User Tag List

Risultati da 1 a 4 di 4
  1. #1
    Murat
    Ospite

    Predefinito Cattolicesimo e liberalismo: c'è contrasto?

    LA CHIMERA CATTOLIBERALE - IL NIENTE AFFACCIATO SUL VUOTO
    di Piero Vassallo



    Volano sopra le caute reti dell'elusività, le acrobazie verbali dei dotti politologi, intesi a ridurre la cultura del centrodestra all'improbabile miscela di cattolicesimo e liberalismo.
    Le reti di sicurezza e di censura sono distese per evitare la caduta del solenne discorso sofistico negli imbarazzanti significati che soggiacciono all'esangue fonema "cattoliberale".
    Del centrodestra, peraltro, gli imperversanti politologi consentono di dire qualunque futile cosa, purché non disturbi l'autorità che èroga la confusione.
    Il loro untuoso galateo, d'altra parte, giudica volgare l'intenzione di risalire al significato delle parole in libera uscita dal soffice vocabolario del politicamente corretto.

    Con riferimento all'umoristica deformazione della sigla saragatiana (Psli = piselli), si potrebbe dunque affermare che il pensiero del centrodestra nasce dalla pianta dei "piselli".
    E non si affermerebbe senza un'obliqua ragione.
    La recente storia italiana svela, infatti, la precedente vita nel nutriente baccello di alcuni fra i più eminenti politologi della scuola cattoliberale.
    Quelli che, in anni non remoti, incensavano l'esegeta di Proudhon, come ultimo luminare splendente sull'albero del socialismo.
    Proudohn, la cui biografia si riassume in una sola, cialtronesca, sentenza: "se la Polonia diventasse indipendente ci troveremmo tra i piedi una nazione cattolica in più, mentre nostro dovere è distruggere quelle che già ci sono".



    Se non che l' astuzia è vanificata dalla presenza, all'ombra delle cattedre cattoliberali e "cattopiselle", di un incontrollato popolo di ermeneuti zelanti, spericolati e al lavoro senza rete.
    Lo zelo e l'audacia giocano brutti scherzi.
    Agli sconsigliati redattori dell'ufficioso "Il Giornale" suggeriscono, ad esempio, di controllare i sacri testi nei quali è registrato il matrimonio tra la vivente dottrina cattolica e l'affossato pensiero liberale.
    Nell'afa dell'agosto, gli avventurosi ermeneuti de "Il Giornale" hanno, infatti, tentato di scoprire i pensieri che si celano dietro l'espressione cattolico-liberale.
    E nel tentativo hanno addirittura selezionato i componenti di una fantafilosofica "squadra" da collocare "a monte" del cattoliberalismo.
    Risalire "a monte", dove purtroppo abitano le difficoltà e le contraddizioni, è una tentazione, alla quale i politologi, al pascolo nelle allegre valli della divagazione televisiva, consigliano di non cedere.
    Gli accorti registi della destra televisiva, dopotutto, conoscono a perfezione il vuoto pneumatico in cui nuotano le idee della strana coppia cattoliberale.



    L'affastellante intrepidezza degli ermeneuti allo sbaraglio nelle colonne del "Il Giornale" ha, invece, radunato, in una squadra surreale, tre autori, san Tommaso d'Aquino, Giambattista Vico e John Locke, che rappresentano, con lampante realismo, l'incompatibilità del pensiero cattolico e dell'ideologia liberale.
    Costruite nel solco della metafisica tradizionale, le opere di san Tommaso e di Vico hanno, infatti, vivificato e fortificato le verità di ragione sull'esistenza di Dio e sulla sua azione nella storia, mentre Locke ha avviato all'apostasia le sue divagazioni intorno al dominio dei sensi sulla ragione e intorno al supremo valore delle utilità.
    Sensismo e utilitarismo costituiscono il preambolo di quelle disastrose rivolte contro la metafisica che il beato Pio IX ha puntualmente catalogato nel "Sillabo".

    Quando si esamina il pensiero dei filosofi che hanno interpretato con rigore le due opposte tradizioni, la cattolica e la liberale, appare chiaro che la loro unione costituisce una figura contraddittoria e chimerica, ove per chimera s'intende, appunto, il risultato della zoologia fantastica, che compone nature incompatibili.
    Per misurare l'assurdità dell'accostamento del cattolico Vico all'illuminista e liberale Locke, i due protagonisti dell'incipiente conflitto tra Chiesa e mondo moderno, basta, peraltro, leggere la magistrale pagina dell'autobiografia vichiana, nella quale è descritto, con linguaggio insolitamente aspro, il rovinoso cammino dell'epicureismo moderno, da Pierre Gassendi al suo seguace John Locke.
    Rievocate le fasi del successo ottenuto nella Napoli del tardo Seicento dal neoepicureo Pierre Gassendi, Vico, parlando in terza persona, dichiara, infatti, che "in lui si destò voglia d'intenderla [la filosofia di Epicuro] sopra Lucrezio. Nella cui lezione conobbe che Epicureo, perché niegava la mente d'esser d'altro genere di sostanza che 'l corpo, per difetto di buona metafisica rimasto di mente limitata, dovette porre principio di filosofia il corpo già formato e diviso in parti multiformi ultime composte di altre parti, le quali, per difetto di vuoto interspersovi, finselsi indivisibili: ch'è una filosofia da soddisfare le menti corte de' fanciulli e le deboli delle donnicciole. E quantunque egli non sapesse né meno di geometria, con tutto ciò con un buono ordinato seguito di conseguenze vi fabbrica sopra una fisica meccanica, una metafisica tutta del senso, quale sarebbe appunto quella di Giovanni Locke, e una metafisica del piacere, buona per uomini che debbon vivere in solitudine" ("Vita di Giambattista Vico scritta da se medesimo").



    Chi conosce l'influsso dell'epicureismo nella filosofia materialista di Marx non ha quindi difficoltà a considerare l'enorme distanza che separa Locke da Vico.
    E a riconoscere il decisivo contributo della ideologia liberale ai delitti consumati tra il 1789 e il 1989, i due secoli intitolati alla modernità.
    Si può infine comprendere perché Eric Voegelin abbia sostenuto che niente giustifica il sonno della ragione settecentesca, che ha dovuto contemplare tutta la sciagurata storia delle rivoluzioni, liberale e comunista, prima di comprendere le ragioni di Vico e di riconoscere che, nella "dialettica dell'illuminismo, c'era qualcosa che non andava".

    L'accostamento di Locke a san Tommaso è ridicolo da ogni punto di vista.
    Per l'insensata negazione dell'idea di sostanza, e per la cieca fedeltà al pregiudizio empiristico, Locke è, infatti, il pre-padre di quel "debolismo filosofico", che si oppone, con disperato e inutile accanimento, alla rinascita della metafisica tomista, rinascita che è in atto grazie alla geniale opera di Cornelio Fabro.
    Incomincia da Locke il devastante cammino del relativismo, nel quale Benedetto XVI riconosce la malattia mortale della "ragion moderna".
    L'autorevole Maria Adelaide Raschini, del resto, ha affermato che "con il Locke l'empirismo dogmatico di Bacone cede alla critica che riconosce i limiti di una ragione legata all'esperienza sensibile, svela la sua radice soggettivistica e annuncia le conseguenze scettiche sviluppate in seguito da Hume, cui conduce inevitabilmente ogni gnoseologia puramente empiristica" (confronta "Da Bacone a Kant", Marzorati, Milano, 1973, pagina 270)
    Non ha neanche senso sostenere che la filosofia di Locke possa essere utile al laboratorio culturale del centrodestra perché offre un sano modello di tolleranza liberale.
    L'idea di tolleranza esposta da Locke è, infatti, inquinata dallo scetticismo e degradata dalla fanatica avversione al cattolicesimo.

    Maria Adelaide Raschini ha dimostrato che, nella chiesa concepita da Locke, la tolleranza è coniugata con l'assenza di qualunque contenuto dottrinale definito: "in tale assenza di dottrina, la chiesa lockiana riflette l'assenza di ogni contenuto veritativo della religione, a conferma del fondamentale agnosticismo del Locke che, per salvare l'esigenza prammatica e quella utilitaria che sole restano di fronte al nominalismo concettuale e al probabilismo dei giudizi, esige la tolleranza religiosa, affinché nessun conflitto in nome di una inverificabile verità divina turbi la pace terrena degli uomini. La tolleranza si presenta come la veste formale del vivere civile, ed è in realtà null'altro che il segno dell'indifferenza religiosa; convivano perciò le religioni tutte tollerate, tranne la confessione cattolica" ("Da Bacone a Kant", opera citata, pagina 277).

    Detto questo, che cosa può giustificare l'innesto della dottrina politica cattolica sul fossile liberale, se non un'allucinazione, del genere di quella che persuase Bloy e Maritain a salutare l'aurora di un millennio santo e felice mentre apparivano i segnali che annunciavano la sanguinaria escandescenza del Novecento?
    Il saggio che Julio Meinvielle ha dedicato all'influsso dell'ideologia liberale nel pensiero cattolico del Novecento, ha peraltro dimostrato l'inconsistenza e l'artificiosità degli argomenti usati da Maritain per giustificare l'alleanza con il "moderno".
    Che l'ideologia liberale sia un arnese inutile, del resto, cominciano a capirlo anche i più aggiornati intellettuali d'area.
    L'affranto "liberal" Ezio Mauro, dalle colonne lacrimose di "Repubblica", confessa, addirittura, che il pensiero illuministico è inutilizzabile perché "radioattivo".
    Riconosce, pertanto, che la Chiesa cattolica è l'unica agenzia culturale oggi credibile.
    Corinne Pelluchon, accreditata interprete di un nascente liberalismo antimoderno, riconosce, dal suo canto, che l'esito fatale del "moderno" è il nichilismo.
    Di conseguenza sottoscrive e approfondisce il giudizio sul fallimento liberale, che è stato formulato da Leo Strauss: "i moderni hanno perso qualcosa di cruciale nella loro lotta contro la tradizione. Volevano creare uno Stato in cui individui e filosofi potessero coesistere senza essere perseguitati per il loro credo religioso. E perciò hanno lottato contro la Chiesa e quanti volevano restaurare uno Stato teologico. Hobbes e Spinoza hanno contribuito a edificare la democrazia liberale, certo. Eppure nella loro concezione dell'uomo e della ragione c'è qualcosa che spinge la modernità verso una dialettica distruttiva che ha già mostrato i suoi aspetti peggiori nel secolo scorso e continua ad ammannirli oggi. Strauss non denuncia il tramonto dell'Occidente come faceva Spengler. Non critica la modernità per tornare al passato, sognando il mondo chiuso della polis greca. E rifiuta la diagnosi di Heidegger sull'errore dovuto alla metafisica di Platone. In realtà non fa che puntare il dito sull'orientamento morale tipico della civiltà occidentale per domandarsi se il pensiero premoderno estraneo alla democrazia liberale non possa servire da salvaguardia alla stessa democrazia liberale" (confronta Marina Valensise, "Perché storicismo e relativismo ci fanno diventare nichilisti e filistei", "Il Foglio", 25 maggio 2005).

    Dichiarare che solamente la tradizione cattolica può salvare la democrazia liberale, significa confessare che il liberalismo può vivere solo di ciò a cui era fanaticamente contrario.
    In ultima analisi significa ammettere, infine, che la democrazia può esistere senza il deviante sostegno dell'ideologia liberale.
    Le intelligenti fumigazioni straussiane non servono a nascondere lo sfacelo dell'ideologia liberale.
    L'affondamento del "moderno" ha prodotto un gorgo che trascina al fondo il modernismo e il millenarismo di Bloy e di Maritain.
    I teorici della mediazione ad ogni costo e i banditori del "curviamo" ideologico sono finiti nello scaffale antiquario che è degnamente frequentato solo dai vedovi del mesto Dossetti, il fattucchiere Giuseppe Alberigo e il medium Romano Prodi.



    Il curvo e ubiquo plesso "cattoliberale" è sciolto dalla risata che sempre accompagna il corteo dei re nudi.
    La politica cattolica può fare a meno del contributo della fumosa lezione di Locke e dei liberali "dopo Locke".
    D'ora in avanti, per scongiurare gli errori e gli orrori del totalitarismo e per fondare una sana democrazia sarà sufficiente adottare quegli insegnamenti della tradizione cattolica che sono stati interpretati magnificamente da Pio XII, nel messaggio per il Natale del 1944.

    Al proposito occorre rammentare che, alle soglie della catastrofe moderna, il domenicano Francisco de Vitoria, approfondendo la lezione di San Tommaso d'Aquino, pose le basi della vera democrazia, affermando (contro i teorici dell'assolutismo politico) che Dio comunica "l'auctoritas" prima al popolo che al sovrano.
    Coerentemente De Vitoria formulò la teoria della "translatio auctoritatis" verso il principe, teoria dalla quale discese la sua magistrale e conclusiva sentenza: "creat respublica regem" ("De potestate civili", 8).
    Con riferimento esplicito a san Tommaso, implicito a Francisco de Vitoria, anche il gesuita Francisco Suarez sostenne che l'autorità non è esclusiva prerogativa del principe: "dicendum est potestatem (civilem) ex sola rei natura in nullo singulari homine existere, sed in hominum collectione. Conclusio communis et certa sumitur ex D. Thoma ... principem habere potestatem ferendi leges quam in illum transtulit communitas" ( "De legibus ac Deo legislatore", III, "De lege humana et civili", capitolo 2, "in quibus hominibus immediate existat ex natura rei potestas haec condendi leges humanas").

    San Roberto Bellarmino, quasi facendo eco a De Vitoria, precisò che Dio non ha inteso conferire l'autorità all'esclusiva persona del principe: "politicam potestatem immediate esse tamquam in subiecto in tota multitudine, nam haec potestas est de iure divino, et ius nulli modo in particulari dedit hanc potestatem" ("De laicis", 6).
    Infine, Giambattista Vico, che fu erede e continuatore della cultura controriformista, contestò duramente la dottrina del più autorevole sostenitore dell'assolutismo, Thomas Hobbes.
    Va da sé che lo sviluppo del pensiero cattolico non si è fermato all'età della Controriforma e di Vico.
    L'Ottocento e il Novecento sono stati teatri di una magnifica produzione di documenti papali e di una eccezionale fioritura di autori capaci di approfondire e attualizzare la tradizione cattolica.
    Cornelio Fabro, Nicola Petruzzellis, Tito Centi, Raimondo Spiazzi, Andrea Dalle Donne e Rosa Goglia hanno liberato il tomismo delle incrostazioni depositate dal formalismo della scolastica decadente.
    Antonio Rosmini, Emilio Chiocchietti, Giorgio Del Vecchio, Michele Federico Sciacca, Francesco Amerio, Giuseppe Capograssi, Luigi Bellofiore e Francisco Elias de Tejada hanno rinverdito gli studi vichiani, emancipando la dottrina del diritto naturale dalle incapacitanti ipoteche accese dall'illuminismo, dal positivismo e dallo storicismo.
    Alfredo Ottaviani, Giuseppe Siri, Antonio Messineo, Cornelio Fabro, Julio Meinvielle ed Ennio Innocenti hanno confutato le avventurose e disgraziate opinioni di Maritain intorno al cristianesimo che s'incarna nella storia grazie al contributo dei movimenti anticristiani.

    Nell'insegnamento dei grandi pensatori dell'Ottocento e del Novecento cattolici, e non negli smunti cascami dell'ideologia liberale, il centrodestra può trovare la forza necessaria a vincere le sfide lanciate dalla sinistra.
    E' però necessario un radicale mutamento della strategia finora attuata dai gruppi tradizionalisti, che, in ordine sparso e sotto il grottesco vessillo della rivalità, operano nel centrodestra.
    Ci si augura, dunque, che i gruppi, oggi indaffarati a fare scialo delle vincenti ragioni della filosofia tradizionale negli estenuanti e vani traffici del partitismo, traggano finalmente incentivo all'azione unitaria dalla riconosciuta necessità di un progetto culturale inteso a produrre quella chiarezza delle idee che sola può salvare il centrodestra dal naufragio nelle idee perdenti e l'Italia dalla sciagura zapateriana.




    di Piero Vassallo

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Murat
    Ospite

    Predefinito

    A me pare che Vassallo forzi il pensiero di Locke, facendo allievo di Gassendi, sensista, materialista, una sorta di plesso di tutti i mali. In Locke si trovano molti elementi validi, accanto ad alcune lacune teoretiche, ma, dato il periodo in cui visse, non si poteva chiedere molto di meglio. Chi spiega a Vassallo che il problema, più che Locke, fu il razionalismo?

  3. #3
    INNAMORARSI DELLA CHIESA
    Data Registrazione
    25 Apr 2005
    Località
    Varese
    Messaggi
    6,420
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Giovanni Paolo II: la libertà religiosa è incompatibile con il laicismo

    Nel ricevere i vescovi spagnoli in visita “ad limina”

    CITTA’ DEL VATICANO; lunedì, 24 gennaio 2005 (ZENIT.org).- Giovanni Paolo II ha constatato questo lunedì che l’ideologia laicista è incompatibile con la libertà religiosa incontrando il primo gruppo di vescovi spagnoli durante la loro visita quinquennale “ad limina apostolorum”.

    Nel suo discorso, il Pontefice ha analizzato insieme ai prelati di Madrid, Aragona, Asturie, Castilla-la-Mancha, Castilla-León, Navarra e Paesi Baschi alcune sfide che la Chiesa affronta nel Paese, nel contesto della differenza di vedute emersa negli ultimi mesi con il Governo socialista del Primo Ministro José Luis Rodríguez Zapatero.

    Il Vescovo di Roma ha sottolineato che “nell’ambito sociale si va diffondendo anche una mentalità ispirata al laicismo, ideologia che porta gradualmente, in maniera più o meno consapevole, alla restrizione della libertà religiosa fino al punto di promuovere un disprezzo o l’ignoranza di tutto ciò che è religioso, relegando la fede alla sfera privata ed opponendosi alla sua espressione pubblica”.

    Nel discorso al corpo diplomatico pronunciato il 12 gennaio 2004, il Santo Padre aveva spiegato la differenza esistente tra il “legittimo” “principio della laicità” – “inteso come distinzione tra la comunità politica e le religioni” – e il laicismo, aggiungendo: “distinzione non vuol dire ignoranza! La laicità non è laicismo!”.

    “Questo non fa parte della tradizione spagnola più nobile, perché l’impronta che la fede cattolica ha lasciato nella vita e nella cultura degli Spagnoli è troppo profonda perché si ceda alla tentazione di metterla a tacere”, ha aggiunto il Santo Padre nel suo discorso ai prelati.

    “Un giusto concetto di libertà religiosa non è compatibile con questa ideologia, che a volte si presenta come l’unica voce della razionalità. Non si può limitare la libertà religiosa senza privare l’uomo di qualcosa di fondamentale”, ha avvertito.

    E’ in questo contesto, ha proseguito il successore dell’apostolo Pietro, che “stanno crescendo le nuovi generazioni di Spagnoli, influenzate dall’indifferentismo religioso, dall’ignoranza della tradizione cristiana con il suo ricco patrimonio spirituale ed esposte alla tentazione di un permissivismo morale”.

    “La gioventù ha il diritto, fin dall’inizio del suo processo formativo, ad essere educata nella fede – ha sottolineato –. L’educazione integrale dei più giovani non può prescindere dall’insegnamento religioso anche nella scuola, quando lo richiedano i genitori, con una valutazione accademica conforme alla sua importanza”.

    Una delle prime misure del Governo di Rodríguez Zapatero è stata proprio quella di congelare il progetto di riforma dell’istruzione che prevedeva un riconoscimento accademico all’insegnamento della Religione, secondo quanto previsto dagli accordi Chiesa-Stato in Spagna.

    La Confederazione Cattolica delle Associazioni di Genitori (CONCAPA) ha annunciato questo giovedì il termine della campagna di raccolta delle firme in favore della materia di Religione, raccogliendone oltre tre milioni, anche se il conteggio “non è ancora terminato”.

    Si tratta di una campagna senza precedenti in questo Paese di quaranta milioni di abitanti, in cui il 94% è battezzato in seno alla Chiesa cattolica.

    “I poteri pubblici, da parte loro, hanno il dovere di garantire questo diritto ai genitori e di assicurare le condizioni reali del suo effettivo esercizio, com’è stabilito negli Accordi Parziali tra Spagna e Santa Sede del 1979, attualmente in vigore”, ha aggiunto il Santo Padre.

    Fraternamente Caterina
    Laica Domenicana

  4. #4
    memoria storica
    Data Registrazione
    17 Feb 2005
    Messaggi
    2,680
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    le due citazioni non sono molto collegate...

 

 

Discussioni Simili

  1. Socialdemocrazia, comunismo, liberalismo, cattolicesimo,...?
    Di MaIn nel forum Internazionale Progressista
    Risposte: 25
    Ultimo Messaggio: 02-07-14, 22:35
  2. Liberalismo scientifico contro Liberalismo utopico
    Di John Orr nel forum Economia e Finanza
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 07-03-10, 20:37
  3. Jesús Huerta de Soto: liberalismo científico frente a liberalismo utópico.
    Di JohnPollock nel forum Liberalismo e Libertarismo
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 13-09-08, 12:04
  4. Risposte: 33
    Ultimo Messaggio: 21-03-07, 13:01
  5. Il contrasto con gli italiani
    Di Metapapero nel forum Centrosinistra Italiano
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 22-01-06, 22:55

Chi Ha Letto Questa Discussione negli Ultimi 365 Giorni: 0

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226