User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2
  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    13 May 2009
    Messaggi
    30,192
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Talking God does not bless America

    | Venerdi 9 Settembre 2005 - 86 | Antonella Vicini |

    Quanti sono le vittime americane di Katrina?
    Ancora nessun dato ufficiale perché obiettivamente è difficile in una situazione simile, in via di continua evoluzione,riuscire a trarre le somme. La Casa Bianca si prepara però a preparrae l’opinione pubblica al bilancio ufficiale che sarà diffuso solo quando la città non sarà più ricoperta dalle acque.
    “Sarà una situazione molto brutta”, ha avvertito Scott McClellan, il portavoce del presidente George W. Bush, parlando di “una massiccia catastrofe”.
    Il portavoce del dipartimento della Sanità dello Stato della Lousiana, Bob Johannensen, ha detto invece di non sapere “cosa aspettarci”.
    Attualmente, la conta dei morti per quanto riguarda New Orleans si attesta a 83, mentre nel Mississippi c’è chi parla di 110, chi di 200 vittime. Altre cinque persone sono decedute, ieri, per le prime infezioni batteriche causate dall’acqua contaminata. Trentadue anziani, ospiti di una casa di riposo, sono morti abbandonati a se stessi; un altro centinaio di persone sono decedute in un deposito del porto di New Orleans, dove avevano cercato riparo dall’uragano Katrina, in attesa delle squadre di soccorso.
    Questo è quanto è dato sapere finora. Un’immagine frammentaria e drammatica, che sfugge alla volontà della superpotenza, forse non più così potente, di ufficializzare il proprio fallimento. Un po’ come per i morti in Iraq e in Afghanistan, le cifre ufficiali subiscono sempre un abbondante arrotondamento in difetto; perché la conta dei morti è l’indiscutibile punto di non ritorno.
    La realtà, tuttavia, è che le previsioni sono pessimistiche e che, sempre ieri, sono arrivati nella zona di New Orleans, 25mila ‘body bag’, sacchi che dovrebbero contenere i cadaveri che verranno rinvenuti nella città.
    Questo significa che, nonostante l’attuale mutismo, le autorità si aspettano che almeno il 5% della popolazione sia morta a causa dell’uragano e della mancanza di strutture atte a contenerlo. Nei giorni scorsi il sindaco di New Orleans, Ray Nagin, aveva parlato della possibilità di 10mila morti.
    È questa forse la più grande sconfitta che gli Stati Uniti mostrano al mondo e ai propri connazionali: non la guerra in Iraq, non la cieca lotta al terrorismo, non l’inutile spreco di soldi ed energie per pacificare il mondo.
    Tutto quello che è avvenuto negli ultimi giorni, non ha fatto altro che fotografare l’immagine di un Paese in difficoltà, che contrasta con l’idea diffusasi in questi ultimi sessant’anni della ‘grande America’, civile, super-organizzata, tale esempio di perfezione da aver ottenuto la possibilità di esportare impunemente il proprio modello culturale, economico, e anche politico, senza batter ciglio.
    La patinata America ci ha mostrato col tempo le sue tragiche contraddizioni, le incongruenze, le aberrazioni e la barbarie del suo sistema, ma niente come Katrina lo aveva palesato in maniera così eclatante, neanche i morti iracheni e americani; neanche Abu Ghraib o Guantanamo.
    Niente aveva ancora messo in discussione la grande America in patria e fuori.
    Soprattutto in patria, perché la popolazione statunitense difficilmente ha la capacità di leggere, vedere chiaramente e con distacco quello che succede, fin quando gli effetti non sono innegabili. E così, oltre un milione di persone evacuate, una prospettiva di mortalità altissima, le continue richieste di fondi al Congresso (la Casa Bianca sta preparando una nuova richiesta di fondi per l’emergenza per arrivare tra i 40 e i 50 miliardi di dollari da aggiungersi ai 10,5 miliardi approvati dal Congresso la settimana scorsa), la stima di almeno due miliardi di dollari di danni per gli agricoltori americani, già colpiti da una delle più gravi siccità degli ultimi vent’anni e dalla decisione del presidente Bush di ridurre loro i sussidi (non va dimenticato che i capi di bestiame rimasti uccisi- fra le 80mila e le 100mila mucche - rappresentano un altro grosso danno per i coltivatori), le previsioni dell’Ufficio del budget del Congresso che ha parlato della riduzione di circa 400mila posti di lavoro a causa di Katrina, rappresentano una realtà di crisi profonda e innegabile.
    Un colpo partito dal cielo, che si è scagliato diretto, innanzitutto contro la popolazione inerme, prima e più importante vittima, ma anche contro il trono di un uomo, che non dimora più nell’Olimpo.
    "Sarà qualcun'altro a ballare, ma sono io che ho scritto la musica. Io avrò influenzato la storia del XXI secolo più di qualunque altro europeo".

    Der Wehrwolf

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    07 May 2009
    Località
    INSUBRIA, next to the Ticino river
    Messaggi
    6,738
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

 

 

Discussioni Simili

  1. God bless America
    Di UgoDePayens nel forum Conservatorismo
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 31-08-12, 22:08
  2. God bless America
    Di Nicki (POL) nel forum Conservatorismo
    Risposte: 19
    Ultimo Messaggio: 10-07-06, 16:01
  3. God bless America
    Di cornelio nel forum Destra Radicale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 14-12-05, 00:56
  4. God bless America!
    Di asburgico nel forum Padania!
    Risposte: 25
    Ultimo Messaggio: 05-11-03, 00:56
  5. God bless America.....
    Di Scettico nel forum Padania!
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 15-03-03, 01:11

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226