User Tag List

Pagina 1 di 3 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 26
  1. #1
    Mé rèste ü bergamàsch
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    13,041
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Film sul Grande Torino: razzismo itagliano

    Bacigalupo, Ballarin, Maroso, Grezar, Rigamonti, Castigliano, Menti, Loik, Gabetto, Mazzola, Ossola. Undici campioni, cinque scudetti consecutivi all'attivo, lo stadio Filadelfia inviolabile per gli avversari, un sogno infranto sulla collina di Superga il 4 maggio 1949. Ma anche il simbolo della rinascita nell'Italia del dopoguerra, il segno di un riscatto che accomunava gli italiani davanti al mondo. Tutto questo vuole raccontare 'Il grande Torino', la fiction di Claudio Bonivento con cui Raiuno inaugura, il 25 e 26 settembre in prima serata, la stagione di garanzia autunnale.

    "E' un film ambizioso, realizzato con mezzi insoliti per un prodotto televisivo e curato in ogni dettaglio", ha esordito con orgoglio il regista, ieri a Milano per presentare in anteprima la miniserie al Prix Italia. "Ma non è il fotoromanzo del Torino: è la storia di un biennio che ha avuto come asse portante le gesta di quella squadra gloriosa". Il punto di vista scelto dagli autori lo stesso Bonivento con Grazia Giardiello e Roberto Jannone, che si sono ispirati al libro 'Il romanzo del grande Torino' di Franco Ossola, figlio di uno dei campioni morti nel disastro aereo è quello di Angelo Di Girolamo (Ciro Esposito), giovane di Casoria emigrato a Torino con la famiglia nel 1947, tifoso dei granata dei quali conosce a memoria formazione, risultati, storia, con il sogno di entrare nella squadra giovanile. A realizzarlo, lo aiuteranno Susanna (Katy Saunders), sua compagna di scuola e figlia di Ernesto Egri Erbstein (Massimo Popolizio), direttore tecnico della squadra, e il capitano Valentino Mazzola (Giuseppe Fiorello).

    "Nel film ha sottolineato ancora Bonivento c'é anche l'emigrazione, ci sono le prime automobili, c'é un presidente, Ferruccio Novo (Remo Girone, ndr) che non è quello della grande Fiat ma di un'industria di cinghie di trasmissione per trattori". Dopo aver letto la sceneggiatura, Fiorello ha chiesto il ruolo di capitan Mazzola: "Quando l'ho chiesto a Bonivento ha raccontato l'attore era perplesso. Mi ha detto: 'Non gli assomigli, non sei del Nord, sei bruno... Ma sai giocare a pallone?'. E mi ha lanciato una palla di gommapiuma. Io l'ho stoppata al volo, e lui mi ha detto: 'Lo puoi fare'. Ho iniziato così un lungo lavoro di informazione, di lettura: non conoscevo quasi nulla di questa storia, né avevo parlato con i figli di Mazzola".

    Sandro ha avuto parole di grande apprezzamento per l'interpretazione di Fiorello, in cui ha rivisto i silenzi del padre: "Le sue parole mi hanno commosso: ci ho messo tutta la passione possibile, la mia serietà ma anche la mia timidezza", ha commentato l'attore. "Interpretando questo personaggio, ho imparato a non mollare mai: capitan Mazzola giocava anche con la febbre a quaranta".

    Per ricostruire le immagini di un calcio più lento e meno fisico di oggi, gli attori non hanno voluto controfigure: "Ci ha pensato Odoacre Chierico, gloria della Roma anni '80, a metterci sotto allenamento per diverse settimane. Il calcio di allora? Era molto piu' romantico. Anche oggi ci sono i giocatori bandiera, come Totti, Del Piero, Maldini, ma il sistema è cambiato, con le pressioni della pubblicità, degli sponsor, della politica". La partitella vera, girata nello stadio di Genzano che è servito a ricostruire il vecchio Filadelfia ("E' fatiscente, sarebbe stato pericoloso allestirci il set", ha spiegato Bonivento), è costata un'operazione al menisco a Esposito: "Ma ne è valsa la pena. A chi non sarebbe piaciuto interpretare il ruolo di un calciatore del grande Toro?".

    "Era importante esserci" anche per Massimo Molea, al quale è toccato il ruolo di Gabetto, mentre Girone, il presidente Novo nella fiction, confessa che il padre gli "raccontava sempre del grande Torino, che nel mio immaginario ha conservato la sua aura mitica: questo film racconta un calcio diverso e un'Italia diversa. Spero che tantissimi giovani lo guardino". Accanto a quello di Girone, la fiction vanta anche un cameo di Michele Placido, nei panni del protagonista da adulto che rievoca in un'intervista la storia della sua famiglia: il padre Giuseppe (Gaetano Amato), operaio durissimo con se stesso e con i suoi, la madre Anna (Tosca D'Aquino), l'inquieto fratello Pasquale (Fausto Verginelli), la sorella Rosa (Alessandra Mastronardi). Nel cast ci sono anche due figli d'arte, Gianfelice Facchetti, nel ruolo di Bacigalupo, e Francesco Venditti, che è Castigliano.

    Nella tragedia di Superga, che costò la vita a 31 persone, Angelo perde tanti amici che lo hanno aiutato a crescere. Mentre viene proclamato il lutto nazionale, la Federazione gioco calcio, su proposta di tutti i club, decide di attribuire d'ufficio lo scudetto al Torino. Ma il presidente Novo rifiuta e stabilisce che il suo team giocherà le ultime quattro partite con la formazione primavera: faranno altrettanto le squadre avversarie. E così Angelo, con la maglia numero 10 che fu di capitan Mazzola, realizzerà il suo sogno.

    A chi gli ricordava che al grande Toro è stato già dedicato il film 'Ora e per sempre' di Vincenzo Verdecchi, uscito nelle sale nel 2004, Bonivento ha replicato: "Quella è un'altra storia, che parte dall'oggi per raccontare, personalizzandola, una vicenda di allora. Noi invece abbiamo voluto raccontare un'epoca. Una storia così al cinema sarebbe andata bene dieci anni fa. Oggi non c'é più il gusto per certe cose, questo film lo avrebbero visto in pochi. E invece lo devono vedere in tanti".


    Come sulle Cinque Giornate di Milano, la Rai meridionalista prosegue il suo attacco etnico nei confronti della Padania... con tutto quello che c'era, va a basarsi su un racconto di uno di Casoria, Fiorello è Mazzola e c'è pure Placido... Altro che grande Torino... Grande Napoli o Grande Palemmo sarebbe stato meglio...

    Allegria

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Padania libera dai padioti
    Data Registrazione
    14 Jun 2002
    Messaggi
    2,329
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Scusa ma trovare attori che non abbiano la faccia da terronazzi mi pare ormai un pò difficile.

  3. #3
    Kochaj mnie!!
    Data Registrazione
    04 Apr 2005
    Località
    Pö de 55miliu' de itaja' i gha riå mjå a capeser negot quan che i sent el Bresa-Bergamask...Caheghel en del cül, ansögötå a ciciarå sul en Breha-Bergamask!!!!!!!
    Messaggi
    5,560
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    per far in alto esempio
    lo avete visto
    Porzus?
    pur non essendo Furlan ....

  4. #4
    PADANIA NEL CUORE
    Data Registrazione
    07 Apr 2003
    Località
    dall'amata Padania
    Messaggi
    1,731
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    appropriazione indebita di storia padana.
    Nel grande Torino il più sudista era di Parma.
    Squadra padana per eccellenza.
    Immortale.
    TIOCH FAID AR LA'

  5. #5
    PADANIA NEL CUORE
    Data Registrazione
    07 Apr 2003
    Località
    dall'amata Padania
    Messaggi
    1,731
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Ma perchè non si cimentano con la squadra storicamente più multietnica, la Juventus?L'elegia del meticciato.
    Lì sì che certi profili sarebbero adeguati.
    TIOCH FAID AR LA'

  6. #6
    PADANIA LIBERA!
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Piemonte
    Messaggi
    4,497
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Beh...altro esempio è il film su Don Bosco...orcaroma...Don Bosco è vissuto nell'800,era Piemontese(scrisse anche diverse poesie in Piemontese),era circondato da ragazzi che parlavano solo in Piemontese...
    Il film?solo teroni...non un bambino o un attore che avesse un lontano accento di qua.

    Del resto,che vogliamo aspettarci...finchè a lamentarsi di queste cose saranno i leghisti e la lega...la situazione non cambierà mai.
    Saluti Padani

  7. #7
    Moderatore
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    La Lupa romana è una cagna bastarda che muore allattando 2 figli di puttana
    Messaggi
    8,867
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Ci è andata meglio col film su De Gasperi
    Tu che odi dio e la vita cristiana
    Senti la sua presenza come un doloroso cancro
    Vengano profanate e profanate aspramente
    Le praterie del cielo bagnate di sangue

    Odiatore di dio
    E della peste della luce

    Guarda negli occhi paralizzati di dio
    E sputa al suo cospetto
    Colpisci a morte il suo miserevole agnello
    Con la clava

    Dio, con ciò che ti appartiene ed i tuoi seguaci
    Hai mandato il mio regno di Norvegia in rovine
    I tempi antichi, le solide usanze e tradizioni
    Hai distrutto con la tua orrida parola
    Ora vai via dalla nostra terra!

  8. #8
    Spirito inquieto
    Data Registrazione
    04 Mar 2002
    Località
    Paleo-capanna canavesana
    Messaggi
    476
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    dal sito www.toronews.net:

    Renato Tavella e la fiction sul Grande Torino

    Ieri sera all’Headquarter Pirelli di Milano è stata trasmessa in anteprima la fiction “Il Grande Torino” che vedremo domenica e lunedì sera sugli schermi di Rai Uno. Tra i 300 presenti, anche Renato Tavella, il giornalista e scrittore che assieme a Franco Ossola è stato autore del libro da cui ha tratto ispirazione il regista Bonivento per la sua opera. “Non mi aspettavo di trovare un prodotto così qualificato e all’altezza”, ci ha confidato. “E’ stata costruita una storia sulla storia da me e Ossola raccontata nel libro che rende bene l’idea su chi erano i giocatori del Grande Torino, in quale periodo storico erano incastonati, come le loro vicende si intersecavano con la vita vissuta degli italiani che uscivano dalla guerra”. Quanta emozione ha provato durante la proiezione? “Temevo che fosse tradito lo spirito originale e la storia del Grande Torino, ho cercato per quanto possibile di essere distaccato durante la visione, ma alla fine sono andato subito a stringere la mano a Bonivento e a tutti quelli del cast che erano presenti. Hanno fatto un lavoro eccezionale”. Se dovesse spendere una citazione per qualcuno in particolare? “Sarebbe facile dire Michele Placido, che fa la voce narrante, oppure Remo Girone, che interpreta la parte del presidente Novo. Mi piace spendere una parola per Ciro Esposito, che ha interpretato benissimo la parte del giovane Angelo, il ragazzo che arriva dal sud sognando di indossare la maglia della squadra più forte del mondo”. Perché questa fiction vale la pena di essere vista, al di là della passione per il Toro? “Perché racconta un momento particolare della nostra storia e la vicenda umana, non solo sportiva, di un gruppo di uomini realmente eccezionali. Trasmette passione ed emozione. E poi le musiche di Pino Dosaggio sono splendide”



    Unico commento: meritiamo davvero l'estinzione.

    Cerea!


  9. #9
    Padania libera dai padioti
    Data Registrazione
    14 Jun 2002
    Messaggi
    2,329
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    In origine postato da eleichem
    appropriazione indebita di storia padana.
    Nel grande Torino il più sudista era di Parma.
    Squadra padana per eccellenza.
    Immortale.
    Come le nazionali di calcio che hanno vinto i mondisli.Tutti padioti

  10. #10
    PADANIA NEL CUORE
    Data Registrazione
    07 Apr 2003
    Località
    dall'amata Padania
    Messaggi
    1,731
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    In origine postato da Gianduiotto
    dal sito www.toronews.net:

    Renato Tavella e la fiction sul Grande Torino

    Ieri sera all’Headquarter Pirelli di Milano è stata trasmessa in anteprima la fiction “Il Grande Torino” che vedremo domenica e lunedì sera sugli schermi di Rai Uno. Tra i 300 presenti, anche Renato Tavella, il giornalista e scrittore che assieme a Franco Ossola è stato autore del libro da cui ha tratto ispirazione il regista Bonivento per la sua opera. “Non mi aspettavo di trovare un prodotto così qualificato e all’altezza”, ci ha confidato. “E’ stata costruita una storia sulla storia da me e Ossola raccontata nel libro che rende bene l’idea su chi erano i giocatori del Grande Torino, in quale periodo storico erano incastonati, come le loro vicende si intersecavano con la vita vissuta degli italiani che uscivano dalla guerra”. Quanta emozione ha provato durante la proiezione? “Temevo che fosse tradito lo spirito originale e la storia del Grande Torino, ho cercato per quanto possibile di essere distaccato durante la visione, ma alla fine sono andato subito a stringere la mano a Bonivento e a tutti quelli del cast che erano presenti. Hanno fatto un lavoro eccezionale”. Se dovesse spendere una citazione per qualcuno in particolare? “Sarebbe facile dire Michele Placido, che fa la voce narrante, oppure Remo Girone, che interpreta la parte del presidente Novo. Mi piace spendere una parola per Ciro Esposito, che ha interpretato benissimo la parte del giovane Angelo, il ragazzo che arriva dal sud sognando di indossare la maglia della squadra più forte del mondo”. Perché questa fiction vale la pena di essere vista, al di là della passione per il Toro? “Perché racconta un momento particolare della nostra storia e la vicenda umana, non solo sportiva, di un gruppo di uomini realmente eccezionali. Trasmette passione ed emozione. E poi le musiche di Pino Dosaggio sono splendide”



    Unico commento: meritiamo davvero l'estinzione.

    Cerea!


    c'è gente che ha nel DNA la vocazione ad essere servo.
    Ci mancava anche il ragazzo del sud.
    Devono sporcare anche la storia del grande torino che è una storia di valore sportivo e di coraggio.
    I meridionali non c'entrano un cazzo, stiano fuori dai coglioni.
    TIOCH FAID AR LA'

 

 
Pagina 1 di 3 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Risposte: 19
    Ultimo Messaggio: 02-05-13, 22:03
  2. L'ultimo film di Tarantino:razzismo antibianco!!
    Di kouros nel forum Destra Radicale
    Risposte: 83
    Ultimo Messaggio: 03-02-13, 15:53
  3. Risposte: 22
    Ultimo Messaggio: 02-01-12, 14:58
  4. Risposte: 8
    Ultimo Messaggio: 24-03-03, 00:01
  5. Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 13-05-02, 19:34

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226