User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2
  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    05 May 2002
    Località
    roma
    Messaggi
    9,788
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Risposta ad un lettore della Padania di Massimo Fini

    Risposta ad un lettore della Padania. 03/08/2005 di Massimo Fini . Caro Piralla, in attesa del buon bicchiere di vino la chiacchierata la facciamo per lettera. Il “po’ di gas” fornito dagli americani, dai francesi e, via Germania Est, dai sovietici a Saddam Hussein ha permesso a questo criminale (“l’impresario del crimine” come lo chiamava, appunto, Khomeini) di sterminare 5.000 curdi ad Halabya (l’intera popolazione della cittadina), non so quanti sciiti iracheni, civili, e un buon numero di soldati iraniani. Khomeini è rimasto al potere circa dieci anni, di cui otto in una guerra che l’Iraq aveva scatenato e in questa guerra, nonostante l’Iran fosse militarmente inferiore al nemico molto meglio armato tecnologicamente, non solo non utilizzò “armi chimiche”, che pure il nemico usava, ma proibì al suo esercito di basij, di ragazzini, di volontari (un vero “esercito di popolo” secondo la definizione di von Clausewitz) di utilizzarne, proibizione estesa a ogni altra arma non convenzionale perché “in contrasto col Corano”. L’Iran, khomeinista e post khomeinista, a parte la parentesi della guerra, dove per motivi bellici, ultralegittimi, portò il suo esercito davanti a Bassora, non è mai uscito di un pollice dai suoi confini, per cui non vedo su che base lo si possa accusare di “espansionismo”, a meno di non fare un cattolico processo alle intenzioni o di seguire la pazzesca teoria, che nessuno Stato al mondo nella pur lunga storia dell’umanità aveva mai osato enunciare, della “guerra preventiva” di George W. Bush. Che l’Occidente si sia schierato a fianco di Khomeini, dopo la caduta dello Scià, è una sciocchezza e un falso clamoroso degno di Magdi Allam la cui unica scusante, forse, può essere solo quella di essere troppo giovane per ricordare. L’Occidente, che aveva sostenuto lo Scià che si appoggiava su una sottilissima striscia di borghesia iraniana, ricchissima (non più del 2% della popolazione) e, soprattutto, sulla Savak, la più famigerata polizia segreta del Medio Oriente (ed è tutto dire), osteggiò fin dall’inizio l’esperimento khomeinista che pur godeva dell’appoggio della stragrande maggioranza della popolazione (io ero a Teheran il giorno che Khomeini arrivò da Parigi, dov’era stato per decenni in esilio, e ad attenderlo all’aeroporto c’erano dieci milioni di persone). In quanto alle sinistre, europee e italiane, fecero una figura barbina. Abituate a ragionare con i loro schemini marxisti (mi ricordo in particolare certi ridicoli articoli dell’Unità e della Repubblica) poiché il primo successore dello Scià, il socialdemocratico Baktiar, era stato sostituito, appunto, da Khomeini, fecero, tutte giulive, l’equazione Baktiar = Kerenski, Khomeini = Lenin. Dovettero fare una precipitosa marcia indietro quando l’ayatollah diede a vedere di considerare l’Unione Sovietica un “Grande Satana” al pari degli Stati Uniti (Saddam era invece “il piccolo Satana”). Il khomeinismo voleva, e vuole, trovare una via al progresso adatta alla cultura dell’Islam, che non sia quindi di derivazione occidentale, né capitalista né marxista (Marx è nato a Treviri, in Germania, non a Teheran). Mi stupisce che un lettore della Padania, e quindi presumibilmente leghista, non comprenda che ogni popolo ha il legittimo diritto di filarsi da sé il proprio destino e di crearsi da sé il proprio modello di vita senza essere costretto ad omologarsi a una cultura e a dei valori che non sono i suoi. L’Occidente, allora, non ebbe paura dell’esercito e delle armi di Khomeini, che erano, e sono, zero rispetto alla nostra potenza militare, ma delle sue idee, che potessero espandersi, esse sì, nel resto del mondo islamico. E quando delle democrazie hanno paura delle idee è un bruttissimo segno, perché significa che, nel proprio intimo, non sono più tanto sicure delle proprie (al punto che devono imporle con le bombe, in Iraq come in Afghanistan). L’Iran, come ogni potenza regionale (non dimentichiamo che si tratta dell’antica Persia), ha i suoi interessi geopolitici (o solo noi occidentali siamo autorizzati ad averli?). E una grossa mano gliel’hanno data, paradossalmente, proprio gli americani con l’invasione e l’occupazione dell’Iraq, e con la pretesa di instaurarvi la democrazia, favorendo così gli sciiti iracheni, che di quelli iraniani non sono cugini ma fratelli, i quali introdurranno in quel Paese la Sharia, la legge islamica, che è proprio quanto avrebbe desiderato Khomeini quand’era vivo e che ottiene oggi, da morto. Che Khomeini abbia fomentato il terrorismo è un’illazione, sicuramente l’ha fomentato molto meno degli americani e dei sovietici, della Cia e del Kgb, quando faceva loro comodo. Attualmente l’Iran non vuol farsi l’atomica, ma costruire il nucleare civile, ed è da tempo in trattative non solo con i francesi, ma con gli inglesi (che le sarà difficile, spero, definire “i nuovi vermi d’Europa”) e i tedeschi per avere aiuti in questo settore e altri economici, disposti ad accettare ispezioni della Ue che controllino che effettivamente il programma sia, e resti, civile. Poiché, a detta dei dirigenti iraniani, gli europei non hanno dato risposte soddisfacenti, Teheran l’altro ieri ha comunicato formalmente alla apposita Agenzia dell’Onu che inizierà autonomamente il proprio programma di nucleare civile nella centrale di Isfahn. Ma è solo un passaggio interlocutorio, per costringere gli europei a offrire condizioni più favorevoli, le trattative riprenderanno sicuramente. In ogni caso l’Iran è uno Stato che, in quanto tale, deve seguire, almeno formalmente, le regole internazionali. E io penso che in tema di atomica e di terrorismo sia meglio avere a che fare con degli Stati, invece che distruggerli, come abbiamo fatto con l’Iraq e vorremmo fare anche con l’Iran, per trovarsi poi senza interlocutori e davanti la galassia acefala, indecifrabile e totalmente irresponsabile, non avendo, a differenza degli Stati, nulla da perdere, del terrorismo internazionale. La mia, gentile Piralla, è una posizione realistica e nient’affatto utopica. Infine, Khomeini era un uomo coltissimo, sia sul terreno islamico che occidentale (si legga le due straordinarie lettere che inviò, a suo tempo, a Gorbaciov e a Papa Wojtyla, pubblicate dalle Edizioni del Veltro) e se lo chiamiamo “squilibrato” non so allora come dovremmo definire George W. Bush che in un sondaggio fatto dagli inglesi nel quale si chiedeva chi fosse “l’uomo più pericoloso del mondo per la pace”, è risultato largamente al primo posto distanziando di molte lunghezze Osama Bin Laden. Cordiali saluti.
    Giampaolo Cufino

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Socialismo e Nazione
    Data Registrazione
    06 Nov 2003
    Località
    Italia
    Messaggi
    9,399
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Grande Massimo Fini!

 

 

Discussioni Simili

  1. Massimo Fini su la Padania: Russia,Turchia, Iran....
    Di Totila nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 09-01-06, 13:56
  2. Massimo Fini sulla Padania di domani...
    Di Totila nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 05-01-06, 01:11
  3. Risposta ad un lettore della "Padania" (M. Fini)
    Di Basiji nel forum Politica Estera
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 09-08-05, 22:56
  4. Risposta ad un lettore della "Padania" (M. Fini)
    Di Basiji nel forum Comunismo e Comunità
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 09-08-05, 22:50
  5. Massimo Fini si racconta a La Padania
    Di Der Wehrwolf nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 22-09-04, 23:07

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226