User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 17
  1. #1
    PADANIA LIBERA!
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Piemonte
    Messaggi
    4,497
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Finalmente i cessi sociali...

    ...ne hanno fatta una giusta!

    dall'Arena:

    Hanno abbandonato il campo di Boscomantico, dove hanno vissuto per due anni, e sono giunti in città
    I nomadi si barricano in chiesa
    A rischio espulsione, gli zingari hanno occupato San Tomaso
    I centri sociali appoggiano la protesta di una cinquantina di Rom

    Hanno abbandonato il campo di Boscomantico, dove vivevano da due anni, in anticipo rispetto alla scadenza ultimativa - imposta da Roma - del 31 agosto per evitare il decreto d’espulsione dall’Italia e in fila indiana, lentamente, ieri sera si sono diretti nella chiesa di San Tomaso Becket, di fronte a Ponte Nuovo. «Vediamo se ci cacceranno anche dalla casa del Signore», dice a nome di tutti Lidia, donna Rom di un’età indefinita, che stringe al petto una creatura che potrebbe esserle sia figlio sia nipote. Sono una cinquantina, di cui 40 bambini dai due mesi agli otto anni, gli zingari di origine rumena che ieri sera hanno pacificamente occupato la chiesa cittadina, cogliendo di sorpresa il parroco, don Carlo Vinco, che pure è abituato a condividere le sofferenze e le peripezie degli ultimi. «Perchè hanno scelto la mia chiesa?», si domanda don Carlo, «probabilmente perché credevano di trovare in me un amico. Lo sono, per carità, ma se mi avessero avvisato prima avremmo potuto gestire la situazione in maniera diversa. In chiesa non c’è un bagno, il più vicino è nella sagrestia e per arrivarci bisogna attraversare la strada. Come faranno con i bambini? E come faranno a bere e a mangiare? Sono sconcertato e il vescovo, che si tiene in continuo contato con il prefetto, lo è più di me. Ma non posso cacciarli. Se la loro presenza rappresenta un problema di ordine pubblico, non sta certo a me decidere di farli uscire dalla chiesa. Possono dormire qui, stanotte. Chi non c’entra con loro però se ne deve andare». Nel momento in cui andiamo in stampa, le famiglie Rom sono ancora accampate nella chiesa. «Non ci muoviamo di qui finché non ci trovano un posto in cui andare a dormire», afferma con tono perentorio Lidia, mentre le altre mamme-bambine fanno capannello attorno all’anziana del gruppo. A lei come a tutte le donne maritate della piccola comunità zingara brillano un paio di denti d’oro in bocca, nell’arcata superiore. «È la caratteristica della nostra gente», spiega un’adolescente che allatta una creatura di pochi mesi, «quando la donna si sposa deve farsi i due incisivi d’oro. Chi può anche quattro». Una nota di colore in tanta miseria e disperazione. Nell’atrio della chiesa, sul lato destro, gli zingari hanno accatastato le loro povere cose, ciò che resta di sei anni trascorsi nella nostra città. Gli ultimi due nella baraccopoli di Boscomantico. Si fa avanti un uomo, occhi e baffi scurissimi, che culla il proprio figlioletto: «Siamo arrabbiati, ci hanno preso in giro tutti quanti», si infervora, «il Comune prima manda a scuola i nostri figli, ci promette una sistemazione e poi ci dice che entro tre giorni dobbiamo lasciare il campo. Non si trattano così le persone, è indegno». «La mia storia è ancora più incredibile», s’intromette una ragazza. «Sono minorenne e ho una bimba di pochi mesi. La polizia mi ha detto che posso tornare al campo, con la bambina, ma senza mio marito. Il Comune però dice che fra due giorni comunque mi faranno andare via da Verona e dall’Italia. Cosa devo fare? Voglio un posto dove andare a dormire, con mia figlia e mio marito». A indirizzare gli zingari rumeni nella chiesa di San Tomaso sono stati i ragazzi e le ragazze del Centro sociale la Chimica e del movimento antirazzista che da tempo seguono le loro vicende. Spiega a nome di tutti Francesca Bragaja: «Perché siamo arrivati all’occupazione della chiesa? Non c’era altra possibilità. Sono disperati e ci hanno chiesto di poter raccontare almeno la loro storia, di non diventare invisibili, dopo che per mesi sono stati imbrogliati e privati della loro dignità. Li hanno illusi, inserendoli nel progetto del Comune, per poi concedere loro tre giorni di tempo per andarsene. Senza una spiegazione». «Non mangeremo fino a quando non ci daranno un tetto», ribadisce Lidia. Che però non si tira indietro di fronte ai piatti caldi inviati dai compagni della vicina Festa in rosso. A una certa ora, don Carlo invita gli estranei a uscire. Nella chiesa trasformata in dormitorio restano loro, i sans papier giunti dalla Romania.



    Finalmente!
    Tutti i rom e i clandestini dovrebbero essere mandati nelle chiese e nei conventi.
    Del resto i preti sono sempre favorevoli all'immigrazione,all'aiutare gli immigrati,eccecc...dunque,che li aiutino loro!
    Almeno le chiese torneranno piene
    Saluti Padani

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    l'è na val che se brusa
    Data Registrazione
    09 Apr 2004
    Località
    Sanctum Johannem ad lupum totum
    Messaggi
    6,974
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Beh, il prete è incazzato nero, molto più di quello che traspare dall'articolo: in tv, nel tg locale, ha parlato apertamente di "atto di violenza". Comunque le considerazioni sulla carità cristiana le lascio a voi.
    Curioso notare come ai ragazzi del centro sociale La Chimica non sia nemmeno passato per l'anticamenra del cervello la possibilità di ospitare gli zingari nella struttura che occupano abusivamente. Davvero curioso.
    Da sottolineare l'arroganza di questa gente: loro hanno solo diritti, nessun dovere. Il Comune DEVE fornire loro un tetto sotto il quale dormire, il Comune DEVE insegnare loro un lavoro e DEVE procurarglielo. Altrimenti si rischia di passare per razzisti...

  3. #3
    Veneta sempre itagliana mai
    Data Registrazione
    06 Mar 2002
    Località
    '' E' in gran parte merito di Luca Cordero di Montezemolo se la Juventus non si rivolse ai tribunali ordinari '' (Joseph S. Blatter - Presidente F.I.F.A. - Dicembre 2007)
    Messaggi
    63,122
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito

    raga...qui c'è da discutere su questi dati....questo è quello che mi pare allucinante.....

    Sono una cinquantina, di cui 40 bambini dai due mesi agli otto anni, ,

  4. #4
    Indipendentista
    Data Registrazione
    08 Mar 2002
    Località
    veneto
    Messaggi
    925
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Mi sono quasi commosso leggendo l'articolo....
    Ma quel campo nomadi, forse sbaglio, è quello di cui si è parlato qualche mese fà a riguardo della pedofilia e quello per cui sono stati denunciati i leghisti?

    scusate 50 ROM , 40 bambini e 10 donne: gli uomini dove sono? forse in giro per qualche villetta?
    tutti nelle chiese! anzi tutti in vaticano!

  5. #5
    l'è na val che se brusa
    Data Registrazione
    09 Apr 2004
    Località
    Sanctum Johannem ad lupum totum
    Messaggi
    6,974
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Seconda notte di bivacco nella chiesa di San Tomaso per i Rom che hanno lasciato Boscomantico
    «O viene il sindaco o restiamo qui»
    Ultimatum a Zanotto: «Ci dica in faccia che non può aiutarci»
    Quattro coppie ammesse nel nuovo campo: documenti in regola


    di Paola Colaprisco



    Sono scesi da 50 a 40 gli zingari di origine rumena, di cui la metà bambini, che dall’ora di cena di lunedì vivono accampati nella chiesa di San Tomaso Becket, in centro. Per dieci di loro, quattro coppie di adolescenti con figlioletti al seguito e un paio in arrivo, ieri pomeriggio verso le 18 si sono "magicamente" aperte le porte della baraccopoli di Boscomantico 2. A rendere possibile la magia, la circostanza che i Rom sono in possesso dei permessi di soggiorno richiesti dalla legge Bossi-Fini. Così, dopo aver appreso la bella novità da un dirigente della questura, hanno salutato i connazionali e in macchina, accompagnati da alcuni ragazzi del centro sociale La chimica, hanno raggiunto la loro nuova casa.
    Meglio tardi che mai, si potrà obiettare. Ma si doveva arrivare a 36 ore dalla scadenza dell’ultimatum posto da Roma, e dal conseguente decreto di espulsione dal territorio nazionale, per scoprire che quegli zingari sono in regola?
    La circostanza ha acuito la tensione tra i Rom, che hanno lanciato un ultimatum al sindaco, Paolo Zanotto. «Non ce ne andiamo di qui», ha detto a nome del gruppo la signora Lidia, «fino a quando il sindaco non verrà qui, a dirci in faccia che non può fare nulla per noi. Che venga qui a spiegarci perché siamo stati esclusi dal progetto del Comune, dopo che i nostri figli si sono diplomati nelle scuole del Comune. Che abbia il coraggio di affrontarci e di confrontarsi con noi, perché siamo persone, non oggetti da spostare da un angolo all’altro della città».
    Rendersi visibili dopo anni di difficile, tormentato anonimato: è questo il motivo del blitz dei Rom, curato nella regia dai ragazzi e dalle ragazze del centro sociale La chimica e del movimento antirazzista, che si sono presi cura di loro e li accudiscono. Spiega Francesca Bragaja: «L’occupazione della chiesa è stata una scelta obbligata, dopo che queste famiglie hanno saputo che dovevano essere in regola con i documenti per essere ammessi nel nuovo campo di Boscomantico. Per quale motivo le associazioni cui il Comune ha delegato la gestione del campo Rom sono riuscite a far ottenere i documenti a una sola persona? C’è qualcosa che non quadra, qualcuno dovrà renderne conto. È mancata la mediazione fra il Comune e i nomadi, abbandonati a se stessi».
    Un giovane rumeno, con i jeans firmati e sdruciti come vuole la moda, cellulare multimediale in tasca, racconta la sua personale odissea. «Vivevo nel campo della Spianà. Stavamo bene, il Comune ci aveva dato lo spazio, promettendoci che di lì a poco qualcuno ci avrebbe aiutato a ottenere i documenti. Ci mantenevamo da soli, non abbiamo mai chiesto niente a nessuno. Poi un bel giorno ci hanno cacciati. Ho vissuto con mia moglie quattro mesi sotto un ponte, alle intemperie, prima di poter entrare a Boscomantico. Vi faremo avere i documenti, ci hanno promesso ancora una volta gli uomini del Comune. Invece ci hanno cacciato, un’altra volta. Cancellando in un momento quello che eravamo riusciti a costruire».
    «È la contraddizione della legge Bossi-Fini», dice Filippo, del centro sociale, «e crediamo che i veronesi debbano interrogarsi se sia il caso di permettere a questa gente di emergere dalla irregolarità o piuttosto di caricarli su un aereo e rispedirli in Romania, da dove sono fuggiti per evitare il carcere».
    La chiesa di San Tomaso, nel frattempo, è diventata un bivacco. Coperte a mo’ di materasso sono state distese persino ai piedi di un altare laterale. I bimbetti corrono a piedi scalzi, divertendosi a scivolare sul marmo lustro. Qualche mamma-bambina sonnecchia sulle panche.
    Gli adulti se ne stanno fuori, seduti su due panchine, a fumare e a parlare al cellulare con parenti e amici. La polizia osserva da lontano, pronta a intervenire in ogni momento.
    Ma in quella gente c’è rassegnazione dignitosa, non voglia di fare polemiche. I veronesi? Osservano da lontano, pochi si fermano. Qualcuno, però, ha fatto arrivare in sacrestia abitini di ricambio per quelle creature dagli occhi scuri e i piedi neri.




    © Copyright 2003, Athesis Editrice S.p.A. - Tutti i diritti riservati - [Credits]


    Rido per non piangere.
    (Il numero di bambini si è sgonfiato da un giorno all'altro...)

  6. #6
    Forumista senior
    Data Registrazione
    14 Jan 2013
    Località
    tra la dorica e la dotta.
    Messaggi
    4,619
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Visto che sono zingari rumeni la soluzione è una sola, rimandarli immediatamente in Romania. Altro che rompere le balle a casa nostra. Magari unendo a loro qualche sfaticato nostrano.

  7. #7
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    15,394
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito

    In origine postato da DiegoVerona



    di Paola Colaprisco

    «È la contraddizione della legge Bossi-Fini», dice Filippo, del centro sociale, «e crediamo che i veronesi debbano interrogarsi se sia il caso di permettere a questa gente di emergere dalla irregolarità o piuttosto di caricarli su un aereo e rispedirli in Romania, da dove sono fuggiti per evitare il carcere».

    Allora sono fuggiti dalla Romania per evitare il carcere?
    Se è così guai a rimandarli indietro, argomenta Filippo, teniamoceli e che i veronesi si interroghino........

  8. #8
    Moderatore
    Data Registrazione
    12 Apr 2002
    Località
    parma
    Messaggi
    3,105
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Art. di Paola Colaprisco..


    .....È la contraddizione della legge Bossi-Fini», dice Filippo, del centro sociale, «e crediamo che i veronesi debbano interrogarsi se sia il caso di permettere a questa gente di emergere dalla irregolarità o piuttosto di caricarli su un aereo e rispedirli in Romania, da dove sono fuggiti per evitare il carcere».......

    +++++++++++++++++++++++++++++++++++++++
    Dunque sono fuggiti dalla Romania per SFUGGIRE al carcere, ma tutti i delinquenti comunisti e ex , devono per forza venire in Italia?Stiamo divenendo la discarica dellterzo mondo e ora anche est europeo.
    Ma la colpa guarda caso è della legge BOSSI-FINI che alcuni stronzi di giudici non vogliono attuare ,pura verità!!!!!

  9. #9
    Moderatore
    Data Registrazione
    07 Mar 2002
    Messaggi
    4,076
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    pieno appoggio ai rom naturalmente visto che i preti rompono i coglioni in continuazione con la solidarietà da fare (con i soldi nostri non del vaticano).
    Propongo ai leghisti di Verona di chiedere al prefetto di requisire la residenza del vescovo carraro e di regalarla ai rom.

  10. #10
    PADANIA LIBERA!
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Piemonte
    Messaggi
    4,497
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    In origine postato da Gallo Senone
    Visto che sono zingari rumeni la soluzione è una sola, rimandarli immediatamente in Romania. Altro che rompere le balle a casa nostra. Magari unendo a loro qualche sfaticato nostrano.
    Certe cose capiteranno quando e se la lega avrà il 40%.
    Ma tranquilli che se al governo va prodi e la sinistra,risolveranno il problema zingari.
    Saluti Padani

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. La feccia dei cessi sociali..
    Di Nazionalistaeuropeo nel forum Socialismo Nazionale
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 23-04-11, 14:16
  2. I vigliacchi dei cessi sociali
    Di Nazionalistaeuropeo nel forum Socialismo Nazionale
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 20-04-11, 16:20
  3. i cessi sociali non si smentiscono mai...
    Di Celtic Pride (POL) nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 05-07-06, 21:52
  4. Cessi sociali a Parma...
    Di Hogan nel forum Padania!
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 13-12-03, 21:04
  5. Storiella sui cessi sociali...
    Di Totila nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 17-09-02, 22:21

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226