User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 17
  1. #1
    «Mi honor se llama fidelidad»
    Data Registrazione
    06 Aug 2004
    Messaggi
    656
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito E' improvvisamente morto don Ivo Cisar

    Don Ivo Cisar è morto l'11 di Settembre.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Dal 2004 con amore
    Data Registrazione
    15 Jun 2004
    Località
    Attorno a Milano
    Messaggi
    19,247
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    De profundis clamavi ad te Domine
    Domine exaudi orationem meam
    fiant aures tuae intendentes in orationem servi tui
    si iniquitates observaveris Domine
    Domine quis sustinebit
    quia apud te propitiatio est
    et propter legem tuam sustinui te
    Domine sustinuit anima mea in verbum tuum
    speravit anima mea in Domino
    a custodia matutina usque ad noctem speret Israhel in Domino
    quia apud Dominum misericordia est
    et copiosa apud eum redemptio
    et ipse redimet Israhel ex omnibus iniquitatibus eius.

  3. #3
    «Mi honor se llama fidelidad»
    Data Registrazione
    06 Aug 2004
    Messaggi
    656
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito


  4. #4
    «Mi honor se llama fidelidad»
    Data Registrazione
    06 Aug 2004
    Messaggi
    656
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito


  5. #5
    INNAMORARSI DELLA CHIESA
    Data Registrazione
    25 Apr 2005
    Località
    Varese
    Messaggi
    6,420
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Se si intende la democrazia falsamente come un potere residente nel popolo che lo delega ai governanti, questi vengono autorizzati a fare quel che "piace al popolo" e la politica finisce in corruzione; ma la democrazia è solo un modo di designare il soggetto del potere che proviene da Dio (Rm 13,1), e quindi deve essere esercitato secondo la legge divina. Pertanto il sistema politico migliore non è una "democrazia" in cui il popolo corrotto elegge governanti corrotti che assecondano demagogicamente le sue voglie, ma la monarchia cristiana che osservando le leggi di Dio persegue il vero bene comune di tutti.

    (Don Ivo Cisar)

    Confesso che da anni leggo le sue omelie........ho conosciuto questo sacerdote quando ero a Trieste, conosciuto non personalmente, ma quello che scriveva..e al di là delle polemiche, meditare sui suoi sermoni, è veramente un toccasana per tutti....

    Mi piace ricordarlo con voi con queste sue parole:

    .........

    Non c'è società giusta contro la Chiesa

    La Chiesa è Comunione dei Santi, comunione di persone consacrate a Dio nel battesimo che condividono i beni spirituali in qualità di Chiesa militante in terra, di Chiesa in stato di purificazione nel purgatorio e di Chiesa trionfante nella pace eterna dei cieli, dove i santi, come dobbiamo esserlo tutti noi (LG V), ci hanno preceduto con il loro esempio e da dove ci aiutano con la loro intercessione. Siamo popolo regale di Dio (LG 36), membra di Cristo Re e figli di Maria Santissima Regina, nel grande "impero" mondiale della Chiesa cattolica, contro la quale si sollevano continuamente le onde delle lotte e persecuzioni (cfr. Mt 16,18). Ma l'unica pace vera è Cristo (Gv 14,27; Ef 2,14.17), è la Chiesa (Gv 11,2; 17,21). Non vi può essere società umana giusta ed in pace indipendentemente o contro la Chiesa. Sempre tenendo presente che ci troviamo qui in esilio, perché la nostra patria è nei cieli (Fil 3,20), presso il Padre (Mt 6,9).


    ........

    Grazie don Ivo..che il Signore ti abbia in gloria e tu, nella Comunione dei Santi, prega per noi......

    Con affetto filiale, Caterina LD

    Fraternamente Caterina
    Laica Domenicana

  6. #6
    INNAMORARSI DELLA CHIESA
    Data Registrazione
    25 Apr 2005
    Località
    Varese
    Messaggi
    6,420
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    In margine al film di Gibson
    sulla passione di Gesù

    di don Ivo Cisar



    Sorprende che molta gente solo dopo l'uscita del film di Mel Gibson stia scoprendo la passione di Gesù, quasi non l'avessero mai prima considerata e meditata; colpa anche di una predicazione unilaterale e difettosa e dell'attuale liturgia che non mette bene in risalto il sacrificio della croce compiuto per la nostra redenzione dai peccati; mentre i racconti della passione si leggevano ogni anno in tutte e quattro le versioni evangeliche, la riforma liturgica postconciliare, invece di rendere la lettura della Sacra Scrittura più abbondante (SC 35/1), l'ha impoverita, accorciando e diluendo le letture bibliche in un ciclo triennale. Su molti altari (trasformati in mense) oggi manca il crocifisso. Le Vie crucis nelle chiese erano costituite da quadri completi eloquenti, a differenza di quelli scarni, spesso simbolici odierni che non aiutano la fantasia. La Via crucis poi non veniva politicizzata e trasformata in marce pacifiste, né le veniva appiccicata, com'è invece di moda, la "XV stazione", quella della Risurrezione che annulla il silenzio di attesa del Sabato Santo.

    1. Come quasi tutti i film "biblici", il film di Gibson introduce elementi soggettivistici e non corrisponde in tutto ai dati obiettivi storici che si ricavano dai vangeli, dalle scienze bibliche e anche dalla sacra Sindone, che, garantita ormai da certezze scientifiche inoppugnabili, ci informa su molti particolari della passione e morte di Gesù, in piena corrispondenza coi dati risultanti dai vangeli.

    2. Ancora una volta, come nelle polemiche intorno all'azione di Pio XII, si tende pretestuosamente, conformemente alla mentalità corrente, a politicizzare la passione di Cristo sviando l'attenzione su un presunto antisemitismo. La sana teologia insegna a distinguere: a) la colpa spirituale (teologica) della passione e morte di Gesù Cristo è dei peccati umani, quindi di tutto il genere umano (1Cor 15,3; 1Pt 2,24); la stessa Madonna è stata redenta da Gesù, con quella differenza che a noi la redenzione operata da Gesù viene applicata mediante la liberazione dai peccati che ci vengono rimessi nei sacramenti grazie al sacrificio di Gesù, mentre alla Madonna la redenzione è stata applicata preventivamente, nell'Immacolata Concezione, per modo di preservazione dal peccato originale e da quelli personali, sempre in virtù della grazia divina meritata da Gesù. b) Colpa (responsabilità) morale della passione e morte di Gesù Cristo è del popolo ebraico nella sua grande parte (NA 4e: le autorità ebraiche con i propri seguaci si sono adoperati per la morte di Cristo [Gv 19,6]) che ha voluto e chiesto la sua uccisione mediante la crocifissione - san Pietro è esplicito: che voi avete crocifisso (At 4,10) - assumendosene la responsabilità con le parole: Il suo sangue ricada sopra di noi e sopra i nostri figli (Mt 27,25). c) Colpa per così dire giuridica è da ascriversi a Ponzio Pilato, con quella riserva che egli aveva deciso di liberarlo, come attesta san Pietro (At 3,13).

    3. Scrivendo per una seconda volta del film di Gibson sul settimanale diocesano "Il Popolo" di Pordenone (18 aprile 2004, p. 1 e 18), il sacerdote parroco Toni Zanette lo accosta alle rappresentazioni medievali, che piacerebbero ad una Chiesa lacrimosa e orgogliosa, sprezzante verso la liturgia del postconcilio, bisognosa di una oscurità densa nella quale sentire di nuovo sgocciolare sangue e dolore, mentre la recente riforma liturgica avrebbe ricuperato la serenità con l'accento posto sulla risurrezione di Cristo che ridona la speranza. In realtà la risurrezione di Cristo è frutto del Suo sacrificio della croce, per cui la Chiesa canta O Crux, ave, spes unica, mentre la riforma liturgica postconciliare ha messo in sordina proprio l'aspetto centrale sacrificale della redenzione e della santa messa, ribadito, invece, da Giovanni Paolo II nel capitolo I dell'enciclica Ecclesia de Eucaristia.

    La passione e morte di Gesù, venuto per dare la sua vita in riscatto per molti (Mt 20,28) è stata un martirio crudele, dovuto alla ben nota atrocità della crocifissione, preceduta dal sudore di sangue, dalla flagellazione, con l'aggiunta della coronazione di spine. Sarebbe bene se molte persone conoscessero la sacra Sindone che fornisce dettagliate informazioni sulla sofferenza di Gesù, per pentirsi dei propri peccati, per i quali il nostro Signore ha subito la passione e la morte, salario del peccato (Rm 6,23) che Egli prese su di sé (Gv 1,29) in obbedienza al Padre (Fil 2,8) a nostro favore (2Cor 5,21); Egli lo fece volontariamente (Gv 10,17-18; Is 53,7/lat: Oblatus est quia ipse voluit), e per quella volontà noi siamo stati santificati (Eb 10,10). E per cercare poi in Cristo risorto la remissione dei peccati (Gv 20,23), in quanto Gesù è stato messo a morte per i nostri peccati ed è stato risuscitato per la nostra giustificazione (Rm 4,25), di modo che grazie alla sua opera di soddisfazione alla giustizia divina per i nostri peccati questi ci vengono rimessi dalla misericordia di Dio a partire dalla risurrezione di Cristo (cfr. Gv 20,19-23). La messa tridentina tiene in equilibrio i due elementi essenziali del mistero pasquale, la morte e la risurrezione.

    Proprio nell'ultime due domeniche precedenti la Settimana Santa, il 28 marzo e il 4 aprile 2004, la televisione ha trasmesso dalla chiesa di S. Marco a Milano, dove risuonò per la prima volta il Requiem di Giuseppe Verdi, il grandioso Stabat Mater di Antonín Dvorák per soli, coro ed orchestra, dalla durata di circa un'ora e mezza, che unisce una mestizia e dolore intensi con la più grande serenità, nella partecipazione al dolore della Madre di Cristo e nostra, espresso mirabilmente nella sequenza di Jacopone da Todi, presente nella messa tridentina. Il concerto fu diretto dal celebre direttore d'orchestra tedesco Wolfgang Sawallisch che tesse i più alti elogi di quella musica; ne esiste un'edizione diretta dal compianto Giuseppe Sinopoli; dopo i grandi maestri boemi Václav Talich, Václav Smetácek e Rafael Kubelík, questi ed altri hanno fatto conoscere quella geniale composizione che aiuta a meditare piamente la passione e morte del nostro Redentore, nella prospettiva della gloria eterna, grazie alla maestria e profonda fede cattolica di Dvorák, del quale scrisse una biografia anche l'arcivescovo di Praga, card. Giuseppe Beran di venerata memoria.

    Nella sequenza Stabat Mater si chiede: Fac, ut portem Christi mortem, passionis fac consortem et plagas recolere. San Paolo dichiarava: io porto le stigmate di Gesù nel mio corpo (Gal 6,17). San Francesco d'Assisi, stigmatizzato, quasi perdette la vista a La Verna a forza di piangere meditando assiduamente (come raccomanda poi sant'Alfonso de' Liguori) la passione di Gesù.

    Oltre alla liturgia tradizionale e alla vera arte musicale fanno meditare salutarmente la passione di Gesù anche le stimmate sanguinanti, portate per cinquant'anni da san Pio da Pietrelcina (che era figlio spirituale di san Francesco d'Assisi e prediligeva san Paolo) e la Via crucis dello scultore Francesco Messina che si trova sulla collina di San Giovanni Rotondo (Padre Pio vi è raffigurato come Cireneo), dove si vedono praticarla molti gruppi di fedeli, mentre in una serie di vetrine in un corridoio dietro la tomba di Padre Pio si trova disegnata in tutti i precisi dettagli storici, ricavati dalla sacra Sindone (su cui esistono molte pubblicazioni), la passione redentrice del nostro Signore, di cui Padre Pio fu immagine vivente nel celebrare, con intensa partecipazione ed immedesimazione, il sacrificio eucaristico, nel quale si rinnova sull'altare quello della croce, e nell'amministrare nel sacramento della penitenza il perdono dei peccati che ne scaturisce.

    C'è da chiedersi se si vuole esaurire tutto in una chiassosa, banale e sterile polemica che si concentra e termina in un film che ha suscitato un grande interesse e soprattutto incasso, o se si vuole entrare in un rapporto personale con Gesù Cristo, nostro Redentore, ripetendo con san Paolo: Il Figlio di Dio mi ha amato e ha dato se stesso per me (Gal 2,20).

    Grazie a Dio dopo la visione del film alcuni si pentono e convertono, come il buon ladrone, il centurione e le folle che erano accorse a questo spettacolo, ripensando a quanto era accaduto, se ne tornavano percuotendosi il petto (Lc 23,41.47.48). Non è un film-horror come quelli che vanno di moda oggi per compiacersi della violenza, ma un film che aiuta a riscoprire l'orrore del peccato, specie quello dell'apostasia (di cui parla il Santo Padre nell'enciclica Ecclesia in Europa, 9), con cui molti crocifiggono di nuovo il Figlio di Dio (Eb 6,6). Il beato padre Marco d'Aviano OFMCap (1631-1699), si diffonde con dovizia di particolari, nel suo opuscolo Gravità del peccato mortale (9), sui patimenti di Cristo crocifisso, che ci fanno capire l'infinita gravità del peccato, e ci insegna l'Atto di dolore, per una buona confessione sacramentale.
    Fraternamente Caterina
    Laica Domenicana

  7. #7
    INNAMORARSI DELLA CHIESA
    Data Registrazione
    25 Apr 2005
    Località
    Varese
    Messaggi
    6,420
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Chi sono i falsi profeti



    di don Ivo Cisar



    È nota la parola di Gesù: "Guardatevi dai falsi profeti che vengono a voi in veste di pecore, ma dentro son lupi rapaci. Dai loro frutti li riconoscerete" (Mt 7,15-16).



    Nello stesso vangelo secondo san Matteo si legge ancora: "Sorgeranno falsi cristi e falsi profeti e faranno grandi portenti e miracoli, così da indurre in errore, se possibile, anche gli eletti" (Mt 24,24).



    Per falsi profeti s’intendono di solito coloro che seminano errori o, come spiega la Bibbia di Gerusalemme, dottori di menzogna che seducono il popolo con false sembianze di pietà, ma perseguendo fini interessati. Mons. S. Garofalo annota il passo: "I falsi profeti, notissimi dai libri del Vecchio Testamento, sono impostori e trafficanti della parola di Dio per il loro vantaggio".



    La Bibbia di Navarra commenta: "Nella vita della Chiesa la figura di falsi profeti, di cui parla Gesù, è stata intesa dai Santi Padri come riferita agli eretici, i quali si rivestono con abiti esteriori di vita di pietà e di penitenza, ma il loro cuore non possiede i sentimenti di Cristo (san Girolamo, Commentum in Matthaeum, 7). San Giovanni Crisostomo applicava queste parole del Signore a coloro che simulano virtù che non hanno, e con questa finzione ingannano chi non li conosce (cfr. Omelie sul Vangelo di san Matteo, 23).



    I falsi profeti si presentano in vesti di pecore, come se appartenessero all’ovile di Cristo, fingono lo zelo per la gloria di Dio, ma cercano la propria gloria e tramano per la rovina delle pecore.



    S. Tommaso d’Aquino spiega, con san Giovanni Crisostomo, che i falsi profeti vengono chiamati "lupi rapaci", perché intendono nuocere agli altri (STh II-II, 172, 4 ad 3). Egli afferma che un profeta viene detto falso quando agisce come strumento del demonio (STh II-II, 172, 5c).



    Il testo di Mt 7,15 viene citato nel Catechismo della Chiesa Cattolica a proposito dello scandalo: "Lo scandalo è grave quando a provocarlo sono coloro che, per natura o per funzione, sono tenuti a insegnare e a educare gli altri. Gesù lo rimprovera agli scribi e ai farisei: li paragona a lupi rapaci in veste di pecore" (CCC 2285).



    Ma quale è la ragione profonda per la quale essi vengono chiamati falsi profeti e quale è concretamente il loro modo di agire?



    1) Profeta non è principalmente colui che predice il futuro, ma colui che parla a nome di Dio, ispirato e incaricato da Lui. Siccome nel Vecchio Testamento i profeti preparavano la venuta di Cristo, essi ovviamente lo predicevano, anche nei suoi particolari. Evidentemente anche nel Nuovo Testamento, Cristo e i suoi, proclamando il regno del Padre (cfr. LG 35), lo indicavano come già presente e insieme futuro (cfr. LG 5).



    Ora, proclamare il regno di Dio, ossia la sua grazia consistente nel perdono e nella salvezza futura, comporta l’invito e l’esortazione alla conversione: "dopo che Giovanni fu arrestato, Gesù si recò nella Galilea predicendo il vangelo di Dio e diceva: ‘Il tempo è compiuto e il regno di Dio è vicino, convertitevi e credete al vangelo" (Mt 1,15).



    Anche i profeti richiamavano alla fede in Dio, alla purezza dei costumi, denunciando i peccati e minacciando castighi divini. Basti ricordare le figure di Elia pieno di zelo per la purezza della fede nell’unico vero Dio (1Re 18,20-40), quella di Isaia che parla contro la corruzione morale (Is 1-5), quella di Natan che denuncia i peccati di Davide (2Sam 12,1-14), quella di Giona che annuncia i castighi divini alla città di Ninive (Gio 3); non sono che alcuni esempi scelti tra i tanti possibili. Il monoteismo, la moralità e l’attesa della salvezza sono oggetti della predicazione dei profeti, che esortano alla conversione.



    Ma appunto per questo i profeti trovavano resistenze e reazioni, fino a dover temere per la propria vita; esempio tipico è quello di Geremia, "oggetto di litigio e di contrasto per tutto il paese" (Ger 15,10), che viene arrestato e giudicato (Ger 26).



    2) Specialmente in Geremia emerge la differenza tra i veri e i falsi profeti: questi ultimi non sono stati mandati da Dio e parlano di testa propria; ne nasce un’aspra lotta (vedi Ger 23,9 ss.; 26,7 ss.; 27,9 s.; 28; Ez 13; Mi 3,5 ss.; Zc 13,2 ss.). Tipico dei falsi profeti è il tentativo di lusingare, illudere, tranquillizzare e narcotizzare le coscienze, per piacere agli uomini. Se ne lamenta Dio: "Così dice il Signore degli eserciti: ‘Non ascoltate le parole dei profeti che profetizzano per voi; essi vi fanno credere cose vane, vi annunziano fantasie del loro cuore, non quanto viene dalla bocca del Signore. Essi dicono a coloro che disprezzano la parola del Signore: voi avrete la pace! e a quanti seguono la caparbietà del loro cuore dicono: non vi coglierà sventura" (Ger 23,16-17). "La mia mano sarà sopra i profeti delle false visioni e dai vaticini bugiardi; ... poiché ingannano il mio popolo dicendo: pace! e la pace non c’è... " (Ez 13,9). Così pure, mentre i falsi profeti predicevano il successo al re, il profeta Michea predisse la disfatta (1Re 22,5 ss.).



    Già nel libro del Deuteronomio Dio metteva sull’avviso: "Qualora si alzi in mezzo a te un profeta o un sognatore che ti proponga un segno o un prodigio... ed egli ti dica: seguiamo dèi stranieri, che tu non hai mai conosciuti, e rendiamo loro un culto, tu non dovrai ascoltare le parole di quel profeta o di quel sognatore; perché il Signore vostro Dio vi mette alla prova per sapere se amate il Signore vostro Dio con tutto il cuore e con tutta l’anima" (Dt 13,2-4). I segni che una profezia sia vera o falsa è la sua corrispondenza con la vera fede (Dt 13,2-6) e il suo adempimento (Dt 18,21-22), se cioè questi vi siano o se manchino.



    Gesù dice che riconosciamo i falsi profeti dai loro frutti. Dei frutti dello Spirito Santo a differenza delle opere della carne parla san Paolo. Il profeta vero conduce alla fede, al pentimento, alla riconciliazione con Dio, alla bontà, alla fedeltà, al dominio di sé ecc., mentre il profeta falso semina impurità, idolatrie, dissensi, divisioni, fazioni, hairéseis-eresie, ecc. (Gal 5,19-23).



    "Ma il frutto più caratteristico del falso profeta è l’impegno volto ad allontanare il popolo di Dio dal magistero della Chiesa, attraverso cui risuona nel mondo la dottrina di Cristo. Il Signore predice altresì la fine di questi truffatori: la perdizione eterna" (La Bibbia di Navarra, l.c.).



    3) Insegnamento per noi.



    a) La nostra esposizione è stata ridotta al minimo, abbiamo proceduto per cenni. San Giovanni apostolo ci avverte: "Carissimi, non prestate fede a ogni ispirazione, ma mettete alla prova le ispirazioni, per saggiare se vengono veramente da Dio, perché molti falsi profeti sono comparsi nel mondo. Da questo potete riconoscere lo spirito di Dio: ogni spirito che riconosce che Gesù Cristo è venuto nella carne, è da Dio; ogni spirito che non riconosce Gesù, non è da Dio. Questo è lo spirito dell’anticristo che, come avete udito, viene, anzi è già nel mondo" (1Gv 4,1-3). Oltre all’attualità del tema (cfr. Giovanni Paolo II nell’omelia del 31 dicembre 1993) ne risulta che la profezia autentica deve essere in armonia con gli articoli fondamentali della fede cristiana.



    Nell’Apocalisse di san Giovanni viene descritta la fine dei falsi profeti al servizio della bestia, ossia delle forze che, arrogandosi poteri divini, si erigono contro Cristo e la Chiesa (Ap 13,11-17).



    b) San Paolo dichiara: "Se ancora io piacessi agli uomini, non sarei più servitore di Cristo!" (Gal 1,10).



    Gesù ha proclamato: "Beati voi quando vi insulteranno, vi perseguiteranno e, mentendo, diranno ogni sorta di male contro di voi per causa mia. Rallegratevi ed esultate, perché grande e la vostra ricompensa nei cieli. Così infatti hanno perseguitato i profeti prima di voi" (Mt 5,11-12).



    Vi è un modo di "compiacere" che è secondo Cristo: "Ciascuno di noi cerchi di compiacere il prossimo nel bene, per edificarlo" (Rm 15,2). "Io mi sforzo di piacere a tutti in tutto, senza cercare l’utile mio ma quello di molti perché giungano alla salvezza" (1Cor 10,33).



    Sempre tenendo presente, però: "Guai quando tutti gli uomini diranno bene di voi. Allo stesso modo infatti facevano i loro padri con i falsi profeti" (Lc 6,26).



    c) Siamo popolo profetico di Dio (LG 12), sotto la guida del Magistero della Chiesa (LG 25) i laici partecipano all’ufficio profetico di Cristo (LG 35) per l’evangelizzazione del mondo (ibidem), mediante l’apostolato (ibidem e AA), specie se confermati-cresimati (AA 3). Evangelizzare vuol dire annunciare Cristo per la conversione (cfr. At 2,36).



    Una componente della funzione profetica del cristiano è il dovere della correzione fraterna o dell’ammonimento fraterno, di cui parla a più riprese il Nuovo Testamento: "Se il tuo fratello commette una colpa, va’ e ammoniscilo... " (Mt 18,15). "Se un tuo fratello pecca, rimproveralo; ma se si pente, perdonagli" (Lc 17,3) Un presupposto della salvezza che consiste nel perdono dei peccati è la conoscenza dei peccati e il pentimento. La misericordia divina non significa che Dio chiude gli occhi davanti ai peccati, ma che ce li perdona, se ce ne pentiamo finché siamo in tempo: "Il Signore non ritarda nell’adempiere la sua promessa, come certuni dicono; ma usa pazienza verso di voi, non volendo che alcuno perisca, ma che tutti abbiano modo dio pentirsi (2Pt 3,9). Ma Gesù ammonisce pure: "Se non vi convertite, perirete tutti" (Lc 13,3.5). La correzione fraterna è una delle opere di misericordia spirituale, ben diversa dal giudicare il prossimo (Mt 7,1 ss.). Invece di giudicare le persone e tollerare il peccato, come spesso facciamo, dobbiamo condannare il peccato, senza condannare le persone (Lc 6,37), perché Dio vuole salvare tutti (1Tm 2,4).



    Perciò san Paolo esorta i cristiani: "Cercate ciò che è gradito al Signore, e non partecipate alle opere infruttuose delle tenebre, ma piuttosto condannatele apertamente, poiché di quanto viene fatto da costoro in segreto è vergognoso persino parlare" (Ef 5,10-12). Egli confida che i cristiani siano "capaci di correggere l’un l’altro" (Rm 15,14), ci esorta a correggere gli altri con dolcezza e umiltà (Gal 6,1), di accettare gli ammonimenti di coloro che ci sono preposti nel Signore, come pure di correggere gli indisciplinati (1Ts 5,12.14), di ammonire fraternamente (2Cor 2,7; 2Ts 3,15).



    d) Quel che induce al peccato ed è peccato già in sé è il falso rispetto umano, di cui peccò già Adamo (Gn 3,6.12). Non solo non dobbiamo subirlo, ma dobbiamo essere profeti veri che si regolano secondo la parola di san Paolo: "Non conformatevi alla mentalità di questo secolo (mondo), ma trasformatevi rinnovando la vostra mente, per poter discernere la volontà di Dio, ciò che è buono, a Lui gradito e perfetto" (Rm 12,2). Non seguendo i falsi profeti, accomodanti, che tentano di praticare sconti sulla dottrina e la morale di Cristo, per piacere agli uomini, dispiacendo a Dio, dal quale verranno giudicati, al quale dovranno rispondere (cfr. 2Cor 5,10; Rm 14,10-13; Gal 6,4-5), perché "responsabilità" vuol dire questo.



    In conclusione: Dio manda i profeti, i quali parlano a nome Suo, denunciando i peccati, perché gli uomini possano rendersene conto e pentirsene e trovare la salvezza in Cristo. Ma alcuni autoinvitati si spacciano per profeti, mentre non lo sono, "pretendendo di essere dottori della legge mentre non capiscono né quello che dicono né alcuna di quelle cose che danno per sicure" (1Tm 1,7).



    I falsi profeti addormentano le coscienze, i profeti veri le svegliano. E non si deve neppure tacere; specialmente le sentinelle costituite da Dio devono "suonare la tromba e dare l’allarme" (Es 33,2-3) avvertire della morte spirituale, conseguenza delle iniquità (Ez 33,10-16). Chi blandisce o tace colpevolmente compromette la salvezza eterna altrui.



    Il mite san Francesco di Sales ha una parola molto forte: "Faccio eccezione per i nemici dichiarati di Dio e della Chiesa; quelli vanno screditati il più possibile: per esempio, le sette eretiche e scismatiche con i loro capi. È carità gridare al lupo quando si nasconde tra le pecore, non importa dove" (Filotea III 29).



    Oggi si abusa della parola "speranza": è un termine inflazionato e spesso svuotato del suo contenuto proprio, soprannaturale, di virtù teologale, riferentesi a Dio (vedi per esempio Rm 5,5; 8,24); è divenuta una parola "riempitivo", immanentizzata, orizzontalizzata, storicizzata, non più trascendente, espressione della fede soprannaturale (vedi invece Ebr 11,1), ma una parola pseudoottimistica, ingannevole, anestetizzante, direi quasi "propagandistica". Se si studia bene l’Apocalisse, vi si constata un regresso nella storia e un progressivo aumento, crescita del male nel mondo (vedi Eduard Schick, L’Apocalisse, Roma, 1973, pp. 93, 99, 113, 114, 120, 126-129, 148-149, 185-186), donde la necessità dell’esortazione alla penitenza (vedi ivi, p. 127; cfr. Lc 13,1-5).



    La voce dei falsi profeti spesso sovrasta quella dei veri, come quella di Anania in contrasto con Geremia (Ger 28). Ciò non porta alla conversione (penitenza) e alla salvezza. La gente pretende: "Non fateci profezie sincere, diteci cose piacevoli, profetateci illusioni!" (Is 30,10). Ma Dio avverte: "Non vi traggano in errore i profeti che sono in mezzo a voi e i vostri indovini; non date retta ai sogni che essi sognano. Poiché con inganno parlano come profeti a voi in mio nome; io non li ho inviati. Oracolo del Signore" (Ger 29,8-9). "I tuoi profeti hanno avuto per te visioni di cose vane e insulse, non hanno svelato le tue iniquità per cambiare la tua sorte; ma ti han vaticinato lusinghe, vanità e illusioni" (Lam 2,14). Così avviene anche oggi in certe conferenze, prediche, liturgie che non evangelizzano, cioè non inducono alla conversione-penitenza, ma sono falsamente consolatorie. San Paolo ha scritto: "Verrà giorno, infatti, in cui non si sopporterà più la sana dottrina, ma, per prurito di udire qualcosa, gli uomini si circonderanno di maestri secondo le proprie voglie, rifiutando di dare ascolto alla verità per volgersi alle favole". (2Tm 4,3-4). E accenna anche a dei "falsi fratelli" (Gal 2,4).



    San Gregorio Magno, commentando i passi biblici sui "cani muti" (Is 56,10), guardiani infedeli (ivi), non difensori (Ez 13,5), scrive dei falsi profeti: "La parola di Dio li rimprovera di vedere cose false, perché, per timore di riprendere le colpe, lusingano i colpevoli con promesse di sicurezza, e non svelano l’iniquità dei peccatori ai quali mai rivolgono una parola di riprensione. Il rimprovero è una chiave. Apre infatti la coscienza a vedere la colpa che spesso è ignorata anche da quello che l’ha commessa. ..." (Reg. past. 2,4).



    I falsi profeti sono addormentatori di coscienze mediante l’aperturismo e lo pseudoottimismo ("aggiornamento" e "speranza"). Conducono all’indurimento nel peccato e all’impenitenza finale, peccati "irremissibili", perché contro lo Spirito Santo, contro la grazia di Dio (Mt 12,32); conducono non alla salvezza, ma alla perdizione (Fil 3,19; Mt 7,13).



    Il peccato, in quanto contro Dio, non è evidente alla coscienza umana, ma ha bisogno di essere svelato nella sua vera dimensione e gravità: questa è la vera funzione profetica (vedi Is 58,1), come quella di Natan nei riguardi di Davide (2Sam 12,1-14). La nuova (o rinnovata) evangelizzazione non consiste nella sola istruzione (catechetica, questa viene dopo), né in un solo dialogo (vedi Dialogo e annuncio, 19 maggio 1991), ma nel kerygma o annuncio del regno di Dio congiunto all’invito alla penitenza: "Il tempo è compiuto e il regno di Dio è vicino: convertitevi e credete al vangelo" (Mc 1,15, cfr. Mt 4,17). È l’annuncio di Cristo e della salvezza in Lui solo: "Pentitevi e ciascuno di voi si faccia battezzare nel nome di Gesù Cristo, per la remissione dei vostri peccati" (At 2,38). "In nessun altro c’è salvezza; non vi è infatti altro nome dato agli uomini sotto il cielo nel quale è stabilito che possiamo essere salvati" (At 4,12).
    Fraternamente Caterina
    Laica Domenicana

  8. #8
    Vox Populi
    Ospite

    Predefinito

    Un Sacerdote tradizionalista rimasto sempre fedele alla Chiesa e al Papa, senza mai farsi attirare dagli errori dello scisma lefebvriano o dall'eresia sedevacantista.
    Il Signore gli conceda la giusta ricompensa.

  9. #9
    Napoléon I
    Ospite

    Predefinito

    Pertanto non viene messa in dubbio la validità della c.d. "nuova" messa - introdotta sotto il pontificato di Paolo VI nel 1969 con la Costituzione apostolica Missale Romanum (20 ottobre 1969: EV 3,1619-1640), con la decorrenza dal 30 novembre 1969 (ivi, 1621) - a condizione che il sacerdote celebrante abbia l'intenzione (attuale o virtuale) di consacrare.
    Non può venir messa in dubbio, quindi, né la legittimità (a certe condizioni) della messa tridentina, né la validità (a certe condizioni) della "nuova messa".


    Ecco cosa dice il Cisar sulla messa nuova.
    Da notare il fatto che lui non dubita... ma la messa vecchia va sempre bene, la nuova solo a certe condizioni. Non è l'intenzione di consacrare che occorre poi, per consacrare, ma l'intenzione di fare ciò che fa la Chiesa. Ma in questo caso, il Cisar ci lancia la sua catechesi: con la messa nuova, la chiesa non vorrebbe più consacrare, ma solo i singoli sacerdoti. Questi sono gli indultisti.
    Poi ci si meraviglia se non gli fanno il funerale vecchio?

  10. #10
    Napoléon I
    Ospite

    Predefinito

    le messe sono tutte uguali.
    Non è che il viola diminuisce il suffragio. Certo che se uno non crede e pensa che solo il libro magico vecchio funzioni è un' altra cosa. Ha fatto bene il vescovo.


 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. e improvvisamente siamo risorti...
    Di matteomourinho nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 55
    Ultimo Messaggio: 31-05-13, 19:05
  2. Risposte: 10
    Ultimo Messaggio: 23-08-11, 23:39
  3. improvvisamente sulla stampa nazionale
    Di anton nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 37
    Ultimo Messaggio: 20-04-07, 22:08
  4. Di Pietro: improvvisamente Mastella la pensa come lui
    Di are(a)zione nel forum Centrosinistra Italiano
    Risposte: 8
    Ultimo Messaggio: 16-03-07, 22:32
  5. Improvvisamente il Fondoscala è impazzito
    Di Betelgeuse nel forum Fondoscala
    Risposte: 20
    Ultimo Messaggio: 19-12-03, 22:57

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226