User Tag List

Risultati da 1 a 10 di 10
  1. #1
    Registered User
    Data Registrazione
    13 Mar 2002
    Località
    Verona
    Messaggi
    2,066
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Immigrazione: USA e Europa. Cosí vicini, cosí lontani...

    Sono 3,140 i km che separano il Messico dagli Stati Uniti. Peró in realtá questa non é una frontiera ma solo una linea tracciata su una mappa. Ogni giorno un milione di persone passa la non-frontiera legalmente, quasi altrettanti illegalmente. Trailers e camion trasportano milioni e milioni di dollari in mercanzia priva di permessi e di "sospetta" origine. A fiumi scorre la droga che dalla Colombia, attraverso ponti governativi, approvigiona i consumatori a stelle e strisce. Eppure lo spettacolo del teatrino repubblicano continua a far rullare i tamburi: il gvernatore dello Stato del New Mexico Bill Richardson dichiara lo stato d' emergenza perché i narcos mietono vittime e minacciano la sua polizia. In Arizona ogni giorno arrestano 3,000 illegali (immaginiamoci quanti sono quelli che passano) e un fenomeno di diputato propone un muro lungo il confine del suo stato...di 548 km su 3,140...
    Oggi come non mai gli USA si trovano a fare i conti con le loro politiche scellerate verso i paesi sudditi e le farneticazioni sulla societá multirzziale che essi avrebbero forgiato secondo ben definiti piani.
    L' immigrazione che oggi li invade non cerca piú l' integrazione come 20 anni fa: oggi hanno enclave, quartieri e in essi si concentrano, mantengono la loro lingua, usi, costumi, la cucina.
    E rispetto a ventanni fa la nuova ondata migratoria é piú "affamata", cresciuta nel sottosviluppo sociale cronico che gli stessi USA hanno imposto a tutta l' America Latina attraverso regimi dittatoriali criminali e corrotti mentre oggi appoggiano pseudodemocrazie ancor piú corrotte che secondo i dettami del FMI e della Banca per lo Sviluppo aumentano il debito pubblico per dare piú interessi, direttamente o indirettamente, a Washington. Cosí oggi tra gli immigrati il tasso di delinquenti o potenziali "in qualche modo ce la caveremo" cresce a dismisura.
    La schizofrenia assiologica di Bush e dei suoi mentecatti consiglieri propone una doppia politica: da una parte intransigenza e crescente chiusura delle frontiere e dall' altra permette che entri di tutto: braccia a buon prezzo per l' economia californiana e non solo, droga che spesso é la stessa DEA a scortare (se non venirla direttamente a prendere, come successe qui in El Salvador 4 mesi fa) e contrabbando d' ogni genere.
    Risultato? Il caos totale e una seria ipoteca sulla pace sociale di domani.
    L' Europa é sullo stesso cammino, con una grande differenza peró: che arriverá il giorno che gli yankee diranno basta sul serio e la frontiera la sigilleranno. Allora i milioni di latinoamericani punteranno sull' Europa dove notoriamente l' imbecillitá politica e strategica dei governanti non ha eguali.

    Paolo

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    piemonteis downunder
    Data Registrazione
    20 Mar 2002
    Località
    sydney
    Messaggi
    3,615
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Paolo, cosa ne dici tu del CAFTA? Mi piacerebbe
    avere la tua opinione di testimone diretto. Pensi che servira'
    a qualcosa per lo sviluppo di quei paesi? Sara' di aiuto al commercio?
    Abbassera' i salari dei lavoratori USA? La gente li' da quelle
    parti che ne dice?

  3. #3
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    15,614
    Mentioned
    10 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito

    In origine postato da Wotan


    L' Europa é sullo stesso cammino, con una grande differenza peró: che arriverá il giorno che gli yankee diranno basta sul serio e la frontiera la sigilleranno. Allora i milioni di latinoamericani punteranno sull' Europa dove notoriamente l' imbecillitá politica e strategica dei governanti non ha eguali.

    Paolo
    Quando una società antepone il dio denaro a ogni altro valore etico e morale, non si può che scendere verso un abisso e un degrado che non hanno fine.
    Il fine ultimo di ogni azione è quello di guadagnare di più, sempre, comunque, dovunque a qualunque costo e con ogni mezzo; lecito o illecito, tanto che persino la schiavitù, la vita di un uomo o la guerra preventiva, diventano cose del tutto accettabili agli occhi di costoro e di tutti quelli che approvano e plaudono a quel tipo di società ormai in piena crisi di identità e matura per implodere.
    Conosco poco degli Stati Uniti, ma provai un grande sgomento allorché una trentina di anni fa durante un soggiorno, visitando alcune grandi metropoli, mi consigliarono che era meglio non inoltrarsi in quel quartiere perché c'erano i negri, nemmeno in quell'altro perché c'erano i portoricani, i cinesi erano particolari ed era meglio non fidarsi; sai disse l'accompagnatore, può succedere che se vaghi di notte da solo, per derubarti ti infilano un coltello nella schiena e la polizia manco viene a vedere.........
    Chiesi al mio interlocutore se quei quartieri erano da considerarsi ancora a sovranità degli USA o no; mi rispose con assoluta freddezza che la cosa non era poi così importante.
    Quella società derelitta mi disse, era funzionale all'interesse di QUALCUNO che rappresentava una infima frazione della società complessiva..........
    Passato lo sconcerto mi rallegrai pensando che quella allucinante deriva, era il frutto marcio di quel mondo e che mai la vecchia Europa avrebbe vissuto tali problematiche.......

  4. #4
    Registered User
    Data Registrazione
    13 Mar 2002
    Località
    Verona
    Messaggi
    2,066
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    CAFTA o TLC (tratado de libre comercio) é il trattato che legherá gli USA con Nicaragua, Costa Rica, Honduras, Repubblica Dominicana, Guatemala e il povero mio El Salvador. Entrerá in vigore il 1º gennaio. Secondo i repubblicani sará un inimmaginabile successo: libera circolazione delle merci senza problemi di tasse e dogane. Questo tipo di competenza meritocratica arricchirá americani e centroamericani. Viva il neoliberismo senza regole, dove tutti possono fare quelche vogliono.
    Balle. Ma balle grandi e grosse.
    Quello che i 6 paesi centroamericani esportano negli Usa in un anno equivale a quello che esporta la Cina sempre negli USa, in un mese peró.
    Il Trattato no é stato mai "trattato", discusso; Bush lo ha imposto con il "prendere o vi fotto" (blocco tutti i prestiti che chiederete a qualunque organismo internazionale). Per lui in realtá il CAFTA ha solo una valenza politico ideologica per avanzare nell' imposizione dogmatica dell' agenda ultraneoliberista che i vari governi dovranno adottare e nello stesso tempo gli si garanti9sce che potranno continuare a contrarre debito pubblico grazie a rispetto di tali posizioni.
    L' agricoltura USA sará quella che soffrirá meno perché l' accordo non "trattato" dice che solo gli USA possono sovenzionare e usare forme protezioniste in tale campo.
    Le capacitá d' esportazione di qualunque merce o prodoitto da parte di imprese centroamericane é praticamente nulla: mancano mezzi, tecnologia, investimenti. E secondo i dettami USA i vari stati non devono intervenire per aiutare le imprese a migliorare i loro standard. E quindi come potranno essere un giorno competitive? Ma il gioco é essenzialmente questo: gli Stati Uniti saranno gli unici a beneficiarsi della nuova situazione: le transnazionali (tutte americane o quasi) con costi di produzione piú bassi faranno sparire tutte le imprese nazionali gutemalteche, honduregne, salvadoregne...tranne qualche consorteria di impresa farsa di tali paesi che negozió direttamente con loro.
    Come? Le grandi imprese dei paesi centroamericani controllano i partiti di governo (i quali sono di esse emanazione): la loro politica ultraneoliberista asservita a Washington si base su "vero accordo": le loro imprese fasulle retano in piedi e a cambio fanno privatizzare allo Stato tutto, dalla sanitá alle pensioni, dalla luce all' acqua. E chi compra tra megatangenti e appalti di pulcinella: imprese USA. Le quali poi impongono agli stessi imprenditori/politici centroamericani di non permettere leggi sindacali, difese del consumatore, controllo del costo del paniere, zero legislazione seria in meteria di prevenzione sociale e lavaorale. E cosí ad esempio qui in El Salvador dove il salario minimo é 143 dollari al mese, l' elettricitá é piú cara che in Europa.
    Perché? Perché lo decide l' impresa e il "libero fluttuare dei prezzi glielo permette". E la concorrenza? Americani e imprese nazionali farsa son in perfetta sintonia: il loro é un libero commmercio ancorato a monopoli intoccabili.
    Le piccole e medie imprese del centroamerica saranno distrutte, l' agricoltura pure. Si prevede che verranno persi, solo in El Salvador, 300 mila posti di lavoro nel primo anno. Peró aariveranno gli investimenti ci dice la destra! Sí, le famose "maquillas" dove si assemblano vestiti: 3 dollari al giorno, nessuna assicurazione sanitaria o pensionistica (gli imprenditori yankee non vogliono sti fastidi) e libertá di cacciarti in qualunque momento. Eureka il mercato é libero! Lo stato salvadoregno dal canto suo non deve battere ciglio, limitarsi a vedere e tacere (giá la stecca l' ha presa).
    É chiaro che con ste premmesse la povertá crescerá in forma esponenziale e di conseguenza l' immigrazione...e ti diró che spero che tanti disperati creino un mondo di incubi una volta arrivati da illegali in terra a stelle e strisce. Perché il CAFTA, cosí come lo hanno partorito, é una porcheria.

  5. #5
    PADANIA LIBERA!
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Piemonte
    Messaggi
    4,497
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    In origine postato da Maxadhego
    Quando una società antepone il dio denaro a ogni altro valore etico e morale, non si può che scendere verso un abisso e un degrado che non hanno fine.
    Il fine ultimo di ogni azione è quello di guadagnare di più, sempre, comunque, dovunque a qualunque costo e con ogni mezzo; lecito o illecito, tanto che persino la schiavitù, la vita di un uomo o la guerra preventiva, diventano cose del tutto accettabili agli occhi di costoro e di tutti quelli che approvano e plaudono a quel tipo di società ormai in piena crisi di identità e matura per implodere.
    Conosco poco degli Stati Uniti, ma provai un grande sgomento allorché una trentina di anni fa durante un soggiorno, visitando alcune grandi metropoli, mi consigliarono che era meglio non inoltrarsi in quel quartiere perché c'erano i negri, nemmeno in quell'altro perché c'erano i portoricani, i cinesi erano particolari ed era meglio non fidarsi; sai disse l'accompagnatore, può succedere che se vaghi di notte da solo, per derubarti ti infilano un coltello nella schiena e la polizia manco viene a vedere.........
    Chiesi al mio interlocutore se quei quartieri erano da considerarsi ancora a sovranità degli USA o no; mi rispose con assoluta freddezza che la cosa non era poi così importante.
    Quella società derelitta mi disse, era funzionale all'interesse di QUALCUNO che rappresentava una infima frazione della società complessiva..........
    Passato lo sconcerto mi rallegrai pensando che quella allucinante deriva, era il frutto marcio di quel mondo e che mai la vecchia Europa avrebbe vissuto tali problematiche.......
    Veramente anche in Padania,anzi,ovunque si lavora per "il dio denaro"...nemmeno i preti lavorano "a gratis".
    E riguardo alle situazioni dei quartieri a rischio delle grandi metropoli...beh,succede purtroppo la stessa cosa in Padania nei quartieri delle grandi città,a densità meridionale e extracomunitaria in genere.
    Non è che vedo grandi differenza con gli Usa.Mi sembra che la vecchia europa sia messa peggio di loro...anzi,la società multirazziale negli Usa è nata grazie agli europei.
    Saluti Padani

  6. #6
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    15,614
    Mentioned
    10 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito

    In origine postato da Wotan


    É chiaro che con ste premmesse la povertá crescerá in forma esponenziale e di conseguenza l' immigrazione...e ti diró che spero che tanti disperati creino un mondo di incubi una volta arrivati da illegali in terra a stelle e strisce.
    Le profonde contraddizioni esploderanno perché vogliono almeno due cose contemporaneamente: impoverire quanto più possibile l'intero pianeta, ma pretendere che ci siano miliardi di grandi consumatori.
    Botte piena e moglie ubriaca............
    duraminga.....

  7. #7
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    15,614
    Mentioned
    10 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito

    In origine postato da Wyatt Earp
    Veramente anche in Padania,anzi,ovunque si lavora per "il dio denaro"...nemmeno i preti lavorano "a gratis".
    E riguardo alle situazioni dei quartieri a rischio delle grandi metropoli...beh,succede purtroppo la stessa cosa in Padania nei quartieri delle grandi città,a densità meridionale e extracomunitaria in genere.
    Non è che vedo grandi differenza con gli Usa.Mi sembra che la vecchia europa sia messa peggio di loro...anzi,la società multirazziale negli Usa è nata grazie agli europei.
    Saluti Padani
    Leggi con più attenzione i miei post per favore.
    Quello che ho visto negli USA 30 anni fa, era ancora fantascienza per l'Europa.
    Poi siamo stati così bravi che li abbiamo imitati............

  8. #8
    Registered User
    Data Registrazione
    13 Mar 2002
    Località
    Verona
    Messaggi
    2,066
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    In origine postato da Maxadhego
    Leggi con più attenzione i miei post per favore.
    Quello che ho visto negli USA 30 anni fa, era ancora fantascienza per l'Europa.
    Poi siamo stati così bravi che li abbiamo imitati............
    Piú cha altro preoccupa certo servilismo e mancanza di carattere propria degli europei davanti al fenomeno USA. Sono ancora troppi coloro che il faro della civiltá Occidentale o per lo meno il miglior mondo possibile lo vedono nel sistema nordamericano. Il limite di tale affermazione sta in due punti chiave; dover accettare questo come un dogma perché metterlo in discussione potrebbe rappresentare un ' "Eresia" non immune a ritorsioni, e secondo la miseria intellettuale degli europei non sinistrodeficenti nel tentare di essere meno asserviti a tale imposizione.

    Paolo

  9. #9
    Simply...cat!
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Brescia,Lombardia,Padania
    Messaggi
    17,080
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Immigrazione: USA e Europa. Cosí vicini, cosí lontani...

    In origine postato da Wotan
    Sono 3,140 i km che separano il Messico dagli Stati Uniti. Peró in realtá questa non é una frontiera ma solo una linea tracciata su una mappa. Ogni giorno un milione di persone passa la non-frontiera legalmente, quasi altrettanti illegalmente. Trailers e camion trasportano milioni e milioni di dollari in mercanzia priva di permessi e di "sospetta" origine. A fiumi scorre la droga che dalla Colombia, attraverso ponti governativi, approvigiona i consumatori a stelle e strisce. Eppure lo spettacolo del teatrino repubblicano continua a far rullare i tamburi: il gvernatore dello Stato del New Mexico Bill Richardson dichiara lo stato d' emergenza perché i narcos mietono vittime e minacciano la sua polizia. In Arizona ogni giorno arrestano 3,000 illegali (immaginiamoci quanti sono quelli che passano) e un fenomeno di diputato propone un muro lungo il confine del suo stato...di 548 km su 3,140...
    Oggi come non mai gli USA si trovano a fare i conti con le loro politiche scellerate verso i paesi sudditi e le farneticazioni sulla societá multirzziale che essi avrebbero forgiato secondo ben definiti piani.
    L' immigrazione che oggi li invade non cerca piú l' integrazione come 20 anni fa: oggi hanno enclave, quartieri e in essi si concentrano, mantengono la loro lingua, usi, costumi, la cucina.
    E rispetto a ventanni fa la nuova ondata migratoria é piú "affamata", cresciuta nel sottosviluppo sociale cronico che gli stessi USA hanno imposto a tutta l' America Latina attraverso regimi dittatoriali criminali e corrotti mentre oggi appoggiano pseudodemocrazie ancor piú corrotte che secondo i dettami del FMI e della Banca per lo Sviluppo aumentano il debito pubblico per dare piú interessi, direttamente o indirettamente, a Washington. Cosí oggi tra gli immigrati il tasso di delinquenti o potenziali "in qualche modo ce la caveremo" cresce a dismisura.
    La schizofrenia assiologica di Bush e dei suoi mentecatti consiglieri propone una doppia politica: da una parte intransigenza e crescente chiusura delle frontiere e dall' altra permette che entri di tutto: braccia a buon prezzo per l' economia californiana e non solo, droga che spesso é la stessa DEA a scortare (se non venirla direttamente a prendere, come successe qui in El Salvador 4 mesi fa) e contrabbando d' ogni genere.
    Risultato? Il caos totale e una seria ipoteca sulla pace sociale di domani.
    L' Europa é sullo stesso cammino, con una grande differenza peró: che arriverá il giorno che gli yankee diranno basta sul serio e la frontiera la sigilleranno. Allora i milioni di latinoamericani punteranno sull' Europa dove notoriamente l' imbecillitá politica e strategica dei governanti non ha eguali.

    Paolo

    Si però dai...diamoci un taglio con sta storiella che l'America Latina è messa com'è messa solo per colpa degli USA.
    Basta demagogia please.

  10. #10
    Registered User
    Data Registrazione
    13 Mar 2002
    Località
    Verona
    Messaggi
    2,066
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Re: Immigrazione: USA e Europa. Cosí vicini, cosí lontani...

    In origine postato da Dragonball
    Si però dai...diamoci un taglio con sta storiella che l'America Latina è messa com'è messa solo per colpa degli USA.
    Basta demagogia please.
    Caro Dragon, anch' io prima di venire a viverci e vedere con i miei occhi ero uno di quelli che dicevano "Finiamola con la cantilena, tipica dei comunisti, USA colpevoli di tutti i mali"...oggi dopo 3 e rotti anni di d' esperienza in uno dei paesi-colonia di Washington mi sento di dire che la propaganda anti-yankee non é frutto della frustrazione ideologica dei pur frustrati kompagni.
    Guarda, quando un paese come El Salvador (realtá che conosco a mena dito), sotto elezioni presidenziali riceve la visita del segretario USA per l' America Latina (un anno fa, Noriega) il quale senza tanti rigiri dice alla popolazione che solo votando un certo candidato potranno continuare a ricevere i soldi che i loro parenti gli mandano dagli USA, perché se vince chi non piace a Washinton potrebbero le banche americane bloccare quei soldi (balla clamoroso e svergognata)...e che gli Stessi Usa chiederebbero alle varie banche per lo Sviluppo del continente (che essi controllano) di non erogare aiuti...si chiama: PALESE VIOLAZIONE DELLA SOVRANITÄ NAZIONALE, RICATTO, ESTORSIONE della volontá popolare condita da una cortina di MENZOGNE.

    Quando ci sono appalti pubblici che il governo ritarda a non finire per stancare le imprese (nazionali e della regione) (Caso del porto di Acajutla e di quello de la Union) affinché a spartirsi la torta siano i pochi che resistono (imprese USA) potendo tranquillamente pianificare nell' attesa mazzette e non regole da non rispettare....

    Quando, nel caso della lotta-farsa al narcotraffico, si ripetono casi
    in cui la DEA preleva carichi ed equipaggi misti americanosalvadoregni in acque territoriali salvadoregne senza permesso, depistando la marina nazionale senza poi dar notiizie su quel che é successo...

    Quando nelle 200 e rotte piste aeree private, nei ranchos di deputati e ricchi impresari (amici culo e camicia con impresari e diputati repubblicani sopratutto), velivoli USA imponendo il silenzio alle autoritá entrano ed escono...e sappiamo tutti che la droga che viene dalla Colombia da qui esce via aria....

    Quando lo stato salvadoregno chiede prestiti per costruire strade (altro non fa) e puntualmente ne affida tale costruzione a imprese americane nella maggior parte delle volte...e ci dice che lo sviluppo sta nei lavoratori nazionali che queste contrattano a 6$ al giorno senza nessuna prestazione sociale...

    Quando nel 2001 una cricca di banditi-speculatori ammanicati con Wahington e con i politici di qui impongono la dollarizzazione dell' economia che, realtá evidente oggi, é solo servita ad affossare ulteriormente il paese e a rendere ancor pioú ricche certe consorterie, sopratutto nordamericane, suppostamente impresariali...

    Quando la privatizzazione che gli USA hanno imposto al governo si é trasformata in una vendita da mercatino delle pulci anche di imprese sane a imprese che gratta gratta sono a capitale USA con qualche prestanome...e tale vendita é stata in realtá un regalo con guadagni nulli per le casse dello stato...e quando i nuovi compratori impongono alla politica nazionale di non emettere nessuna legge che limiti ogni tipo di abuso a danni delo consumatore...

    Quando le imprese USA che vengono ad aprire fabbriche di assemblaggio vestiti (maquillas) dettano le condizioni (sempre accettate): che lo stato salvadoregno non emani o sostenga nessun tipo di legislazione lavorale; che non si dia seguito a eventuali denunci di abusi (ma arrivate a un tribunale); che le autoritá faccian finta di vedere che a nessun lavoratore si concedono i minimi servizi sociali -zero contributi, zero assistenza infortuni, zero ambiente di lavoro salubre, non si pagano di piú le ore extra e ti si caccia quando si vuole...per 3,4$ al giorno quando le stime dicono che servono almeno 600$ per coprire il fabbisogno del paniere...

    etc, etc, etc

    ...se mi dici che questa é propaganda, mi arrendo. Se é vero che i latinoamericani non son tedeschi questo non basta a definire "demagogia anti-USA" certa poltica-economica degna del peggior sciacallaggio piratesco.

    Paolo

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 16-04-12, 14:21
  2. Più lontani dal Nord e più vicini a Roma...
    Di LucaBI nel forum Padania!
    Risposte: 84
    Ultimo Messaggio: 16-11-08, 13:54
  3. Risposte: 10
    Ultimo Messaggio: 13-07-08, 16:58
  4. Stato ed Ecomafia: così distanti, eppure così vicini
    Di x_alfo_x nel forum Regno delle Due Sicilie
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 05-06-08, 18:45
  5. Ma come mai i Kom del 2.000 sono così vicini alla Patria?
    Di PINOCCHIO (POL) nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 12
    Ultimo Messaggio: 26-10-02, 15:27

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226