User Tag List

Risultati da 1 a 3 di 3
  1. #1
    Il Patriota
    Ospite

    Predefinito Ratzinger e le radici rabbiniche

    http://www.avvenireonline.it/Approfo...i/20040413.htm

    Intervista al Rabbino Rosen (13 aprile 2004)
    «A me rabbino ha detto: sei la mia radice»
    di Giorgio Bernardelli

    Inizierà ufficialmente il suo ministero proprio mentre il mondo ebraico celebra Pesah, la Pasqua. Ed è una coincidenza che il biglietto inviato ieri al Rabbino capo di Roma ha reso ancora più significativa. Anche da Gerusalemme si guarda con grande attenzione ai primi passi di Benedetto XVI. Ce lo conferma rabbi David Rosen, uno dei protagonisti del dialogo tra il Vaticano e i «fratelli maggiori» incoraggiato in questi anni da Giovanni Paolo II. «Conoscete il detto – scherza –: se hai due ebrei ci sono tre opinioni... Generalmente parlando, però, la reazione del mondo ebraico è positiva perché gli atteggiamenti di Benedetto XVI nella promozione del dialogo e le sue condanne dell’antisemitismo sono state sempre molto chiare. Ci si aspetta che vada avanti nella direzione indicata da Giovanni Paolo II».

    Ha dei ricordi personali del nuovo Papa?
    L’ho incontrato tante volte. La prima fu quindici anni fa, l’ultima ad Assisi nel 2002, in occasione della giornata di preghiera per la pace. Nel febbraio 1994, poi, poche settimane dopo la firma dell’accordo che ha reso possibili relazioni diplomatiche piene tra il Vaticano e la Santa Sede, organizzammo un congresso qui a Gerusalemme con la presenza di 600 leader cristiani ed ebrei di tutto il mondo. Fu proprio l’allora cardinale Ratzinger a tenere l’intervento principale. Ricordo perfettamente le sue prime parole: la storia delle relazioni tra cattolici ed ebrei – disse – è piena di lacrime e sangue. Il buio ha avuto il suo momento culminante ad Auschwitz. Ma quel momento – aggiunse subito – ha reso la riconciliazione e il ristabilimento di buone relazioni tra di noi più urgente che mai.

    Che cosa deve al teologo Ratzinger il dialogo ebraico-cristiano?
    Per il dialogo tra cattolici ed ebrei uno dei documenti recenti più importanti è stato quello pubblicato nel 2001 dalla Pontificia Commissione biblica con il titolo «Il popolo ebraico e le sue Sacre Scritture nella Bibbia cristiana». Fu proprio Ratzinger a dare l’imprimatur a quel testo e a stendere un’introduzione molto significativa. È un documento che sottolinea la centralità del popolo ebraico e delle sue Scritture per il cristianesimo. Ma ha anche un passaggio molto interessante sulla nostra convinzione che il Messia non sia ancora venuto. La descrive come parte essa stessa del piano divino per la salvezza dell’uomo: l’attesa ebraica, si dice, ricorda come il mondo non sia stato ancora pienamente redento. È un’idea affascinante. Non dimentichiamo che una delle maggiori accuse che in passato i cristiani hanno rivolto a noi ebrei è stata il fatto di non aver riconosciuto il vero Messia. Era diventata una giustificazione per atti terribili. Ora, nel documento della Pontificia Commissione biblica, questo stesso atteggiamento è interpretato come qualcosa di positivo. Significa che la grande trasformazione teologica ormai è avvenuta.

    L’allora cardinale Ratzinger, però, nel 2000 firmò anche la dichiarazione «Dominus Iesus» che fu contestata duramente da alcune voci ebraiche.
    È vero, ci furono reazioni negative. Però bisogna anche ricordare che in seguito proprio lui pubblicò un articolo sull’Osservatore Romano riguardo alla comune eredità di Abramo nostro padre. In quel testo diceva chiaramente che nella Dominus Iesus si affrontava il tema del rapporto con le altre fedi. E siccome l’ebraismo sta alla radice della fede cristiana, non rientra nella stessa categoria. Anche questa è un’affermazione molto interessante. Già quando lo incontrai la prima volta, quindici anni fa, dialogammo a lungo sulla teologia. E a un certo punto mi disse: «Tutto ciò che ha un significato religioso per te, lo ha anche per me, perché tu sei la mia radice».

    Quali ulteriori passi il dialogo ebraico-cristiano potrebbe compiere sotto papa Benedetto XVI?
    Come ho detto, non credo ci siano grandi questioni teologiche ancora da affrontare. Penso anche che sulla Shoah noi ebrei non dobbiamo aspettarci passi in avanti rispetto al documento del 1998 «Noi ricordiamo». Rimarrà anche il giudizio diverso rispetto a Pio XII. Ragionando in termini realistici, dunque, la mia speranza maggiore è che Benedetto XVI invii ai cattolici un’istruzione in cui si dica che gli insegnamenti di Nostra Aetate e tutto ciò che ne consegue devono essere parte integrante dell’educazione di ogni cattolico e in maniera speciale della formazione dei sacerdoti. Perché dove ci sono comunità ebraiche che vivono accanto a comunità cattoliche, l’interiorizzazione del nuovo atteggiamento è facile. Ma dove ci sono solo grandi comunità cattoliche (penso all’America Latina, all’Africa o a certe zone dell’Asia) molti cattolici non sanno neppure che cosa sia la Nostra Aetate.

    Appena eletto Benedetto XVI ha risposto con un messaggio all’augurio espresso dalla Comunità ebraica di Roma.
    È stato un gesto molto bello. Anche i giovani ne hanno capito subito la portata. Tra l’altro inizia con la benedizione che utilizziamo ogni giorno nella nostra liturgia. Penso sia una dimostrazione della sua familiarità con noi. Già queste parole dicono il desiderio di valorizzare la nostra comune radice.

    Dopo Montini e Wojtyla si aspetta che anche Papa Ratzinger venga in visita a Gerusalemme?
    Non sono profeta, né figlio di profeta. Ma spero di sì.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    esterno alla massa
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Località
    RDS
    Messaggi
    4,964
    Mentioned
    11 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    2

    Predefinito

    C'è una cosa di cui essere davvero preoccupati.

    E' da qualche anno che in ambienti massonici si accenna, anche se in modo velato, ad ipotesi di unificazione delle tre religioni monoteistiche.
    Per riuscire in tale scopo è necessario far passare l'idea che Gesù non sia il figlio di Dio ma solo un semplice profeta terreno.
    Una volta che si riesce a far passare questa tesi il passo per considerarlo un impostore sarà breve.
    E i tentativi e i lavaggi del cervello per suggestionare le masse europee in tal senso non mancano: tra tutti il libro "il codice da vinci" (è già pronto un film).

    E' evidente che una simile ipotesi implicherebbe il disfacimento dell'identità europea e il via libera all'impero unico mondiale.

    Le mani degli USA sul medio-oriente (vedi la guerra in Iraq) hanno sicuramente qualcosa a che fare con questo tipo di cospirazione.

    In questo contesto ricordiamoci sempre della saggezza di KOMEINI (che io ammiro tantissimo anche se non è della mia religione) quando coniò l'espressione "il grande Satana".

  3. #3
    Totila
    Ospite

    Predefinito

    Originally posted by Galois
    C'è una cosa di cui essere davvero preoccupati.

    E' da qualche anno che in ambienti massonici si accenna, anche se in modo velato, ad ipotesi di unificazione delle tre religioni monoteistiche.
    Per riuscire in tale scopo è necessario far passare l'idea che Gesù non sia il figlio di Dio ma solo un semplice profeta terreno.
    Una volta che si riesce a far passare questa tesi il passo per considerarlo un impostore sarà breve.
    E i tentativi e i lavaggi del cervello per suggestionare le masse europee in tal senso non mancano: tra tutti il libro "il codice da vinci" (è già pronto un film).

    E' evidente che una simile ipotesi implicherebbe il disfacimento dell'identità europea e il via libera all'impero unico mondiale.

    Le mani degli USA sul medio-oriente (vedi la guerra in Iraq) hanno sicuramente qualcosa a che fare con questo tipo di cospirazione.

    In questo contesto ricordiamoci sempre della saggezza di KOMEINI (che io ammiro tantissimo anche se non è della mia religione) quando coniò l'espressione "il grande Satana".

    Temo che l'unificazione delle tre religioni del Libro, come amano chiamarle, sarà lunga e dolorosa. E non avverrà. Perchè se avvenisse, sarebbe la fine della Chiesa e della Speranza.

 

 

Discussioni Simili

  1. Manipolazioni Rabbiniche
    Di Miles nel forum Destra Radicale
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 30-12-10, 23:23
  2. Pure le scuole rabbiniche hanno a che fare con la pedofilia ...
    Di Augustinus nel forum Tradizionalismo
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 23-03-10, 00:32
  3. Risposte: 13
    Ultimo Messaggio: 26-08-08, 21:47
  4. o le radici siamo noi, o altre radici non esistono
    Di Caterina63 nel forum Cattolici
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 16-06-05, 19:12
  5. Ratzinger ...
    Di Vahagn nel forum Esoterismo e Tradizione
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 04-10-03, 22:42

Chi Ha Letto Questa Discussione negli Ultimi 365 Giorni: 0

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226