User Tag List

Risultati da 1 a 8 di 8
  1. #1
    esterno alla massa
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Località
    RDS
    Messaggi
    4,979
    Inserzioni Blog
    3
    Mentioned
    11 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito Caratteristiche della nazione napolitana

    da http://josephepomeo.myblog.it

    Caratteristiche della Nazione Napolitana

    Questo articolo espone le caratteristiche della Nazione Napoletana con l’intento di far recuperare a più persone possibili l’antica identità nazionale.

    La parola nazione ha un etimologia latina che significa: nascita, origine.

    La definizione di nazione, che si può trovare in tutti i vocabolari o enciclopedie, è: “Comunanza d’individui, che abitano la stessa regione, hanno la stessa storia, parlano la stessa lingua, professano la stessa religione, hanno identità d’interessi materiali e morali ed aspirano a conseguire gli stessi fini.”. Il significato corrente è: genti aventi la stessa origine etnica.

    La regione abitata comunemente dai napolitani è la Napolitania ovvero quella corrispondente all’antico Regno di Napoli esistito dai vespri fino al 1816 o quella che era la parte continentale del regno di Sicilia tra il 1150 e il 1282 o del Regno delle Due Sicilie tra il 1816 ed il 1861.

    Le altre caratteristiche, fatte le dovute eccezioni, per le minoranze sono:

    La religione è quella cristiana cattolica apostolica romana.

    La lingua è il Napoletano che però a causa del genocidio culturale ha perso la sua compattezza linguistica sfaldandosi in vari dialetti che sono comunque molto simili fra loro, più di quanto non lo siano i dialetti che si parlano nelle varie regioni padane. Il Napoletano era la lingua comunemente usata alla corte dei Borbone, era lingua ufficiale in epoca Aragonese, ed era lingua dotta e letteraria tra il XVI e il XVIII secolo, regredendo lievemente dopo la restaurazione borbonica del 1815.

    La storia ci vede accomunati nelle stesse vicende da quando la Napolitania è stata unita sotto lo stesso stato a partire del 1150, nel bene (Regno di Sicilia, Regno di Napoli e Regno delle Due Sicilie) e nel male (Regno d’Italia e Repubblica italiana). Anche prima della nascita del regno di Sicilia ad opera di Ruggiero d’Altavilla grandi porzioni territoriali della Napolitania sono appartenute ad entità statali distinte da quelle del centro-nord Italia. Tutti i territori napolitani a sud dei fiumi Garigliano e Sangro non hanno fatto parte del Sacro Romano Impero di Carlo magno. Il principato Longobardo di Benevento che sopravvisse altri due secoli dopo la caduta dei longobardi a nord, aveva la sua estensione territoriale che comprendeva, tutti i territori della Napolitania eccetto il ducato di Napoli, il ducato di Gaeta, la Calabria meridionale ed il Salento. Storicamente la Napolitania non ha avuto niente in comune come storia con il centro-nord, dalla caduta del regno romano barbarico d’Italia fino al 1861. Prima dell’espansione romana, le regioni Napolitane erano popolate dagli italici e dai greci lungo le coste, mentre al centro vivevano gli etruschi ed in Padania i barbari Galli.

    I Napolitani adottarono lo stesso sistema di leggi dall’era di Ruggiero d’Altavilla fino all’unità d’Italia, un sistema legislativo che si basava su principi morali superiori a quelli dello stato italiano e ancora oggi per molti aspetti più evoluto. Un sistema legislativo che è stato cancellato dalla piemontesizzazione.

    Le nostre tradizioni e usanze sono notevolmente diverse dal centro-nord mentre tra le varie zone della Napolitania variano poco. Un esempio lo possiamo notare con il pranzo di Natale; se si seguono rigidamente le tradizioni, il cenone napolitano con piccole variazioni locali, è radicalmente diverso da quello settentrionale.

    Le aspirazioni dei Napolitani sono: primo, non essere più considerati un territorio infimo dall’Italia e dall’Europa e tornare a testa alta tra le grandi nazioni della Terra come ci spetterebbe dalla nostra storia. Secondo, essere un crocevia di traffici commerciali e di scambi culturali tra le varie sponde del mediterraneo. Terzo, avere un ruolo guida tra le nazioni che affacciano sul mediterraneo e un ruolo di prestigio a livello mondiale. Quarto, ritornare ad essere una nazione che con la sua operosità, cultura e valori morali possa essere di esempio al mondo intero come lo è stata per secoli. Quinto, tornare ed essere un baluardo dalla cristianità in Europa, senza rinunciare alle relazioni e alla convivenza pacifica con i paesi islamici del medio oriente e del nord Africa, ruolo che per altro è stato svolto egregiamente nei secoli passati.

    Due sono le interpretazioni per individuare una nazione, quella di appartenenza etnica e quella di appartenenza spirituale. La nazione Napolitana si distingue prevalentemente nella seconda, ma potrebbe in parte avere basi anche nella prima interpretazione.

    Gia anticamente la Napolitania era abitata dagli italici (Ausoni, Apuli, Bruzzi, Lucani e Sanniti) e dai greci nelle città costiere che essi fondarono. I discendenti di questi due gruppi hanno costituito geneticamente il fondamento della nazione al quale vanno aggiunte le contaminazioni di varie minoranze che nei secoli sono arrivate e che comunque non hanno mai stravolto il ceppo originario che geneticamente è notevolmente diverso da quello barbaro padano.

    La maggiore appartenenza nazionale si individua nella cultura che fa della Napolitania la culla della civiltà occidentale che nata in Grecia ha qui avuto un tale rilancio che proprio nelle polis napolitane, particolarmente da Napoli e Cuma, si è propagata conquistando culturalmente i romani e poi tramite l’Impero, questa cultura si è propagata in tutto il mondo. Un appartenenza culturale fatta di valori morali, spirituali, filosofici, di tradizioni e di costumi così solida da conquistare tutte le dinastie che si sono alternate sul trono di Napoli; infatti il capostipite era sempre un re straniero per origine e cultura ma già il nipote e spesso anche il figlio erano in tutto e per tutto, in virtù dell’appartenenza spirituale, napolitani. Basta pensare a Carlo di Borbone che aveva il padre spagnolo, la madre parmense il nonno francese, suo figlio Ferdinando I nato a Napoli sin da bambino si sentiva e viveva da Napoletano, così anche i suoi successori Francesco I, Ferdinando II e Francesco II. Quest’ultimo nel proclama di Gaeta dell’8 dicembre 1860, proprio nell’ora più triste della nazione napolitana vantava con fierezza la sua origine: “Io sono napoletano; nato tra voi, non ho respirato altra aria, non ho veduto altri paesi. Tutte le mie affezioni sono dentro il Regno: i vostri costumi sono i miei costumi, la vostra lingua la mia lingua, le vostre ambizioni le mie ambizioni”.

    Joseph Epomeo

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista
    Data Registrazione
    21 May 2009
    Messaggi
    167
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: Caratteristiche della nazione napolitana

    Questo articolo è pieno di falsi storici

  3. #3
    Forumista junior
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    15
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: Caratteristiche della nazione napolitana

    Angelo. spiegaci perchè quanto detto da Joseph è basato su clamorose falsità storiche, come da te affermato.
    Te ne saremo grati tutti noi compatrioti del forum.
    Saluti affettuosi.

  4. #4
    Forumista
    Data Registrazione
    21 May 2009
    Messaggi
    167
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: Caratteristiche della nazione napolitana

    Spiegatemi voi dove avete appreso dell'esistenza della Napolitania, o, a questo punto, come riportano dei simpatici diplomini satirici, Napolilandia. Vediamo dove avete appreso che la lingua ufficiale era il napoletano e vediamo, pure, dove avete appreso che fino all'unità erano in uso le stesse leggi del 1100! Poi, parlatemi delle "aspirazioni dei Napolitani", davvero sono quelle che descirvete? A mio avviso quelle descritte, forse, sono più le aspirazioni dell'autore dell'articolo che quelle dei "napolitani". Mi piacerebbe, poi, in futuro aprire una discussione sul concetto, tutto francese, di nazione vs quello identitario e tradizionale di popolo.

  5. #5
    email non funzionante
    Data Registrazione
    04 Apr 2009
    Messaggi
    381
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: Caratteristiche della nazione napolitana

    Citazione Originariamente Scritto da angelo Visualizza Messaggio
    Spiegatemi voi dove avete appreso dell'esistenza della Napolitania, o, a questo punto, come riportano dei simpatici diplomini satirici, Napolilandia. Vediamo dove avete appreso che la lingua ufficiale era il napoletano e vediamo, pure, dove avete appreso che fino all'unità erano in uso le stesse leggi del 1100! Poi, parlatemi delle "aspirazioni dei Napolitani", davvero sono quelle che descirvete? A mio avviso quelle descritte, forse, sono più le aspirazioni dell'autore dell'articolo che quelle dei "napolitani". Mi piacerebbe, poi, in futuro aprire una discussione sul concetto, tutto francese, di nazione vs quello identitario e tradizionale di popolo.
    Vedo che hai frainteso il mio articolo ho parlato di sistema legislativo non di leggi uguali dal XII secolo. Il Regno di Sicilia prima e il Regno di Napoli dopo il 1285 hanno legiferato nel corso dei secoli promulgando leggi sempre al passo con i tempi e le necessità ma tutto questo nello stesso sistema come oggi lo stato italiano emana leggi in base ad una costituzione.

    All’epoca della corte aragonese si usava il Napoletano come lingua ufficiale invece tra il 1734 ed il 1861 si usava l’Italiano.

    Vorrei sapere se non sono quelle descritte nell’articolo le aspirazioni dei Napolitani quali sono?

    Continuare ad essere dominati dai barbari padani che ci trattano da bestie?
    Continuare ad emigrare in polentonia per elemosinare un lavoro e nel frattempo essere chiamati terroni?
    Vendere il proprio voto per al politico corrotto di turno per un lavoro che dovrebbe essere un diritto o per pochi spiccioli?
    Vivere in una terra ridotta a discarica di rifiuti tossici?
    Subire le prepotenze delle mafie?

    Forse per te i napolitani dovrebbero aspirare alla restaurazione borbonica. Così potendo gridare tutti i giorni viva ‘o rre vivranno per sempre felici e contenti.

    Quali sono le aspirazioni dei Napolitani?

    Scrivo gli articoli per avviare un dibattito. Almeno ho provato in base a fatti inoppugnabili a tracciare un profilo della nazione Napolitana ovvero quella della comunità che vive nella zona continentale dell’ex Regno delle Due Sicilie.

    Sapresti dirmi quali sono le caratteristiche della nazione Napolitana? Forse le caratteristiche che hanno inventato per noi i padani?
    www.duesicilie.net

    Notizie su arte, ambiente, cultura, gastronomia, luoghi, monumenti, prodotti, storia, tradizioni, simboli, cronaca e politica delle Due Sicilie

  6. #6
    Forumista
    Data Registrazione
    21 May 2009
    Messaggi
    167
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: Caratteristiche della nazione napolitana

    QUindi mi hai dato ragione. Consiglio vivamente di cancellare questo articolo obrobrioso. Per il resto io non mi lancio in catalogazioni avventate e prive di senso.

  7. #7
    email non funzionante
    Data Registrazione
    04 Apr 2009
    Messaggi
    381
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: Caratteristiche della nazione napolitana

    Citazione Originariamente Scritto da angelo Visualizza Messaggio
    QUindi mi hai dato ragione. Consiglio vivamente di cancellare questo articolo obrobrioso. Per il resto io non mi lancio in catalogazioni avventate e prive di senso.
    E' palese che hai torto ed hai capito male però pretendi di avere ragione.
    Ditegli sempre di si (commedia di Eduardo De Filippo).

    Vuoi che sia censurato il mio articolo perché non sei d’accordo con le idee che sono descritte. Hai un bel concetto di democrazia! Dio non voglia che tu e quelli come te governino il futuro Sud indipendente. Nel caso dovessi governare tu ed altri come te io e tutti quelli che la pensano diversamente avrebbero due destini esilio a vita con sepoltura all’estero o impiccagione a piazza Mercato.

    Mi dispiace che le buone intenzioni del moderatore sullo scopo di questo forum di creare un punto d’incontro non vanno a buon fine. Secondo me è più facile trovare la quadratura del cerchio che un accordo tra borbonici, neoborbonici, meridionalisti autonomisti ecc.
    www.duesicilie.net

    Notizie su arte, ambiente, cultura, gastronomia, luoghi, monumenti, prodotti, storia, tradizioni, simboli, cronaca e politica delle Due Sicilie

  8. #8
    Forumista
    Data Registrazione
    21 May 2009
    Messaggi
    167
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: Caratteristiche della nazione napolitana

    Io non sono nato per governare, tu, forse, sei nato per dire stupidaggini. Non è mai esistita alcuna Napolitania, mai il napolitano fu lingua ufficiale di alcuno stato, nè il sistema legislativo era quello del 1100. In più il signor Epomeo vuole, pure, imporre le sue aspirazioni a quelle dell'intero popolo. Cancelliamo l'articolo e non rendiamoci ridicoli.

 

 

Discussioni Simili

  1. Nazione Napolitana
    Di luigi maria op (POL) nel forum Conservatorismo
    Risposte: 40
    Ultimo Messaggio: 11-01-09, 17:29
  2. Nazione Napolitana
    Di luigi maria op (POL) nel forum Regno delle Due Sicilie
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 29-12-08, 19:22
  3. Caratteristiche della Nazione Napolitana
    Di Ferdinando IV nel forum Regno delle Due Sicilie
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 21-12-08, 16:45
  4. L'importanza di una Nazione Napolitana diversa dalla Sicilia...
    Di brigante65 nel forum Regno delle Due Sicilie
    Risposte: 30
    Ultimo Messaggio: 07-11-08, 17:40
  5. Partito Napolitano o Nazione Napolitana?
    Di Rif. Borbonica nel forum Regno delle Due Sicilie
    Risposte: 41
    Ultimo Messaggio: 27-04-08, 13:34

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226