oggiono (LC)
    Messaggi
    19,370
     Likes dati
    209
     Like avuti
    137
    Mentioned
    24 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Glorie del Cardinalato



    S.E.R. Cardinal Giuseppe Andrea Bizzarri (1802-1877)

    Sacerdote nel 1824, arcivescovo titolare di Filippi nel 1854, cardinale nel 1863.
    Il 17 gennaio 1867 prefetto della Sacra Congregazione delle Indulgenze e delle Reliquie
    il 31 agosto 1872 prefetto della Sacra Congregazione per i Vescovi e i Regolari.
    Inesausto nel preparare le condizioni per la proclamazione del Dogma dell'Infallibilità pontificia al Concilio Vaticano.
    Ultima modifica di Luca; 29-08-11 alle 18:32

  3. #23
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    19 Sep 2005
    Località
    Oggiono (LC)
    Messaggi
    19,370
     Likes dati
    209
     Like avuti
    137
    Mentioned
    24 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Glorie del Cardinalato



    S.E.R. Cardinal Antonio Saverio De Luca (1805-1883)

    Sacerdote nel 1839
    Vescovo di Aversa nel 1845
    Nunzio apostolico a Monaco di Baviera e a Vienna
    Cardinale nel 1863
    Co-presidente del Concilio Vaticano I: sostenne con decisione l'infallibilità pontificia

  4. #24
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    19 Sep 2005
    Località
    Oggiono (LC)
    Messaggi
    19,370
     Likes dati
    209
     Like avuti
    137
    Mentioned
    24 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Glorie del Cardinalato



    S.E.R. Cardinal Prospero Caterini (1795-1881)

    Già fedele collaboratore di Papa Gregorio XVI, seguì poi Pio IX nell'esilio di Gaeta, cardinale nel 1853, membro della commissione preparatoria del Sillabo. Infaticabile organizzatore del Concilio Vaticano, sostenitore dell'infallibilità pontificia, Prefetto del Santo Uffizio nel 1876, annunziò dalla Loggia interna del Vaticano l'elezione di Leone XIII.
    Fu autore di un saggio antievoluzionista dal titolo "Dell'origine dell'uomo secondo il trasformismo".

  5. #25
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    19 Sep 2005
    Località
    Oggiono (LC)
    Messaggi
    19,370
     Likes dati
    209
     Like avuti
    137
    Mentioned
    24 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Glorie del Cardinalato



    S.E.R Cardinale Nicola Paracciani Clarelli (1799-1872)

    Vescovo di Montefiascone e Corneto, cardinale nel 1844, seguì Pio IX nell'esilio di Gaeta nel 1849, Prefetto della Congregazione dei vescovi e dei religiosi, Vescovo di Frascati nel 1867, Arciprete della Basilica Vaticana, sostenitore dell'Infallibilità Pontificia.

  6. #26
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    19 Sep 2005
    Località
    Oggiono (LC)
    Messaggi
    19,370
     Likes dati
    209
     Like avuti
    137
    Mentioned
    24 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Glorie del Cardinalato



    S.E.R. Cardinale Edoardo Borromeo (1822-1881)

    Discendente dei cardinali Carlo, Federico, Federico juniore, Giberto, Giberto Bartolomeo.
    Sacerdote nel 1846, seguì Pio IX nell'esilio a Gaeta, prefetto della Casa Pontificia nel 1856, cardinale nel 1868, sostenitore dell'infallibilità pontificia al Concilio Vaticano, vescovo titolare di Adana nel 1878.

  7. #27
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    19 Sep 2005
    Località
    Oggiono (LC)
    Messaggi
    19,370
     Likes dati
    209
     Like avuti
    137
    Mentioned
    24 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Glorie del Cardinalato



    S.E.R. Cardinale Cosimo Corsi (1798-1870)

    Cardinale nel 1842, Vescovo di Jesi nel 1845, Arcivescovo di Pisa nel 1853, Primate di Sardegna e di Corsica

    Deciso oppositore dei Savoia per le politiche anticattoliche piemontesi e le annessioni, fu arrestato il 19 maggio del 1860 per essersi rifiutato di celebrare il Te Deum del 13 maggio in occasione della festa dello Statuto Sabaudo istituita il 5 maggio del 1851.
    Il rifiuto fu comunicato a mezzo del Vicario Generale adducendo la volontà di non consacrare «con i crismi della religione un evento squisitamente civile e politico come la concessione dello Statuto»
    (Mauro Del Corso, Un Vescovo nella Storia. Cosimo Corsi, Cardinale di Pisa: la storia di un vescovo, Pisa, 1988, pag. 92).
    I fatti si svolsero così: “Intanto, venuta la Domenica (13 maggio), (…) per ordine del Cardinale fu tolto il Santissimo Sacramento di Chiesa, spente le lampade, serrati sotto chiave tutti i sacri arredi, tutto lasciato in perfetta solitudine” (La Civiltà Cattolica, anno XI, vol. VII, 1860, pag.114),
    “ fece trasportare il SS. Sacramento nella vicina chiesetta dei SS. Ranierino e Leonardo, lasciando aperti tutti gli sportelli dei tabernacoli”, ma il “Governo riuscì comunque trovare quattro ecclesiastici per la celebrazione” che furono prontamente sospesi “a divinis” il giorno successivo.
    L’opposizione di Corsi fu discussa nel Consiglio dei Ministri e il cardinale invitato a recarsi a Torino.
    Il suo rifiuto ne provocò l’arresto il 19 maggio e la sua traduzione nella capitale del Regno di Sardegna dove fu alloggiato nella Casa dei Padri
    della Missione di San Vincenzo de’ Paoli che, probabilmente, era destinata ad ospitare i prelati arrestati e condotti nella capitale.
    Il cardinale rimase a Torino fino al 21 luglio del 1860 quando, di fronte all’impossibilità di una ritrattazione del suo operato,
    il Conte di Cavour preferì consentirgli il ritorno in diocesi, piuttosto che aggravare una situazione già tesa.
    Rientrato a Pisa fu soggetto ad atti intimidatori che non modificarono il suo comportamento, infatti si rifiutò di celebrare, il 2 giugno 1861, la festa dell’Unità d’Italia e di celebrare una cerimonia in suffragio del Conte di Cavour morto il 6 giugno dello stesso anno.
    Altri atti seguirono sulla stessa linea sia personali che assieme all’episcopato toscano che non vennero tenuti in alcun conto dal Governo del Regno. Morì il 7 ottobre 1870 ad Agnano, vicino Pisa e trasferito in Cattedrale a Pisa in una cassa chiusa.
    Le autorità proibirono l’esposizione della salma come pure la sepoltura in duomo, come il Corsi aveva richiesto nel testamento.
    “Il corpo fu sepolto in una tomba sopraelevata nella cappella Ammannati del Camposanto Monumentale, ma di lì a poco il Gonfaloniere ne dispose l’interramento, onde evitare, tali erano le motivazioni addotte, che il luogo si trasformasse in occasione di riunione per conventicole di clericali nostalgici”.
    Solamente il 30 giugno del 1898 la salma fu traslata in cattedrale sotto l’Altare della Madonna di Sotto gli Organi. (Fonte: Andrea Bartelloni
    (Centro cattolico di documentazione di Marina di Pisa)

    Partecipò al Concilio Vaticano, votando a favore dell'Infallibilità sia il 13 che il 18 luglio 1870.
    Ultima modifica di Luca; 10-09-11 alle 01:14

  8. #28
    Moderatore
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Cermenate (CO)
    Messaggi
    22,923
     Likes dati
    128
     Like avuti
    259
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Glorie del Cardinalato



    S.E.R. Cardinale Teodolfo Mertel (1806-1899)

    Giudice, poi Ministro dello Stato Pontificio dopo il ritorno a Roma di Pio IX, cardinale il 15 marzo 1858, ordinato diacono
    il 16 maggio 1858.
    Partecipò al Concilio Vaticano, votando a favore dell'Infallibilità Pontificia.

  9. #29
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    19 Sep 2005
    Località
    Oggiono (LC)
    Messaggi
    19,370
     Likes dati
    209
     Like avuti
    137
    Mentioned
    24 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Glorie del Cardinalato




    S.E.R. Monsignor Francesco Saverio Apuzzo (1807-1880)
    Arcivescovo di Sorrento
    Sostenitore entusiasta dell'Infallibilità Pontificia nell'episcopato duosiciliano
    Cardinale nel 1877

  10. #30
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    19 Sep 2005
    Località
    Oggiono (LC)
    Messaggi
    19,370
     Likes dati
    209
     Like avuti
    137
    Mentioned
    24 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Glorie del Cardinalato



    S.E.R. Cardinal Edward Henry Howard of Norfolk (1829-1892)

    Ordinato sacerdote nel 1854 dal Cardinale Wiseman, ricoprì vari incarichi di Curia
    Prelato domestico di Papa Pio IX, Vicario della Patriarcale Basilica Vaticana il 4 settembre 1870, vescovo di Frascati nel 1872, Cardinale nel 1877.

 

 
Pagina 3 di 11 PrimaPrima ... 234 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Le glorie del Cardinalato
    Di Guelfo Nero nel forum Tradizione Cattolica
    Risposte: 99
    Ultimo Messaggio: 12-05-19, 19:44
  2. vecchie glorie a FCO....
    Di landingFCO nel forum Aviazione Civile
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 28-08-04, 20:39
  3. Glorie Risorgimentali
    Di Ambrogio nel forum Storia
    Risposte: 86
    Ultimo Messaggio: 04-07-04, 19:01
  4. Glorie Risorgimentali
    Di nhmem nel forum Paganesimo e Politeismo
    Risposte: 13
    Ultimo Messaggio: 24-06-04, 13:02
  5. Vecchie Glorie
    Di nicolap nel forum Aviazione Civile
    Risposte: 14
    Ultimo Messaggio: 20-06-04, 21:37

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •