User Tag List

Visualizza Risultati Sondaggio: Milàn l'è...

Partecipanti
18. Non puoi votare in questo sondaggio
  • ...en gran Milàn

    4 22.22%
  • ...un'effettiva città della terronia

    14 77.78%
Pagina 1 di 3 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 28

Discussione: Milàn l'è...

  1. #1
    Et placata sic ira divina
    Data Registrazione
    28 May 2009
    Località
    Giza Necropolis
    Messaggi
    1,250
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Arrow Milàn l'è...

    ALLO SCRITTORE IL RICONOSCIMENTO PIÙ ALTO DELL’ACCADEMIA DI BRERA
    Saviano: Milano città del Sud
    La Lega: «Va a ciapà i ratt...»
    Lo scrittore dedica il titolo «ai meridionali della città». Castelli: «Basta paternali». Idv: «Parole aberranti»


    MILANO - «Dedico questi riconoscimenti ai meridionali di Milano, che sono poi i veri milanesi». Questo il commento dello scrittore Roberto Saviano alla consegna del titolo di Socio onorario dell’Accademia di Brera e del diploma di secondo livello in Comunicazione e didattica dell’arte, massimo riconoscimento dell’istituto, pari a una laurea honoris causa, premiato dall'Accademia di Brera per il coraggio mostrato nella denuncia della camorra. L'autore di «Gomorra», accompagnato come di consueto da una scorta armata, nel corso della cerimonia ha definito Milano «la più grande città del sud d'Italia». «Quando sento frasi di esponenti politici che invitano il cardinale Tettamanzi a occuparsi di più dei milanesi - ha detto Saviano - penso che forse non sanno chi sono veramente i milanesi». Così lo scrittore ha commentato gli attacchi arrivati nei giorni scorsi all'arcivescovo del capoluogo lombardo da parte del ministro della Lega, Roberto Calderoli. «Ostinarsi a considerare come non milanesi persone come queste arrivate a Milano per lavorare, prima che miope è ignorante».
    LO SFOTTO' DI CASTELLI - «Ma va a ciapà i ratt!», è il milanesissimo commento del viceministro della Lega Nord, Roberto Castelli alle parole dello scrittore: «Poveri milanesi. A furia di chinare il groppone per lavorare, lavorare e lavorare senza pensare ad altro, adesso devono sorbirsi le lezioni e le paternali dell'universo mondo». «L'ultimo maestrino arrivato, di cui sentivamo tanto il bisogno, è l'ennesimo professionista dell'antimafia Saviano, il quale viene da una terra che per condizioni politiche e sociali, sicuramente ha molto da insegnare. Meriterebbe una risposta più secca - conclude il ministro, che a mò di sfottò chiosa: «Siamo a Natale e l'ineludibile bonomia lombarda mi fa soltanto esprimere un invito: 'ma va a ciapà i ratt'».

    IDV: PAROLE ABERRANTI - L'Italia dei Valori definisce «aberranti» le parole di Castelli: «Offendono tutta l'Italia e tutti i cittadini onesti - dice il capogruppo alla Camera Massimo Donadi -. L'esponente leghista si deve vergognare e deve chiedere immediatamente scusa allo scrittore che vive 24 ore su 24 sotto scorta per aver svelato i traffici dei clan». Chiediamo al ministro dell'Interno Maroni di intervenire in difesa di Saviano, simbolo e soprattutto strumento della lotta alla mafia e di chiarire le parole del suo collega di partito. Chiediamo anche al leader della Lega Bossi e ai ministri del Carroccio di dire se condividono le parole del vice ministro. Dopo aver negato la richiesta d'arresto nei confronti di Cosentino questa maggioranza attacca Saviano. Al peggio non c'è mai limite». Per il Pd ha parlato Laura Garavini, capogruppo in commissione Antimafia: «Le dichiarazioni di Castelli contro Saviano, al quale esprimo la solidarietà dei Democratici, sono gravissime. Per la destra chi non è disposto a osannare il governo, sia un magistrato, un giornalista o uno scrittore, deve tacere. Gli insulti di Castelli sono purtroppo lo specchio della politica arrogante del governo Berlusconi».


    Roberto Saviano con il Nobel Dario Fo, che gli ha conferito i riconoscimenti (Infophoto)
    IN DIFESA DELLA COSTITUZIONE - Nel corso dell'affollata cerimonia Saviano - giornalista e scrittore trentenne, diventato un simbolo della lotta contro la mafia sin da quando «Gomorra», da cui è anche stato tratto un film, venne pubblicato nel 2006 - si è anche espresso sull'attualità politica: «Sono quasi certo che gli italiani non permetteranno il cambiamento della Costituzione», ha detto, in replica alle affermazioni rilasciate giovedì mattina dal premier Silvio Berlusconi al congresso del Ppe a Bonn in merito a una revisione della Carta costituzionale. E commentando la bocciatura arrivata mercoledì dal Csm sul ddl per il processo breve - contro il quale si era schierato promuovendo una raccolta di 500mila firme - ha detto: «E' stata una risposta democratica, che difende la Costituzione. Le firme raccolte in questi giorni dimostrano poi che non si trattava di una minoranza rumorosa o fastidiosa ma, anzi, ha rappresentato una risposta democratica che dice che non si possono prendere da soli certe decisioni».



    Roberto Saviano con la pergamena (Photoviews)PROCESSI E PENTITI - A Brera, dove era presente anche il premio Nobel Dario Fo, Saviano ha anche commentato le recenti operazioni di polizia contro la criminalità organizzata: «Maroni sicuramente ha fatto molto nel casertano, quello che ha fatto il ministro non è stato fatto nei governi precedenti. Detto ciò siamo all'inizio. Sarebbe un errore pensare che ciò che è stato fatto rappresenti la sconfitta delle organizzazioni criminali. Bisogna continuare su questa strada». Sull'importanza del ruolo dei pentiti, rispondendo a una domanda sul processo che vede coinvolto a Milano il senatore Marcello Dell'Utri, chiamato in causa dalle dichiarazioni del pentito Spatuzza. «Una cosa importante - ha detto Saviano - è ricordare che i pentiti non fanno accuse, ma sono fondamentali perchè dalle loro dichiarazioni si può arrivare alla verità». Cambiare la legge sui pentiti, come è stato proposto nei giorni scorsi da esponenti del governo, è dunque secondo lo scrittore «molto rischioso». Saviano è intervenuto anche sulle parole del ministro della Giustizia, Angelino Alfano, che nei giorni scorsi aveva invitato i magistrati ad andare meno in tv: «Capisco la necessità del silenzio - ha detto - perchè le Procure tutelino il proprio lavoro ma la luce spesso salva i processi. Appena si sono accese le luci, come nel processo Spartacus, le cose sono andate meglio».
    I LIBRI SULLA MAFIA - L'Accademia ha assegnato il riconoscimento a Saviano «in considerazione del grandissimo contributo da lui portato alla valorizzazione della cultura, nella sua unicità e nelle sue articolazioni» e «per la sua appassionata ricerca e la sua rara capacità di denuncia». Saviano ha detto alla sala gremita che «quando si scrive si subiscono le conseguenze di quello che si scrive e c'è sempre la sensazione di essere soli», ma poi nel corso della premiazione ha anche aggiunto «quando succede un'occasione come questa si percepisce di non essere soli». «Quando ho scritto "Gomorra" - ha poi detto l'autore (alludendo alle dichiarazioni del premier che dichiarò: «Strozzerei chi ha fatto 9 serie de La Piovra e chi scrive libri sulla mafia, ndr)- non avrei mai immaginato tanta ostilità. La cosa che più mi fa male è sentire, in questi giorni, che chi racconta le contraddizioni del proprio Paese lo diffama. E' una cosa gravissima, non bisogna cadere in questa trappola, così si pregiudica la possibilità di cambiare le cose». «E' importante che ci si riunisca per riconoscere il lavoro di Saviano», ha detto Dario Fo.

    L'EXPO E LA MAFIA - Anche a Milano il rischio di infiltrazioni mafiose è forte. Saviano ne ha parlato a proposito dei cantieri dell'Expo 2015. «Negarlo - ha detto - è la prima scelta morale per fare entrare la criminalità. Non bisogna negare il problema ma affrontarlo, senza ritenere questa una accusa, come spesso avviene, ma una presa d'atto». Lo scrittore ha poi accostato lo scenario dell'Expo 2015 a quello della ricostruzione in Abruzzo, sottolineando come «quando si diceva delle infiltrazioni criminali, tutti dicevano che vedevo nero dappertutto e invece hanno già fermato due imprese legate a un clan camorrista». A Milano, secondo lo scrittore, «bisogna subito aprire una commissione di controllo e tenere gli occhi aperti».


    10 dicembre 2009

    Saviano: Milano città del Sud La Lega: «Va a ciapà i ratt...» - Milano

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Località
    Milano
    Messaggi
    18,772
    Mentioned
    45 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Rif: Milàn l'è...

    Saviano blatera le sue scemenze al suo solito, non conosce nulla (penso che non conosca affatto bene neppure il problema mafia nella sua, di terra) nè tantomeno conosce la composizione etnica della città di Milano.
    Che io sappia infatti, di simili censimenti sulla consistenza reale della popolazione meridionale a Milano non sono stati mai fatti: un censimento indica che i milanesi doc a Milano (ossia quelli che hanno tutti e 4 i nonni milanesi) sono meno di un quarto della popolazione totale, ma questo non significa che allora la maggioranza della popolazione sia composta da meridionali se non nella testa bacata di quell'individuo: infatti vi sono: i milanesi discendenti da altri lombardi ed altri padani, che sono tantissimi (penso la maggioranza); i milanesi discendenti da un milanese/padano e da un meridionale; infine i milanesi discendenti da entrambi i genitori meridionali: questi sono senza alcun dubbio una piccola minoranza.
    Gladstone: " Se il popolo d'Inghilterra avesse dovuto attendere le libertà dal ricorso ai mezzi legali, esso le aspetterebbe ancora"

  3. #3
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Località
    Milano
    Messaggi
    18,772
    Mentioned
    45 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Rif: Milàn l'è...

    Comunque, dal momento che l'Accademia di Brera ha voluto premiare proprio questo scrittore campano seguendo la moda del momento, Milano si merita anche che costui blateri le sue scemenze....
    Gladstone: " Se il popolo d'Inghilterra avesse dovuto attendere le libertà dal ricorso ai mezzi legali, esso le aspetterebbe ancora"

  4. #4
    phasing out
    Data Registrazione
    08 Nov 2009
    Messaggi
    1,615
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Milàn l'è...

    Citazione Originariamente Scritto da novis Visualizza Messaggio
    Comunque, dal momento che l'Accademia di Brera ha voluto premiare proprio questo scrittore campano seguendo la moda del momento, Milano si merita anche che costui blateri le sue scemenze....
    milanesi prendìnculi vigliacchi opportunisti. Lo dice uno nato a fine anni 50 a porta genova da papà e mamma nati a porta vittoria. Una città unica diventata un cesso unico.
    L'occasione fa l'uomo italiano

  5. #5
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Località
    Milano
    Messaggi
    18,772
    Mentioned
    45 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Rif: Milàn l'è...

    Citazione Originariamente Scritto da semipadano Visualizza Messaggio
    milanesi prendìnculi vigliacchi opportunisti. Lo dice uno nato a fine anni 50 a porta genova da papà e mamma nati a porta vittoria. Una città unica diventata un cesso unico.
    Azz, un tempo Milano iniziava e finiva davvero con le sue porte....i miei nonni sono di porta Ticinese e via Torino...chi non era nato tra le porte per loro era già foresto...poi però hanno finito per spostarsi fuori anche loro, e io oggi non saprei dire neppure dove finisce, questa città
    Gladstone: " Se il popolo d'Inghilterra avesse dovuto attendere le libertà dal ricorso ai mezzi legali, esso le aspetterebbe ancora"

  6. #6
    Forumista
    Data Registrazione
    13 Sep 2009
    Messaggi
    371
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Milàn l'è...

    Saviano parla chiaro: Qua comandiamo noi.
    Grazie, perlomeno cose come questa aprono un po' gli occhi ai beoti (si', vabbe', meglio che apra gli occhi io, vah).

    Milanesi, ve lo dico da Triestino: siamo con voi.
    Nella merda.

  7. #7
    Mé rèste ü bergamàsch
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    13,041
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Milàn l'è...

    Saviano è il tipico terrunciello che va in giro a pontificare con la tipica saccenza delle sue latitudini...

    - Milano è una città piena di meridionali ma che soprattutto si è terronizzata nei comportamenti, negli atteggiamenti, negli usi e costumi? Ok (lo sapevamo già prima di lui!), e quindi caro Saviano cosa abbiamo di meglio rispetto a quanto mAlano era ancora mIlano? Mafia, camorra a go go, Quarto Oggiaro fiore all'occhiello della cultura meridionale, sparatorie, i vari Buccinasco, Corsico, compagnia bella in mano a cosche che nemmeno si sapeva cosa fossero, più sporcizia, abusivismo nelle costruzioni, meridionalizzazione di tutta la pubblica amministrazione in mano a loro (poste, ferrovie, scuole, ecc.) con i risultati che sono sotto gli occhi di tutti. Questi sono i risultati dei compaesani di Saviano, però non lo dice!

    - Quello che ha scritto Saviano lo avevano già scritto in molti prima e altri lo faranno dopo di lui. Ma nessuno di questi ha dietro De Benedetti, i Fazio, la Repubblica, l'Espresso, tutta la cricca di Soros che deve costruirgli attorno l'aura del martire mentre di altri poveri cristi ben più coraggiosi di lui nessuno parla. È un fenomeno costruito e artificiale, tutto mediatico, tenuto in vita dai soliti lobotomizzati che firmano gli appelli di Repubblica anche se chiedessero di buttarsi giù da un ponte. Del resto basta guardare la discendenza di questo personaggio da parte di madre per capire come va la storia e capire molte più cose... eh?

    - Saviano, quando si è recato a Santander, ha detto porcherie sull'Eta e sui Paesi Baschi falsissime e infamanti, denotando ignoranza completa in materia e pigliandosi pure la reprimenda UFFICIALE del ministero dell'interno spagnolo (il che è tutto dire!) e risonanza su El Mundo e El Pais (mentri qui i paladini dell'informazione de sinistra non li ho sentiti... nemmeno un appello di Rep. e soci...). Provi a ripassare da quelle parti e voglio vedere l'accoglienza...

    - Per la serie "farsi male da soli", l'Accademia di Brera allunga questa lista

    - "In difesa della Costituzione", eccolo qui puntuale il burattino politico costruito ad uso e consumo delle solite vecchie cariatidi putrefatte di regime. Il rivoluzionario Saviano a difesa di una Carta che emana miasmi solo a pensarci, nata già vecchia e piena di boiate. Che dire, un grande questo napoletano

    - "Processo e pentiti", le solite balle stile Il Fatto e altri voyeur alla Scalfari... solite castronerie sui pentiti... solo in un paese come l'italia e con una magistratura corrotta come la nostra si può pensare che si vada avanti con i pentiti, con gente che scoglie i bambini nell'acido e viene trattata da pascià pendendo dalle sue labbra... ma scherziamo?! in nessun posto civile esisterebbero i pentiti... nel 2009 i pentiti hanno la stessa credibilità del dire che la terra è piatta, anzi forse un po' meno... e non me ne frega di chi parlano o su cosa parlano, ci siamo rotti i coglioni. e c'è chi è ancora lì ad ascoltarli pure. Tipico di una magistratura inquirente inetta, se sei capace fai le indagini, se non sei capace ti attacchi al tram, altro che pentiti protetti, coi benefici di pena, che parlano fino a quando l'avvocato li ammaestra (tanto quanto basta per avere gli sconti e i benefici... poi tanto le cazzate verranno smentite magari 10 anni dopo). roba da matti

    - Expo e Milano: sì lo sappiamo anche noi delle infiltrazioni, i rischi, bla bla bla senza che arrivi il terrone di turno a dircelo... perchè non cita i cognomi di questi, la provenienza di questi, i Ligresti e compagnia, perchè non dice che questa è proprio la sua Milano del Sud e dei meridionali, questi sono i risultati della Milano terronizzata che piace a lui... se li riporti a casa sua se vuole cianciare ancora di Milano, Expo e cose che non lo riguardano affatto

    Tanto per rimanere in tema, questo è quello che si merita il frustrato Saviano. il burattino dei soliti noti, per tutte le cose che fa (l'ultima è solo la ciliegina):



    iaociao:
    Ultima modifica di Bèrghem; 10-12-09 alle 21:31
    Dato che questa è una Magnum 44, cioè la pistola più precisa del mondo, che con un colpo ti spappolerebbe il cranio, devi decidere se è il caso. Dì, ne vale la pena? ("Dirty" Harry Callahan)

  8. #8
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Località
    Milano
    Messaggi
    18,772
    Mentioned
    45 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Rif: Milàn l'è...

    Beh Saviano ne fa un discorso etnico, sostiene che la maggioranza degli abitanti di Milano sia di discendenza meridionale, perchè tutti coloro che lavoravano nelle fabbriche e nei servizi negli anni 60 e 70 sarebbero stati meridionali (cazzata sesquipedale, la maggioranza degli operai era di origine settentrionale... i pubblici uffici probabilmente no, già negli anni 60).

    Invece, dal 1950 alla fine degli anni 70 sono stati 2 milioni i meridionali che si sono trasferiti in tutto il Nord nel suo complesso; ma nel 1973 Milano città (senza hinterland) aveva qualcosa come 1.743.000 abitanti, Torino città 1.200.000 abitanti, e la grande maggioranza degli immigrati meridionali si è stabilita nei comuni dell'hinterland di Milano e di Torino, oltre che , in piccola parte, anche nelle altre città del nord...
    Ergo, a Milano gli immigrati meridionali erano e sono comunque una minoranza netta. Se poi si vogliono contare come meridionali anche i cittadini nati a Milano, magari da un genitore meridionale e uno settentrionale, è un altro discorso, ma così facendo non solo si falsano tutti i numeri (va beh che da Saviano non ci si può aspettare un ragionamento basato sui numeri), ma si fa anche un discorso che non sta nè in cielo nè in terra.
    Gladstone: " Se il popolo d'Inghilterra avesse dovuto attendere le libertà dal ricorso ai mezzi legali, esso le aspetterebbe ancora"

  9. #9
    Visitors Addicted
    Data Registrazione
    02 Apr 2009
    Località
    We are everywhere
    Messaggi
    30,451
    Mentioned
    57 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito Rif: Milàn l'è...

    Milano fa cagare, sia per come è, sia per come appare.

  10. #10
    Forumista
    Data Registrazione
    02 Dec 2009
    Messaggi
    132
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Milàn l'è...

    Citazione Originariamente Scritto da WalterA Visualizza Messaggio
    Milano fa cagare, sia per come è, sia per come appare.

    dopo venti anni di amministrazione lega/pdl cosa vuoi aspettarti......


    ah già,dimenticavo, la colpa è dei "comunisti"...

 

 
Pagina 1 di 3 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Bad Milan!
    Di zwirner nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 58
    Ultimo Messaggio: 27-07-09, 19:43
  2. Milàn 30/03/08
    Di FdV77 nel forum Fondoscala
    Risposte: 20
    Ultimo Messaggio: 27-03-08, 16:04
  3. Milan l'è propi un gran Milan ma la Sciura Inter è cinese!
    Di cariddeo nel forum Destra Radicale
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 28-11-06, 16:45
  4. A - 3 dal milan
    Di pensiero nel forum Juventus FC
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 23-04-06, 19:08
  5. AC Milan
    Di aussiebloke (POL) nel forum Padania!
    Risposte: 20
    Ultimo Messaggio: 31-05-03, 17:04

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226