User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 13
  1. #1
    The Kount
    Ospite

    Predefinito Carlo Sgorlon contro l'integralismo della sinistra

    dal Gazzettino di ieri:

    Mercoledì, 24 Agosto 2005




    L'INTEGRALISMO DELLA SINISTRA

    TOLLERANTI SOLO A PAROLE

    di CARLO SGORLON

    Desidero cominciare questo articolo esprimendo la mia solidarietà al governatore del Veneto Giancarlo Galan, condannato dalla magistratura a mezzo miliardo di lire di risarcimento per aver detto, con altre parole, in verità piuttosto pesanti, che la Rai Veneta è dominata da una cultura di sinistra.
    Non ho informazioni su questo, ma ottime ragioni per ritenere che se Galan intendeva dire che in Italia v'è una cultura egemone di sinistra, non posso che essere d'accordo con lui. Tutta la mia esperienza di uomo e di scrittore ne fornisce la riprova. Se le sinistre fossero veramente e sinceramente interessate a dialogare con culture e ideologie diverse dalla loro, è giusto pensare che dovrebbero farlo innanzi tutto con i compatrioti che non condividono la loro visione del mondo, prima che con extracomunitari, veicolo di culture e religioni radicalmente diverse dalle nostre.
    Dovrebbero, ante omnia, prendere atto fino in fondo che accanto alle loro ideologie, dominatrici perché prevalgono nelle università, nelle televisioni, anche private, nei grandi giornali e settimanali, nelle Case Editrici e nei modi di pensare diffusi, ve n'è un'altra che non si definisce progressista ma conservatrice. Una cultura che, nelle sue manifestazioni più alte, e ovviamente in quelle soltanto, tende alla conservazione di valori etici e non di privilegi.
    Che vi siano in una società culture diverse, che si accettano a vicenda, che discutono, che collaborano ad alimentare i valori di un Paese è una legge sostanziale della storia. Essa è già ben evidenziata da Hegel, il quale riteneva che non soltanto il pensiero umano, ma tutta la storia procedesse per tesi e antitesi; ed è il fondamento stesso della democrazia occidentale. Invece in Italia essere conservatore è considerato una sorta di vergogna spirituale, che viene punita con il silenzio e l'isolamento, con una specie di cordone sanitario nei casi migliori; con l'aperta irrisione, il sarcasmo o addirittura la demonizzazione in quelli peggiori. Tutte queste forme io le ho sperimentate sulla mia pelle.
    È sempre antipatico parlare di sé e "pro domo sua"; però è anche vero che quando uno racconta la sua vicenda personale non utilizza impressioni, supposizioni, sospetti, che potrebbero essere anche sbagliati, ma ricordi precisi. Io ho ormai quarantacinque anni di lavoro letterario alle spalle. Ho pubblicato una trentina di libri, tra romanzi, racconti e saggi. Sono uno dei più fecondi scrittori italiani, e anche uno dei più stimati, per il mio anticonformismo, l'etica severa, la costante ricerca della poesia e dell'umanità, e per il tentativo di ripristinare, per quello che potevo, la sacralità del sentire, la cui mancanza è la causa indiretta di un'infinità di cose deformi e atroci del nostro tempo.
    Sono stimato, naturalmente dagli intellettuali non progressisti, o quantomeno non partigiani. Ho vinto una quarantina di premi nazionali, tra cui i più importanti e i più popolari. Quando il premio era deciso da una vasta giuria, ho quasi sempre ottenuto votazioni plebiscitarie. Ricevevo più consensi di tutti gli altri finalisti messi insieme.
    Cinque monografie sono state scritte sul mio lavoro di narratore, e dentro un anno probabilmente ne uscirà una sesta. Ho venduto tre milioni di libri, contando anche le edizioni popolari, ma escludendo le numerose traduzioni.
    Tutto questo non è bastato a convincere alcuni intellettuali e critici progressisti che sono uno scrittore da prendere sul serio. Ci sono storie letterarie del Novecento, o della seconda metà del secolo, in cui il mio nome non appare neppure in una glossa.
    Vi figurano autori privi di ogni risonanza, che però avevano il merito di parlare di problemi sociali e di ideologie rivoluzionarie.
    Per alcuni intellettuali progressisti io non ci sono. Sono come il "cavaliere inesistente" di Calvino, una metafora che ho spesso avuto occasione di applicare a me stesso. C'è in tutto questo una logica ben precisa. Per i progressisti dogmatici non esiste che una cultura, la loro. Si considerano gli assoluti protagonisti della storia, coloro che aprono le strade dell'avvenire e del progresso. (Un progresso, in realtà, molto discutibile, da quando l'ecologia ha cominciato a dubitarne in forme sempre più radicali).
    Più volte mi è capitato di apprendere dal telefono o da telegrammi di aver vinto un premio letterario, che poi non mi è stato assegnato perché esso, finanziato da qualche amministrazione rossa, non si voleva venisse dato a un conservatore come me; a un autore che aveva scritto un romanzo sulle foibe, sui cosacchi e su Porzs.
    Radio e televisioni mi ignorano del tutto, o mi dedicano insignificanti, ridicole briciole di tempo. Una volta fui a lungo intervistato per il terzo programma. Naturalmente la registrazione non andò mai in onda. Sono dunque uno scrittore che non c'è. Ma, se per caso si è costretti ad ammettere la mia esistenza, allora divento l'escluso.
    Una volta fui anche demonizzato da gran parte della stampa italiana. Fui intervistato da una giornalista progressista sulla visita che Haider stava compiendo nella mia regione. Sulle prime non volevo saperne, perché immaginavo l'uso che sarebbe stato fatto delle mie risposte. Dissi in sostanza che se Haider fosse diventato alleato del Partito Popolare Austriaco, non mi sarei scandalizzato. L'avvento di un governo di centrodestra a Vienna, dopo trentacinque anni di amministrazione socialdemocratica, mi sembrava un fatto più che normale.
    Apriti cielo! In seguito a quell'intervista, in cui non mi si lasciava neppure finire le frasi, fui accusato di essere seminazista, razzista, antiebraico; di non credere all'Olocausto e al lager triestino della Risiera di San Sabba, e di altre amenità di questo tipo. Tutte cose inventate di sana pianta. In realtà io ho mostrato la mia simpatia per il popolo ebraico in almeno sette od otto dei miei romanzi.
    Io sono un moderato, un uomo di buonsenso, un anticonformista un po' anarcoide. Questa è in estrema sintesi la storia del mio rapporto con gli integralisti di sinistra. Come potrei dunque non credere che il tanto celebrato incontro tra culture, ideologie e religioni diverse non sia per i progressisti dogmatici nient'altro che retorica, e lo schermo di una strategia politica a lungo termine?

    Carlo Sgorlon

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Veneto indipendente
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Serenissima Euganea
    Messaggi
    5,951
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Ho molta stima di Sgorlon. E' come dice lui stesso uno scrittore di buon senso.
    In questo articolo approfitta anche per sfogarsi e levarsi dei sassolini dalla scarpa, ma ha sostanzialmente 100% ragione.

  3. #3
    Hanno assassinato Calipari
    Data Registrazione
    09 Mar 2002
    Località
    "Il programma YURI il programma"
    Messaggi
    69,195
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    A me sembra uno che si crede lo scrittore più bravo del mondo, una specie di fallaci veneta...

  4. #4
    BraveHeart
    Data Registrazione
    28 Feb 2005
    Località
    MGP Isontino
    Messaggi
    319
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    L'avevo portato all'esame delle superiori

  5. #5
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    15,614
    Mentioned
    10 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito

    gli intellettuali non allineati con la sinistra, sono sempre stati oggetto di censura e scherno da parte dei soloni e sodali del sol dell'avvenire..........
    un tempo ligi alle direttive imperiali di Mosca, sono ora passati con disinvoltura al servizio delle moschee........
    comunque passerà anche questa sbornia, basta saper attendere e vedrete che non mancheranno di propinarci l'ennesima utopia..........
    vincente.......

  6. #6
    Registered User
    Data Registrazione
    01 Jun 2004
    Messaggi
    3,135
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Devo confessarlo: ho iniziato ad interessarmi di
    storia e cultura locale e non dopo aver letto
    tre opere di Sgorlon,
    1) La luna color ametista, 1972
    2) Il trono di legno, 1973
    3) Gli dèi torneranno, 1977
    La sua coerenza intellettuale, rimasta
    costante ed inalterata nel corso dei decenni,
    è certamente esemplare.

  7. #7
    Veneta sempre itagliana mai
    Data Registrazione
    06 Mar 2002
    Località
    '' E' in gran parte merito di Luca Cordero di Montezemolo se la Juventus non si rivolse ai tribunali ordinari '' (Joseph S. Blatter - Presidente F.I.F.A. - Dicembre 2007)
    Messaggi
    63,122
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito

    Meno male, almeno uno che si distingue dalla massa dei Rigoni Stern

  8. #8
    Hanno assassinato Calipari
    Data Registrazione
    09 Mar 2002
    Località
    "Il programma YURI il programma"
    Messaggi
    69,195
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    In origine postato da pensiero
    Meno male, almeno uno che si distingue dalla massa dei Rigoni Stern
    ma uno è bravo perchè parla male della "sinistra"?

  9. #9
    The Kount
    Ospite

    Predefinito

    In origine postato da yurj
    ma uno è bravo perchè parla male della "sinistra"?
    Potrei farti la stessa domanda: un comico/cantante/attore/presentatore è bravo solo perchè prende in giro Berlusconi?

  10. #10
    Veneta sempre itagliana mai
    Data Registrazione
    06 Mar 2002
    Località
    '' E' in gran parte merito di Luca Cordero di Montezemolo se la Juventus non si rivolse ai tribunali ordinari '' (Joseph S. Blatter - Presidente F.I.F.A. - Dicembre 2007)
    Messaggi
    63,122
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito

    In origine postato da yurj
    ma uno è bravo perchè parla male della "sinistra"?
    no di certo....però non posso nascondere di apprezzare chi scrive quello che penso anch'io...mi pare talmente logico...per te sarà così nei confronti del vecchiaccio di Stern

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Carlo Sgorlon se ne è andato
    Di Furlan nel forum Padania!
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 29-12-09, 09:19
  2. Carlo Sgorlon e l'integralismo della sinistra
    Di The Kount nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 192
    Ultimo Messaggio: 31-08-05, 14:35
  3. Carlo Sgorlon e il nucleare
    Di Maxadhego nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 06-02-05, 20:44
  4. di Carlo Sgorlon
    Di carbonass nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 05-12-04, 19:29
  5. Carlo Sgorlon è per la Guerra!
    Di carbonass nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 28-05-03, 21:45

Chi Ha Letto Questa Discussione negli Ultimi 365 Giorni: 0

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226