User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2
  1. #1
    Mé rèste ü bergamàsch
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    13,041
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Libertà economica, Italia come Belize e Thailandia

    L’Italia perde quota nella classifica sulla libertà economica e scende dal 33° al 54° posto. Il dato preoccupante emerge dall'ultima edizione del Rapporto sulla libertà economica del mondo, pubblicato pochi giorni fa dal Fraser Institute di Vancouver, uno dei più qualificati think-tank nord-americani di ispirazione liberal-liberista. La classifica si riferisce al 2003, riguarda 127 Paesi del pianeta (quattro in più dell'edizione precedente) ed è realizzata grazie alla collaborazione con 69 centri di ricerca di tutto il mondo: per l'Italia, il partner è il Centro Einaudi di Torino (che, l'anno scorso, sulla scorta dell'edizione precedente del rapporto ha pubblicato con Guerini e Associati il volume La libertà economica nel mondo e in Italia integrato con un'analisi sulla libertà economica delle regioni d'Europa). La classifica è costruita su una base di 38 indicatori raggruppati in cinque macro-aree, che riguardano: la dimensione dell' apparato pubblico; la struttura giuridica e la tutela dei diritti di proprietà; la stabilità monetaria; la libertà degli scambi con l'estero; il grado di regolazione nei mercati del credito, del lavoro e degli affari. L'Italia, oggi appunto al 54° posto in classifica (con Belize, Repubblica Slovacca, Filippine e Thailandia), riporta un voto di poco superiore alla sufficienza, 6,6 su un massimo di 10; nel 1990 era 29° in classifica, 43° nel '95, 34° nel 2000 (col punteggio più alto mai raggiunto, 7,1) e nel 2001. Meglio di noi fanno anche Paesi non proprio liberisti, come la Germania, 19°, o la Francia, 35°. Anche raggruppando i Paesi ex acquo, l'Italia non brilla, collocandosi al 22° posto su 42 posizioni. Sul podio della libertà economica sale Hong Kong, seguita da Singapore al secondo posto, da Nuova Zelanda, Svizzera e Usa al terzo; e poi da Gran Bretagna, Canada e Irlanda. Tra i new comer" si qualifica campione l'Estonia, al nono posto. Il nostro Paese arretra vistosamente soprattutto nella seconda area, scendendo al livello più basso nella storia quasi decennale della ricerca, a 5,6 punti da 7,4 del 2002: pesano l'arretramento nel grado di indipendenza della magistratura, nell'imparzialità dei tribunali, nell' «integrità del sistema giuridico» (rispettivamente scesi da 5,7 a 4,3; da 5,3 a 3,7; da 10 a 5); ma anche la scarsa protezione della proprietà intellettuale (da 6 a 4,8). Questi dati sono elaborati da fonti internazionali quali il World Economic Forum e il Prs Group. Basse rimangono le performance sulla dimensione della sfera pubblica (al 98° posto, stabili con 4,7); e sul grado di deregulation (97°, con 5,3): qui pesano la rigidità del mercato del lavoro (95°, con 3,6); i vincoli burocratici ad aprire nuove imprese (per i quali l'italia precipita addirittura a 1,7); la difficoltà complessiva ad avviare nuovi business (3,8, in calo anche rispetto agli anni recenti). L'Italia migliora sul tempo divorato dalla burocrazia (7,3, contro 4,7 di dieci anni fa); eccelle nella stabilità monetaria (25° con 9,6); si difende nella libertà degli scambi (34°, con 7,7). Migliorano negli anni gli indicatori relativi a grado di regolazione dei mercati finanziari e proprietà privata delle banche. Ce ne sarebbe abbastanza per ricavarne un bilancio dei governi passati e un programma per quello futuro, soprattutto se si tiene presente che l'Italia è tra i sette Paesi, su 109, che hanno peggiorato la loro posizione rispetto al 1985 (il Fraser, infatti, grazie a un particolare procedimento statistico-matematico ricostruisce la classifica fino a quell'anno), per di più interrompendo un miglioramento durato fino al 2002. Non si tratta di ubbie ideologiche: il documento, infatti, mette in relazione il grado di libertà economica col tasso di sviluppo, l'andamento del reddito, gli investimenti e l'occupazione, ma anche con indicatori quali l'aspettativa di vita, il tasso di alfabetizzazione, la mortalità, il lavoro infantile, l'estensione della corruzione e dell'economia sommersa, la stabilità delle istituzioni democratiche. E non lascia adito a dubbi: quanto più un Paese è libero economicamente, tanto più produce sviluppo, garantisce benessere e consolida la democrazia. Peccato che l'Italia continui a crederci poco.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    7,255
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito per gli etno non è importante

    sono notizie che non riescono a circolare. il povero pagliarini sono anni che si sforza, ma xe come gratar el musso. (per gli itaglioni : è come grattare l'asino)

 

 

Discussioni Simili

  1. Libertà economica e d'impresa: la Grecia sorpassa l'Italia !
    Di GNU-GPL nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 24
    Ultimo Messaggio: 06-05-10, 15:27
  2. Indice della libertà economica, l'Italia arretra ancora
    Di Abbott (POL) nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 29
    Ultimo Messaggio: 13-01-09, 15:42
  3. Indice di libertà economica: Italia 64° posto.
    Di Nicola81 nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 58
    Ultimo Messaggio: 16-01-08, 02:00
  4. Libertà economica: Italia al 60° posto dopo Namibia
    Di arsan (POL) nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 17-01-07, 22:39
  5. Libertà Economica. Italia al 60° posto...dopo la Namibia.
    Di merello nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 16
    Ultimo Messaggio: 16-01-07, 17:20

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226